Coppie? Si, di fatto!!!

25 agosto 2007 ore 09:39 segnala
Vuoi sposarmi? O vuoi pacsarmi? Il neologismo è brutto, ma descrive la situazione ancora difficile, irrisolta nel nostro Paese, delle coppie di fatto. Il Parlamento tentenna, una legge non esiste, il Vaticano continua a definire queste unioni «non conformi al disegno divino», ma si può trarre una sola conclusione: gli italiani ritengono che la convivenza senza matrimonio sia ormai un comportamento socialmente “giusto”, il 75 per cento l’accetta, il 69 è favorevole ad estendere alle coppie di fatto i diritti di quelle unite da un vincolo ufficiale. Riconoscendo quindi che l’amore e la scelta quotidiana siano un vincolo uguale se non più forte di quello burocratico. In Italia una legge non esiste, non dico per gli omosessuali, ma nemmeno per le coppie eterosessuali .Il problema non sorge ovviamente quando due persone stanno insieme e stanno bene, ma solo in caso di difficoltà, quando i due si lasciano, si ammalano, o uno muore: non c’è assistenza tutelata dalla Costituzione». Certo capirete che il problema non è così semplice da risolvere, io ad esempio sostengo che dove c’è l’amore (ma quello vero) si annida la pace, come diceva S. Agostino: se tu ami, non uccidi, non rubi non fai del male, questo per me vale come regola di vita. Quindi poco importa ormai da quale sesso proviene, purché tali comportamenti non lacerano quello che è, e deve rimanere, il concetto della “famiglia”.

8035295
Vuoi sposarmi? O vuoi pacsarmi? Il neologismo è brutto, ma descrive la situazione ancora difficile, irrisolta nel nostro Paese, delle coppie di fatto. Il Parlamento tentenna, una legge non esiste, il Vaticano continua a definire queste unioni «non conformi al disegno divino», ma si può trarre una...
Post
25/08/2007 09:39:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. gemelli25 25 agosto 2007 ore 10:55
    4 anni fa, sono rimasta incinta, e per scelta abbiamo deciso di convivere, ma eravamo consapevoli entrambi che non eravamo legalmente riconosciuti come le coppie sposate, ma per noi è stata la scelta + giusta, e non è giusto che noi avessimo gli stessi diritti delle coppie sposate , ora che il nostro rapporto è consolidato siamo pronti per il matrimonio, ma questo accade solo se hai potuto rifletere tutti i pro e i contro del caso, un bacio gemy0:-)
  2. jennyfish83 26 agosto 2007 ore 12:01
    ciao..io sn una d qle ke kondividn pienamente il tuo pensiero!xkè nn dare i giusti rikonoscimenti,in fondo poko importa se una koppia è formata da maskio e femmina o solo da femmine o maski..l importante è l amore!insomma c è gente ke stà anni accanto alla persona ke ama dedikandogli tt se stessa e alla fine..nn ha rikonosc un bel niente.,,e poi ke vuol dire koppia d fatto?se si è un coppia lo si è e basta!!xkè io kon il mio fidanzato siamo una koppia e un il mio amiko kon i sio fidanzato no?forse un giorno riusciremo a kambiare le kose,...ma vedo lontano quel giorno!ciao jenny
  3. ambrosia82 26 agosto 2007 ore 12:23
    Oggi si assiste ad un continuo cambiamento nel sociale, credo che ci si debba adeguare a questi mutamenti, specie perchè sono frutto della nostra società, quella in cui viviamo quotidianamente. Nei rapporti di coppia oggi si tende a prendere decisioni che possano permettere una reversibilità, sempre e in ogni momento, e sempre più spesso una coppia preferisce convivere piuttosto che "vincolarsi" nel matrimonio. Credo che non solo sia giusto, ma necessario dare alle coppie di fatto uguali diritti di quelle "legalmente" riconosciute. P.S. io sono per il matrimonio, ma concordo con l'idea di dare a queste persone la possibilità di godere a pieno delle proprie scelte, avendo la possibilità di essere tutelate dalla legge italiana.
  4. Kaymano243 27 agosto 2007 ore 17:00
    La soceta' cambia, cambia dappertutto tranne che in italia!!!! Non ho mai capito perchè in italia tutto è piu' negletto rispetto al resto d'europa. Anche perchè la situazione, così messa, sembra solo che vogglia fare apparire il matrimonio come un "contratto" a tutti gli effetti. Personalmente poi penso che è il sentimento che unisce due persone, sia eterosessuali che omosessuali. Quindi i diritti devono essere uguali per tutti. E queste non devo essere solo cose riconosciute al livello legale, perchè ;-)sono prima di tutto cose giuste per una questione di civilta'.
  5. ZanzaraKiller 27 agosto 2007 ore 17:18
    Io sono dell'idea che approvare questa legge nn è sbagliato in se per se ma è sbagliata da chi viene utilizzata in quanto finquando sia una coppia etero a voler affrontare una convivenza non c'è nulla di male, ma se questa convivenza viene effettuata da una coppia gay iniziano a sorgere i problemi, dato che i bambini tendono ad emulare i più grandi, un bambino vedendo (o ancora peggio avendo come genitori) due uomini o due donne che hanno effusioni potrebbero emularli e quindi creare una società "malata"(mi scuso con gli omosessuali per il termine improprio). Diciamo che io approverei la legge solo per le coppie etero, ma nn per quelle omosessuali.
  6. MALEX1 28 agosto 2007 ore 09:47
    Condivido il Tuo pensiero! Il mondo cerca di cambiare a vista d'occhio giorno per giorno, ma ci sono cose alla base che proprio non desiderano cambiarle. Comprendo certe problematiche di base, ma non comprendo l'ostinazione totale da parte di chi non vuole cambiare!!!!! PS. grazie per l'invito, e complimenti per blog
  7. arietina1987 28 agosto 2007 ore 13:36
    condivido tt cio che hai detto pienamente.. in italia purtroppo è cosi e nn capisco il perche!! i miei genitori si snsposati 3 anni fa dopo 25 anni d convivenza,lo hanno fatto x noi figli ma se fosse stato x loro avrebbero convissuto a vita e io nn gli avrei dato torto tnt o sposati o conviventi nn cambiano le cose.. dobbiamo accettare initalia il fatto delle coppie dello stesso sesso.. sara lontano il tempo che vedremo la realizzazione d qst.. PS:molto molto bello il tuo blog interessante e t ringrazio d avermici invitato.. ciao sarah:ok
  8. veritanascoste 29 agosto 2007 ore 20:02
    caro airone,hai toccato1tema,devo dire alquanto interessante...io concordo col dire ke dv c'è l'amore,il rispetto reciproco e la sincerità,nn ci sn vincoli sociali,razziali o qnt'altro... ke siano 2 etero,2 uomini o 2 donne a condividere qst qualità nn dovrebbe esserci differenza...e mi domando:"cm mai l'italia è 1 dei pokissimi stati dove tutto ciò nn è ammesso???" sai ke risp mi sn data??forse in tutto ciò centra il vaticano...la kiesa...l'istituzione eclessiastica insomma...il vaticano è in italia,giusto,e cm poter ammettere 1 cosa del genere soprattutto se stiamo parlando dello stato della kiesa x eccellenza??? io penso ke alla fine il matrimonio sia1 specie di traguardo da raggiungere...nn sn x la convivenza assoluta,ma x la convivenza pro-matrimonio...ma ciò nn toglie ke debbano esistere differenze tra coppie di fatto e coppie sposate... xò trovo molto importante sottolineare l'osservazione fatta in 1 altro commento ke ti è stato lasciato... sulle coppie omosessuali,nn devono assolutamente esistere discriminazioni,ma...parlare di figli nn esiste a parere mio...(spero ke nn venga interpretato in modo sbagliato qst mio pensiero)...1 coppia gay può essere molto + ricca di valori,d'intelligenza,di educazione e di capacità,rispetto magari ad 1 coppia etero ke maltratta i propri figli,ke li abbandona a se stessi senza indirizzarli,seguirli,amarli... xò x 1 bambino ke si vede cn2figure maskili o femminili rappresentare i propri genitori,ke,di norma,vengono rappresentati da 2 individui di sesso diverso,nn è molto facile da accettare...la mente di 1 bambino nn è così elastica cm,magari,potrebbe essere qll di adolescente ke inizia a pensare da sl,ad avere le proprie opinioni in merito alla propria e all'ultrui vita... quindi...nn è facile cm discorso...:-x ciao da manu;-) ps.forse mi sn dilungata 1 pò troppo cl discorso,ma è bello poter esporre le proprie opinioni,punti di vista soprattutto su temi così seri e nn sl su cose futili cm spesso viene fatto da molti qui in chat...complimentoni x qst bellissima iniziativa.
  9. pinkbea85 30 agosto 2007 ore 13:06
    Quello che hai scritto è encomiabile.. L'unico vero problema su questo tema, come su molti altri, è l'inarrestabile tendenza dei potenti a strumentaliazzre ogni cosa, a rendere una cosa semplicemente giusta di destra o di sinistra. Speriamo che si cambi qualcosa. Io invito chi volesse a partecipare al V-day indetto da Beppe Grillo per l'8 settembre. Se non sapete di cosa si tratta visitate il suo sito o cercate su youtube beppe grillo al parlamento europeo. Ciao!
  10. baronessa85 31 agosto 2007 ore 19:10
    ecco hai detto bene:"concetto della famiglia" ma dimmi un pò dove lo vedi il concetto di famiglia tra due omosessuali? sono daccordo invece su ciò che concerne la convivenza, si può avere una famiglia( compagno, compagna e figli) pur non essendo sposati!!! purchè tutto avvenga nel modo più naturale possibile!!! cmq questa è la mia opinione!!! molto interessante il tuo blog complimenti!!! ciao ciao
  11. angeltex 31 agosto 2007 ore 19:42
    questo tuo post è davvero redatto da una persona intelligente quale tu sei. Hai dato a chiunque spazio per scrivere la propria opinione ed io aggiungerò la mia. Io sono stato sposato e po ho convissuto ma non ho mai regolarizzato la convivenza perchè il matrimonio è uno solo e basta. Potrei accettare delle regole sulle coppie di fatto ma non cambiando la legge attuale... bensi aggiungere una postilla atta a regolarizzare una coppia convivente per ottenere alcune agevolazioni in merito alla loro posizione. Non sono affatto d'accordo sull'adozione di bambini tra due persone dello stesso sesso, non faremmo altro che disorientare dei futuri genitori. Tutti gli studi fatti in merito alle coppie sono giunti ad un solo risultato:.......... i bambini devono assorbire l'io di entrambi i genitori per formare il proprio carattere e quindi hanno bisogno di identificarsi in un sesso e conseguentemente conoscere l'altro per carpirne le differenze. Nulla contro gli omosessuali, però gli consiglierei di prendere esempio da un grande "UOMO".......... Renato Zero...che ha ammesso che è giusto che la chiesa intervenga in queste situazioni e che certo essere omosessuali è una imperfezione della natura ma non è da condannare. Anche loro devono vivere la loro vita anche quella sentimentale ma non devono pretendere ciò che è contronatura. So che per questo mio commento ricevero forse anche insulti ma è il mio modo di essere. Tutti noi me compreso possiamo avere le nostre perversioni ma devono essere solo nostre non condivise con bambini e neanche con altri esseri umani. Grazie baronessa per avermi dato l'opportunità di scrivere il mio commento ad un problema così importante. Chiudo scrivendo che la comunità europea ci sta solo chiedendo di diventare marci come loro non di migliorare noi stessi. Ciao.....................0:-)
  12. baronessa85 31 agosto 2007 ore 19:56
    yuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu bravo angeloooooooooooooooooooooooooooo!!! grandeeeeeeeeeeeeeeeee!!! :ok :kissy
  13. angy64160 02 settembre 2007 ore 10:29
    ankio sono d'accordo sulle coppie di fatto èd giusto coronare con tutti i diritti legali questa unione,una cosa sola non sono d'accordo ke con sta legge poi si avrà diritto all'adozione tra coppie, non bisogna far crescere dei bambini con idee confuse su ki possa fare la parte dalla mamma o del papà, a questo poi ci si potrebbe fare l'abitudine, ke la kiesa sia zitta xkè coloro ke sono sempre stati oggi dovrebbe essere legalizzatosenza parlare ke sono quasi tutti pedofili, come non sono d'accordo ke nella kiesa un uomo di dio non possa avere la sua vita sentimentale come da tutte le altri parti del mondo ciao
  14. CICCIA.PASTICCIA 06 settembre 2007 ore 14:32
    concordo pienamente con te, anke io credo ke le coppie di fatto indipendentemente dal sesso, debbano essere tali anke agli okki della legge. io sto x cominciare una convivenza col mio lui e nn sono mai stata tanto felice.
  15. Antipatica123 09 settembre 2007 ore 18:23
    mmmmmmmmmmmmmmm..........nn penso che una persona dovrebbe entrare in chat cn il pensiero"oggi incontro la mia anima gemella"...........2 incontri ho fatto...e tutti e 2 andati male..quindi alla fine dico:MEGLIO CONOSCERE GENTE REALE CHE DELLA CHAT!:hihi
  16. myday 10 ottobre 2007 ore 09:54
    tra qualke anno approveremo la convivenza tra un uomo e un mulo... ma x favore con tutto il rispetto x gli omosessuali ma non venite a dirmi ke bisognerebbe approvare sto skifo di legge... X quanto riguarda il matrimonio tra un UOMO e una DONNA beh su questo c'è un lungo epilogo ke potrei fare... Il matrimonio non è altro ke consumismo conviene allo stato e alla kiesa... quindi la legge potrebbe essere approvata ma solo tra un uomo0 e una donna... Oltretutto x quanto riguarda l'amore in chat :mmm beh credo ke sia impossibile in chat possono nascere solo belle amicizie (e parlo di esperienze personali..... Ciao jenny :ok
  17. stelluccia88 27 ottobre 2007 ore 15:05
    io non accetto le coppie dello stesso sesso perchè secondo me sono contro natura..xò ci sono..stanno insieme e anche se mi fa schifo vederli non vado di certo a urlargli dietro..il problema sorge quando questa coppie vogliono sposarsi ed avere figli..cosa che assolutamente evirei perchè un bambino ha bisogno di una figura materna e paterna per crescere..e in una "famiglia" di due uomini e due donne crescerebbe confuso vedendo tutti con genitori di sesso opposto..poi per il discorso convivenza per coppie di sesso opposto sono d'accordo..ma non è giusto dire che matrimonio e convivenza sono la stessa cosa..ormai tutti preferisono la convivenza perchè piuttosto che affrontare un problema che sorge nella coppia preferiscono essere liberi e cambiare strada!!
  18. aaa76 13 dicembre 2007 ore 17:14
    IL TUO E' UN BEL BLOG,E ADESSO TI DICO UN PO' LA MIA!SONO PER LE COPPIE DI FATTO,ANCHE SE SAI SAREBBE BENE ANDARCI CON MOLTA CAUTELA,SE NO' VANNO AVANTI LE CONVIVENZE(E SI INIZIA UN ALTRA ERA)E SI CI SCORDA DEI MATRIMONI(E SI CHIUDONO TANTI SECOLI)IO RIVOLGO UN PO' IL MIO PENSIERO A QUESTI FIGLI.. EBBENE LA RIFLESSIONE DI BENEDETTO XVI ERA INDUBBIAMENTE IN CONCRETO RIVOLTA A CRITICARE LA TENDENZA A PARIFICARE,ANCHE I COSIDETTI"VECCHI"E"NUOVI"MODELLI DI FAMIGLIA CON UN RIFERIMENTO SPECIFICO,ANCHE SE INDIRETTAMENTE,ALLE UNIONI OMOSESSUALI ED AL MUTAMENTO DELLO STATUS GIURIDICO A CUI ANCHE QUESTE COMINCIANO AD ESSERE SOTTOPOSTE.ABBIAMO,INFATTI,TUTTI POTUTO ASCOLTARE L'ARRIVO NEL NOSTRO ORDINAMENTO DELLE RECENTI MODIFICHE GIURIDICHE CHE HANNO RIGUARDATO GLI ASPETTI PIU' CHE ALTRO ECONOMICI DELLE UNIONI OMOSESSUALI CHE RISULTANO ESSERE,A DETTA DI MOLTI,IL PRELUDIO AD ALTRE DI PESO PIU' SIGNIFICATIVO VOLTE AL TOTALE RICONOSCIMENTO GIURIDICO ED ALLA CONSEGUENTE REGOLARIZZAZIONE GIURIDICA DELLE UNIONI OMOSESSUALI IN ITALIA.TUTTAVIA LA ANCORA ATTUALE IMPOSSIBILITA' DI CONTRARRE MATRIMONIO ED IL CONSEGUENTE DIVIETO DI ADOTTARE PROLE RIMANGONO I DUE PIU' SALDI BALUARDI DELLA LINEA DI DIFESA PIU' OLTRANZIZTA DELLA TRADIZIONI ISTITUZIONALI SOCIALI DEL PAESE.AVENDO PERO' AVUTO MODO DI CONOSCERE COPPIE OMOSESSUALI NEL CORSO DEGLI ANNI CONVIVENTI SPESSO DA INTERI LUSTRI,I DUBBI IN ME HANNO COMINCIATO AD INSIDIARSI A DECINE SPECIE SU DI UN QUESITO CHE DA TANTO BALESTRA NEL MIO IO E CHE MI PONE DI CONTINUO LA NECESSITA' DI INTERROGARMI SULLA VALIDITA' DEI MIEI PRINCIPI DI VITA E DEI MIEI VALORI:E' GIUSTO SACRIFICARE LA POSSIBILITA' DI UN BAMBINO PRIVO DEGLI AFFETTI FAMILIARI PIU' PROSSIMI DI POTERE ESSERE ADOTTATO DA UNA COPPIA OMOSESSUALE,LA QUALE POTREBBE ASSICURARE ALLO STESSO UNA VITA MIGLIORE,A FRONTE DELLA POSSIBILITA' CHE LO STESSO POSSA SUBIRE TRAUMI ULTERIORI DOVUTI AL FATTO DI FARE PARTE DI UNA FAMIGLIA ABNORME?E' MEGLIO ASSICURARE AD UN BAMBINO DI STRADA LA POSSIBILITA' DI AVERE TUTTO CIO' IN NOME DEL "SUO INTERESSE"?AUMENTARE LA POSSIBILITA' CHE SI POSSA DARE AL BAMBINO UN FUTURO SICURO ANCHE SE IN UNA FAMIGLIA ABNORME O FARGLI ATTENDERE L'ARRIVO IN UNA FAMIGLIA "NORMALE" IN UN ORFANOTROFIO OD IN UNA CASA FAMIGLIA ,E BEH ADESSO SI CHIAMANO COSI'.PURTROPPO IL QUESITO OLTRE AD AVERMI INQUIETATO,ED AL CONTINUARE A FARLO TUTTORA,MI HA MESSO NELLA CONDIZIONE DI NON ESSERE IN GRADO DI DARVI UNA RISPOSTA VISTO CHE PER QUANTO SI POSSA TENTARE DI SCHEMATIZZARE LA COSA IL TUTTO RIMANE SEMPRE UNA QUESTIONE DI COMPENETRAZIONE DI INTERESSI E DI SCELTA.SCEGLIERE FRA LA POSSIBILITA' CHE UN BAMBINO SUBISCA L'ONTA DELLO SBEFFEGGIO E DELLA EMARGINAZIONE DA PARTE DEI SUOI COETANEI ANCHE SE MESSO NELLE CONDIZIONI DI POTERE AVERE UN FUTURO MIGLIORE.E POI A MIO AVVISO E' INSITO ANCHE UN ALTRO COROLLARIO NELLA QUESTIONE DI CARATTERE DOTTRINALE QUALE QUELLO DI DARE POSSIBILITA' A TANTE COPPIE LA FELICITA' CHE ATTUALMENTE E' LOO PRECLUSA E LA CONSEGUENTE POSSIBILITA' CHE AD ESSI VENGA A PERTINERE DI POTERE DARE IL LORO AFFETTO AD UN ALTRO ESSERE UMANO.CERTO SEMBRA UNA QUESTIONE SPINOSA,MA SE MAI TI CAPITERA' COME E' CAPITATO A ME,DI VEDERE UNA DONNA OMOSESSUALE CHE GUARDA UN BAMBINO,GUARDAGLI GLI OCCHI E LA FELICITA' E L'AMORE CHE ESSI ESPRIMONO E MENTRE GUARDI I SUOI OCCHI LUCIDI ED AMOROSI PENSERAI CHE DIRITTO ABBIAMO NOI TUTTI DI PRECLUDERE A QUELLA DONNA DI POTER TRASMETTERE IL SUO AFFETTO E SOPRATTUTTO CHIEDIAMOCI SE E' GIUSTO CHE LA LORO FELICITA' DIPENDA DALLE NOSTRE SCELTE ETICHE.PURTROPPO OGNI QUAL VOLTA CERCO DI PRENDERE UN'UNIVOCA DECISIONE SU TUTTO QUESTO NN RIESCO A GIUNGERE MAI AD UNA POSIZIONE ASSOLUTA E SOPRATTUTTO NON POSSO PENSARE CHE DALLE MIE SCELTE IDEOLOGICHE POSSA DIPENDERE LA PRECLUSIONE AD UN ALTRO ESSERE UMANO DELLA SUA FELICITA' OLTRE CHE SE I MIEI VALORI CRISTIANI PIUTTOSTO CHE PORTARE BENE PORTINO AL MALE.E SOPRATUTTO SE LA MIA FREQUENTE IDEA DI POTERE CONCEDERE ALLE COPPIE OMOSESSUALI LA POSSIBILITA' SOLO DELL'ADOZIONE A DISTANZA NON SIA ALTRO CHE UNA FORMA DI INTOLLERANZA NEI CONFRONTI DEL DIVERSO E SE I VALORI DI CUI TANTO PARLO E CHE SPESSO HO DECLAMATO GUIDARE LA MIA VITA NON SIANO ALTRO CHE UN ECAMOTAGE PER NON AMMETTERE A MA STASSA CHE NONOSTANTE ABBIA PARLATO DI UN FUTURO PER IL MONDO,FATTO IN PRIMIS,DI INTEGRAZIONE MI SIA DIMENTICATA CHE L'INTEGRAZIONE PASSA ANCHE PER QUESTA VIA ED IN SEGUITO L'IMMAGINE DEGLI OCCHI DI QUELLA DONNA MI TORNA NUOVAMENTE IN MENTE E MI RIMBOMBA UNA FRASE IN MENTE"AMA IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO"ED IL MIO IO NON PUO' CHE SENTIRSI SEMPRE PIU' PERPLESSO SUL SENSO DELLA SOCIETA' CHE CI CIRCONDA E SUGLI INTERROGATIVI CHE ESSA SEMPRE PIU' DI FREQUENTE CI PROSPETTA.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.