La percezione della bellezza Oggi

04 marzo 2010 ore 13:09 segnala



Questo video è stato ideato da una linea di prodotti di igiene personale, per sottolineare che la percezione che abbiamo, ai giorni nostri della bellezza negli spot, non è reale.



Il video infatti mostra come una donna di normale bellezza, e con qualche imperfezione, viene truccata, pettinata, fotografata con effetti speciali e poi manipolata graficamente per usare così la sua immagine come pubblicità per una locandina.



"L'evoluzione"

da non perdere!

Il Rock - che fine ha fatto?

27 febbraio 2010 ore 02:27 segnala

Questo spot, creato per il magazine Rolling Stone, vuole essere una provocazione con una sottile riflessione.

Nello spot vediamo un anziano signore (amante del rock, quello vero, quello puro, quello dannatamente esplosivo) che rimpiange i vecchi tempi che furono e la musica rock che decenni fa fece storia; musica che ai giorni nostri non troviamo più

 

"Guardate come siamo diventati...." questo è il messaggio che vuole esprimere.

Un video da non perdere. Per i nostalgici del vero Rock.

 

 

Vivi la vita come meglio credi

26 febbraio 2010 ore 10:50 segnala

C'era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino.

Decisero di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo. Così partirono tutti e tre con il loro asino.  

 

Arrivati nel primo paese, la gente commentava: "guardate quel ragazzo quanto è maleducato... lui sull'asino e i poveri genitori, già anziani, che lo tirano". Allora la moglie disse a suo marito: "non permettiamo che la gente parli male di nostro figlio." Il marito lo fece scendere e salì lui sull'asino.  

 

Arrivati al secondo paese, la gente mormorava: "guardate che svergognato quel tipo... lascia che il ragazzo e la povera moglie tirino l'asino, mentre lui vi sta comodamente in groppa." Allora, presero la decisione di far salire la moglie, mentre padre e figlio tenevano le redini per tirare l'asino.  

 

Arrivati al terzo paese, la gente commentava: "Pover'uomo! Dopo aver lavorato tutto il giorno, lascia che la moglie salga sull'asino. E povero figlio, chissà cosa gli spetta, con una madre del genere!" Allora si misero d'accordo e decisero di sedersi tutti e tre sull'asino per cominciare nuovamente il pellegrinaggio.  

 

Arrivati al paese successivo, ascoltarono cosa diceva la gente del paese: "sono delle bestie, più bestie dell'asino che li porta. Gli spaccheranno la schiena!" Alla fine, decisero di scendere tutti e camminare insieme all'asino.  

 

Ma, passando per il paese seguente, non potevano credere a ciò che le voci dicevano ridendo: "guarda quei tre idioti: camminano, anche se hanno un asino che potrebbe portarli!"
 

 


Conclusione: Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei.


Quindi: vivi come credi.

Fai cosa ti dice il cuore, ciò che vuoi... Una vita è un'opera di teatro che non ha prove iniziali. Quindi: canta, ridi, balla, ama e vivi intensamente ogni momento della tua vita prima che cali il sipario e l'opera finisca senza applausi.

11445506
C'era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino. Decisero di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo. Così partirono tutti e tre con il loro asino.     Arrivati nel...
Post
26/02/2010 10:50:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Test sul Destino del Mondo

23 febbraio 2010 ore 23:54 segnala

E se dovessi scegliere tu il destino del mondo?

 

Domanda 1:
Se conoscessi una donna incinta che avesse già 8 figli, di cui tre sordi, due ciechi, uno ritardato mentale, e lei avesse la sifilide... le consiglieresti di abortire?

 

Leggi la prossima domanda prima di andare a vedere la risposta


Domanda 2:
E' il momento di eleggere il Nuovo Leader del Mondo e il tuo voto conta molto. Quale candidato scegli?

Candidato A. è in combutta con politici corrotti, consulta gli astrologi. Ha due amanti. Fuma come un turco e si beve dagli 8 ai 10 martini al giorno.

Candidato B. è stato rimosso dal suo incarico due volte, dorme fino a mezzogiorno, all'università si faceva di oppio e ogni sera beve un litro di whisky.

Candidato C. è un eroe di guerra decorato. E' vegetariano, non fuma, beve una birra una volta ogni tanto e non ha mai avuto relazioni extraconiugali. Quale di questi tre candidati sceglieresti?

 

Prima decidi (sinceramente!) e poi guarda la risposta in fondo.

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

RISPOSTE:

 

Domanda 2: Il candidato (A) è Franklin Roosevelt; il candidato (B) è Winston Churchill; il candidato (C) è Adolf Hitler


Domanda 1: E a proposito... risposta alla domanda sull'aborto... Se hai risposto "si", hai appena ucciso Ludwig van Beethoven.


Interessante vero?

 

Fa riflettere...

E ricorda sempre che i dilettanti hanno costruito l'Arca, i professionisti il Titanic.

11441567
E se dovessi scegliere tu il destino del mondo?   Domanda 1:Se conoscessi una donna incinta che avesse già 8 figli, di cui tre sordi, due ciechi, uno ritardato mentale, e lei avesse la...
Post
23/02/2010 23:54:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Il Professore di Filosofia

22 febbraio 2010 ore 16:51 segnala
Un professore, davanti alla sua classe di filosofia, senza dire parola, prende un barattolo grande e vuoto di maionese e procede a riempirlo con delle palle da golf.
Dopo chiede agli studenti se il barattolo è pieno. Gli studenti sono d'accordo e dicono di si.

Allora il professore prende una scatola piena di palline di vetro e la versa dentro il barattolo di maionese. Le palline di vetro riempiono gli spazi vuoti tra le palle da golf.
Il professore chiede di nuovo agli studenti se il barattolo è pieno e loro rispondono di nuovo di si.

Il professore prende una scatola di sabbia e la versa dentro il barattolo. Ovviamente la sabbia riempie tutti gli spazi vuoti e il professore chiede ancora se il barattolo è pieno. Questa volta gli studenti rispondono con un sì unanime.

Il professore, velocemente, aggiunge due tazze di caffè al contenuto del barattolo ed effettivamente riempie tutti gli spazi vuoti tra la sabbia.
Gli studenti si mettono a ridere in questa occasione.


Quando la risata finisce il professore dice:

-"Voglio che vi rendiate conto che questo barattolo rappresenta la vita…"

Le palle da golf sono le cose importanti come la famiglia, i figli, la salute, gli amici, l'amore; le cose che ci appassionano. Sono cose che, anche se perdessimo tutto e ci restassero solo quelle, le nostre vite sarebbero ancora piene.

Le palline di vetro sono le altre cose che ci importano, come il lavoro, la casa, la macchina, ecc.

La sabbia è tutto il resto: le piccole cose.

Se prima di tutto mettessimo nel barattolo la sabbia, non ci sarebbe posto per le palline di vetro ne' per le palle da golf.

La stessa cosa succede con la vita.
Se utilizziamo tutto il nostro tempo ed energia nelle cose piccole, non avremo mai spazio per le cose realmente importanti.


Fai attenzione alle cose che sono cruciali per la tua felicità: gioca con i tuoi figli, prenditi il tempo per andare dal medico, vai con il tuo partner a cena, pratica il tuo sport o hobby preferito.

Ci sarà sempre tempo per pulire casa, per tagliare le erbacce, per riparare le piccole cose...
Occupati prima delle palline da golf, delle cose che realmente ti importano.

Stabilisci le tue priorità: il resto è solo sabbia…


Uno degli studenti alza la mano e chiede cosa rappresenta il caffè.

Il professore sorride e dice:
"Sono contento che tu mi faccia questa domanda. E' solo per dimostrarvi che non importa quanto occupata possa sembrare la tua vita, c'è sempre posto per un paio di tazze di caffè con un amico!"
11438633
Un professore, davanti alla sua classe di filosofia, senza dire parola, prende un barattolo grande e vuoto di maionese e procede a riempirlo con delle palle da golf. Dopo chiede agli studenti se il...
Post
22/02/2010 16:51:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Il Paradiso

21 febbraio 2010 ore 12:16 segnala


Un uomo camminava per una strada con il suo cane.

Si godeva il paesaggio, quando ad un tratto si rese conto di essere morto.
Si ricordò all'improvviso di quando stava morendo e che il cane che gli camminava al fianco era morto da anni.

Si chiese allora dove li portava quella strada.
Dopo un poco giunsero a un alto muro bianco che costeggiava la strada
e che sembrava di marmo. In cima a una collina s'interrompeva in un alto arco che brillava alla luce del sole.
Quando vi fu davanti, vide che l'arco era chiuso da un cancello che sembrava di madreperla e che la strada che portava al cancello sembrava di oro puro.


Con il cane s'incammino verso il cancello, dove a un lato c'era un uomo seduto a una scrivania.
Arrivato davanti a lui, gli chiese:

--- Scusi, dove siamo?
- Questo è il Paradiso, signore, - rispose l'uomo.
--- Uao! E non si potrebbe avere un po' d'acqua?
- Certo, signore. Entri pure, dentro ho dell'acqua ghiacciata.
L'uomo fece un gesto e il cancello si aprì.
--- Non può entrare anche il mio amico? - disse il viaggiatore indicando il suo cane.
- Mi spiace, signore, ma gli animali non li accettiamo.


L'uomo pensò un istante, poi fece dietro front e tornò in strada con il suo cane.


Dopo un'altra lunga camminata, giunse in cima a un'altra collina in una strada sporca che portava all'ingresso di una fattoria, un cancello che sembrava non essere mai stato chiuso. Non c'erano recinzioni di sorta.


Avvicinandosi all'ingresso, vide un uomo che leggeva un libro seduto contro un albero.
--- Mi scusi, - chiese. - Non avrebbe un po' d'acqua?
- Sì, certo. Laggiù c' è una pompa, entri pure.
--- E il mio amico qui? - disse lui, indicando il cane.
- Vicino alla pompa dovrebbe esserci una ciotola.


Attraversarono l'ingresso ed effettivamente poco più in là c'era un'antiquata pompa a mano, con a fianco una ciotola.
Il viaggiatore riempì la ciotola e diede una lunga sorsata, poi la offrì al cane.

Continuarono così finché non furono sazi, poi tornarono d all'uomo seduto all'albero.
--- Come si chiama questo posto? - chiese il viaggiatore.
- Questo è il Paradiso.
--- Be', non è chiaro... Laggiù in fondo alla strada uno mi ha detto che era quello là il Paradiso...
- Ah, vuol dire quel posto con la strada d'oro e la cancellata di madreperla? No, quello è l'Inferno.
--- E non vi secca che usino il vostro nome?
- No, ci fa comodo il fatto che selezionino quelli che, per convenienza o vantaggi personali, abbandonerebbero, così tradendo, i loro migliori amici.
11436215
« IMMAGINE: http://i52.tinypic.com/2h3yo9s.jpg » Un uomo camminava per una strada con il suo cane. Si godeva il paesaggio, quando ad un tratto si rese conto di essere morto. Si ricordò all'improvviso...
Post
21/02/2010 12:16:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

La Scatola

20 febbraio 2010 ore 17:22 segnala

La storia ebbe inizio molto tempo fa,
quando un uomo punì sua figlia di 5 anni
per la perdita di un oggetto di valore
ed il denaro in quel periodo era poco.

Era il periodo di Natale, la mattina successiva la bambina portò un regalo e disse:
"Papà è per te".

Il padre era visibilmente imbarazzato,
ma si arrabbiò moltissimo quando,
aprendo la scatola,
vide che dentro non c'era nulla.

Disse in modo brusco:
"Non lo sai che quando si fa un regalo,
si presuppone che nella scatola ci sia qualcosa?".

La bimba lo guardò dal basso verso l'alto
e con le lacrime agli occhi disse:"Papà,...non è vuota. Ho messo dentro tanti baci per te fino a riempirla".

Il padre si sentì annientato.
Si inginocchiò, mise le braccia al collo
della sua bimba e le chiese perdono.

Per tutto il resto della sua vita, il padre tenne sempre la scatola vicino al suo letto e quando si sentiva scoraggiato o in difficoltà, apriva la scatola e tirava fuori 1 bacio immaginario ricordando l'amore che la bambina ci aveva messo dentro.....

Ognuno di noi ha una scatola piena di baci,
di amore incondizionato,
da parte di chi ci vuole davvero bene (amore, genitori, figli, amici e Dio).

NON CI SONO COSE PIU' IMPORTANTI CHE SI POSSANO POSSEDERE.

LE PERSONE CHE CI VOGLIONO BENE SONO COME ANGELI CHE CI SOLLEVANO DA TERRA QUANDO ABBIAMO PROBLEMI, AIUTANDOCI A RICOMINCIARE A VOLARE.

11434861
La storia ebbe inizio molto tempo fa,quando un uomo punì sua figlia di 5 anniper la perdita di un oggetto di valoreed il denaro in quel periodo era poco.Era il periodo di Natale, la mattina...
Post
20/02/2010 17:22:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Consigli di Vita

19 febbraio 2010 ore 15:02 segnala

1. Ti amo non per chi sei, ma... per chi sono io quando sto con te.

 

2. Nessuna persona merita le tue lacrime, e chi le merita non ti farà piangere.

 

3. Solo perché qualcuno non ti ama come vorresti, non significa che non ti ami con tutto il suo essere.

 

4. Un vero amico è chi ti prende per mano e ti tocca il cuore.

 

5. Il peggior modo di sentire la mancanza di qualcuno è starci seduto vicino e sapere che non lo potrai avere mai.

 

6. Non smettere mai di sorridere, nemmeno quando sei triste, perché non sai chi si potrebbe innamorare del tuo sorriso.

 

7. Per il mondo puoi essere solamente una persona, ma per una persona tu sei il mondo.

 

8. Non passare il tempo con qualcuno che non è disposto a passarlo con te.

 

9. Forse Dio desidera che tu conosca molte persone sbagliate prima che tu conosca la persona giusta, affinché, quando infine la conoscerai, tu sappia essere grato.

 

10. Non piangere perché qualcosa si è conclusa, sorridi perché è successa.

 

11. Ci sarà sempre gente che ti ferisce, ciò che devi fare è continuare ad avere fiducia, stando più attento a chi darai fiducia due volte.

 

12. Convertiti in una persona migliore e assicurati di sapere chi sei prima di conoscere qualcun'altro e sperare che questa persona sappia chi sei.

 

13. Non ti sforzare tanto, le cose migliori succedono quando meno te lo aspetti.


 

(di Gabriel Garcìa Marquez)

11432803
1. Ti amo non per chi sei, ma... per chi sono io quando sto con te.   2. Nessuna persona merita le tue lacrime, e chi le merita non ti farà piangere.   3. Solo perché qualcuno non ti...
Post
19/02/2010 15:02:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Il male esiste? (aneddoto su Albert Einstein)

19 febbraio 2010 ore 13:39 segnala
Germania, primi anni del XX secolo.

Durante una conferenza tenuta per gli studenti universitari, un professore ateo dell’Università di Berlino lancia una sfida ai suoi alunni con la seguente domanda:


“Dio ha creato tutto quello che esiste?”
Uno studente diligentemente rispose: “Sì certo!”.


“Allora Dio ha creato proprio tutto?” – Replicò il professore.
“Certo!”, affermò lo studente.


Il professore rispose: “Se Dio ha creato tutto, allora Dio ha creato il male, poiché il male esiste e, secondo il principio che afferma che noi siamo ciò che produciamo, allora Dio è il Male”.


Gli studenti ammutolirono a questa asserzione. Il professore, piuttosto compiaciuto con se stesso, si vantò con gli studenti che aveva provato per l´ennesima volta che la fede religiosa era un mito.
Un altro studente alzò la sua mano e disse: “Posso farle una domanda, professore?”.
“Naturalmente!” – Replicò il professore.


Lo studente si alzò e disse: “Professore, il freddo esiste?”.
“Che razza di domanda è questa? Naturalmente, esiste! Hai mai avuto freddo?”. Gli studenti sghignazzarono alla domanda dello studente.
Il giovane replicò: “Infatti signore, il freddo non esiste. Secondo le leggi della fisica, ciò che noi consideriamo freddo è in realtà assenza di calore. Ogni corpo od oggetto può essere studiato solo quando possiede o trasmette energia ed il calore è proprio la manifestazione di un corpo quando ha o trasmette energia. Lo zero assoluto (-273 °C) è la totale assenza di calore; tutta la materia diventa inerte ed incapace di qualunque reazione a quella temperatura. Il freddo, quindi, non esiste. Noi abbiamo creato questa parola per descrivere come ci sentiamo… se non abbiamo calore”.


Lo studente continuò: “Professore, l´oscurità esiste?”.
Il professore rispose: “Naturalmente!”.
Lo studente replicò: “Ancora una volta signore, è in errore, anche l´oscurità non esiste. L´oscurità è in realtà assenza di luce. Noi possiamo studiare la luce, ma non l´oscurità. Infatti possiamo usare il prisma di Newton per scomporre la luce bianca in tanti colori e studiare le varie lunghezze d´onda di ciascun colore. Ma non possiamo misurare l´oscurità. Un semplice raggio di luce può entrare in una stanza buia ed illuminarla. Ma come possiamo sapere quanto buia è quella stanza?
Noi misuriamo la quantità di luce presente. Giusto? L´oscurità è un termine usato dall´uomo per descrivere ciò che accade quando la luce… non è presente”.


Finalmente il giovane chiese al professore: “Signore, il male esiste?”.
A questo punto, titubante, il professore rispose, “Naturalmente, come ti ho già spiegato. Noi lo vediamo ogni giorno. E´ nella crudeltà che ogni giorno si manifesta tra gli uomini. Risiede nella moltitudine di crimini e di atti violenti che avvengono ovunque nel mondo. Queste manifestazioni non sono altro che male”.
A questo punto lo studente replicò “Il male non esiste, signore, o almeno non esiste in quanto tale.

Il male è semplicemente l´assenza di Dio. E´ proprio come l´oscurità o il freddo, è una parola che l´uomo ha creato per descrivere l´assenza di Dio. Dio non ha creato il male. Il male è il risultato di ciò che succede quando l´uomo non ha l´amore di Dio presente nel proprio cuore. E´ come il freddo che si manifesta quando non c´è calore o l´oscurità che arriva quando non c´è luce”.


Il giovane fu applaudito da tutti in piedi e il professore, scuotendo la testa, rimase in silenzio.
Il rettore dell’Università si diresse verso il giovane studente e gli domandò:

“Qual è il tuo nome?”.
“Mi chiamo, Albert Einstein, signore!” – Rispose il ragazzo.

11432644
Germania, primi anni del XX secolo. Durante una conferenza tenuta per gli studenti universitari, un professore ateo dell’Università di Berlino lancia una sfida ai suoi alunni con la seguente...
Post
19/02/2010 13:39:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Il valore del Tempo (il tempo non aspetta nessuno)

19 febbraio 2010 ore 10:04 segnala
Per scoprire il valore di un anno,
chiedilo a uno studente che e' stato
bocciato all'esame finale.

Per scoprire il valore di un mese,
chiedilo a una madre che ha messo
al mondo un bambino troppo presto...

Per scoprire il valore di una settimana,
chiedilo all'editore di una rivista settimanale.

Per scoprire il valore di un'ora,
chiedila agli innamorati che stanno aspettando di vedersi.

Per scoprire il valore di un minuto,
chiedilo a qualcuno che ha
appena perso il treno, il bus o l'aereo.

Per scoprire il valore di un secondo,
chiedilo a qualcuno che e' sopravvissuto a un incidente.

Per scoprire il valore di un millisecondo,
chiedilo ad un atleta che alle Olimpiadi
ha vinto la medaglia d'argento.

Il tempo non aspetta nessuno.
Raccogli ogni momento che ti rimane,
perche' ha un grande valore.
Condividilo con una persona speciale,
e diventera' ancora piu' importante.
11432232
Per scoprire il valore di un anno, chiedilo a uno studente che e' stato bocciato all'esame finale.Per scoprire il valore di un mese, chiedilo a una madre che ha messo al mondo un bambino troppo...
Post
19/02/2010 10:04:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment