Preghiera...per la persona

08 aprile 2011 ore 16:37 segnala
Preghiera per la dignità della persona. Preghiera di Giovanni Paolo II.

Esistono beni che non si possono acquistare al mercato: fondamentale tra essi è la dignità della persona umana. Oltre ai bisogni materiali ci sono pure esigenze spirituali che per loro natura debbono essere soddisfatte nella gratuità di uno scambio, in cui la persona è riconosciuta ed amata per se stessa. Occorre superare la mentalità meramente utilitaristica, che ignora le dimensioni trascendenti della persona umana e la riduce al circolo angusto della produzione e del consumo. Una società così concepita non è capace di integrare i più deboli e poveri, né riesce a soddisfare ciò che attendono le nuove generazioni, anche per superare una certa diffusa cultura che le rinchiude in se stesse, le porta a ricercare paradisi artificiali ed a sfuggire alle responsabilità della vita familiare e sociale. Occorre adoperarsi per una società nuova, in cui le persone possano contare di più, in cui alla lotta sia sostituito l'incontro di libertà e responsabilità, l'alleanza tra libero mercato e solidarietà, per promuovere un tipo di sviluppo che tuteli la vita, difenda l'uomo, specie il povero e l'emarginato, rispetti il creato, che è opera della mano di Dio.
af281b5e-3a30-41d6-8882-fa24215ce58c
Preghiera per la dignità della persona. Preghiera di Giovanni Paolo II. Esistono beni che non si possono acquistare al mercato: fondamentale tra essi è la dignità della persona umana. Oltre ai...
Post
08/04/2011 16:37:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. tutto.dunfiato 09 aprile 2011 ore 11:55
    Dio in tutta la sua infinita, potente bontà, ha una parte che non consente errori. In quanto Dio, egli ha il potere di creare e di distruggere, poichè egli non ammette disobbedienza. Egli, ha fornito l'uomo di una guida (la Bibbia), una guida unica ed universale, nella quale ha espresso per il nostro vivere, regole precise, regole uniche e perfette. Se l'uomo non si mette nell'ordine di idee che queste regole vanno seguite poichè sono le uniche che ci porterebbero alla pace, alla ricchezza e all'armonia, non ha via di scampo.
    Ma l'uomo si è fatto affascinare da ciò che non serve, da ciò che non conta, da ciò che alla fine lo farà morire per sempre. Ho scritto questo che potrà sembrare un pò cinico, perchè chi veramente ha fede, quella fede maestra che ti riempie, deve non voltarsi a guardare gli sbagli del mondo, non deve allungare la mano a chi non la vuole e preferisce scendere nell'abisso. Alberto caro Dio è potente, magnifico è un padre che sgrida i suoi figli perchè ha paura che si facciano del male!! Ma se questi figli voltano le spalle a chi li ha generati, non meritano un amore così infinitamente grande!! ti voglio bene valeria
  2. alberto952 09 aprile 2011 ore 14:51
    Valeria, non sta a noi giudicare ciò che fa l'uomo, perchè arriverà un giorno che sarà giudicato solo da una persona che ha il potere universale di giudicare e questi è Dio. Ma lui ha voluto donare all'uomo rispetto agli altri esseri viventi di questa terra, il dono dell'intelligenze, nel saper distinguere cosa è bene e cosa è male, a noi ha lasciato questo grande arbitrio, e quello di un decalogo di leggi che noi dovremmo rispettare se vogliamo continuamente a vivere nella luce, quuella Luce che è la verità...Alberto
  3. tutto.dunfiato 09 aprile 2011 ore 15:15
    Caro Alberto,ciao, quello che dici è giustissimo! come tutti i genitori amorevoli, anche Dio lascia i suoi figli liberi di scegliere tra il bene e il male. Ma purtroppo la maggior parte degli uomini colpevolizza Dio del male del mondo, poichè non conoscono La Bibbia e ciò che essa racchiude!! Vi è un passo in questo meraviglioso e unico libro, una parte importantissima, che spiega proprio gli avvenimenti di oggi. Metaforicamente parlando, ci dice che dal 1942 sulla terra vige il regno di Cristo è lui che governa il mondo in questo momento, ...sembra incredibile, ma è così. Satana, il diavolo, arrabbiato perchè spodestato, ne sta combinando di tutti i colori, ecco il perchè di tutti i disatri del mondo...si sta vendicando. praticamente, questo momento è un momento di selezione, durante il quale chi crede in Dio, sa cosa deve fare. Non farsi sviare e non perdere la fede. metti per esempio tutti i posti sacri dove avvengono i miracoli; se in quei luoghi ci fosse Dio guarirebbe tutti, ma proprio tutti perchè ai suoi occhi siamo tutti uguali e tutti suoi figli, invece ne capita uno ogni tanto poichè sono luoghi che sviano da colui, il solo degno, di fede!! le persone Sante nel corso dei secoli, quelle che sono servite a Dio come tramite con l'uomo, hanno sempre detto, che loro non erano nulla se non dei tramiti di Dio, l'unico in grado di fare TUTTO! Caro Alberto, quante cose da dire e da leggere nei tuoi post sempre tanto, tanto attesi un abbraccio valeria
  4. Ladylaura3 13 aprile 2011 ore 08:41
    In una società capitalistica come la nostra dove quello che conta è il dio denaro e l'apparire si sono persi un po i valori essenziali della vita.
    L'attenzione a chi è piu debole, all'emarginato a chi soffre a chi è da solo...i valori che ci ripropongono i media sono solo valori consumistici che nulla hanno a che vedere coi veri valori della vita.
    Tocca a noi nel nostro piccolo cercare di vivere "nel modo piu giusto" prestando maggiore attenzione a chi è piu sfortunato di noi.
    Un abbraccio :rosa :bacio
  5. Ladylaura3 13 aprile 2011 ore 08:41
    In una società capitalistica come la nostra dove quello che conta è il dio denaro e l'apparire si sono persi un po i valori essenziali della vita.
    L'attenzione a chi è piu debole, all'emarginato a chi soffre a chi è da solo...i valori che ci ripropongono i media sono solo valori consumistici che nulla hanno a che vedere coi veri valori della vita.
    Tocca a noi nel nostro piccolo cercare di vivere "nel modo piu giusto" prestando maggiore attenzione a chi è piu sfortunato di noi.
    Un abbraccio :rosa :bacio

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.