LE BASI ORMONALI DELLA FUNZIONE RIPRODUTTIVA NELLA DONNA

11 dicembre 2011 ore 22:37 segnala
LE BASI ORMONALI DELLA FUNZIONE RIPRODUTTIVA NELLA DONNA

1)ESTROGENI

Gli estrogeni possono essere considerati gli ormoni che producono la crescita dell'Utero ed il comportamento tipico del periodo dell'estro negli animali,lo sviluppo dell'Endometrio e la maturazione dell'Epitelio vaginale. Essi sono ritenuti gli ormoni della FEMMINILITA',per l'importanza che hanno nello sviluppo e nel mantenimento delle caratteristiche sessuali secondarie. Sia pure in piccole quantità,sono presenti anche nell'individuo di sesso maschile. Gli estrogeni sono stati i primi ormoni steroidei estratti dall'organismo umano. Doisy e coll.isolarono l'ESTRONE dalle urine di donna gravida nel 1929,l'ESTRIOLO fu trovato l'anno successivo (Marrian) e l'ESTRADIOLO nel 1935 (Doisy).

-BIOSINTESI

Sia l'OVAIO che il TESTICOLO e il SURRENE sono in grado di produrre Estrogeni.
La produzione OVARICA di estrogeni raggiunge i suoi massimi valori circa 24 ore prima che si osservi il fenomeno della OVULAZIONE ,intorno alla quattordicesima giornata di un ciclo ovarico di 28 giorni. Bisogna ricordare che anche il FEGATO e la PLACENTA possono formare queste sostanze. In GRAVIDANZA,ad esempio,la maggior sorgente di Estrogeni è appunto la PLACENTA.

-TRASPORTO EMATICO

Gli estrogeni,come gli altri ormoni ovarici,sono composti liposolubili,che debbono essere resi idrosolubili per poter essere trasportati nel plasma e raggiungere così gli organi effettori. La concentrazione plasmatica dell'ESTRADIOLO presenta notevoli variazioni,correlate alle varie fasi del ciclo ovarico. In media i dosaggi sono i seguenti:

50-80 picogrammi/ml durante la FASE FOLLICOLARE
120-400 pg/ml durante la FASE OVULATORIA
100-200 pg/ml durante la FASE LUTEINICA.

Nell'imminenza dell'OVULAZIONE,l'eliminazione URINARIA di Estrogeni varia da: 50-100 microgrammi/24 ore.

-AZIONI BIOLOGICHE

Nella DONNA ADULTA gli estrogeni agiscono soprattutto a livello degli ORGANI GENITALI e della MAMMELLA. Al di fuori della sfera strettamente riproduttiva le azioni degli estrogeni si manifestano con notevoli effetti: ad essi si deve la comparsa dei CARATTERI SESSUALI SECONDARI femminili in epoca puberale.Altri effetti:

a)RICAMBIO GLICIDICO
sembra dimostrato che il trattamento estrogenico abbia talora un effetto diabetogeno,con tendenza all'IPERGLICEMIA,ad una diminuita tolleranza ai carboidrati ed all'aggravamento di un preesistente diabete.

b)METABOLISMO LIPIDICO
si avrebbe una diminuzione del rapporto beta/alfa Lipoproteine,a cui si dà una certa importanza per giustificare la minore incidenza di lesioni aterosclerotiche nella donna rispetto all'uomo,mentre la maggior tendenza all'OBESITA' del sesso femminile andrebbe ricondotta ad una attiva LIPOSINTESI,associata ad un effetto LIPOMOBILIZZANTE degli estrogeni.

c)MATABOLISMO AZOTATO
gli estrogeni esercitano un'azione positiva,con aumento della deposizione di PROTEINE corporee.

d)RICAMBIO IDROSALINO
gli estrogeni aumentano il riassorbimento del SODIO a livello renale da cui deriva una aumentata ritenzione di ACQUA premestruale .

e)RICAMBIO CALCIO-FOSFORICO
gli estrogeni tendono a positivizzare il ricambio calcico e stimolano la formazione di nuovo tessuto OSSEO . L'OSTEOPOROSI menopausale è una conseguenza sia della ridotta formazione di matrice ossea che della negativizzazione del bilancio calcico.

-RUOLO NELLA GRAVIDANZA

Fondamentale è il ruolo giocato dagli estrogeni per la FECONDAZIONE e l'IMPIANTO DELL'UOVO e per la stessa OVULAZIONE.
In GRAVIDANZA,gli estrogeni possono determinare:

-modificazioni delle mammelle
-pigmentazione cutanea
-crescita uterina
-attività della muscolatura liscia
-tendenze anabolizzanti
-quiescenza ipofisaria
-interferenze funzionali a livello tiroideo e surrenalico
-ritenzione idrica ed elettrolitica
-alterazioni del metabolismo glucidico
-variazioni del tessuto connettivo e della componente vascolare

2)PROGESTATIVI

Il principale rappresentante dei progestinici è il PROGESTERONE,isolato nel 1934. Il Progesterone è l'ormone del CORPO LUTEO che prepara l'ENDOMETRIO ad accogliere la gravidanza. Il progesterone oltre che dal Corpo Luteo,può essere prodotto anche dalla Placenta,dai Follicoli Ovarici,dal Surrene e dal Testicolo. Corpo Luteo e Placenta restano però le fonti più importanti di produzione del progesterone. Il progesterone circola nel plasma per il 90% unito alle proteine plasmatiche (albumina) ,oppure libero nella misura del 3%. La concentrazione plasmatica dell'ormone varia notevolmente in relazione alle fisiologiche variazioni che si verificano nei vari momenti della vita femminile.

AZIONI BIOLOGICHE

Gli effetti generali del Progesterone sul METABOLISMO non sono molto rilevanti:

-scarsa l'influenza sul ricambio GLICIDICO
-nessun effetto sul ricambio LIPIDICO
-scarso effetto sul metabolismo PROTIDICO
-sul ricambio IDROSALINO ,a forti dosi,determinano ritenzione di SODIO e ACQUA con perdita renale di POTASSIO.
-Innalzamento della TEMPERATURA BASALE
-IPERPIGMENTAZIONE CUTANEA
-Depressione dell'indice di SUDORAZIONE PALMARE
-Modesti segni di depressione Tiroidea
-leggera stimolazione del SURRENE

RUOLO NELLA GRAVIDANZA

Il Progesterone è essenziale per il mantenimento della gravidanza. La sua sintesi viene effettuata nel CORPO LUTEO e nella PLACENTA.

3)ANDROGENI

Gli androgeni sono gli ormoni della mascolinità. Essi sono però presenti,sia pure in ben diversa quantità,anche nell'organismo femminile. Essi sono prodotti dall'OVAIO,dal SURRENE e dal TESTICOLO. L'Ovaio e il Surrene,in alcune condizioni patologiche,possono produrre quantità anche rilevanti di Androgeni,capaci di indurre IRSUTISMO e VIRILIZZAZIONE nella donna. Gli androgeni circolano nel sangue in gran parte legati a proteine.

AZIONE BIOLOGICA

Gli androgeni possono determinare:

-positivizzazione del bilancio AZOTATO
-stimolo delle caratteristiche sessuali maschili (voce,distribuzione pilifera)
-aumento della libido
-il testosterone,nell'età adulta,può antagonizzare gli Estrogeni a livello Uterino e Vaginale.
-azione sull'IPOTALAMO inibendo per questa via la secrezione di GONADOTROPINE.

4)ORMONI PROTEICI

Vediamo alcune caratteristiche fondamentali dei principali ormoni proteici interessati alle funzioni della vita riproduttiva.

A)FSH (Ormone Follicolo-stimolante)(Follicle-Stimulating-Hormone)

E' un ormone di origine IPOFISARIA,stimola la crescita dei FOLLICOLI OVARICI nella donna,mentre nell'uomo agisce sui Tubuli Seminiferi Testicolari e favorisce la Spermatogenesi.

EFFETTI BIOLOGICI

Nella DONNA si possono distinguere due azioni fondamentali dell'FSH:

-AZIONE MATURATIVA FOLLICOLARE
-STIMOLAZIONE DELLA SECREZIONE DI ESTROGENI

Il DOSAGGIO dell'ormone viene fatto soprattutto con il metodo RADIO-IMMUNOLOGICO
Fra i 9 e i 13 anni,le ragazze raggiungono livelli sempre più elevati.Nell'età adulta,nella femmina,si hanno fluttuazioni cicliche,aumenta in fase MESTRUALE ed a metà del ciclo. Con la MENOPAUSA la produzione di FSH va incontro ad un aumento in quanto non è più frenata dalla produzione di ormoni gonadici e quindi si riscontrano livelli ematici ed urinari molto elevati,che restano tali fino all'età senile. In Gravidanza,invece,i livelli di FSH si mantengono bassi,in relazione allo stato di inattività dell'Ipofisi.

B)LH (Ormone Luteinizzante) (Luteinizing Hormone)

E' prodotto anch'esso dall'IPOFISI ANTERIORE. Esso produce nella femmina quelle variazioni morfologiche a livello del FOLLICOLO OVARICO,che sono definite "LUTEINIZZAZIONE" e si accompagnano con la produzione ormonale di di PROGESTERONE. L'LH causa inoltre,la ROTTURA DEL FOLLICOLO maturo (OVULAZIONE).

EFFETTI BIOLOGICI

Nella donna produce:

-promuove l'OVULAZIONE
-determina il processo di LUTEINIZZAZIONE
-Determina la secrezione di PROGESTERONE da parte del CORPO LUTEO
-Il DOSAGGIO si fa principalmente con metodi Radioimmunologici

LIVELLI

I livelli di LH sono bassi nell'infanzia e gradualmente aumentano fino alla pubertà. Tra gli 8 ed i 15 anni i livelli nelle femmine sono superiori a quelli che si osservano nei maschi. Nella donna adulta,si hanno variazioni cicliche ,con un caratteristico picco preovulatorio. Dopo la menopausa l'LH subisce un deciso aumento dovuto al mancato freno che su di esso esercitavano gli estrogeni ed anche il Progesterone.

C)LTH (Ormone Luteotropo) (Luteo-Tropic Hormone)

Questo ormone come dice il nome,è capace di attivare e mantenere il CORPO LUTEO,dopo che questo si è formato in un follicolo che ha subito il fenomeno dell'Ovulazione.

D) PRL (Prolattina)

E' un altro ormone IPOFISARIO prodotto nell'Ipofisi Anteriore. La prolattina è responsabile della CRESCITA MAMMARIA e della LATTAZIONE. Nella donna i livelli di Prolattina non presentano variazioni significative durante il ciclo mestruale mentre variazioni imponenti si osservano nel corso della GRAVIDANZA. Al terzo trimestre,i livelli sono molto alti,documentando così come la Prolattina sia fondamentale per l'inizio ed il mantenimento della LATTAZIONE. Nel corso dell'allattamento,mentre i livelli basali ritornano relativamente bassi,si assiste ad una marcatissima risposta alla stimolazione della mammella e del capezzolo. E' anche interessante notare come la somministrazione di contraccettivi orali determini frequentemente un aumento della prolattina forse per un'azione di blocco che questi esercitano sul centri Ipotalamico che inibisce la prolattina stessa (PIF). Sembra anche che la Prolattina sia coinvolta nei processi CARCINOGENETICI di talune neoplasie.

E) HCG (Gonadotropina Corionica Umana) (Human Chorionic Gonadotropin)

E' un ormone prodotto dalla PLACENTA,ed è perciò presente solo durante la GRAVIDANZA,può essere riscontrato molto precocemente ,già 10 giorni dopo il concepimento. Su questo fatto sono basati i moderni tests di gravidanza. La funzione dell'HCG non può dirsi tuttora completamente definita.
-non è certo che l'HCG abbia la capacità di stimolare e prolungare il mantenimento del Corpo Luteo gravidico,assicurando così l'adeguato livello di Progesterone fino a che la Placenta non sia in grado di inrevenire direttamente nella produzione di questo ormone,cosa che avviene tra la sesta e l'ottava settimana di gestazione.
-Un'altra azione ipotizzata comprende un'azione trofica sulla PLACENTA e sui SURRENI
-L'HCG concorrerebbe all'autoregolazione della produzione e del metabolismo steroideo dell'unità feto-placentare.
-E' stato ipotizzato un suo ruolo anche nella soppressione della risposta immunitaria materna alla Placenta.

EFFETTI BIOLOGICI

Gli effetti biologici sono simili ma non del tutto sovrapponibili a quelli dell'LH.

-effetto luteinizzante
-induzione dell'ovulazione
-aumento della produzione di Progesterone
-prolungamento della vita funzionale del corpo luteo
-incremento della produzione steroidea placentare

LIVELLI ORMONALI

L'HCG può essere riscontrato nella donna in gravidanza già in epoca molto precoce,tra il 9° ed il 16° giorno dal concepimento,l'aumento è poi progressivo e raggiunge il massimo verso il 50°-70° giorno dal concepimento. . La completa scomparsa di HCG dopo una gravidanza è lenta e richiede diversi giorni. Livelli molto bassi di HCG si possono avere invece in caso di minaccia di aborto.

F) HPL (Lattogeno Placentare Umano) (Human Placental Lactogen)

Nel 1962 è stato isolato dalla Placenta un ormone dotato di attività di tipo lattogenico,luteotropa e con proprietà simili all'ormone della crescita che ha dimostrato di avere una importante funzione metabolica in gravidanza. Esso appare,infatti,dotato della capacità di influenzare il metabolismo degli idrati di carbonio de i Grassi del sistema materno-fetale e di influenzare così la nutrizione e la crescita del feto. Come antagonista dell'Insulina,l'HPL contribuisce a determinare la natura diabetogena dello stato gravidico.

G) OSSITOCINA

E' caratterizzata dalla capacità di stimolare la contrattilità uterina e l'eiezione del latte. Più che per determinare l'insorgenza del travaglio di parto,l'ossitocina appare importante per ottenere il suo completamento e successivamente per prevenire l'emorragia del post-partum.

-UTERO

Sull'utero determina una stimolazione del MIOMETRIO con aumento dell'intensità e della frequenza delle contrazioni.

-MAMMELLA

L'Ossitocina stimola le contrazioni muscolari che determinano la fuoriuscita del LATTE dai Dotti Galattofori.

-PRESSIONE SANGUIGNA e RENE

L'azione dell'Ossitocina determina Ipertensione e azione Antidiuretica.

L'Ossitocina è sintetizzata dai nuclei Ipotalamici.

H) PG (Prostaglandine)

Le prostaglandine si trovano in moltissimi tessuti e sono dotate di una molteplicità di effetti.Si ritiene che le PG non vengano immagazzinate a livello dei tessuti,ma che la biosintesi sia pressochè immediatamente seguita dalla liberazione. Una sintesi di PG può aversi nello Stomaco,nei Nervi,nel Tessuto Adiposo,nel Surrene e nell'Ovaio. Le PG sono tra le sostanze più attive esistenti in campo biologico: esse esplicano le loro azioni a concentrazioni molto basse.

EFFETTI BIOLOGICI

Le PG hanno effetti biologici diversissimi,talora anche opposti,come accade ad esempio per le PGE che hanno azione VASODILATATRICE e DIMINUISCONO la MOTILITA' UTERINA in fase ovulatoria e per le PGF che sugli stessi tessuti determinano effetti contrari.

-tendono a dare TACHICARDIA
-stimolano la CONTRAZIONE MUSCOLARE nel tratto GASTRO-INTESTINALE
-aumentano la MOTILITA' del MIOMETRIO
-determinano nel Corpo Luteo una inibizione irreversibile della sintesi di PROGESTERONE (LUTEOLISI).
-facilitano il trasporto dello sperma lungo il tratto genitale femminile
-le PG vengono utilizzate per indurre il travaglio di parto,per provvedere allo svuotamento dell'utero in caso di aborto interno dopo la 14° settimana di gravidanza; per provocare l'interruzione abortiva della gravidanza iniziale o per realizzare una forma di contraccezione postcoitale inducendo un aborto prima dell'impianto dell'uovo.
7491f1a5-aa31-4b5d-9b68-3de5afc2dbdf
LE BASI ORMONALI DELLA FUNZIONE RIPRODUTTIVA NELLA DONNA 1)ESTROGENI Gli estrogeni possono essere considerati gli ormoni che producono la crescita dell'Utero ed il comportamento tipico del periodo...
Post
11/12/2011 22:37:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. biancamaria00 12 dicembre 2011 ore 00:11
    io sono in menopausa conclamata. :-) da due anni. :-) ...sulla menopausa....sarebbe interessante...saperne di più....grazie.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.