dal web

12 marzo 2020 ore 11:40 segnala
Era l’11 marzo del 2020, le strade erano vuote, i negozi chiusi, la gente non usciva più.
Ma la primavera non sapeva nulla.
Ed i fiori continuavano a sbocciare
Ed il sole a splendere
E tornavano le rondini
E il cielo si colorava di rosa e di blu
La mattina si impastava il pane e si infornavano i ciambelloni
Diventava buio sempre più tardi e la mattina le luci entravano presto dalle finestre socchiuse
Era l’11 marzo 2020 i ragazzi studiavano connessi a Gsuite
E nel pomeriggio immancabile l’appuntamento a tressette
Fu l’anno in cui si poteva uscire solo per fare la spesa
Dopo poco chiusero tutto
Anche gli uffici
L’esercito iniziava a presidiare le uscite e i confini
Perché non c’era più spazio per tutti negli ospedali
E la gente si ammalava
Ma la primavera non lo sapeva e le gemme continuavano ad uscire
Era l’11 marzo del 2020 tutti furono messi in quarantena obbligatoria
I nonni le famiglie e anche i giovani
Allora la paura diventò reale
E le giornate sembravano tutte uguali
Ma la primavera non lo sapeva e le rose tornarono a fiorire
Si riscoprì il piacere di mangiare tutti insieme
Di scrivere lasciando libera l’immaginazione
Di leggere volando con la fantasia
Ci fu chi imparò una nuova lingua
Chi si mise a studiare e chi riprese l’ultimo esame che mancava alla tesi
Chi capì di amare davvero separato dalla
vita
Chi smise di scendere a patti con l’ignoranza
Chi chiuse l’ufficio e aprì un’osteria con solo otto coperti
Chi lasciò la fidanzata per urlare al mondo l’amore per il suo migliore amico
Ci fu chi diventò dottore per aiutare chiunque un domani ne avesse avuto bisogno
Fu l’anno in cui si capì l’importanza della salute e degli affetti veri
L’anno in cui il mondo sembrò fermarsi
E l’economia andare a picco
Ma la primavera non lo sapeva e i fiori lasciarono il posto ai frutti
E poi arrivò il giorno della liberazione
Eravamo alla tv e il primo ministro disse a reti unificate che l’emergenza era finita
E che il virus aveva perso
Che gli italiani tutti insieme avevano vinto
E allora uscimmo per strada
Con le lacrime agli occhi
Senza mascherine e guanti
Abbracciando il nostro vicino
Come fosse nostro fratello
E fu allora che arrivò l’estate
Perché la primavera non lo sapeva
Ed aveva continuato ad esserci
Nonostante tutto
Nonostante il virus
Nonostante la paura
Nonostante la morte
Perché la primavera non lo sapeva
Ed insegnò a tutti
La forza della vita.

0b79e752-f90b-468c-9745-e60e30350505
Era l’11 marzo del 2020, le strade erano vuote, i negozi chiusi, la gente non usciva più. Ma la primavera non sapeva nulla. Ed i fiori continuavano a sbocciare Ed il sole a splendere E tornavano le rondini E il cielo si colorava di rosa e di blu La mattina si impastava il pane e si infornavano i...
Post
12/03/2020 11:40:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Figlie di (ex) migranti italiani

05 ottobre 2019 ore 15:52 segnala
Stella era nata lì, in quel paese che non considerava suo, malgrado ci vivesse. Per lei “casa” era il sogno ricorrente che presto si sarebbe realizzato, dove avrebbe dormito sempre nello stesso letto (il suo) e dove sarebbe stata amata e circondata dagli affetti familiari (quelli veri).
Non vedeva l’ora di lasciare quel paese, testimone silente di un terribile furto: quello della sua infanzia che le era stata tolta da qualcuno che, invece, avrebbe dovuto occuparsi di lei.
Continui tormenti, accuse, minacce, finanche percosse… avevano oscurato la mente della piccola, inducendola a credere che quella fosse la normalità. Ma Stella sapeva che a “casa” avrebbe trovato un mondo diverso. Del resto, alla sua amica del cuore le cose non andavano meglio; e ciò sembrava confermare che quella fosse davvero la normalità.
Per quanto si sforzassero, alle due bambine proprio non riusciva di capire quale fosse la loro colpa; perciò fu un sollievo per entrambe essere trasferite in un luogo che si rivelò da subito molto più sereno.
Il tempo passava tra giochi e risate che, spesso, venivano disturbati da ricordi che riaffioravano. Le bambine decisero, allora, di sigillarli per sempre in un patto.
Finalmente arrivò il giorno della partenza. Le due amiche si separarono con poche parole, ma con tanta voglia di andare a vivere felicemente a casa. Quella vera...
“’A vita è ‘n’affacciata e fenesta”, diceva sempre la nonna di Stella; e lei ricordò queste parole quando, un giorno, su un noto social, le arrivò una richiesta d’amicizia, tanto speciale quanto inattesa, che la lasciò di ghiaccio.
Quaranta anni e oltre non avevano cambiato lo sguardo delle due bambine che erano state.
Gli abbracci, le carezze, il tenersi il viso tra le mani, commossero le loro rispettive famiglie che, intanto, socializzavano avvezzandosi all’idea che mai più niente e nessuno le avrebbe separate.
Gli interminabili racconti, tra gioie e dolori, fondevano le vite delle due amiche d’infanzia. Tristi ricordi tentarono di insinuarsi, ancora una volta, nella loro memoria. Mano nella mano, con uno sguardo e un tacito consenso, le due bambine ormai entrambe cinquantenni, decisero di tener fede a quel patto di tanti, troppi, anni fa.

aly
d79a3422-c5e0-4a02-9022-49b1cb167336
Stella era nata lì, in quel paese che non considerava suo, malgrado ci vivesse. Per lei “casa” era il sogno ricorrente che presto si sarebbe realizzato, dove avrebbe dormito sempre nello stesso letto (il suo) e dove sarebbe stata amata e circondata dagli affetti familiari (quelli veri). Non vedeva...
Post
05/10/2019 15:52:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    18

‘E mamme so’ piezz’e core

12 giugno 2019 ore 23:06 segnala
Lo so, bisogna ignorare le provocazioni (soprattutto se vengono da str… bip! bip!), perché per ricambiare bisognerebbe offendere le loro mamme e a me ‘sta cosa proprio nun me scenne: ‘a mamma è ‘a mamma e nun se tocca … maje!
Però mi viene da ridere pensando a un video assai simpatico che vorrei condividere con tutte le mamme (e non solo) che, sbagliando o facendo la cosa giusta (quale mamma non vorrebbe il meglio per i propri figli?), fanno sacrifici enormi pur sapendo che non le saranno riconosciuti. In fondo a noi basta poco: uno sguardo, un sorriso, un abbraccio dei nostri figli (maschi o femmine che siano) pe ce fa squacquaria’ ‘o core.
E ‘o core è proprio chello ca ce vo’ p’esse chiammata “MAMMA”.

aly :rosa

e38395c8-a64c-4135-9cb6-57b4e2edfea8
Lo so, bisogna ignorare le provocazioni (soprattutto se vengono da str… bip! bip!), perché per ricambiare bisognerebbe offendere le loro mamme e a me ‘sta cosa proprio nun me scenne: ‘a mamma è ‘a mamma e nun se tocca … maje! Però mi viene da ridere pensando a un video assai simpatico che vorrei...
Post
12/06/2019 23:06:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    10

E poi…

02 maggio 2018 ore 14:52 segnala
… ci sono quei giorni in cui Napoli indossa uno dei suoi vestiti più belli, come per dare il benvenuto: ‘na cammesella ‘e seta culore d’o mare, arricamata cu ‘o filo ‘e oro cucente (‘o sole); ‘na gonna longa, tagliata ‘e sbieco, ca quanno gira tuorno tuorno fa ‘na rota e s’arapeno tutt’e pieghe.
Ed è proprio in una di quelle pieghe che ci addentriamo, lasciandoci alle spalle il mare calmo e il sole che picchia.
Tra viche e vicarielle, trasimmo ‘int’all’anema ‘e Napule, chella genuina, chella ca ancora s’astipa ‘e culure ca sulamente n’artista ‘e ‘sta città sape ammisca’. Giranno int’a ‘na stradella, l’addore ‘e cafè e sfugliatelle cavure ce arrovoglia e ce stona. ‘Na femmena s’affaccia ‘a ‘na fenesta vascia e, ‘ntramente canta, scutuleja ‘nu mesale. ‘N’ommo assettato ‘ncoppa a ‘nu balcone ‘ntona ‘na vecchia serenata, accumpagnannose cu ‘nu mandulino, ‘ntramente d’o balcone ‘e rimpetto ‘o rispobnne ‘o cumpare suojo cu ‘na fisarmonica vecchia comme ‘o cucco. ‘Int’a ‘na purtella, ‘e criature pazzajano a s’annasconnere, e ‘nu pallone, scappato ‘a miezo a ‘na piazzetta, quase ce coglie. ‘Nu guaglione, c’o surriso, se scusa, s’o piglia e torna a pazzia’ cu l’amice. ‘Nu muzzone ‘e sigaro resta ‘nmocca a ‘nu vicchiariello, ca ce saluta scustannose ‘a paglietta, ‘ntramente nu giovane, c’a divisa ‘e cammariere, ce ‘nvita a trasi’: simmo arrivati.
‘O tavulo già apparicchiato ‘int’a veranda, cu ‘e fronne ‘e limone ca ce pennono ‘ncapa, e ‘o tappeto verde ca pare ‘e sta ‘nmiezo ‘o prato; ‘o sunatore, ‘o cantante, ‘o ciuraro, e finanche n’auciello, ce fanno cumpagnia. ‘o pranzo sape ‘e mare, ‘o pane sape ‘e sole, e ‘o vino è nettare p’o palato. Pare ca ‘o tiempo a Napule se ferma, comme si ‘a città ce vulesse fa sta’ ancora; e pe ce convincere, ce offre chillu cafè e chella sfugliatella ca primma c’anno stunato ‘e sense.
Questa è la Napoli che mi piace, quella che si “gusta” solo se vai a piedi e ti lasci trasportare dai profumi e dai colori. Non il lusso, né lo sfarzo, ma la veracità della gente e delle sue abitudini quotidiane; quella Napoli che, ogni volta, s’arrobba ‘nu piezzo ‘e core, accussì tene ‘a scusa pe te fa turna’ a pigliaratillo.
aly :rosa


94ab50a4-994e-4c30-81a3-df0118669b51
… ci sono quei giorni in cui Napoli indossa uno dei suoi vestiti più belli, come per dare il benvenuto: ‘na cammesella ‘e seta culore d’o mare, arricamata cu ‘o filo ‘e oro cucente (‘o sole); ‘na gonna longa, tagliata ‘e sbieco, ca quanno gira tuorno tuorno fa ‘na rota e s’arapeno tutt’e pieghe. Ed...
Post
02/05/2018 14:52:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    29

Quando le donne ci si mettono d’impegno…

28 gennaio 2018 ore 14:41 segnala
…sanno essere spietate anche con le vittime che non hanno più voce.
Quando le donne ci si mettono d’impegno, sanno essere le più pericolose maschiliste che ci siano: giudici di una causa che non gli appartiene, sputano sentenze non richieste su chi , da sola, non è riuscita a dire “NO” ad un amore malato.
Donne oppresse da chi ha loro rubato la vita, ma anche da chi ha osato metter bocca laddove avrebbe dovuto soltanto tendere le braccia.
Donne vittime di uno stato che non ascolta e di una società che preferisce tacere; donne dimenticate dal mondo, donne scudo umano per i propri figli, donne ingenue che ancora perdonano, donne che salutano il mondo con lo stesso dolore di una vita mortificata.

aly :-(


9104511c-aa42-44e1-b467-a32c948cf8b7
…sanno essere spietate anche con le vittime che non hanno più voce. Quando le donne ci si mettono d’impegno, sanno essere le più pericolose maschiliste che ci siano: giudici di una causa che non gli appartiene, sputano sentenze non richieste su chi , da sola, non è riuscita a dire “NO” ad un amore...
Post
28/01/2018 14:41:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Bloggers, bloggers and… copiaincollers!

23 luglio 2017 ore 21:10 segnala
Se un post mi prende, leggo tutto prima ancora di prestare attenzione al blogger e ai commenti già ricevuti. È un modo per non essere condizionata da chi scrive e da chi ha già letto.
Non cerco maestri di vita o grandi scrittori; mi piace leggere pensieri, poesie, storie vere o inventate, esperienze o sensazioni vissute, attualità, storia… Spesso mi fermo anche su foto, video e citazioni che, in qualche modo, mi riportano a particolari miei vissuti.
Ciò che conta, per me, è il rispetto per l’autore e per il lettore che, a volte, sono vittime ignare dell’ “astuzia” di quelli che io chiamo “copiaincollers”.
Mi cadono le braccia quando vedo interi post copiati senza neppure citare la fonte o specificare che sono presi dal web. Davanti agli elogi ricevuti per le riflessioni fatte o per l’idea avuta, il/la copiaincoller di turno accetta i complimenti e, a volte, addirittura si autocongratula e si autoclicca un “mi piace”. Vale tanto per il loro ego; ma come la mettiamo con la grande figura di pupù?
Certo che, per fare due click e, per i più furbi, sostituire qualche parola con dei sinonimi, ci vuole impegno. Ma forse non tutti sanno che basta un click (senza poi tanto impegno) anche a noi lettori per risalire alla vera fonte del post e vedere chi realmente merita il tempo, l’attenzione e i bei commenti.

aly :rosa
4a345dfa-9bbf-496a-9e1a-a97f57b39ec8
Se un post mi prende, leggo tutto prima ancora di prestare attenzione al blogger e ai commenti già ricevuti. È un modo per non essere condizionata da chi scrive e da chi ha già letto. Non cerco maestri di vita o grandi scrittori; mi piace leggere pensieri, poesie, storie vere o inventate,...
Post
23/07/2017 21:10:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    15
  • commenti
    comment
    Comment
    12

I cambiamenti

28 giugno 2017 ore 20:56 segnala
Con semplicità e facilità si cambia il taglio ai capelli, la lunghezza della gonna, la misura del tacco… Si può anche lasciare aperto il secondo bottone della camicetta per il piacere proprio e/o altrui. Si può “osare” con un colore che non si preferisce per scoprire quanto risalta il chiarore della pelle, oppure con un abito di modello diverso per notare come evidenzia bene i fianchi. Tirare su i capelli per cambiare aspetto, andare a piedi nudi sul prato appena spuntato, o sul marmo fresco, per percepire la morbidezza o la consistenza. Si può cambiare casa, cambiare città, cambiare strada, cambiare programma, cambiare idea, cambiare numero di telefono, cambiare auto… Ma quando devi cambiare la prospettiva da cui guardi la vita, tutto è diverso: vorresti fermarti per capire qual è il lato migliore, ma il tempo non è tuo alleato, e non puoi cambiare il suo scorrere. Però puoi usarlo: devi solo decidere se restare a guardare le immagini sbiadite che ti passano davanti, o togliere quel velo e vedere da vicino il resto del paesaggio.
Forse l’importante non è la prospettiva, ma una luce diversa. In quel momento capisci che il mondo è dentro di te, che si aggrappa alla forza che ancora hai, e che ti chiede di lottare, perché se ce l’hai fatta una volta, puoi farcela di nuovo. ‘Fancul* le aspettative; restano il modo di pensare, di valutare, di scegliere se vogliamo soltanto provarci o se vogliamo farcela.
Possiamo giocarci l’asso o decidere di abbandonare la partita: dipende soltanto da noi.
I cambiamenti fanno parte della vita, e, ca**o!, questa è la nostra vita!

aly :rosa
25675f13-b8e3-4a98-b0c4-5b1242a3fa90
Con semplicità e facilità si cambia il taglio ai capelli, la lunghezza della gonna, la misura del tacco… Si può anche lasciare aperto il secondo bottone della camicetta per il piacere proprio e/o altrui. Si può “osare” con un colore che non si preferisce per scoprire quanto risalta il chiarore...
Post
28/06/2017 20:56:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    42

Un mio vecchio post

31 ottobre 2016 ore 17:56 segnala
Cose dell'altro mondo

Il sole non azzardava a mostrarsi: al suo posto fitte nubi oscuravano cielo e terra.
Nelle stradine che s'intrecciavano tra marmi e cipressi, mi accorsi di non esser sola in quel luogo desolato: "E che modi, vi pare questa l'ora?" disse uno dei due uomini seduti a giocare a carte su una grossa pietra che ancora mostrava timidi segni di un nome e di una data cancellati dal tempo.
"Sono le nove e trenta, e vengo a far visita ai miei cari", dissi decisa e piccata a quei due giocatori accaniti.
"Azz, Pasca', s'è fatto juorno e manco ce ne simme accuorte.Jammuncenne a cucca' che sta arrivanno gente!" disse l'uomo di prima al suo compagno di gioco, mentre si accingeva a rientrare nel suo giaciglio sotto la grossa pietra.
Fu in quel momento che lo riconobbi ed osai: "Ma voi siete Gennarino 'o scupatore! che ci fate qui, quando potreste riposare in quel bellissimo prato che ha acquistato, per voi, vostro figlio lo scorso anno?"
E lui: "Tiempo fa, 'o figlio mio, me chiedette 'e ce da' 'nsuonno 'e nummere vincenti, e je c'e diette volentieri. Nu terno sicco 'ncopp'a rota 'e Napule è bastato pe nun 'o vede' cchiù. Pe me cunsula',m'accattaje nu piezzo 'e terra e ce mettette 'ncoppa nu marmo pregiato scolpito a mano e scritto cu 'e llettere 'e oro. Signuri', preferisco sta cca, sott'a sta preta, cu l'amici mieje, e arricurdamme quanno chillo figlio me veniva a truva' e me parlava comme si fosse ancora vivo!". Triste in volto, salutandomi cortesemente, l'uomo sparì.
Mi avviai pensierosa verso il luogo dove riposano i miei cari e mi accingevo a lasciargli il mio piccolo dono raccolto in giardino, quando un sorriso mi colse di sorpresa: una carta da gioco napoletana, dimenticata lì da qualcuno...

aly :rosa
aef4abde-3f77-43a6-ae11-a3b013ddbbeb
Cose dell'altro mondo Il sole non azzardava a mostrarsi: al suo posto fitte nubi oscuravano cielo e terra. Nelle stradine che s'intrecciavano tra marmi e cipressi, mi accorsi di non esser sola in quel luogo desolato: "E che modi, vi pare questa l'ora?" disse uno dei due uomini seduti a giocare a...
Post
31/10/2016 17:56:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    11

" 'A livella referendaria"

03 ottobre 2016 ore 15:20 segnala
sulla falsariga di quella di Totò. Bellissima! (dal web)



Quest’anno, il quattro dicembre,
ci sarà l’usanza, per il popolo italiano,
di votare il Referendum.

Ognuno l’adda fa’ chesta crianza,
ognuno adda tene’ chistu penziero.
Quest’anno, in questo giorno,
di importante ricorrenza,
anch’io ci andrò, per sbarrare il NO
con impavida veemenza.

Cert ‘stu voto é diventat’ ‘navventura.
Madonna! Si ce penzo, e che bruttura!
Ma anima e coraggio,
alla faccia di chi ci narra di un tragico presagio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire.
Guardavo tomo tomo, il mio televisore,
buttando un occhio a qualche trasmissione.

“Qui si rischia l’involuzione e di buttar per
l’aria i veri cambiamenti”,
gridava il Presidente,
bello spaparanzato, ‘ncopp a ‘na pultrona,
di una delle reti preminenti.

Che assurdità! ‘Ncapo a me penzavo.
Chissà si all’atu munno,
chi ha scritto ‘a Costituzione,
se sta turcenn ‘a panz ed ogni articolazione.

Mentre fantasticavo ‘stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e pront me cuccaie, ca sveglia ‘ncopp e l’otte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a dint ‘o scuro?
Doje ombre avvicenarse ‘a parte mia.
Penzaje: ‘stu fatto a me mme pare strano,
stongo scetato, dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia, erano duie padri ‘e
l’Assemblea Costituente, Alcide e Benedetto.
Int ‘a ‘stu fatto i’ nun ce veco chiaro,
cu tanta governanti,
venen addu me ca nun conto neinte?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘Alcide me sussurr:

“Giovanotto non ti meravigliare della
nostra presenza, se siamo qua è perché
si é passata l’indecenza”.

È vero, proseguí Benedetto,
quello che é stato fatto?
E chi l’avrebbe detto?

Ma ‘o vulite capí ca ‘o problema e ‘stu Paese
nun é a Costituzione,
ma più semplicemente ‘o ‘ntrallazzo e ‘a corruzione?
‘A Costituzione é ‘na cosa seria!

Perciò, sentite a nuje, nun facite assaje ‘e restivi,
‘sta riforma, nun é chell ca ce vò,
‘sti pagliacciate lasciamo elementi ‘e Sì ,
nuje simmo seri, appartenimmo ‘o NO!”
d4fcd0d1-5d50-45a3-b1e9-e408cdb26c8c
sulla falsariga di quella di Totò. Bellissima! (dal web) Quest’anno, il quattro dicembre, ci sarà l’usanza, per il popolo italiano, di votare il Referendum. Ognuno l’adda fa’ chesta crianza, ognuno adda tene’ chistu penziero. Quest’anno, in questo giorno, di importante ricorrenza, anch’io ci...
Post
03/10/2016 15:20:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Natale

22 dicembre 2015 ore 16:29 segnala
Cumm’è bell’ Natale,
a sera d’a Virgilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù.
A tavola apparicchiata, l’arber’ allumminato.
‘O presepio sta 'stutato pecchè a mezzanotte s’add’appiccia'.

Mammà int ‘a cucina prepar’e cose bone
e frie ‘o capitone ca nun ce po' manca'!
” ‘A casa è chiena ‘e fummo!”,
allucca già papà; “arape stu balcone ca nun se po' respira'!”

O’ nonno friddigliuso annanz’a nu vrasere
ch’e mmane dint’e mane se piglia tutt’o calore!
Natale è pruvverenza, ce penz’ ‘o Bambiniello
‘o ricco e ‘o puveriello, a tutti fa campa' !

(Anonimo)

La “lingua” napoletana non è fatta solo di parole.
Provate ad immaginare questa poesia recitata da un bambino di tre anni che, incurante del pubblico, l’arricchisce di espressioni e di gesti: uno spettacolo!

aly :rosa
7a71259c-68ed-4e66-b082-0a2d19f24021
Cumm’è bell’ Natale, a sera d’a Virgilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù. A tavola apparicchiata, l’arber’ allumminato. ‘O presepio sta 'stutato pecchè a mezzanotte s’add’appiccià. Mammà int ‘a cucina prepar’e cose bone e frie ‘o capitone ca nun ce po' mancà! ” ‘A casa è chiena ‘e...
Post
22/12/2015 16:29:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    19