Pinocchio è diventato adulto...

28 novembre 2010 ore 18:44 segnala
Papà e mamma mi hanno lasciato a distanza di 10 giorni l’uno dall’altro …I tempo è stato non tempo .Scandito da ultimo solo da rumori ripetitivi , il gorgogliatore di ossigeno e l’insufflatore d’aria del materassino antidecubito .E poi il respiro che gradualmente si è fatto leggero , superficiale , lento, quasi un sibilo .E in sottofondo un gorgoglio che difficilmente riuscirò a scordare . Lei sanguigna , da ultimo non aveva più la forza di arrabbiarsi .La sua una lucida pazzia o forse il più grande dono d’amore che un essere vivente può fare : la propria vita .Mamma in pratica ha cessato di vivere quando babbo se n’è andato .Finchè è stato in casa seppur deceduto lei ha controllato con la volontà la sua malattia . Quando lui è uscito per sempre si è scatenato l’uragano .E di questo uragano noi non abbiamo potuto che essere spettatori .

Ci ha tolto ogni possibilità di intervento , ci ha legato mani e piedi .Lei voleva seguire babbo ed è quello che ha fatto con lucida e incontrovertibile determinazione .Ho seguito e condiviso una agonia di mesi ed in questo tempo ho conosciuto la sofferenza .Mi son chiesta a cosa serve la sofferenza. Ora me ne sono data una ragione , una spiegazione .Serve ad arrivare a desiderare la morte ad accettarla quale termine ultimo e traguardo di vita . Serve ad accettare quello che di per sé sarebbe insopportabile .Ho visto  due tipi di sofferenza : una subita , combattuta ma poi alla fine accettata e vissuta fino in fondo con una dignità da ammirare . E ne ho vista un’altra decisa , determinata quale unico mezzo per raggiungere uno scopo . Lo scopo era quello di rimanere insieme , uniti , a colui con il quale abbiamo vissuto una vita e senza il quale anche la vita non ha più nessuna ragione .In questo tragico percorso ho avuto la chiara e netta percezione di quello che si chiama Amore . Non l’amore annacquato , intriso di sesso e smancerie ,fatto di parole e pochi fatti .Ma l’Amore cristallino , sublimato fatto di azioni che agli occhi di osservatori distratti e superficiali può venir confuso con la pazzia . L’amore che ha legato mamma e babbo è stato però esclusivo , direi bidirezionale e non ha lasciato spazi per nessun altro al di fuori di loro .L’amore filiale , altro e diverso , seppur presente non è stato ragione sufficiente per continuare la lotta per la sopravvivenza .E così mi trovo in breve , brevissimo tempo a perdere gli affetti più grandi della vita , quelli che la vita mi hanno donato .In questi giorni ho provato sentimenti forti , dolore , impotenza ma anche rabbia . Non per babbo ma per lei , la mamma . Ero arrabbiata per la sua caparbia decisione di resa , perché l’Amore per lui le impediva di vedere il nostro amore di figli .Ora che tutto è finito la rabbia è sfumata e mi sento disorientata , spaventata . In questi giorni non sono stata sola , ho scoperto di avere una FAMIGLIA . Per molto tempo dopo la separazione ho pensato di non averne più una . Mi sbagliavo . In questo doloroso frangente abbiamo fatto squadra . Ho visto e conosciuto i miei due figli per le creature più belle che si possa avere .Mio babbo  ha detto dei suoi due figli  : “ Siete speciali “ .Anche io definisco i miei figli in questo modo . Entrambi non più bambini ma adulti capaci di sincero affetto , forti nella dolcezza , nella lucidità , nella capacità pronta di decisione .Ho ritrovato e conosciuto un fratello nuovo …Lo avevo perduto , concentrata come ero , sul leccarmi le ferite , persa dietro a sentimenti non corrisposti o che del vero amore avevano solo il pallido riflesso . Ho trovato una sorella , la sorella che non ho mai avuto … Monica …Presenza costante di una generosità incredibile  , valido aiuto , confidente e consolatrice a seconda del momento . In questa penosa occasione mi trovo a pensare che chi aveva la possibilità di averla al suo fianco con la sua forza e capacità di amore l’ha perduta …inutilmente …stupidamente .

Ho conosciuto anche una cognata  di cui , lo ammetto , avevo una percezione vaga e non rispondente a verità . La ringrazio per la vicinanza , per l’intelligenza , per la sensibilità con cui ha superato vicissitudini passate , cancellato torti ed offese ricevute e forse del tutto immeritate .

Ho anche toccato il polso ad “affetti acerbi “ , giovani , quelli dei miei nipoti …Anche loro pianeti da scoprire e da coltivare con amore .

Abbraccio tutti gli altri membri della mia famiglia , zii , cugini , soprattutto Angela , presenze assidue che la lontananza geografica , il tempo avaro e forse l’indolenza mi avevano fatto dimenticare e inevitabilmente allontanare .Voglio ringraziare anche la cerchia di amici , pochi ma sinceramente affettuosi che mi sono stati vicini in questi difficili momenti : Piera e suo marito Paolo ,Cinzia , Nicoletta Stefania . Con loro il tempo non ha avuto la meglio , non ha spezzato il filo di sincera ed autentica amicizia che ci lega .Spendo anche una parola per il mio ex marito …Al di là della scelta che ci ha allontanato è stato presente e di aiuto dimostrando affetto per chi nella malattia lo ha cercato , lo ha chiamato …Ventiquattro anni di vita con me e con loro che lo avevano accolto come un figlio sono un lungo tempo carico e di dispiaceri ma forse anche di cose belle .Lo ringrazio ed ammetto che è stato migliore di me in occasioni passate . Colgo anche l’occasione per ringraziare i medici , gli infermieri ,le badanti , il fisioterapista ,l’assistente sociale e le collaboratrici della cooperativa che mi hanno aiutato e che hanno reso più”umano “ il cammino della sofferenza …Ho pensato soprattutto alla fine che gli angeli non stanno in cielo ,ma sulla terra …Mi riferisco alla dott. Cinzia Ciriani del reparto di Cure Pagliative dell’Ospedale di Livorno e del personale medico del reparto di Terapia Intensiva sempre dello stesso complesso ospedaliero …Non so come avrei fatto senza di loro …Sono stati semplicemente eccezionali , nella loro umanità , competenza e sincera partecipazione –Ringrazio anche gli amici virtuali con i quali son solita scambiarmi messaggi e commenti .Grazie per le parole di conforto , di incoraggiamento e per le inaspettate e per questo preziose offerte di aiuto .Un ringraziamento anche ai colleghi di lavoro che mi hanno coperto e reso possibile la vicinanza ai miei .Anche con loro le cose cambieranno. Non tutti gli alieni sono alieni ed ognuno di noi è un po’ alieno…

A volte non tutto il male vien per nuocere…la sofferenza ridimensiona , fa cogliere l’essenziale , eliminare il superfluo …Sono stanca , svuotata ma ho voglia di tornare alla normalità , al lavoro , alla piatta ma a questo punto rilassante quotidianità …Ho voglia di ripartire con la promessa fatta a me stessa di cercare di essere migliore di come sono …Portando come baluardo l’esempio di chi ho perso …e donando quello che mi hanno insegnato col bene che mi hanno fatto …Il” Pinocchio “diventerà bambino …o forse ADULTO .

11833555
Papà e mamma mi hanno lasciato a distanza di 10 giorni l’uno dall’altro …I tempo è stato non tempo .Scandito da ultimo solo da rumori ripetitivi , il gorgogliatore di ossigeno e l’insufflatore d’aria del materassino antidecubito .E poi il respiro che gradualmente si è fatto leggero , superficiale ,... (continua)
Post
28/11/2010 18:44:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. p0ladani 29 novembre 2010 ore 08:02
    come in un lampo in una situazione triste possiamo capire l'essenza della vita...hai parlato con il cuore...hai capito! con il cuore e con l'anima hai ACCETTATO un dolore che pensavi impagabile:staff...hai capito che...è fondamentale
    Lo scopo era quello di rimanere insieme , uniti , a colui con il quale abbiamo vissuto una vita e senza il quale anche la vita non ha più nessuna ragione .In questo tragico percorso ho avuto la chiara e netta percezione di quello che si chiama Amore

    e hai "trovato" o meglio "riscoperto" i tuoi figli e la TUA FAMIGLIA
    e questo seppur nel dolore...è amore! i tuoi ti hanno lasciato una vera ricchezza "siete speciali":staff
    Paola
  2. p0ladani 30 novembre 2010 ore 13:28
    potrebbe alleviare un po' il dolore di questo tuo momento di vita (leggila al plurale..purtroppo hai perso nel giro di poco ben due persone care anzi! le persone ,tolti i figli ,a te piu' care..il tuo papa' e la tua mamma!)

    LA STANZA ACCANTO
     
     
     Oggi come ieri
    La morte non è niente
    sono soltanto nascosto nella stanza accanto
    io sono sempre io,
    e tu sei sempre tu.
    cio' che eravamo prima uno per l'altra,
     lo siamo ancora.
    chiamami col mio vecchio nome,
    che ti è familiare:
    parlami nello stesso modo affettuoso
     che hai sempre usato.
    non cambiare il tono di voce,
    non assumere un'aria di tristezza.
    ridi come facevi sempre ai piccoli scherzi
     che tanto ci piacevano quando eravamo insieme.
    prega, sorridi, pensami
    il mio nome sia sempre
    la parola familiare di prima
    pronuncialo senza traccia di tristezza.
    la vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto.
    e' la stessa di prima,
    c'è una continuità che non si spezza.
    perchè dovrei essere fuori dalla tua mente,
    solo perchè sono fuori dalla tua vista?
    ti sto aspettando, solo per un attimo,
    in un posto qui vicino,
    proprio dietro l'angolo
    Sono solo... nella
    Stanza accanto,
     
     
     
    Henry Scott Holland

    Ti abbraccio:staff Paola


  3. p0ladani 30 novembre 2010 ore 20:19
    Sono stanca , svuotata ma ho voglia di tornare alla normalità , al lavoro , alla piatta ma a questo punto rilassante quotidianità …Ho voglia di ripartire con la promessa fatta a me stessa di cercare di essere migliore di come sono

    forza allora...da quel che ho capito hai delle brave e buone colleghe e amici qanche "qui"!:staff ....piano piano poco poco...tieni ben conservati i ricordi dei tuoi grandi genitori nel taschino del cuore e anche con un timido sorriso...riprendi la vita per mano proprio come ti hanno insegnato mamma e papa':staff
    Ti abbraccio:staff Paola
  4. p0ladani 01 dicembre 2010 ore 08:21
    :staff in questo 1° giorno di dicembre!:staff Paola
  5. p0ladani 02 dicembre 2010 ore 07:53
    :staff...è il mese che portera' l'inverno e il Natale...e il tuo e quello dei tuoi figli sara' un natale diverso...ma non fatevi avvolgere dalla tristezza...siete UNA FAMIGLIA...e avete il calore dei vostri cuori...i vostri cari anche se non li vedrete..li "sentirete" perche' saranno con voi!:staff Paola
  6. p0ladani 02 dicembre 2010 ore 20:20
    :staff
    Paola
  7. p0ladani 03 dicembre 2010 ore 07:52
    :staff
  8. p0ladani 03 dicembre 2010 ore 20:57
    se vuoi....sai come trovarmi:staff
  9. p0ladani 06 dicembre 2010 ore 07:42
    spero che tu ed i tuoi figli stiate meglio...un forte abbraccio:staff salutami Ele:staff
    Paola
  10. p0ladani 06 dicembre 2010 ore 20:41
    :staff
    Paola
  11. p0ladani 09 dicembre 2010 ore 19:58
    stai riuscendo a gestire questo tuo dolore?:staff...hai ripreso il lavoro? sei riuscita a riposare o a stare con i tuoi figli in questi giorni festivi?:staff Paola
  12. p0ladani 10 dicembre 2010 ore 19:57
    :staff Paola
  13. p0ladani 11 dicembre 2010 ore 20:29
    aiuta molto in queste situazioni dolorose...:staff ti abbraccio forte:staff
    Paola
  14. p0ladani 12 dicembre 2010 ore 09:54
    spero che tu stia meglio:staff Paola
  15. Anastasia59 12 dicembre 2010 ore 10:05

    Ciao Paoletta ...Tornata a casa a raccoglier i pezzi di noi ...tornata al lavoro che aiuta strano a dire ...tornata con la consapevolezza di avere due figli meravigliosi ed una famiglia veramente eccezionale ...ti par poco ? e loro come hai detto tu attaverso le parole di un grande poeta sono solo ...nella stanza accanto ...Sono nel cuore e nella mente in quello che siamo ed in quello che diventeremo ,nell'Amore che ci hanno insegnato attraverso l'ultimo gesto ...ti abbraccio a presto Rosella

  16. p0ladani 14 dicembre 2010 ore 08:44
    e che bello "sentirti" dire...
    "Tornata a casa a raccoglier i pezzi di noi ...tornata al lavoro che aiuta strano a dire ...tornata con la consapevolezza di avere due figli meravigliosi ed una famiglia veramente eccezionale "

    No non è poco! e' l'amore che devi continuare a vivere e a portare nel taschino del cuore...ci sono amori che si vedono e amori che rimangono ricordi indelebili quello per i  tuoi cari e' ricchezza perche' ti ha insegnato a "vedere" "sentire" e ti dara' vedrai la forza di andare avanti nei momenti "no" lì ricorderai tutto cio' che tua mamma e tuo papa' ti han lasciato in eredita'...
    Un forte abbraccio:staff e forza((:urlo)):staff tanto "loro" sono nella stanza accanto e sentono e vedono tutto!:smile
  17. p0ladani 15 dicembre 2010 ore 07:55
    :bye Paola
  18. p0ladani 16 dicembre 2010 ore 13:03
    :bye un abbraccio:staff Paola
  19. p0ladani 17 dicembre 2010 ore 16:03
    :bye un abbraccio:staff Paola
  20. p0ladani 19 dicembre 2010 ore 15:04
    dovrebbero essere di 45 ore:ok....ma un salutino veloce un abbraccio:staff ed un sorriso:smile riesco a trovare il tempo per farterli!:bye sii serena anche se capisco che questo sara' un Natale triste ma e' sempre un giorno di AMORE:staff Paola
  21. p0ladani 20 dicembre 2010 ore 14:21
    non ho soldi((:urlo)):smile....ma ho due figlie splendide e saranno loro il mio Natale:wow ti abbraccio:staff Paola
  22. p0ladani 21 dicembre 2010 ore 20:50
    a natale...cerca di esser serena...goditi i tuoi figli:staff e non piangere...le lacrime non servono e non fanno miracoli:staff...un abbraccio:staff

    http://img100.imageshack.us/img100/1025/00bd5zr1qk2.gif


Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.