__________________________________________________

21 agosto 2009 ore 14:07 segnala
Ci piace pensare di essere coraggiosi, desiderosi di esplorare terre sconosciute e fare nostre nuove esperienze, ma il punto e' che siamo sempre spaventati. Forse il terrore e' parte dell'attrazione. Alcune persone guardano i film dell'orrore. Noi apriamo le cose, ci tuffiamo in acque oscure. E alla fine della giornata, non e' quello di cui vorresti sentir parlare
se hai un drink, un'amica e 45 minuti? I sentieri tranquilli conducono a storie noiose. Un piccolo disastro... e' quello di cui vale la pena parlare.
11059339
Ci piace pensare di essere coraggiosi, desiderosi di esplorare terre sconosciute e fare nostre nuove esperienze, ma il punto e' che siamo sempre spaventati. ...
Post
21/08/2009 14:07:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment

__________________________________________________

21 agosto 2009 ore 13:50 segnala
"Tutti ci ricordiamo le fiabe della nostra infanzia...la scarpa che calza a Cenerentola,la rana che si trasforma in principe, la bella addormentata che viene svegliata da un bacio. C'era una volta... e poi vissero felici contenti. Favole... sono piene di sogni. Il problema è che le favole non si avverano. Sono le altre storie... quelle che iniziano con le notti buie tempestose e che finiscono nell'indescrivibile, sono gli incubi che sembrano sempre diventare realtà. La persona che ha inventato la frase "felici e contenti" dovrebbe essere presa a calci.""C'era una volta...Per sempre felici e contenti... Le storie che ci raccontiamo sono solo dei sogni. Le favole non diventano realtà La realtà è molto più tempestosa. Molto più buia. Molto più spaventosa. La realtà è davvero molto più interessante
del "vivere per sempre felici e contenti"
.

__________________________________________________

07 novembre 2008 ore 01:32 segnala
Qualche volta quando sei giovane, pensi che nulla possa farti del male. É come essere invincibile. Hai tutta la tua vita davanti a te, e hai dei piani grandiosi. Ma quando cresci, ti rendi conto che non è sempre così semplice. E fino alla fine della tua vita, non ti rendi conto che i piani che avevi fatto erano solo dei semplici piani. Perché alla fine, quando ti guardi indietro invece che avanti... vuoi credere che hai fatto la maggior parte delle cose che la vita ti ha dato. Vuoi credere che stai lasciando qualcosa di buono dietro di te. Vuoi che tutto abbia avuto un significato.

__________________________________________________

06 novembre 2008 ore 00:28 segnala
Lo sguardo profondo dei tuoi occhi, l'odore inebriante della tua pelle, la forza delle tue forme, il basso suono della tua voce. Tutto fa vibrare il mio desiderio per te. E nell'attesa dell'incontro pensieri soavi percorrono la mia mente.

__________________________________________________

06 novembre 2008 ore 00:15 segnala
Ti sei mai chiesto cosa accadrebbe se tu non fossi più te stesso? Se improvvisamente te ne andassi? Come reagirebbe il mondo? Qualunque cosa tu immagini è sbagliata. Non c’è nulla di romantico nella morte.

__________________________________________________

05 novembre 2008 ore 01:09 segnala
La parte più difficile del dire addio... è doverlo fare ogni volta, ogni singolo giorno. Ogni giorno affrontiamo la stessa realtà... che la vita è fugace. Che il nostro tempo a disposizione è breve e per onorare chi non ce l’ha fatta siamo tenuti a vivere bene le nostre vite.

__________________________________________________

17 ottobre 2008 ore 00:55 segnala

..PER VOI L’UNIVERSO HA UNA FINE?....

... l’universo sarebbe finito ma illimitato...

__________________________________________________

30 agosto 2008 ore 00:52 segnala
IMPARERO’ A CAMMINARE DA SOLO

OGNI GIORNO CON UN PASSO NUOVO.

__________________________________________________

29 agosto 2008 ore 17:07 segnala
PER CHI INTRAPRENDE

COSE BELLE E’ BELLO SOFFRIRE,

QUALSIASI COSA GLI TOCCHI.

 

 

 

Platone

__________________________________________________

29 agosto 2008 ore 17:02 segnala
E’ UNA BELLA

PRIGIONE IL MONDO .

 

 

W. Shakespeare