i minori

19 aprile 2009 ore 12:31 segnala
fino a sei mesi fa non avevo bene in mente cosa avrei fatto e di cosa mi sarei occupata...anche  perchè da poco mi ero trasferita in una città diversa e quindi il mio futuro era completamente incerto... però c'è da dire che prima di allora ero una persona molto cinica e superficiale...fino a che  non vidi un annuncio sul giornale che una comunità di un paese vicino al mio cercava del personale praticamente volontario da inserire nel proprio organico...si offriva solo le spese di trasporto...bene decisi che forse avrei potuto tentare! feci il colloquio e mi assunsero...di cosa mi occupavo? di minori..............................per lo più stranieri di paesi dove c'è la guerra o di minori che vengono da famiglie disagiate e con problemi personali molto gravi...all'inizio ho avuto paura nel focalizzare la mia posizione all'interno della comunità poichè non essendo un educatrice e non sapendo bene come muovermi...praticamente mi muovevo alla cieca in un ambente che non avevo mai conosciuto prima...ma poi ho scoperto che mi risultava facile parlare con loro, e mi rendo conto che forse questa esperienza stava cambiando anche me...all'interno di questa comunità ci sono 9 ragazzini tutti di nazionalità diverse addirittura di nazioni che attualmente si fanno la guerra...ed è sorprendente vederli gicare insieme ridere e a volte anche vederli litigare per il telecomando della tv...ma la cosa più bella sapete qual'è sapere che tu per loro sei importante perchè vengono da te per confidarsi per ridere e a volte solo per il semplice contatto affettivo...ragazzi il progresso ci sta inaridendo..ci stiamo dimenticando che non siamo macchine ma esseri umani e abbiamo bisogno anche noi di ridere di piangere e di voler bene senza pregiudizi...ora sono tornata a napoli per una breve vacanza ma tra qualche giorno ritornerò dai miei ragazzi...un saluto a tutti quelli che fanno questo tipo di lavoro...