ma cos'è successo ai nostri bambini???

10 ottobre 2011 ore 11:31 segnala
Questo è un articolo datato 8 ottobre 2011…

Tre ragazzine in età compresa tra gli 8 ed i 10 anni hanno sotterrato 3 gattini vivi, che si sono salvati semplicemente perché alcuni adulti sono intervenuti salvando i micini e sgridando le bambine che si sono giustificate dicendo di averlo fatto solo per gioco. E' successo qualche giorno fa in provincia di Ascoli Piceno ed è solo l'ultima delle circa duecento segnalazioni ricevute quest'anno dall'associazione animalista Aidaa (Associazione italiana difesa animali e ambiente).
Secondo la stima degli attivisti sono circa 400 gli animali che nel corso dell'anno sono stati massacrati da gruppi di bambini ed adolescenti in età compresa tra gli 8 ed i 14 anni. "La quasi totalità dei casi - spiega l'Aidaa - vede coinvolti cani o gatti e le segnalazioni arrivano dal centro-sud Italia in particolare da Sicilia, Calabria, Puglia e anche da Marche e Lazio, ma non mancano anche segnalazioni di cani seviziati nelle regioni del cento-nord. I casi di cui stiamo parlando riguardano atti di crudeltà efferata che nella stragrande maggioranza dei casi portano alla morte tra atroci sofferenze dell'animale e riguardano cani e gatti, mentre per quanto riguarda la statistica degli autori dei reati, sono commessi da bimbi e ragazzi in età compresa tra gli 8 ed i 14 anni e quindi non punibili".
"La maggior parte dei reati e dei maltrattamenti - spiega ancora l'associazione - avvengono nei confronti di cuccioli di cani randagi che vengono picchiati fino alla morte, in alcuni casi impiccati e bruciati vivi. Per quanto riguarda i gatti si tratta invece di maltrattamenti sui cuccioli che vengono sia picchiati che uccisi o a bastonate o in alcuni casi affogati per gioco".


Secondo me… fra i motivi che portano dei bambini a fare gesti così brutali c’è tutta la violenza che i media… ma soprattutto i videogames… propongono loro quotidianamente… “Dalla realtà virtuale alla violenza reale”
E noi genitori ed educatori dovremmo porci seriamente la domanda “cosa possiamo fare” per evitare che accadano determinate cose?
I videogiochi violenti disturbano la personalità dei ragazzi, favorendo l' aggressività fisica. Ma non solo: l' aggressività dura per parecchio tempo dopo l' uso dei videogiochi.
Il ruolo dei vecchi schemi narrativi dei giochi per bambini era quello di conferire un significato ed una direzione alle emozioni quali la rabbia, la paura, la gioia e il dolore. Il gioco simbolico permetteva il riconoscimento delle emozioni profonde e l' individuazione di strategie per gestirle; il consolidamento di queste strategie era la base per stabilire relazioni sociali significative.
Oggi, con i videogiochi, l' immersione in queste emozioni non consente di distanziarsene e di gestirle». Il rischio è di creare generazioni di adulti incapaci di collocare, distanziare e padroneggiare le emozioni.
Secondo me è fondamentale imparare a conoscere e capire le reazioni di propri figli…. Ed è importantissimo riuscire a controllarli… soprattutto di fronte ai pericoli…
il fattore del controllo esercitato dai genitori rappresenta un importante elemento atto ad influenzare i bambini. Se a casa vengono imposti limiti sia sul tempo trascorribile con i videogiochi, sia sul loro contenuto, i bambini subiscono in misura minore gli effetti negativi.
Ed è necessario che i genitori siano maggiormente consapevoli dei rischi che i loro figli corrono dedicandosi ai videogiochi.
E’ anche importante che genitori parlino con i propri figli sulla questione della violenza, sottolineando l’inopportunità di adottare comportamenti aggressivi per risolvere i loro problemi personali.
19b63365-d846-4b8d-a61b-ddb8806048cb
Questo è un articolo datato 8 ottobre 2011… Tre ragazzine in età compresa tra gli 8 ed i 10 anni hanno sotterrato 3 gattini vivi, che si sono salvati semplicemente perché alcuni adulti sono...
Post
10/10/2011 11:31:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. io.pensierino50 10 ottobre 2011 ore 11:41
    la colpa e dei genitori, (troppo impegnati) ma questa è una scusa, una volta la mamma seguiva i figli per i compiti ecc. ora la mamma va dall'estetista e il papà in palestra, e i figli davanti alla tv!!!
    buon inizio settimana ... :rosa
  2. animabella64 10 ottobre 2011 ore 11:47
    la penso come te pensierino... e purtroppo quando tornano dall'estetistae dalla paletra... sono troppo impegnati a farsi gli affari loro... per prestare attenzione ai comportamenti del figlio...
    Grazie del tuo commento...
    Tiziana
  3. io.pensierino50 10 ottobre 2011 ore 11:55
    riordo che dopo carosello ci mandavano a letto, solo il sabato sera si poteva uscire fino a mezzanotte, poi la cosidetta civiltà e progresso ci ha portato a oggi, e quando accadono certi fatti vien da dire " si stava meglio quando si stava peggio" ...buona giornata
  4. animabella64 10 ottobre 2011 ore 11:58
    si.. la frase "si stava meglio quando si stava peggio" in quasto caso è più in voga che mai...
    Buona giornata a te...
  5. Evelin64 10 ottobre 2011 ore 12:24
    Sai Tiziana, cio' che contiene il tuo post è a mio avviso il decadimento effettivo dei valori, i quali per mancanza di insegnamenti son andati in via di estinzione, fino a morire del tutto! I bambini di oggi non hanno gli stimoli giusti per sviluppare la fantasia nel modo corretto che ci impone l'odierna civiltà, poiche' subiscono a mio avviso troppe informazioni fasulle sul come comportarsi nella società moderna. Se penso aggli orrori da te descritti, mi vien da pensare che il prossimo passo sarà l'omicidio, per poi ovviamente non pagare la colpa, poichè la TV ci insegna come fare per deviare il corso della giustizia!! Sono troppi ormai i casi di bambini emarginati, i quali forse in assenza dei videogiochi, come ben dici, occupano la loro mente giocando con i "lego", in modo che sia costruttiva e non distruttiva come per altri!!
    Temo si sia giunti a dei livelli altissimi di disattenzione del futuro dei nostri figli, poichè non scordiamoci, i ragazzi di oggi son figli della NOSTRA generazione!!
    Molto interessante il tuo post cara.....mille grazie per avermi dato modo di riflettere :-)
    Buona giornata...Evelin :bye
  6. nuvola.61 10 ottobre 2011 ore 16:56
    vero i ragazzi vanno seguito ora più che mai ,hanno bisogno di regole e certezze ,e anche uno sculaccione quando serve ,invece si lasciano liberi senza nessun controllo ,tutto ciò poi crea questi spiacevoli episodi ,ciao buon pom. :rosa
  7. Lucrezya57 10 ottobre 2011 ore 16:57
    buon pomeriggio Tiziana mi associo al vostro parere ritengo che da quando internet è diventato il passatempo dei piccoli giovani di oggi non si sente altro che parlare di violenze...in questo caso non do tutta la colpa ai genitori perche anche nelle scuole stesse si cerca di fare stare i ragazzi sui pc dimostrazione???? atti vandalici in tutti i sensi e specialmente sugli esseri indifesi....bel post lucrezya
  8. astro42 11 ottobre 2011 ore 12:36
    Oggigiorno è diventato un grosso problema. Come è già stato detto, educare alla non violenza dovrebbe essere dovere primario di ogni istituzione educativa ed in famiglia si deve aiutare i bambini a correggersi e a dominare la propria aggressività.

  9. tecerco 11 ottobre 2011 ore 21:36
    Certamente quelli che tu hai descritto sono dei reati. La legge, se non sbaglio prevede che quando i minori non sono perseguibili penalmente, debbano rispondere dei loro atti i loro genitori.Non so cosa prevede il codice, ma se per caso dovesse prevedere "soltanto" sanzioni amministrative a carico dei genitori, IO non sono assolutamente d'accordo. I genitori DEVONO educare i figli e DEVONO controllare i figli. Io non generalizzo e non attribuisco a videogiochi e quant'altro la responsabilità di atti delittuosi del genere. Magari i videogiochi hanno una loro minima incidenza, ma i colpevoli da mandare alla sbarra ci sono e sono i genitori di questi ragazzi. Non leggo in quanto ci hai esposto, se i genitori sono stati inquisiti e se sono in attesa di processo oppure no. Manca questo, in questa nostra Italia. Manca la sicurezza che ci sia un colpevole ed un responsabile di delitti o tentati delitti così efferati.Non è consentito mettere al mondo figli, se non ci si assumono grandemente le proprie responsabilità di genitori. Chi sbaglia, ha da pagare. Semmai sovessi leggere sul giornale...un giorno x...che un certo genitore ed una certa genitrice sono andati in galera per il misfatto commesso dal loro figlio minore, quel giorno sarò certo che cominciamo a voltare pagina.
    Un saluto caro.
  10. gandalf3 13 ottobre 2011 ore 14:41
    Sono senz'altro d'accordo nell'attribuire buona parte delle colpe ai videogames.
    Ma anche la famiglia ha immense responsabilità,nel non seguirli a sufficenza,nell'accontentarli al minimo capriccio altrimenti...e cosi' via.A cosa andremo incontro?Dobbiamo esser più presenti e coinvolgenti nelle vite dei nostri ragazzi...
  11. LadyFlowery.70 15 ottobre 2011 ore 10:36
    TIZIANA,,,,,,,,
    :batacar xun comm.
    un salutino...
    .......
    :kissy :kissy :bacio :rosa %-) :ok
  12. Lucrezya57 15 ottobre 2011 ore 18:32
    cucusettete sono tornata alla grande e ti lascio il mio saluto di questo sabato ciao stupenda creatura.....i valori vengono spazzati via dalle promiscuità e che vita si sta facendo come vedi i ragazzi non sono che ragazzi violenti bulli e quanto altro....non c è più religione!!!!
  13. did.lina 16 ottobre 2011 ore 21:37
    Quanta tristezza! I nostri bambini altro non sono se non il frutto di una società malata, ormai priva di valori, dove i genitori stanno abdicando al loro ruolo. Un post che fa riflettere!
    Ciao, buona settimana entrante :-))
  14. 112lagazzelladeicc 17 ottobre 2011 ore 09:14
    Troppa tv, troppo viziati e genitori troppo superficiali, si era mai visto che per un brutto voto a scuola alcuni genitori anziche sculacciare i propri figli hanno pensato bene di picchiare i professori? Ciò significa che il mondo è marcio, siamo alla deriva e si salvi chi può...Buona giornata Tiziana e buon inizio settimana.
  15. Dolcenera.60 17 ottobre 2011 ore 14:47
    Biblicamente parlando siamo all'inizio della fine...oramai non tutto è più come prima...basta guardare le stagioni...tutto è cambiato anche la crescita dei nostri figli...perchè purtroppo non esistono nemmeno più i genitori di un tempo...il progresso si è sempre detto è un regresso... Che Dio ci aiuti. Ciao Tiziana.
  16. LadyFlowery.70 18 ottobre 2011 ore 12:27
    TIZIAAN.
    ti ho persa perbacolina....
    ......
    :kissy :kissy :cuore :rosa %-)
  17. nuvola.61 18 ottobre 2011 ore 12:36
  18. Lucrezya57 18 ottobre 2011 ore 14:14
  19. v.oglioridere 18 ottobre 2011 ore 14:56
    ...senza voler indagare sulle responsabilita' di tali comportamenti ...perche' tutti noi siamo responsabili ...ad iniziare dagli educatori...insegnanti ....genitori ....mass media ....il problema e' che le nozioni fondamentali non vengono impartite ....bastava a questi bambini insegnare che cos'e' un essere vivente ..e il rispetto che ci vuole verso la vita ...facendo chiarezza che il cucciolo maltrattato non e' un gioco ma un essere vivente che prova sofferenza....e' banale cio' ma mi rendo conto che piu' i nostri figli vengono infarciti di nozioni ...e piu' si allontanano dalla comprensione dell'esistenza e della vita ....maaaaaah apresto
  20. animabella64 19 ottobre 2011 ore 07:57
    Grazie a tutti amici cari... per i Vostri passaggi e i Vostri commenti...
    Un abbraccio a tutti Voi....
    Tiziana :rosa
  21. cucciola.42 19 ottobre 2011 ore 23:20
  22. 112lagazzelladeicc 20 ottobre 2011 ore 11:22
    Grazie a te che scrivi post istruttivi e che fanno pensare... Buona giornata, ciao, Luigi...
  23. Lucrezya57 20 ottobre 2011 ore 19:21
  24. animabella64 21 ottobre 2011 ore 08:07
    Lulù.... :bacio
  25. astro42 21 ottobre 2011 ore 09:25
    Grazie del commento. :batarosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.