Storiella

26 aprile 2011 ore 20:15 segnala
Vorrei poter raccontare le cose che a volte mi passano per la mente. Vi sono alcune idee che messe nero su bianco darebbero vita a qualcosa di bello. Basterebbe prendere un foglio di carta ed una biro e cominciare a scrivere appena arriva il segnale. Purtroppo il segnale arriva quasi sempre mentre stai facendo qualcos’altro che non vuoi smettere di fare, così quando poi prendi penna e carta non riesci più a mettere a fuoco quella sensazione che ti aveva prospettato la possibilità di scrivere qualcosa d’interessante. Ho anche un vecchio computer che spesso va in tilt con il quale mi diverto ad aggiornare gli archivi di un programma per il gioco del lotto e a fare statistiche e previsioni sognando vincite milionarie che si ostinano a non arrivare. Una mattina stavo aspettando che aprisse lo sportello di una banca perché dovevo fare un bonifico per pagare l’affitto della casa di mia figlia che studia a Bologna, stavo osservando un signore che sistemava della verdura su di un bancone improvvisato per strada. Sicuramente si trattava di un pensionato che cercava di arrotondare la pensione raccogliendo verdura per poi rivenderla. Erano tutte verdure spontanee: bietole selvatiche, finocchio selvatico, borragine, cicoria e qualcos’altro. Improvvisamente vidi il vecchietto correre e mi girai d’istinto per guardare cosa fosse accaduto. Un signore era caduto per terra; corsi anch’io verso quel signore e insieme l’aiutammo ad alzarsi. Era tutto indolenzito, ma si capì subito che a parte il dolore, non aveva subito danni seri. Ritornammo io ad appoggiarmi al muro della banca ed il vecchietto a sistemare le sue verdure. Passarono due cani randagi, il primo era vigoroso ed in ottima forma, il secondo invece salterellava su tre piedi. Il primo ogni tanto si fermava a guardare dietro per vedere se il suo compagno di viaggio riuscisse a tenere il passo e di tanto in tanto quando si accorgeva di averlo distanziato, si fermava ad aspettare per riprendere il cammino non appena l’altro era vicino. La solidarietà tra animali a volte supera quella umana. Ma questo è un discorso che faremo in altre occasioni. Potrei andare avanti con il raccontare episodi di vita osservati o vissuti ma non sarei comunque riuscito a trasmettere quei pensieri latenti che affollano la mia mente, perché più ci penso e più mi rendo conto che in realtà gran parte della nostra vita avviene all’interno del nostro cervello. Fateci caso, spesso cerchiamo di gestire gli eventi piombati nella nostra esistenza come qualcosa che qualcuno a causato e noi povere vittime dobbiamo subire cercando di limitare i danni che tali eventi possono causare alla nostra esistenza. In realtà è la nostra mente a incamerare, rielaborare e interpretare gli eventi esterni interiorizzandoli e facendoli diventare un nostro problema. Mi spiego meglio, metti per caso che incontri un cane ferito per strada e ti impietosisci per il suo stato di salute. Lo avvicini, lo accarezzi stacchi un pezzo di pane dalla forma che avevi comprato per casa e ti allontani di nuovo. Fin qui nulla di strano. Mentre ti allontani noti che il cane comincia a grattarsi, tu ormai sei lontano e la cosa non dovrebbe più riguardarti, invece hai notato che quel cane continua a grattarsi con insistenza. Se tu non avessi osservato quella scena a quest’ora staresti camminando felice verso casa certo di avere fatto una buona azione da raccontare agli amici alla prima occasione, ma, purtroppo per te ti sei girato a guardare ed hai visto che il cane si stava grattando. Ti giri ancora una volta e vedi che il cane continua a grattarsi e a questo punto cominci ad avvertire un certo senso di prurito e cominci a grattarti, noti che ti stai grattando e cominci ad agitarti. E se quel cane aveva le zecche? E se qualche zecca mi fosse saltata addosso? Più ci pensi e più ti agiti. Arrivi a casa in preda al panico vai a farti una doccia per cercare di allontanare quel prurito che ormai è continuo anche dopo la doccia. A questo punto sei già in preda al panico, ma un filo di razionalità ti dice che potresti anzi dovresti fare qualcosa per sistemare questa faccenda che ora si sta complicando. Si forse conviene andare al pronto soccorso e raccontare i fatti, magari loro con la loro esperienza potranno fare qualcosa per questo prurito, magari mi consigliano qualche prodotto da usare contro le zecche. Si vado al pronto soccorso, altrimenti non vivo più. Ti infili un giacca, prendi le chiavi della macchina e ti avvii verso il garage continuando a grattarti. A questo punto come per miracolo vedi in lontananza un cane ferito al guinzaglio, è quel cane a cui hai fatto la carezza e a cui hai dato il pezzo di pane e adesso è al guinzaglio e c’è una bella signorina che sembra rimproverarlo per essere scappato e consolarlo per essersi ferito, ora il cane non ti sembra più un randagio anzi ti sembra addirittura un cane ben curato e pulito; ti avvicini e spieghi alla signorina che intanto ha preso in braccio il cane e se lo sbaciucchia per consolarlo che avevi visto quel cane e gli avevi dato da mangiare. Lei ti ringrazia spiegandoti che il cane era scappato per inseguire una cagnolina mentre lei lo stava portando a spasso per il bisognino e adesso lo stava portando dal veterinario per fargli curare la ferita perché lo aveva visto finire contro una macchina e continuare a correre dietro quell’amore a prima vista nonostante la ferita. Nel sentire questo racconto dici alla signorina che sei felice per lei e per il suo cane ritrovato e ti accorgi che il tuo prurito è sparito e la tua agitazione è scomparsa e sicuramente alla prima occasione racconterai agli amici la storia di un cane ferito incontrato per strada a cui hai dato un tozzo di pane, ma del prurito e degli altri pensieri meglio non parlarne. Fine della storiella. Ciao!!!!!
218eec6d-4363-43d6-864e-146a1d47e2ae
Vorrei poter raccontare le cose che a volte mi passano per la mente. Vi sono alcune idee che messe nero su bianco darebbero vita a qualcosa di bello. Basterebbe prendere un foglio di carta ed una...
Post
26/04/2011 20:15:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. CHRISTY76 26 aprile 2011 ore 20:40
    Mi piace quello ke scrivi......Buonasera :fiore

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.