Don't hug me again

08 giugno 2012 ore 15:17 segnala


A volte si sceglie di allontanare qualcosa, anche se non è ciò che vogliamo...
e questo penso faccia più male che perderla.
Nella perdita prima o poi c'è la rassegnazione e magari si dimentica anche...
Nel caso di una scelta, pur sapendo esser questa quella giusta ma che tuttavia non è in realtà ciò che vogliamo... resta il dover convivere col fatto d'averla presa, una sorta di colpa "giusta".
Si comprende e si acquisisce inoltre una certa conoscenza del noi stessi, la consapevolezza di come agiamo a seconda della nostra "ragione" e che quello è il nostro modo di essere... che nell'analoga situazione agiremo allo stesso modo, nonostante da qualche parte in noi una vocina grida contraria e vorrebbe prenderci a schiaffi...
Non credo però che questo si possa definire precisamente rimorso.

Per quanto riguarda la canzone che ho linkato sopra, beh... credo non sia semplice descrivere l'attinenza e del perchè si scelgano determinate canzoni come "colonna sonora" a situazioni vissute.
Sarei curioso di leggere l'interpretazione che le da chi l'ha ascoltata e che magari sta leggendo il mio post, con rispettivi commenti.

Questa canzone fa parte dei brani usati nel film "The next three days", un bel film...
f036fc98-48c0-4cbf-a402-ea0a328b31ab
« video » A volte si sceglie di allontanare qualcosa, anche se non è ciò che vogliamo... e questo penso faccia più male che perderla. Nella perdita prima o poi c'è la rassegnazione e magari si dimentica anche... Nel caso di una scelta, pur sapendo esser questa quella giusta ma che tuttavia non è ...
Post
08/06/2012 15:17:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.