Dai il meglio di te

11 febbraio 2010 ore 16:51 segnala
Se fai il bene, ti attribuiranno
secondi fini egoistici
non importa, fa' il bene.
Se realizzi i tuoi obiettivi,
troverai falsi amici e veri nemici
non importa realizzali.
Il bene che fai verrà domani
dimenticato.
Non importa fa' il bene
L'onestà e la sincerità ti
rendono vulnerabile
non importa, sii franco
e onesto.  
Dà al mondo il meglio di te, e ti
prenderanno a calci.
Non importa, dà il meglio di te

Dipendenza Affettiva

07 febbraio 2010 ore 21:15 segnala
Dipendenza: fisica e/o psicologica, è quell'insieme di meccanismi che costringono alla continua ricerca della droga. La componente psicologica è sempre presente, seppur con intensità variabile in base alla singola sostanza e alla durata dell'abuso. La dipendenza psicologica è una coazione a ripetere, cioè un impulso irresistibile a procurarsi nuovamente la droga per rivivere l'esperienza piacevole che essa ha procurato. Dal punto di vista mentale, quindi, è uno stato comprensibile e anche superabile, con una buona dose di motivazione e forza di volontà.
 
 
6 la mia droga

Palestra

07 febbraio 2010 ore 21:02 segnala
L'unico modo per vedere se ci sono miglioramenti dopo la fine di un allenamento è prendersi le misure.
Stò provando a seguire una scheda di allenamento della durata di 6 settimane , al termine delle quali le riprenderò . . . . per me al solito sarò sempre uguale ma se ci saranno miglioramenti sarà l'unico modo per notarli visto che vedendomi tutti i giorni le differenze addosso a me non le noto , proverò anche ad assumere creatina liquida e proteine nei giorni di seduta.

Petto                                    ------>      91

Braccia                                 ------>      33

Panza (altezza ombelico)     ------>     87

Coscia                                  ------>     91


Arrivederci tra 6 settimane !!!!!

CoDa

28 gennaio 2010 ore 19:12 segnala
Ci sono delle persone meravigliose all'interno del CoDa io credo , ho avuto modo di leggere qualcosa che mi ha aiutato a riflettere e a vedere le cose sotto un altro punto di vista aiutandomi a non colpevolizzarmi a non giudicarmi solo io sbagliato , vorrei riportarle affinchè possano essere di aiuto anche ad altre persone che anche se provano vergogna nel dirlo in quanto di sesso maschile so che esistono sò che ci sono e che di questi tempi sono anche più delle donne .
Si è giunti a una svolta nel ruolo dei sessi , non si può più parlare di sesso debole tra i rapporti , ho dovuto riscoprire la mia parte e posso dire che ora sono pronto ad affrontare un rapporto abbandonando i vecchi errori , ne farò di diversi ma non saranno più quelli di qualche anno fà.
Detto ciò riporto alcune righe :

Abbiamo scritto le cose più dolorose che avevamo provato nella vita e abbiamo scoperto che avevamo scritto una vita vissuta da vittima , noi non c’eravamo , non avevamo vissuto e gli altri avevano agito al nostro posto e la maggior parte delle volte era contro di noi.

Perfino gli altri si accorgono di come noi siamo dipendenti dalle persone come se fossero sostanze.
La dipendenza è qualcosa che concedendomi la sua presenza , mi permette di vivere.
Recuperarsi significa non usare più le persone per riempire il vuoto interiore e in cambio permettere abuso emotivo e mentale.

“la vita continua ad offrirmi opportunità per comprendere”

“voglio avere fiducia che ciò che mi sta succedendo ha un’importanza per me che forse ancora non capisco non è che pretendendo che un'altra persona sia come io vorrei che fosse che  migliorare la situazione , ma solo con il MIO cambiamento qualcosa nella mia vita può cambiare.

Se per stare bene con gli altri sto male con me stesso allora continuo a vivere nella disonestà e questo non porta a relazioni oneste ed appaganti.
Dipende da me che i miei si ed i miei no esterni coincidano con quelle interne.

“L’aver fede nel mio Potere Superiore ha aperto la porta della mia mente spirituale , che non è un “amore passionale” , ma la quiete dell’anima. È sentire che ho un posto in questo mondo , che sono importante in questo mondo , che questa vita è un “passaggio” in cui ho un impegno , un fine ;  quello di evolvermi in tutti i campi , ma soprattutto in quello spirituale . “

Stiamo imparando a vivere a prescindere dalla qualità  dell’affetto delle persone , perché l’amore è dentro di noi.
Gli altri sono solo uno strumento per farlo venire alla luce e non devono più essere gli unici responsabili della nostra felicità e del nostro benessere.

Signore ,
concedimi la Serenità
  di accettare le cose
 che non posso cambiare ,
 il Coraggio di cambiare
      quelle che posso
e la  di riconoscerne
        la differenza.

Non sono più controllato dalle mie paure.
Le supero ed agisco con coraggio , integrità e dignità

Conosco una nuova libertà.




Parentesi sulla palestra

28 gennaio 2010 ore 19:06 segnala
No no la dieta non fa per me , tra il lavoro e il fatto di abitare con i genitori non riesco proprio a seguire il regime alimentare che mi sarebbe piaciuto provare per vedere se mi dava qualche soddisfazione.
Purtroppo in questa settimana la palestra è andata a farsi benedire , sono stato malato causa gastrointerite , il mio lavandino non mi ha ringraziato quando sono andato da lui a vomitare per la terza volta nell'arco di una notte e il mio stomaco altrettando.
Ora sopo 3 giorni ho ripreso il lavoro ma mi sento debilitato , senza forze sicuramente ho già perso qualcosa in termini di potenza e mi da noia perchè è uno sport del cavolo basta poco e perdi i progressi , credo ci vorranno 2 settimana per tornare a pieno regime ed avevo appena trovato una scheda su una rivista che volevo seguire , volevo prendermi le misure prima e dopo la sessione di allenamento che dura 6 settimana , io mi vedo tutti i giorni quindi qualsiasi cosa posso fare mi vedo sempre uguale ma se mi prendo le misure posso contare su qualcosa di concreto !

Chi sono ?

27 gennaio 2010 ore 10:28 segnala
Chi sono?
di
Aldo Palazzeschi

 

 
       Son forse un poeta?
       No, certo.
       Non scrive che una parola, ben strana,
       la penna dell'anima mia:
5    "follia".
       Son dunque un pittore?
       Neanche.
       Non ha che un colore
       la tavolozza dell'anima mia:
10  "malinconia".
       Un musico, allora?
       Nemmeno.
       Non c'è che una nota
       nella tastiera dell'anima mia:
15  "nostalgia".
       Son dunque... che cosa?
       Io metto una lente
       davanti al mio cuore
       per farlo vedere alla gente.
20  Chi sono?
       Il saltimbanco dell'anima mia.

METRO: Versi liberi, con prevalenza di senari. (8 versi su 20) e poi ternari, novenari, endecasillabi.

L'esordio ricorda la Desolazione di Sergio Corazzini, ma qui il poeta-fanciullo diventa il "saltimbanco" della propria anima, tra "follia" e "malinconia", e con una superstite "nostalgia" di una condizione non mistificata; il poeta intende infatti mettere a nudo il suo cuore, in una vaga richiesta di corrispondenza, se non di comprensione e condivisione. Nel complesso, osserva Mario Pazzaglia, "c'è qui una demistificazione sofferta della condizione del poeta; certo, sminuita rispetto alle esaltazioni dannunziane (e anche pascoliane), ma vista come ancora capace di esprimere un'esperienza patetica aristocratica, una follia e una malinconia che appaiono ancora un segno d'eccezionalità in una società meschina che non chiede più nulla alla poesia. L'immagine finale del saltimbanco [...] è pur sempre un'immagine di libertà, di gioco magari pericoloso, ma che rifiuta la necessità imposta dal conformsimo, anche se appare chiusa in una solitudine malinconica di sradicato".
Io metto una lente davanti al mio cuore per farlo vedere alla gente.

Analisi 1

27 gennaio 2010 ore 10:24 segnala
Io gli offro qualcosa che non si può avere , un amore incondizionato come quello che da un padre a un proprio figlio , un figlio può fare qualsiasi cosa che un padre lo perdona sempre , lui ci sarà sempre per suo figlio , sa che può contare su di lui

Si ma vede quello che distingue un rapporto tra una persona e un rapporto famigliare è il fatto che  i genitori non si scelgono , la propria compagna si sceglie
Di solito sono le donne che hanno questi problemi e già là io dico che non devono fare le belle addormentate , di aspettare il principe che arriva a baciarle , si devono dare da fare.Ma lei è un uomo , è un principe , ha bisogno di qualcosa di + della bella addormentata: una corazza , una spada , un destriero….si deve dar da fare maggiormente!

Arriverà quel punto dove lei avrà le palle piene di essere trattato così , non è ancora arrivato a quel punto , ci siamo quasi ma non abbastanza

Delirio
Paura di non tornare più come prima?
Sapevo , credevo … speravo di ritornare in me , ci sarei ritornato solo che non sapevo dopo quanto tempo , minuti , mezz’ore , ore …. Sono immortale , non puoi uccidere chi è già morto! E allora di cosa hai paura? Di nulla io non ho paura di nulla

E ogni volta che mi bastonavano questi pensieri pensavo che sarei rinato che domani era un nuovo giorno per mettermi alla prova che forse non diverso da quello prima

" per oggi non bevo    .....  solo oggi ...... domani non lo sò non ci voglio pensare però oggi solo oggi oggi non bevo"

Dopo aver vissuto per 500 anni, la Fenice sentiva sopraggiungere la sua morte, si ritirava in un luogo appartato e costruiva un nido sulla cima di una quercia o di una palma.
Qui accatastava ramoscelli di mirto, incenso, sandalo, legno di cedro, cannella, spigonardo, mirra e le più pregiate piante balsamiche, con le quali intrecciava un nido a forma di uovo — grande quanto era in grado di trasportarlo. Infine vi si adagiava, lasciava che i raggi del sole l'incendiassero, e si lasciava consumare dalle sue stesse fiamme mentre cantava una canzone di rara bellezza.
Per via della cannella e della mirra che bruciano, la morte di una fenice è spesso accompagnata da un gradevole profumo. Dal cumulo di cenere emergeva poi un piccolo uovo, che i raggi solari facevano crescere rapidamente fino a trasformarla nella nuova Fenice entro la fine del giorno, dopodiché la nuova Fenice, giovane e potente, volava ad Heliopolis e si posava sopra l'albero sacro,
«cantando così divinamente da incantare lo stesso Ra»
[WIKIPEDIA]

Aforismi

17 gennaio 2010 ore 15:58 segnala
"L'amore "romantico" non ha un significato, o almeno un significato preciso; quando l'amore fra due esseri umani assume caratteristiche riconducibili al romanticismo (struggimento, comunione, affetto, passione anche fisica), questo viene definito amore romantico, per distinguerlo dal sentimento d'affetto verso i membri di una famiglia o verso altri esseri umani, o anche tra esseri umani e animali domestici. Non ha una definizione, non può averla: l'amore è semplicemente quella sensazione che può (iperbolicamente) "uccidere" una persona oppure renderla l'essere più felice del mondo. L'amore è l'amore, e se non lo si prova non si può capire, poiché non lo si può spiegare a parole; d'altra parte se lo si prova diventa difficile farne a meno e accontentarsi d'altro." ---> Wikypedia , significato della parola amore __________________________________________ "L'odio è un sentimento umano, che si esprime in una forte avversione o una profonda antipatia. Oltre all'innata capacità di provare sentimenti negativi nei confronti di un'altra persona, il termine odio viene usato in senso figurato per riferirsi alla forma più estrema di rifiuto verso cose o persone. A differenza dell'amore, l'odio non è necessariamente preceduto dalla volontà d'espressione: può, infatti, essere causato per costrizione, proprio malgrado. Viene inoltre considerato comunemente in contrapposizione all'amore; di fatto i due sentimenti possono essere accostati per l'intensità e l'impeto. Dal punto di vista emozionale l'odio è tuttavia il sentimento opposto all'imperturbabilità di fronte alle passioni, più propriamente detta atarassia."---> Wikypedia _________________________________________ Odio come conseguenza di un amore finito fino a che punto posso spingermi all'odiare? Dipende dalle giornate , amore come ricordo del passato , Odio come un vivo presente. __________________________________________ A distanza di tempo ho imparato che non è odiare il contrario di amare , odio è l'assenza di amore , PAURA , paura è il contrario di amore

A colo che . . .

12 gennaio 2010 ore 21:15 segnala
Questa non è mia l'ho trovata ma vale la pena di fermarsi a leggerla

...a coloro, che, soffrono per la fine di un amore,

del loro grande amore,

di quell’amore che gli ha preso le forze,

che gli ha preso la vita

e senza il quale

pensano di non poter più continuare a vivere.

….

a coloro che non comprendono quella fine

e continuano a non volerla vedere nei mille gesti,

nelle mille sfumature, intorno a loro,

e continuano ad alimentarsi della loro illusione.

...come sosteneva Milton H Erickson.

Devono avere il coraggio di esprimersi,

ed esprimendosi, finalmente,

firmeranno un trattato di pace con loro stessi

ed otterranno i loro scopi,

e se non li otterranno in questa occasione,

ci saranno infinite altre occasioni della loro vita.

Nessuna psicoterapia

potrà tornargli il loro amore: quell’amore,

quella specie di unico amore.

Io dico

di continuare ad amare,

di continuare a farlo, per loro stessi,

finchè, magari,

quando tutte le lacrime saranno piante,

quando raggiungeranno il fondo di quel terribile pozzo,

il loro sguardo si volgerà da un’altra parte,

per un amore che non solo chiede ma altrettanto da.

quando si renderanno conto

che nulla resta da fare in quel loro presente,

che è già passato,

allora, si renderanno conto

che può esistere un diverso futuro.

Io dico

di non pretendere che quell’amore venga ricambiato,

se ciò non può più avvenire.

L’importante è che quell’amore venga dato.

…e come sempre accade,

scoprirai che il più grande amore,

è quello che ancora deve venire,

e quando tu lascerai che le cose accadano

allora le vedrai veramente accadere.

Esprimi ancora il tuo amore,

se lo vuoi,

esprimilo fino in fondo,

striscia per terra,

se lo vuoi e se lo puoi,

per quell’amore,

ma, poi, una volta,

che hai espresso tutto,

una volta, che,

hai svuotato la tua anima colma,

devi accettare la realtà delle cose.

Gioca

tutte le tue carte, ma, poi,

devi accettare la realtà di quel gioco.

Ti sentirai stanco…come dopo aver percorso

più della metà del cammino della tua vita…

svuotato…

lo so, lo sento, lo vedo, lo ascolto

lo comprendo,

ma, verrà il momento, che,

tutto ciò ti verrà tornato,

aspetta nel tempo, che,

il tempo faccia passare ed evolvere

questo momento..

Lascia passare questa stagione del Non Amore

E attendi le

Stagioni della tua vita

Tu hai detto,

hai espresso,

hai comunicato

tutto ciò che senti

e questo ti deve bastare…

non puoi fare altro…

Ora hai tutto fatto,

ora hai tutto detto….

non ti resta che aspettare,

che, tutto passi….

Non è amore

quello che si trasforma in odio,

non è mai stato amore,

ma solo possesso.

Un anima non la si possiede…

non la si possiede mai,

ma, la si coltiva….

giorno per giorno…

come un fiore…

un anima non la si rinnega,

ma si continua ad amarla…

anche se non c’è più.

Ma le risposte sono un’altra cosa..

Noi amiamo per quello che proviamo nel cuore…

Non per le risposte che otteniamo…

E quell’amore, che proviamo in noi, nessuno ce lo potrà mai togliere..

"L'amore va veloce e tu stai indietro"

10 gennaio 2010 ore 12:14 segnala
la conosci la storia del tizio che cade da un palazzo di 50 piani? E a ogni piano per farsi coraggio si ripete “ fino a qui tutto bene . . . fino a qui tutto bene . . . . fino a qui tutto bene . . . ” , ma il problema non è la caduta è l'atterraggio ” [ dal film “l'odio”]


si stavo cadendo mi ripetevo che comunque andava avrei vinto Io , si si perchè lei si doveva solo decidere se ritornare con me o meno ed io avevo in pugno l'altra … poi ritorniamo insieme io chiudo la porta in faccia all'altra e in seguito … BUM ...atterro. Il problema non è la caduta , è l'atterraggio.


E ai tempi non ero per nulla un fiore , anche l'altra le sue paturnie le aveva non si spiegherebbe diversamente il fatto di come ci siamo legati in così poco tempo , era tutta una questione di testa .

Lei ne veniva fuori da una storia difficile io c'ero nel bel mezzo , ma ci siamo legati erano i sentimenti che parlavano.

Eppoi CxxO se non era carina ma non mi importava più di tanto perchè io vedevo solo Lei non l'altra.

L'altra mi consolava e mi capiva e mi stava vicino come non mai , che sofferenza doveva essere per lei , alla fine per si e per no si ci ritrovava a passeggiare nei posti dove ero stato con Lei , poi rientravo in me , mi vedevo con l'altra e mi dicevo “ma che ci faccio io qui con l'altra ?!? è con lei che devo stare!” che brutto stare con un persona e pensare a un altra mentre questa fa di tutto per fartela dimenticare.

Si si anche lei non era normale , certo se fossimo stati tutti e due sani sarebbe nata una bella cosa secondo me.

Mi piaceva il fatto che mi apprezzava per come carattere , di aspetto fisico lasciamo stare , non mi curavo quel gran che ed ero pure dimagrito tanto tanto tanto , insomma tantissimo !

A quei tempi di ritorno da lavoro sul treno ascoltavo dalle cuffie attaccate al mio nokia n70 (gran cellulare che una strXXX che mi ha solo illuso in seguito mi ha perso) avevo tra le canzoni quella di Tiziano Ferro , quella che faceva “ e una porta aperta e una che non vuol chiudersi” si si ero io , ero io quello della canzone ! Poi era anche uscito il seguito del film “ 3msc” , “ho voglia di te” , mi ero preso pure il libro , solo che l'ho capito dopo quello che voleva dire Step.

Mi ricordo che a un certo punto , diceva che era legato solo al ricordo di Baby , che lei era cambiata , che probabilmente rivedendola non era più la stessa con la quale era stato ma un altra persona che non avrebbe più riconosciuto ; ecco io uguale , la sua amica mi ha portato via la Lei che ho conosciuto , facendola crescere d'improvviso , sempre a casa sempre con me , sempre in prigione , saltata pure l'ultima gita di fine anno scolastico ('mmazza che ogni tanto me lo tirava fuori per rinfacciarmelo) ; è esplosa tutta a un tratto , discoteche uscite amici , non piano piano gradualmente ma eccedendo nell'eccesso.

O luciano per andare al Makò si è calato una pasta ! , che cogXX ahahahah” ma lo diceva con aria come per dire “ho gli amici più spassasi che esistano” premettendo che il Makò è una discoteca di città non tra le più rinomate per baldoria , quando i miei amici si sono calati l'impossibile in altri posti ben più rinomati non a livello locale ma su tutta italia … beh non ho esattamente pensato che siano dei grandi , ma per lei era tutto nuovo , io avevo già preso coscienza , c'ero arrivato gradualmente a quel passaggio ma Lei no , da una storia in cui era già stata rilegata a Casa Chiesa si è andata a impelagare con me ed il copino per lei non era cambiato più di tanto.


Vorrei sapere chi sei , adesso chi sei “ come cantano i GDV , credo di essere maturato , di aver capito i miei sbagli , “forse è stato il troppo amore o l'incoscienza dell'età” [883] però gli errori che ho fatto non erano volti a fargli del male , ed ora che dovrei essere io quello Inkakkiato per il seguito , per come mi ha fatto sprofondare deliberatamente manipolata dalla sua amica , un esempio su tutti mi raccontava che era stanca alle 22_30 il sab sera l'accompagnavo a casa e dopo usciva per andare a ballare … ecco beh alla fine è lei che non mi parla più mentre io vorrei un rapporto umano tanto per fare finta che non ho buttato via 5 anni , ecco quello si che è il TEMPO CHE RIVORREI INDIETRO !


Eppoi una cosa che mi è sempre stata tra lo stomaco (perchè mi dava il voltastomaco) e la gola (l'ansia di crederci perchè dopo 5 anni come puoi metter in dubbio che la parola della tua ragazza) ma che razza di scusa è “sabato sera non ritorno a casa perchè devo fare da baby sitter a un bambino che i suoi genitori vanno fuori , sai hanno molti soldi e vanno al casinò di San Remo a giocare...” tutti i fine settimana?!? eppoi quando mi è caduto l'occhio nella sua borsa aveva infilato NO..Noooo , non ci potevo credere , un pigiama di quelli non convenzionali , cioè con me pigiamone con gli orsacchiotti e con il bambino quello mini?!? ma quanti anni avrà avuto quel bambino 30?!?


Mi sa che è vero , al posto di confessare subito le donne te lo fanno capire poco alla volta , come se fosse meglio una serie di piccole bugie messe qua e la per farsi lasciare che dire tutto subito una GRANDE verità , la paura di non potere sopportare la vista dell'altra persona a cui hai voluto bene che stà male per te.

Però cacchio mica se ne faceva problemi mentre io cercavo di recuperare il tutto per tutto e ho pagato tutto io un soggiorno termale perchè “poverina amore t vedo sotto stress (mi sentivo in colpa che la tempestavo di domande e la mettevo sotto pressione perchè non vedevo verità nei suoi racconti , non capivo e volevo capire dove stava la verità che a tutt'ora non so!) che ne dici di un bel massaggio , un weekend io e te in qualche centro benessere?” tanto paga tutto pantalone e come se non bastasse il massaggiatore ci prova con Lei ! (Lei per me non cè stata solo perchè gli è capitato il massaggiatore sfigato brutto e grasso ce n'era un altro che era una statua che te lo dico io che massaggio gli avrebbe e si sarebbe fatto fare!)

Eppoi mi sono fatto anticipare i soldi da mio padre perchè tutti non li avevo con la promessa che la parte della mia Lei glieli avrebbe ridati per un weekend a Mirabilandia …. mio padre la parte di Lei non l'ha più rivista , qualcosa come 150 euro o poco più....


No , non ci penso a Lei con la maliziosità che pensate voi “si vede che è ancora innamorato , povero fesso” , penso a Lei come un periodo . Nel mezzo è stato bello il problema è nato dopo , nella fine.

Penso al ricordo che porca vacca ne vorrei altri ne vorrei di più belli e invece non ne ho così vado sempre a parare là , sempre sugli stessi soliti ricordi , son passati 3 anni e gli unici ricordi belli ce li ho con lei , non ne pesco di altri e cado sempre e solo la quando la mente si ferma fa marcia indietro non ingrana la prima e fa manovra per posteggiarsi sempre là....

Lei invece ha degli amici nuovi ha il suo giro ha la sua migliore amica ed ha un ragazzo con il quale ha nuovi ricordi in posti che non ha mai visto con me (vedi Londra o Rimini).