Botta e risposta

27 luglio 2011 ore 20:48 segnala
I mezzi pubblici, è risaputo, sono il luogo dove i dialoghi tra perfetti sconosciuti si limitano a "permesso", "scende alla prossima?" e ad altre frasi simili di circostanza.
Chi di voi non ha mai osservato gli habituè del mezzo frequentato abitualmente, percependoli ormai come appartenenti al vostro quotidiano? La fanciulla carina che sale sempre alla stessa fermata e timidamente non si siede ma sta sempre in piedi con il suo iPod; il signore di mezz'età che, per ingannare il tempo, conversa sistematicamente con il conducente, propinando ogni giorno la nenia "eh, c'è sempre traffico qui... Dovrebbero lasciare le auto a casa! Guardi, una persona per veicolo..."; la mamma con passeggino e bimbo al seguito fonte d'imprecazioni da parte di chi ha la malaugurata idea di salire dalla porta centrale.
Ma quando ormai vi siete abituati alla solita fauna, accade l'imprevisto: vi trovate in una situazione surreale.
La situazione surreale in questione è ad opera di una signorina alquanto carina quanto deficitaria di materia grigia e con una forte inclinazione ad attirare le attenzioni su di sé. Insomma, quanto di peggio vi può capitare.

Atto unico:
(signorina, evil)



signorina (con tono decisamente irritato ed infastidito): beh? Che hai da guardare?
evil (stupito e sarcastico): egocentrica o affetta da manie di persecuzione?
signorina (sempre più alterata in viso e nel tono di voce): non mi piaci, non sei il mio tipo, non ti puoi nemmeno permettere di rispondermi così! La smetti di guardarmi?
evil (abbozzo di risata): pazienza, cercherò di sopravvivere. E' finita la conversazione? Vorrei riprendere ad ascoltare la musica e poi, gentilmente, ti puoi spostare che mi copri la visuale?
signorina (colpita nell'orgoglio, in picco ipervanitoso; sguardo leggermente ammaliante): con questo vorresti dire che sono brutta? Di la verità! Tu mi stavi mangiando con gli occhi, l'ho visto chiaramente.
evil (esponendo pazientemente): solitamente mangio la bocca, ho da poco pranzato e... Mi stai sottovalutando: credi che basti un tanga che spunta dai jeans ed una scollatura ombelicale per abbindolarmi? Mi sembra un po' poco anche per un semplice spuntino.
signorina (cercando di chiudere in pareggio): sei un maniaco! Vedi che mi stavi fissando?
evil (guardando negli occhi la signorina con molta calma): sei completamente fuori strada; ritenta sarai più fortunata. Sai? L'esibizionismo non paga. Ora posso ritornare a fare qualcosa di più costruttivo?
signorina (cambiando improvvisamente tono e sorridendo): scusami... Forse ho frainteso tutto. Sai che hai un bel taglio degli occhi? Mi dispiace di averti aggredito.
evil (intento a segnare mentalmente l'1-0): sì, non sei la prima che me lo dice. Però mi dispiace deluderti... Ora il tuo dialogo diventerà un monologo: io scendo.
signorina (delusa e amareggiata): aspetta...

Signorina, aspetta e... Spera. Brutta cosa il narcisismo, brutta cosa.
33ff9e7c-974b-4eb0-9661-1b339994428b
I mezzi pubblici, è risaputo, sono il luogo dove i dialoghi tra perfetti sconosciuti si limitano a "permesso", "scende alla prossima?" e ad altre frasi simili di circostanza. Chi di voi non ha mai...
Post
27/07/2011 20:48:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. brutta2010 27 luglio 2011 ore 21:18
    eh si...
  2. giulia711 29 luglio 2011 ore 15:57
    i miei spostamenti in bus invece sono quasi sempre caratterizzati da ricerca di persone che conoscano a menadito la topografia della città che mi accingo ad attraversare...nonostante ciò ..alcune volte riesco a perdermi ..anche a causa di autisti che si alzano col piede sbagliato
    L'avviso di non parlare al guidatore ..è da me ampiamente disatteso..devo anche riconoscere che gli autisti più disponibili sono quelli della mia provincia seguiti dai torinesi..la palma nera l'assegno ai milanesi...mi sono già persa due volte nella metro..ma ad essere sincera mi è accaduto 1 volta anche in quella di Torino che ha due sole direzioni di marcia...


    per non parlare di incontri molto interessanti ed eterogenei...dal ragazzo metallaro con cui condivido i gusti musicali

    al realizzatore di cortometraggi che volle aiutarmi col computer ma che di fatto mi inviò un link con un virus ..ma senza cattive intenzioni...e per rimediare dovetti formattare il pc perdendoci anche dei programmi irrimediabilmente ...ma solo perchè mi erano stati sottratti i dischi di ripristino....

    dalla psicologa brasiliana che vivendo in cascina viene in città a fare spese con lo zaino pesantissimo


    al pubblicitario che mi fece prendere parte ad una mostra già organizzata da mesi ma alla quale diedi un notevole impulso prodigandomi come promoter in cambio di un panino al crudo!!!!

    ecc ecc
    :hihi

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.