Le pippe in una notte

12 luglio 2011 ore 19:58 segnala
Devo dire che il fatto di ieri, ovvero il Royal Wedding, ed alcuni gossip di contorno mi hanno fornito materiale ed ispirazione per questo post e, più in generale, ha risvegliato in me quella voglia di commentare il solite triste teatrino sulla bellezza estetica del corpo femminile e le sue implicazioni erotiche.
Il tutto, ovviamente, da contestualizzare nello scenario italico fatto di grosse contraddizioni, dalla più sterile sessuofobia al falso perbenismo che nasconde invece parafilie da brivido.

A cosa mi sto riferendo? Alla Pippa! Non quella decanta da Immanuel Casto (segue video) ma...

...alla sorella della sposa (segue foto)


I media, per la verità non solo quelli italiani, sono partiti in quarta decantando le grazie di questa donna. In particolare sembrerebbe che costei abbia un seno degno d'ammirazione ("...sapientemente fatto risaltare dalla sua scelta frequente d'indossare abiti con decolleté...") e dal suo lato B (anche se io, pragmaticamente ma senza mancare di rispetto, preferisco chiamarlo sedere o culo) di rara bellezza.
Ora, vorrei soffermarmi su quest'ultimo punto (o meglio... Lato) e non perché sia un esteta del sedere femminile; anzi, per la verità è una delle peculiarità fisiche femminili che mi colpiscono di meno, sia in un'ottica di attrazione che che di puro piacere visivo per il corpo femminile senza nessuna pretesa di nutrire desiderio sessuale.
Il motivo della riflessione è molteplice: da un lato (quello B, uno spiritoso potrebbe precisare) la foto e la posa incriminata non mettono in risalto per me proprio nulla. Dall'altro lato (e lo spiritoso non dica A perché non se ne parlerà nel post) mi fa riflettere come i media trasformino una donna con un'estetica perfettamente nella norma, in una donna così ricca di fascino e capace di attrarre (sessualmente) chiunque senza possibilità di sottrarsene.
La Pippa di turno, se fosse una semplice sconosciuta su un vagone della metropolitana, probabilmente attirerebbe su di sé gli sguardi attratti di qualcuno ma non catalizzerebbe certo l'attenzione di tutta la carrozza come invece farebbe se fosse "questa" Pippa. Perché? Perché le persone, purtroppo, danno sempre di più importanza (esteticamente parlando) a chi è la persona oggetto d'attenzioni anziché a com'è (esteticamente).
Eppure si tratterebbe della stessa estetica ma tant'è...
Senza contare che questa enfasi e queste notizie hanno sempre, tra le righe, il fine di portare l'individuo a desiderare sessualmente una donna solo per la sua esteriorità, o meglio, per due o tre peculiarità (le solite...) del suo corpo.
Per quanto sostanzialmente sia d'accordo che l'attrazione ed il desiderio sessuale neccessitino anche di un riscontro estetico, come si può anche lontanamente pensare che siano sufficienti per desiderare e magari passare un momento di passione intenso e travolgente? Bellezza non significa certo capacità di essere passionali, disinibiti, coinvolgenti, coinvolti, appaganti ed appagati.
L'erotismo di una persona passa inevitabilmente per altre peculiarità non solamente fisiche. Tra queste, ma questa è un'opinione personale, vi è anche il sentimento che contribuisce a rendere la componente sessuale più intensa ed appagante.
Quindi perché cercare sempre di far gonfiare la patta (per usare un francesismo) e passivizzare i gusti estetici (e non) del prossimo?
af81174a-07a2-4947-bd62-f2689b98f433
Devo dire che il fatto di ieri, ovvero il Royal Wedding, ed alcuni gossip di contorno mi hanno fornito materiale ed ispirazione per questo post e, più in generale, ha risvegliato in me quella voglia di commentare il solite triste teatrino sulla bellezza estetica del corpo femminile e le sue...
Post
12/07/2011 19:58:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.