Piccole divagazioni

12 luglio 2011 ore 20:32 segnala
Prendo spunto da un post di un utente di un'altra piattaforma di blog (Splinder), ovvero: il tradimento.

Trovo che un po' tutti, quando si parla di gelosia e tradimento, ricadiamo nell'eccessiva critica od osservanza dei doveri morali (d'altronde tradire significa "...mancare a un obbligo morale...") ma credo che tradire sia un termine improprio talvolta.

Guardandosi nel profondo, infilarsi tra le cosce di un'altra o affittare a tempo determinato il proprio cuore ad un'altra persona, non è sempre sinonimo di mancanza d'attrazione per il trinomio tette, culo et cetera della propria bella o perchè non c'è più batticuore per la stessa. Spesso sono le difficoltà (temporanee) di una relazione, la monotonia della stessa, il fatto che "l'erba del vicino (o meglio: della vicina) è sempre più verde" a nutrire il desiderio di divagare così come c'è un abissale differenza tra il divagare al ritmo di un coito clandestino e il divagare cadenzando "ti voglio bene".

Non si stanno portando giustificazioni ma si stanno semplicemente esponendo motivazioni.

Quanti di voi hanno, se vogliamo meschinamente, guardato con gli occhioni di Bambi la propria lei, mentre era in corso una sfilata di genitali femminili malcelati nel caldo estivo, proferendo: "...sì, è carina. Ma tu sei la più bella..." per poi ringhiare il giorno dopo con amici "...che figa quella! Me la farei..."? E quanti, all'insegna del "tanto non mi becca" se la sono spassata con la fanciulla di turno che sui divanetti del Cafè Solaire di turno pretendeva che cadeste in fallo tra il suo Monte di Venere e le ghiandole di Bartolino?

Quanti di voi chattando si sono accorti, alla lunga, che molto spesso chi cercava amicizie o conversazioni innocenti, portava una fascetta con la dicitura "SS" sul braccio? Che per gioia di tutti non era un richiamo al nazismo ma un richiamo al "sesso sentimento" che appariva evidente dalle conversazioni che via via si facevano più maliziose e denotanti che anche la fanciulla fidanzata, convivente, sposata nutriva insofferenze da colmare nel contatto di turno interessante nello spirito e nell'avatar?

Ladies and gentlemen: questa è la natura umana. Dove, sono più spesso di quanto si pensa, gli obblighi morali a liberarci dal male in vece della mancanza d'induzione in tentazione.

Ci sono persone che delle divagazioni sessuali fanno una loro ragione di vita. C'è chi dice all'ombra delle Colonne "...io sono stata fedele solo i primi tre mesi con il mio ragazzo. Dopo visto che se la spassava con altre mi son detta: e io sono fessa? E da allora mi diverto anch'io ogni tanto con altri che non sono il mio ragazzo...". Ma ci sono anche persone che non vogliono passare la propria vita a fornicare con molte; che, con il tempo, raggiungono lo Zen. Ammirano, apprezzano ma non soddisfano. Così come il mondo è bello perchè è vario... C'è chi vuole solo provare, trasgredire, vaccinarsi, convincersi che non è ciò che vuole; provare per credere.

Ciò non toglie che, per quanto si voglia, si possa, si potrebbe, divagare con le parti basse, il reale o l'ipotetico non eclissi il piacere e il desiderio per la persona che si ha accanto: una quarta abbondante non sostituirà mai le emozioni e il paradossale (giudicando dai fatti sopraesposti) desiderio che provate per la vostra metà tabula rasa; un vitino da vespa non potrà mai annientare il turbinio di gemiti e segnali corporei della vostra zita provvista di maniglie. E sapete perchè? Perchè si parla di mere differenze corporee e materiali o di inquinamenti mentali della società dell'immagine e non ci sarà mai nessuna funzione confrontabile al mondo che codificherà l'univocità dell'emozioni sessuali tra voi e lei con la "qualità" delle parti del corpo.

Ecco perchè chi tradisce col pisello non solo puo' ritornare all'ovile, ma puo' farlo una tantum e sopratutto puo' farlo con la paradossale consapevolezza (perchè nessuno dirà mai "cara, ho intenzione di fare tum tum con Tizia") di dormire tra due guanciali perchè il suo lui tornerà senza batter ciglio e magari... Più esperto.

Diverso è il discorso della divagazione sentimentale perchè si sa... Con i sentimenti non si scherza. Quanti di voi, nel momento in cui si rendono conto che il cuore sta venendo lottizzato da altre persone, decidono di sfrattare i nuovi inquilini? Difficile rispondere...
4b66a61d-a591-4e83-9d5c-232afc4f6e12
Prendo spunto da un post di bittersweetheart, ovvero: il tradimento. Trovo che un po' tutti, quando si parla di gelosia e tradimento, ricadiamo nell'eccessiva critica od osservanza dei doveri morali...
Post
12/07/2011 20:32:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. giulia711 13 luglio 2011 ore 22:12
    qui su Chatta riesco a leggerli più chiaramente i tuoi interventi...

    ma non essendo in grado di rispondere con altrettanta eloquenza..mi limiterò a cliccare sul Mi Piace
  2. bloggerinside 15 luglio 2011 ore 19:33
    giulia711 grazie per aver visitato e letto il blog, mi lusinga.
    Sentiti libera di rispondere, senza farti scrupoli sull'eloquenza. Meglio una risposta efficace ma semplice che l'essere ignorati :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.