questa mattina

25 dicembre 2008 ore 11:29 segnala

Questa mattina ho asciugato i capelli di mia madre,

ha 88 anni,occhi celesti, mi sorride sempre.

Quando guardo le sue rughe,

le sue mani fragili mi sembra ancora un bel Natale..

AUGURI !!!

24 dicembre 2008 ore 09:04 segnala

Tanti auguri a tutti di buone feste

perchè ci sia pace e amore e

uguaglianza per tutti.

Perchè il mio Dio sia uguale al tuo...

perchè nessun dio ha ordinato ai suoi figli di

combattersi l'uno contro l'altro...

Un augurio speciale ai migranti

che lasciano la loro terra per andare in posti

lontani nell'incertezza e nel dolore,perchè possano trovare

terre di accoglienza,rispetto,dignità e umana comprensione.

A coloro che,in viaggio si perdono nella ricerca di una terra promessa,

e giaciono periti negli angoli delle strade,nei deserti immensi, in fondo al mare,

auguro che una mano pietosa possa dargli giusta sepoltura ed

una preghiera.

Ai bambini che viaggiano nascosti sotto ai camion per venire

nelle nostre città, auguro tutta la forza per resistere e potercela fare.

Alle schiave e agli schiavi che stanno sotto ai nostri palazzi illuminati

auguro libertà e giustizia.

A chi mi legge auguro pace e tanto amore...

 

 

 

A te

22 dicembre 2008 ore 19:13 segnala

A te che sei l'unica al mondo
L'unica ragione per arrivare fino in fondo
Ad ogni mio respiro
Quando ti guardo
Dopo un giorno pieno di parole
Senza che tu mi dica niente
Tutto si fa chiaro
A te che mi hai trovato
All' angolo coi pugni chiusi
Con le mie spalle contro il muro
Pronto a difendermi
Con gli occhi bassi
Stavo in fila
Con i disillusi
Tu mi hai raccolto come un gatto
E mi hai portato con te
A te io canto una canzone
Perché non ho altro
Niente di meglio da offrirti
Di tutto quello che ho
Prendi il mio tempo
E la magia
Che con un solo salto
Ci fa volare dentro all'aria
Come bollicine
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio amore grande
Ed il mio grande amore
A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo
A te che mi hai insegnato i sogni
E l'arte dell'avventura
A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti i giorni
E resti sempre la stessa
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l'orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l'unica amica
Che io posso avere
L'unico amore che vorrei
Se io non ti avessi con me
a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un immenso piacere,
a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,
a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,
a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,
a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,
a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei...
e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei...sostanza dei sogni...

Jovanotti

 

Poesia (Orfeo per Euridice)

21 dicembre 2008 ore 11:04 segnala

Sei bella e semplice, come una mela

di bosco,Il tuo profumo inebria la mia mente.

Vorrei morderti per nutrirmi di te,

ho paura di farti male e

sto qui in silenzio a guardarti.

Hai vesti di luce,la tua pelle di luna confonde

i miei pensieri.

Continuo a guardarti perchè i miei occhi

possano riempirsi di te

che sarai fuoco caldo nel lungo inverno

della vita.

 

A PIERALDO

20 dicembre 2008 ore 21:58 segnala

Tu che sei nell' infinito,

che hai percorso le strade del silenzio,

lascia che il vento porti a noi un tuo pegno

quando la mattina , leggero , accarezza i nostri

volti e rinfranca i nostri cuori con il tuo ricordo.

Meteora di luce tra gli spazi eterni riposa in pace

nell' immenso giardino di stelle.

Per noi domani il più bel giorno di sole

sarà come il tuo sorriso.

(22 maggio 1997)

La terra mi ha rubato al mare...

19 dicembre 2008 ore 19:50 segnala

La terra mi ha rubato al mare,
per questo vedi le mie labbra,di sabbia,
le mie parole,scogli ricoperti di muschio.

La terra mi ha rubato al mare.
Per questo vedi i miei occhi
come due pesci,
i miei sguardi muti,
e anche se le mie pupille non sono azzurre
le mie lacrime restano
salate.

Maram al-Masri
(Siria)

ad un angelo biondo

17 dicembre 2008 ore 11:24 segnala
Le tue chiome sono campi di grano

che ondeggiano al vento,

i tuoi occhi stelle nella notte,

le tue labbra mirtilli di bosco e

i tuoi seni dune di oasi fertili

nell'immenso deserto.

Il tuo respiro un fiume dolce

che sfocia nel cielo.

Sei donna e bambina,

il giorno e la notte,

e passi leggera sui miei

pensieri come un dolce angelo

sulle ali del vento.

poesia

14 dicembre 2008 ore 17:18 segnala
Mi unisco alle stelle per sciogliere la mia anima nella loro luce

perché tu possa nutrire i tuoi occhi di questo eterno splendore,

perché eterno sia il tuo sguardo su di me oltre i confini del tempo,

al di là di ogni frontiera.

 

Eterno sia il mio vivere in te anche quando le mani consumate

tremeranno e le labbra non avranno che brevi sorrisi,

quando accarezzandoti i capelli sentirò ancora il fresco profumo di

bosco e la pioggia sarà la benvenuta a dissetare il giardino della vita.

 

La musica delle tue parole, scolpita nel mio cuore di pane, sarà cibo

dolce e prezioso lungo la strada e, quando alzando gli occhi fino al limite

ultimo dove cielo e terra si fondono in una cosa sola, capiremo quello che siamo.

Tu mia dolcezza infinita sarai il mio cielo ed io la tua terra....

 

poesia

14 dicembre 2008 ore 17:14 segnala

Nessuna cosa mi appartiene

ne io chiedo di più della luce del sole,

delle onde del mare, delle fresche sorgenti.

Nessuna cosa mi appartiene ne io cerco di più

perché mi basta un tuo sorriso,

una tua parola, una carezza

perché io sia il più ricco del mondo...

poesia

14 dicembre 2008 ore 17:11 segnala
 

Sei fresca

come rosa di rugiada umida il mattino,

e sei acqua

come l'onda salata che lambisce i miei piedi.

Sei terra

come la pelle di questo universo,

e sei nuvola

come polvere di luce sotto il tetto.

Sei luna

come la luce pallida della sera,

e sei eterna

come penna invisibile che ha scritto la vita