Giudy & Gerry

13 gennaio 2009 ore 00:16 segnala
Gerardo!

-Mmmh…

Gerardooo!

-Mmh?

Ge-ra-r-do!

-…

Sono stufa di questo tuo atteggiamento o guardi la tv o sei incollato al giornale non parli non hai iniziative sono mesi che non ci facciamo un weekend da qualche parte….ma come hai fatto a ridurti così? Ci hai fatto caso? Non abbiamo più nulla in comune non andiamo più al cinema per non parlare del teatro dove ti ho sempre trascinato a forza credi che non mi sia accorta di tutti gli sbadigli trattenuti che facevi…Gerardo!

Gerardo!

-?

Guarda non fare finta di ascoltarmi che mi fai ancora più incazzare tanto lo so che c’hai la testa da un’ altra parte ormai ti conosco maledetta me e il giorno che ti ho sposato …Gerardo!

-Giu…

…quello che mi manda più in bestia è che stai lì con quell’ espressione ebete senza riuscire a dire una parola perché sai che ho ragione e che non hai scusanti… sei un miserabile Gerardo mi hai ingannata e illusa ma ti giuro che me la paghi va a finire che mi trovo qualcuno che mi fa sentire ancora viva perché con te….Gerardo! Gerardooo!

-…tesoro

Stai zitto! Stai zitto che è meglio dio che nervi!

-Giuditta tesoro..

Stai zitto Gerardo stai zitto

-Giu…

Zitto! Zitto! Zittooo!

-..ditta amore..io mi chiamo Mario.     :hell

non comprare

11 gennaio 2009 ore 14:43 segnala
il numero 729 sul codice a barre indica le merci importate da israele, non compriamole. Stop ai massacri di Gaza.

fermare la strage

11 gennaio 2009 ore 13:01 segnala

chi brucia le bandiere con la stella di david è un decerebrato antisemita

chi associa la svastica alla stella di david è un coglione antisemita

chi scrive ingiurie sulle serrande dei negozi di Roma o altrove è una carogna fascista

Il solo pensiero di poter essere accomunato a questa feccia, che spesso si autodefinisce di sinistra, mi fa vomitare. Girando sul web mi sono imbattuto in alcuni siti che propongono, mi sembra in modo serio, il boicottaggio dell'economia di guerra israeliana. tra l' altro l' iniziativa è appoggiata anche da alcune organizzazioni pacifiste israeliane. Ecco i link. Fermiamo la strage di Gaza.

http://www.forumpalestina.org/Boicottaggio.asp

http://www.senzasoste.it/

http://www.amiciziaitalo-palestinese.org/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1

Canzoni

10 gennaio 2009 ore 21:26 segnala

in un disco di Neil Young del 2006, "living with war", c'è una canzone intitolata "let's impeach the president" in cui il menestrello canadese dà del bugiardo, criminale e amico di criminali a George Bush. Tutto l' album è un' invettiva diretta e durissima contro il presidente americano e la sua amministrazione. Qualche giorno fa ascoltandolo pensavo che nel nostro povero paese da decenni non c'è nulla di analogo. Per sentire canzoni "politiche" o testi di denuncia bisogna andare ai concerti di qualche sconosciuta band che si autoproduce e suona negli spazi autogestiti (giù il cappello, ovviamente). Mi sono chiesto che fine ha fatto la tradizione gloriosa dei cantautori politici delle band "impegnate", della canzone di protesta. Poi mi sono risposto semplicemente che ha fatto la fine di (quasi) tutto il resto del paese. E' saltata sul carro del vincitore interpretando così, con brillante opportunismo, lo spirito dei tempi. E allora giù con una cascata di testi intimisti, storie d' amore tormentate e denunce generiche e qualunquiste, chè non si sa mai, teniamo tutti famiglia.

Negli stati uniti Neil Young chiama criminale il criminale Bush. Da noi Ligabue dà la buonanotte all' italia e Vasco ci piange sopra. Due cuordileone.

Come mi manca Faber..... :rosa

lega la lega

10 gennaio 2009 ore 19:57 segnala

La proposta della lega di tassare il permesso di soggiorno e di chiedere agli immigrati una fidejussione di 10.000 euro per poter lavorare in proprio, è una rivoltante schifezza razzista. Questi bastardi in doppiopetto e fazzoletto verde ormai pensano di poter dire e fare quello che vogliono. Dall'alto del loro 4 virgola qualcosa. Poi riempiono le chiese e si ergono a difensori dei valori cristiani. E non c'è un prete che sia uno, magari un vescovo o un cardinale, che li chiami col loro nome e li cacci dal tempio a calci nel culo . Il fatto che sia stato Fini a zittirli dimostra soltanto che razza di fogna siamo diventati. Italiani brava gente.         

:alfuoco

P.S.: a Udine la Lega ha proposto una norma per imporre ai medici di sospendere le cure agli immigrati clandestini...un attimo, vado a vomitare... rieccomi: i due principali artefici di questa ennesima porcata sono Edouard Ballaman e Danilo Narduzzi, entrambi del carroccio. Due giganti del pensiero sconosciuti ai più ma senz' altro destinati ad una luminosa carriera politica. Eccoli nella foto sopra. Poi dicono che Cesare Lombroso non è più attuale.... 

:yeye :yeye

Cinque sorelle per me posson bastare...

10 gennaio 2009 ore 15:45 segnala

Beppe Grillo sul suo blog il 3 gennaio scorso:

"Jawaher 4 anni, Dina 8, Samar 12, Ikram 14, Tahrir 17 anni. Cinque sorelle palestinesi della famiglia Balousha. Vivevano a Jabaliya, vicino a Gaza City. Un campo profughi della striscia di Gaza. Una bomba le ha uccise. Un F16 israeliano è volato sulle case di Jabaliya e sulla moschea Imad Aqel, le ha sfiorate nella notte, il suo respiro le ha distrutte. Israele vuole combattere Hamas, ma uccide i bambini.
Si può dire, gridare che chi uccide i bambini, in modo deliberato, ovunque nel mondo, è un assassino? E che va giudicato per crimini contro l'umanità da un tribunale internazionale? Non ci sono giustificazioni. Lo scrittore Abraham Yehoshua, una voce tra le più importanti di Israele, ha detto: "Non avevamo scelta". Ma tra la vita di una bambina e qualunque altra cosa ci deve essere scelta. La bambina è sacra, il resto non conta.
Israele vuole creare un cordone di sicurezza intorno a sè con i bombardamenti, dal Libano a Gaza. Ma non saranno le bombe a portare la sicurezza. Per ogni civile ucciso, ci saranno cento terroristi in più. Per ogni bambino libanese, palestinese, arabo ucciso, mille terroristi in più. Israele si mette sullo stesso piano dei suoi nemici quando massacra i civili e, per questa ragione, potrebbe non avere domani più amici in Occidente. A Israele si chiede di essere non solo più forte di chi la vuole distruggere, ma anche migliore".


Nel frattempo i bombardamenti su Gaza sono continuati. Nella scuola dell' Onu piena di rifugiati, per lo più donne e bambini, il democratico esercito israeliano ha fatto 42 morti.  Ad oggi le vittime sono 821 di cui 235 bambini e 93 donne. Il governo che permette questo scempio è un governo criminale. Chi lo giustifica un complice. Come Yehoshua. E come la maggior parte dei politici nostrani di governo e opposizione. E quelli che parlano di risposta necessaria al lancio dei razzi dovrebbero ricordare che Gaza è strangolata da anni da un embargo che comprende cibo, medicinali, carburante, energia e altri beni di prima necessità. In questi anni mi sono chiesto spesso con rabbia se davvero non si potesse fare niente per fermare questo schifo (il boicottaggio non mi convince, troppa feccia antisemita lo pratica e lo diffonde). Forse qualcosa si può fare. Quelli che seguono sono i link ad alcuni siti di onlus che promuovono adozioni a distanza in palestina:

http://www.amiciziaitalo-palestinese.org/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1

http://web.tiscali.it/gazzella/

http://www.inguine.net/kufia/progetti.htm

http://www.ucodep.org/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1