Venezia, un film e la domanda senza risposta

08 settembre 2020 ore 21:48 segnala


Arrivati nella sala del Palabiennale , tutti seduti distanziati abbiamo potuto vedere un documentario di
Andrea Segre: Molecole. Le molecole erano la materia di studio del padre del regista. Abbiamo potuto
vedere dei veri e propri quadri viventi, spaccati di vita di alcuni abitanti di Venezia e delle isole della laguna,
sentendo dal vivo i loro commenti, i loro stati d'animo per esempio sul fatto di abitare ad un piano terra
soggetto alle acque alte, di abitare in isole devastate dal turismo, e desiderare di rimanere nonostante
qualsiasi difficoltà per l'amore per Venezia.
Si sono viste ragazze che remavano durante la chiusura delle attività dovuta alle ordinanze per il Covid
apprezzando la bellezza serena della laguna senza moto ondoso, si è vista una signora lamentarsi del fatto
che la barena si vada sempre più rimpicciolendo e perché sembra che questo non interessi a nessuno, veri
quadri viventi apparentemente staccati tra loro ma uniti dalla sensibilità del regista. La vera bravura del
regista è stata nel riunire tutte queste situazioni nella cornice delle sue domande al proprio padre che non
hanno mai avuto risposta. Il padre era veneziano , e il figlio , vissuto a Padova, avrebbe voluto essere
aiutato a capire, scoprire quell'essenza della città che ha tentato di trovare nelle persone che ha
intervistato. Questo film mi ha colpito perché il regista nella sua ricerca ha sfiorato ripetutamente quello
che stava cercando, ma non poteva riconoscere proprio perché non sapeva cosa fosse esattamente .
Quanto sopra sembra un paradosso, ma forse posso far intuire qualcosa al proposito.
Dialogo, tutto in dialetto:
A: Scusi, posso chiederle dove ha comprato quella mascherina con il Leone di San Marco? Io ne ho una con
la bandiera, ma non è così bella come la sua.
B: L'ha fatta mia sorella, ne ha fatte due o tre.
A: A me il Leone piace tanto, si vedono tante maschere molto belle con il Leone, ma non si sa dove
acquistarle. Peccato che ora il Leone sia usato anche dalla politica.
B: El Leòn no se toca, el Leòn ze nostro, de Venessia. A me piace talmente tanto che me lo sono perfino
tatuato.
A:Noi non siamo fatti solo di sangue, ma di sangue e ..acqua. Ieri ho visto un film su Venezia qua al
Palabiennale.
B. Io le conosco tutte, le persone intervistate, se vuole può trovare gli spezzoni delle interviste in internet,
su you tube.
Questo dialogo ,realmente svoltosi, si può leggere come qualcosa di leggermente surreale, ma anche come
un dialogo tra fratelli.
Questo il padre del regista non avrebbe potuto trasmettere nemmeno con la migliore buona volontà: un
attaccamento viscerale a Venezia , alla laguna, al suo Leone, simbolo della forza ormai passata, fatto e
sentito nella propria carne, e nel sangue, perfino tatuato per esibirlo. Chi lo può capire? Chi lo può
condividere? Solo chi ha respirato in quella stessa acqua, chi ha visto sventolare l'oro del leone sulla porpora fin dai primi anni di vita.
0993b6ce-a221-40d6-a9d2-af01e41fef23
« immagine » Arrivati nella sala del Palabiennale , tutti seduti distanziati abbiamo potuto vedere un documentario di Andrea Segre: Molecole. Le molecole erano la materia di studio del padre del regista. Abbiamo potuto vedere dei veri e propri quadri viventi, spaccati di vita di alcuni abitanti d...
Post
08/09/2020 21:48:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. leggendolamano 08 settembre 2020 ore 22:42
    bello essere orgoglioso nei propri natali, bello essere orgogliosi di essere italiani.
  2. chissadoveequando 08 settembre 2020 ore 22:54
    @leggendolamano: grazie del commento e di essere passato. Non apprezzo il campanilismo, ma, come ho scritto, questo senso di appartenenza è viscerale.
  3. leggendolamano 08 settembre 2020 ore 23:45
    Non lo apprezzi ma lo pratichi :)
  4. k.limo56 09 settembre 2020 ore 10:16
    Il senso di appartenenza è più che lecito e non ha nulla a che vedere col campanilismo.Buona giornata
  5. Carrodifuoco 09 settembre 2020 ore 12:37
    l'oggetto:il leone........ :rosa
  6. chissadoveequando 09 settembre 2020 ore 12:50
    @klimo56: grazie mille, so che il campanilismo è differente.Penso si sia trattato di uno tentativo scherzoso di provocazione. Buona giornata
  7. chissadoveequando 09 settembre 2020 ore 12:56
    @carrodifuoco: grazie per i tuoi gentili commenti anche per le foto.Io le metto perché avevo scritto 80 anni sul profilo per scoraggiare i giovani, ma vedo che non serve.D'altra parte a chi ha un'età adeguata farei vedere che non sono decrepita, ma evidentemente questo ragionamento funziona solo per me.
  8. Carrodifuoco 10 settembre 2020 ore 10:25
    @chissadoveequando.molto esaustivo..Non fa una piega.... :rosa
  9. Carrodifuoco 17 settembre 2020 ore 00:00
    :rosa
  10. dragon1978 17 settembre 2020 ore 01:38
    un venezia disorientato fac simile sanremo , se se visto gli stessi ospiti si
  11. chissadoveequando 17 settembre 2020 ore 07:20
    @carrodifuoco 8-) grazie
  12. chissadoveequando 17 settembre 2020 ore 07:23
    @dragon1978:il tuo commento non mi è chiaro: un Venezia? Cos'è, una squadra di calcio? Ovvio che un certo tipo di manifestazioni attragga sempre le stesse persone. Io ho parlato d'altro.
  13. Elazar 19 settembre 2020 ore 22:06
    Ci sono delle domande cui rispondere è pleonastico. Quanto si chiede è talmente carico di emozione e identità che qualsiasi cosa si possa rispondere o meno non potrà mai valere quanto l'appartenere a quel dialogo stesso.
    Venezia trascende quesiti e risposte, è un'eternità rarefatta che conserverà per sempre la memoria di chi l'ha vissuta. Che tanto possa bastare.
    Ho seguito quanto dici dalla TV, grazie per averlo raccontato. Ciao buona serata
  14. chissadoveequando 19 settembre 2020 ore 23:23
    @Elazar: grazie, hai capito in profondità ciò che intendevo. Buona serata!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.