MAI PRESUMERE SUL DOLORE DEGLI ALTRI.....

11 novembre 2012 ore 20:01 segnala



E’errato affermare
che il nostro dolore
è sempre più grande
di quello degli altri.




E’ pura presunzione
e mezzo sicuro
per creare iati profondi
e disconoscere
che anche l’altro è
un essere umano
con i propri vissuti, le proprie tragedie,
frutto di sciagure e di disastri
che gli hanno devastato la vita






937c0b5d-8530-4a28-bd6d-a3c4bbdcbabb
« immagine » E’errato affermare che il nostro dolore è sempre più grande di quello degli altri. « immagine » E’ pura presunzione e mezzo sicuro per creare iati profondi e disconoscere che anche l’altro è un essere umano con i propri vissuti, le proprie tragedie, frutto di sciagure e di dis...
Post
11/11/2012 20:01:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. Evelin64 11 novembre 2012 ore 20:16
    Credo che ogni dolore debba insegnarci ad immedesimarci, poichè cosi' come proviamo dolore noi, alle volte siamo noi stessi ad infliggerlo, non volutamente certo, pero' vi son situazioni le quali coinvolgono le persone che amiamo, nel modo che esse provino dolore per la nostra sofferenza. È preferibile, come affermi tu Rita cara, a non presumere che si soffra piu' di altri...ognuno vive il suo dolore dentro al cuore, e solo il cuore ne potrebbe descrivere l'intensità :-)
    Evelin :bye
  2. giusi62 11 novembre 2012 ore 20:32

    buona domenica sera spero che stai piu serena :bacio
  3. Cicala.SRsiciliana 11 novembre 2012 ore 20:37
    Ciao Evelin, grazie per avermi scritto e per quello che hai scritto. Ma vedi, se a volte, come asserisci tu, infliggiamo dolore alle persone che amiamo, senza farlo di certo allo scopo di farlo soffrire gratuitamente, allora dovremmo avere l'umiltà di avvicinarci alla persona che ci sta a cuore e con un semplice sorriso, che tutto dice e tutto sana e riportarlo alla serenità. In poche parole Evelin carissima, come hai fatto tu con me. Ci hai impiegato esattamente cinque minuti di orologio. Buona serata piccolina :rosa :rosa
  4. Cicala.SRsiciliana 11 novembre 2012 ore 20:43
    giusyyyyyyyyyyyyy ma tu mi anticipi sempre, ma la smetti? Statte bona, che voglio essere io la prima a darti un saluto e un bacio( scherzo ovvio): Sono in sicilia sto sensibilmente meglio, sto arrivando amica mia :cuore :cuore :cuore :bacio :bacio :bacio

  5. la.claudia65 11 novembre 2012 ore 22:02
    Al meglio si perviene solo dopo un grande dolore, lo dicevano nel film "uccelli di rovo" ed è vero.
    Ogni dolore è una lacerazione al nostro cuore. INDISTINTAMENTE!!!
    ciao Rita, felice di leggerti :-)
  6. Cicala.SRsiciliana 11 novembre 2012 ore 23:00
    E'vero Claudia hai ragione, è stato così anche per me. Anch'io sono felice di averti letta, un abbraccio affettuoso, Rita :rosa :rosa
  7. VioladelCasale 12 novembre 2012 ore 13:13
    Il dolore è trasversale, lo sappiamo, e non fa differenze. Non sa discernere, non ha compassione neppure dei più piccoli e indifesi, lascia ferite a volte incurabili. Personale è il modo di affrontarlo. Con coraggio o timore, con rassegnazione o volontà di lotta. Non esiste una graduatoria, non si possono insomma catalogare le intensità del dolore, ma, vivendo ognuno di noi il proprio, dovremmo comprendere quelli altrui e dove possibile aiutarci a vicenda. La solidarietà è importante, così come importante è il non sentirsi soli in certi momenti di acuta sofferenza, fisica e/o spirituale.
    Sono felice che tu stia meglio. So che hai forza e che presto sarai del tutto "ritornata" alla vita ed a noi :rosa
  8. antioco1 12 novembre 2012 ore 13:32
    cara Rita ognuno di noi ha i propri dolori sta a noi , viverli come meglio possiamo , se ci riusciamo un abbraccio alessio
  9. gattamannara 12 novembre 2012 ore 16:06
    Il dolore, dicono sia maestro di vita, renda più sensibili e comprensivi
    alle sofferenze ed ai problemi altrui, oppure rende il cuore duro e ciniche
    le persone...siamo noi a fare la differenza! :rosa
    Un abbraccio,lieta di vederti un poco più serena :-)
  10. Cicala.SRsiciliana 12 novembre 2012 ore 18:47
    sono d'accordo con te Viola, poichè il dolore non lo si augura a nessuno perchè è una grande sofferenza, dovremmo cercare di aiutarci l'uno con l'altro, io penso che il dolore si placa se accanto a noi c'è la presenza di un amico sensibile e affettuoso. Grazie del commento Viola, come sempre sei gentilissima, un abbraccio, Rita :rosa :rosa
  11. Cicala.SRsiciliana 12 novembre 2012 ore 18:47
    sono d'accordo con te Viola, poichè il dolore non lo si augura a nessuno perchè è una grande sofferenza, dovremmo cercare di aiutarci l'uno con l'altro, io penso che il dolore si placa se accanto a noi c'è la presenza di un amico sensibile e affettuoso. Grazie del commento Viola, come sempre sei gentilissima, un abbraccio, Rita :rosa :rosa
  12. Cicala.SRsiciliana 12 novembre 2012 ore 18:56
    gattamannara è vero il dolore può avere due facce o indurire o diventare maestro di vita, Bel commento, grazie, Rita :rosa :rosa
  13. Cicala.SRsiciliana 12 novembre 2012 ore 18:58
    antiochio è difficile vivere il dolore come meglio possiamo, perchè si soffre troppo, però quello che tu dici è esatto, grazie per il commento, Rita :rosa :rosa
  14. napoletana.io 12 novembre 2012 ore 21:43
    Signora Rita Buona sera ...scusi ma voglio riportare qui un affermazione da lei scritta sopra : che anche l’altro è
    un essere umano
    con i propri vissuti, le proprie tragedie,
    frutto di sciagure e di disastri
    che gli hanno devastato la vita

    Ecco questo io vorrei tanto che lei ne prendesse atto e ne facesse tesoro... queste parole le venga a leggere quando è triste ,quando il mondo le sembra cadere addosso oppure quando in un momento di debolezza perde la misura della pazienza ,Rita

    Le auguro una Felice Notte ...
  15. Cicala.SRsiciliana 12 novembre 2012 ore 22:07
    Va bene signora Napoletana, prenderò atto del suo consiglio e considerando la sua saggezza, senz'altro ne trarrò beneficio. Grazie per il commento, una buona serata, Rita
  16. Edelvais63 12 novembre 2012 ore 22:28
    Buona serata Rita,con affetto x te :bacio :rosa
  17. Cicala.SRsiciliana 12 novembre 2012 ore 22:39
    Grazie Ros, gentilissima come sempre, una buona notte.... :rosa :rosa
  18. dolcecarrie 13 novembre 2012 ore 19:55
    Le gioie e i dolori li viviamo in modo personale, non sono misurabili.
    Buona serata Rita :bye :fiore

  19. Cicala.SRsiciliana 13 novembre 2012 ore 22:00
    Hai ragione Carrie i dolori come le gioie viaggiano su binari separati, ma non bisogna avere la presunzione come facciamo di solito di dire che il nostro è il dolore più grande, anche pechè quando proviamo un dolore infinito, quello degli altri ci sembra impercettibile. Grazie Carrie sei sempre squisita, Rita :rosa :rosa

  20. astro42 16 novembre 2012 ore 19:28
    Il proprio dolore ci trafigge l'animo ...ma c'insegna anche a metterci nei panni degli altri quando lo provano. Comprendendo il dolore possiamo sapere meglio la strada giusta per confortare. :rosa
  21. Cicala.SRsiciliana 16 novembre 2012 ore 21:15
    SI CARRIE è VERO MA SECONDO ME NON BISOGNA DIRE CHE IL NOSTRO DOLORE è PIù GRANDE DI QUELLO DEGLI ALTRI PERCHè OGNUNO PERCHè NON è VERO, NESSUNO SA COSA REALMENTE PROVA L'ALTRO. GRAZIE CARRRIE è SEMPRE UN PIACERE LEGGERTI, UN ABBRACCIO, RITA :rosa

  22. Cicala.SRsiciliana 16 novembre 2012 ore 21:17
    Hai ragione astro, è proprio quello che cercavo di comunicare. Sono contenta che mi abbia capita, una buona serata, Rita :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.