BUON GIORNO A TUTTI!!!!!!

26 settembre 2008 ore 12:56 segnala
CIAO A TUTTI...... :-)) SONO RIENTRATA APPENA ADESSO DA SCUOLA, OGGI NON ABBIAMO FATTO NIENTE DI PARTICOLARE.... IN QST GIORNI CI STIAMO MUOVENDO PER I PREPARATIVI DELLA VEGLIA....  SIAMO ALLA RICERCA DI SPONSOR E SIAMO TT UN PO EUFORICI SPERIAMO RIESCA BENE.... AH A PROPOSITO SONO EUFORICA ANCHE PER I PREPARATIVI DEL MIO DICIOTTESIMO COMPLEANNO..... WOW NN VEDO L'ORA... :bataparty SIAMO IN 139..... E QNT REGALI CI SARANNO....!!!CMQ ADESSO VADO UN BACIO A TUTTI BUON PRANZO E BUONA GIORNATA..... MONY :kissy

ILE NON TI DIMENTICHERO' MAI.......!

25 settembre 2008 ore 13:54 segnala
...MI SENTO TANTO GIU' E' STATO STRANO IERI ENTRARE A CASA TUA PIANGENDO.... OGNI VOLTA CHE ENTRAVO NON FACEVAMO ALTRO CHE RIDERE RIDERE RIDERE.... COM'E' STRANA LA VITA ANZI SONO UN PO SCHIFATA DELLA VITA GIA A 18 ANNI CONOSCO COSE CHE FANNO VENIRE I BRIVIDI.... PRIMA MIO ZIO ORA TU!!! BASTA AVEVI SOLO 30 ANNI E QUEL POVERO ANGIOLETTO COME FARA' SENZA DI TE... NON FA ALTRO CHE CERCARTI COSA DOVRA' DIRGLI NNZIO QUANDO TI CERCHERA' E INIZIERA' A CAPIRE...... SPERO SOLO CHE IL TEMPO PASSI IN FRETTA MA NN PER DIMENTICARTI MA PER FAR SI CHE QUELL'ANGIOLETTO SI ABITUI A STARE SENZA TE....!!!!TI VOGLIO BENE NON TI DIMENTICHERO' MAI!!!!!!! SEI UN ANGELO

UN VIGLIACCO.....

16 settembre 2008 ore 20:32 segnala
Un vigliacco è un essere che non ha mai osato guardare nel fondo della propria anima, che non ha mai cercato di scoprire da dove provenga il desiderio di liberare la fiera selvaggia, di capire che cosa siano la felicità, il dolore, l'amore: sono esperienze limite dell'uomo. E soltanto chi conosce queste frontiere può dire di conoscere la vita. Il resto è solo un far passarte il tempo, un ripetere lo stesso esercizio, invecchiare e morire senza aver realmente saputo che cosa si stava facendo. (da "11 minuti")

INTERVISTA A DIO!!

11 settembre 2008 ore 16:20 segnala
Ho sognato d’intervistare Dio
"Ti piacerebbe intervistarmi?", Dio mi domandò.
"Se hai tempo"gli dissi.
Dio sorrise.
"Il mio tempo è eterno, che cosa vuoi domandarmi?"

"Che sorprese hai per l’umanità?..."
E Dio rispose...

"Siete così ansiosi per il futuro, perché vi dimenticate del presente.
Vivete la vita senza pensare al presente o al futuro.
Vivete la vita come se non dovreste morire mai, e morite come se non aveste mai vissuto...."

”Avete fretta perché i vostri figli crescano,
e appena crescono volete che siano di nuovo bambini.
Perdete la salute per guadagnare i soldi e poi usate i soldi per recuperare la salute".

Le mani di Dio presero le mie e per un momento restò in silenzio, allora gli domandai...

"Padre, che lezione di vita desideri che i tuoi figli imparino?"

Dio rispose con un sorriso:
"Che imparino che non possono pretendere di essere amati da tutti , però ciò che possono fare è lasciarsi amare dagli altri".
"Imparino che ciò che vale di più non è quello che hanno nella vita, ma che hanno la vita stessa".

"Imparino che non è buono paragonarsi con gli altri".

"Imparino che una persona ricca non è quella che ha di più, ma è quella che ha bisogno di meno".
"Imparino che in alcuni secondi si ferisce profondamente una persona che si ama, e che ci vogliono molti anni per cicatrizzare la ferita".

"Imparino a perdonare e a praticare il perdono".
"Imparino che ci sono persone che vi amano profondamente, ma che non sanno come esprimere o mostrare i loro sentimenti".

"Imparino che due persone possono vedere la stessa cosa in modo differente".
"Imparino che non si perdona mai abbastanza gli altri, però sempre bisogna imparare a perdonare se stessi".
"E imparino
che IO sono sempre qui.
SEMPRE".

IL CUORE PIU' BELLO....

11 settembre 2008 ore 16:05 segnala

C'era una volta un giovane in mezzo a una piazza gremita di persone: diceva di avere il cuore più bello dei mondo o, quantomeno, dell'intera vallata. Tutti quanti erano sbalorditi per questo, e glielo ammiravano: era davvero perfetto, senza alcun minimo difetto. Erano tutti concordi nell'ammettere che quello era proprio il cuore più bello che avessero mai visto in vita loro, e più lo dicevano, più il giovane s'insuperbiva e si vantava di quel suo cuore meraviglioso.
All'improvviso spuntò fuori dal nulla un vecchio che, emergendo dalla folla disse: "Beh, a onor del vero, il tuo cuore è molto meno bello del mio!" Quando lo mostrò, aveva puntati addosso gli occhi di tutti: della folla, e del ragazzo.
            Certo, quel cuore batteva forte, ma era ricoperto di cicatrici. C'erano zone dalle quali erano stati asportati dei pezzi e rimpiazzati con altri, ma non combaciavano bene. Così il cuore risultava tutto bitorzoluto. Per giunta, era pieno di grossi buchi, dove mancavano interi pezzi. Così tutti quanti osservavano il vecchio, colmi di perplessità, e si domandavano come egli potesse affermare che il suo cuore fosse non solo bello, ma il più bello!
Il giovane guardò com'era ridotto quel vecchio e scoppiò a ridere: "Starai scherzando!" disse. "Confronta il tuo cuore col mio: il mio è perfetto, Mentre il tuo è un rattoppo di ferite e lacrime". "Vero", ammise il vecchio. "Il tuo ha un
aspetto assolutamente perfetto, ma non farei mai a cambio col mio. Vedi, ogni ferita che tu vedi rappresenta una persona alla quale ho donato il mio amore: ho staccato un pezzo del mio cuore e gliel'ho dato. Spesso ho ricevuto in cambio un pezzo del loro cuore, a colmare il vuoto lasciato nel mio cuore. Ma, certo, ciò che dai non è mal esattamente uguale a quel che ricevi così ho qualche bitorzolo, a cui sono molto affezionato, però: ciascuno mi ricorda l'amore che ho condiviso. Altre volte, invece, ho dato via pezzi del mio cuore a persone che non mi hanno corrisposto: questo ti spiega le voragini. Amare, tu lo sai, è rischioso, ma per quanto dolorose siano queste voragini che rimangono aperte nel mio cuore, mi ricordano sempre l'amore che provo anche per queste persone... e chissà? Forse un giorno ritorneranno e magari colmeranno lo spazio che ho riservato per loro. Comprendi, adesso, che cosa sia la vera bellezza?".
Il giovane era rimasto senza parole, e lacrime copiose gli rigavano il volto. Prese un pezzo del proprio cuore, corse incontro al vecchio, e glielo offrì con le mani che gli tremavano. Il vecchio lo accettò, lo mise nel suo cuore, poi prese un pezzo del suo vecchio cuore rattoppato e con esso colmò la ferita rimasta aperta nel cuore del giovane. Ci entrava, ma non combaciava perfettamente, faceva un piccolo bitorzolo. Il giovane guardò il suo cuore, che non era più il cuore più bello del mondo, eppure lo trovava meraviglioso come mai: perché l'amore dei vecchio ora scorreva dentro di lui!

"LA MATITA E LE SUE CINQUE QUALITA' "

11 settembre 2008 ore 12:16 segnala
Il bambino guardava la nonna che stava scrivendo una lettera. Ad un certo punto, le domandò: "Stai scrivendo una storia che è capitata a noi? E che magari parla di me? ".
La nonna interruppe la scrittura, sorrise e disse al nipote: "È vero, sto scrivendo qualcosa di te. Tuttavia, più importante delle parole, è la matita con la quale scrivo. Vorrei la usassi tu, quando sarai cresciuto".
Incuriosito, il bimbo guardò la matita, senza trovarvi alcunché di speciale. "Ma è uguale a tutte le altre matite che ho visto nella mia vita! ".
"Dipende tutto dal modo in cui guardi le cose. Questa matita possiede cinque qualità: se riuscirai a trasporle nell'esistenza, sarai sempre una persona in pace con il mondo.
"Prima qualità: puoi fare grandi cose, ma non devi mai dimenticare che esiste una Mano che guida i tuoi passi. "Dio": ecco come chiamiamo questa mano! Egli deve condurti sempre verso la Sua volontà."
"Seconda qualità: di tanto in tanto, devo interrompere la scrittura e usare il temperino. È un'azione che provoca una certa sofferenza alla matita ma, alla fine, essa risulta più appuntita. Ecco perché devi imparare a sopportare alcuni dolori: ti faranno diventare un uomo migliore."
"Terza qualità: il tratto della matita ci permette di usare una gomma per cancellare ciò che è sbagliato. Correggere un'azione o un comportamento non è necessariamente qualcosa di negativo: anzi, è importante per riuscire a mantenere la retta via della giustizia."
"Quarta qualità: ciò che è realmente importante nella matita non è il legno o la sua forma esteriore, bensì la grafite della mina racchiusa in essa. Dunque, presta sempre attenzione a quello che accade dentro di te."
"Ecco la quinta qualità della matita: essa lascia sempre un segno. Allo stesso modo, tutto ciò che farai nella vita lascerà una traccia: di conseguenza, impegnati per avere piena coscienza di ogni tua azione". PAULO COELHO

CHE STANCHEZZA.....!!!!!!

07 settembre 2008 ore 23:50 segnala

Ciao a tutti amici..che giornata oggi!!!!!!  ci siamo divertiti tutta la giornata in spiaggia a giocare a beach volley insieme all’ amore mio e agli altri... adesso mi sto rilassando un pò davanti il pc prima di andare a nanna.... peccato che stasera l’amore mio nn ha potuto dormire qui da me... domani ha un esame per l ’università... una  cosa da niente ma deve alzarsi presto.....uffa pensandoci venerdi inizia la scuola finalmente l’ultimo anno.... spero passi in fretta qst anno......cmq buona notte a tutti e sogni d’oro......!!!!!

GLI ANGELI

06 settembre 2008 ore 10:44 segnala

Sono qui per te, ci conosciamo da sempre.
Tu spesso non mi senti, ma io ti sussurro ogni istante
e ogni attimo ti accarezzo.
Prova a sentirmi adesso a un soffio da te.
Ti voglio bene.
Io sono grande quanto è grande il tuo cuore.
Il tuo animo è bellissimo.
Non aver paura di non essere
degno,
non aver paura di non essere degna.
Tu sei tutto per me.
Sono nel tuo cuore, lascia che la mia luce possa uscire,
per illuminare di gioia il tuo viso triste.
Ascoltami ti voglio bene.
Io sono colui che Dio ha mandato per
proteggerti e guidarti verso l'armonia.
Ti amo mio piccolo amico.
Ti amo mia piccola amica.

Il tuo angelo custode.

HEI ANGIOLETTO...

05 settembre 2008 ore 12:38 segnala

HEI ANGIOLETTO MIO COME SEI CRESCIUTO.... DA QUANDO SEI NATO NON HAI FATTO ALTRO CHE PORTARE FELICITA' NELLA MIA VITA... TI ASPETTAVO DA TANTO TEMPO MA FINALMENTE TRE ANNI FA' SEI ARRIVATO.... TI VOGLIO UN MONDO DI BENE FRATELLINO...

.....VORREI....

01 settembre 2008 ore 19:20 segnala

 VORREI UN ATTIMO CHE DURASSE UN'ETERNITA'..... VORREI IL TUO SGUARDO FISSO SU DI ME PER TUTTA LA VITA... VORREI UN BACIO CHE NON FINISCA MAI DI EMOZIONARMI... VORREI RIVIVERE OGNI ATTIMO PASSATO CON TE NELLA GIOIA DI OGNI PAROLA E CAREZZA NATA NEL NOSTRO CUORE E E FINITA SU DI NOI.... VORREI DIRTI TI AMO ALTRE 100, 1000 VOLTE.....

è da tanto che non tiravo fuori le mie emozioni..... ma sono ancora più innamorata di prima....