Hindefuns:l'uomo tra umano e divino

10 ottobre 2011 ore 16:25 segnala
Il mio libro narra la storia di Hindefuns,un ragazzo di 24 anni che si guarda indietro per capire meglio come affrontare il futuro.Quale modo migliore se non quello di usare l'amore verso tutti gli esseri del creato:la Divina Provvidenza gli mostrerà la strada giusta.

L'importanza della Cresima

08 ottobre 2011 ore 15:25 segnala
La Cresima è uno dei sette sacramenti,essa viena detta anche Confermazione,in quanto il cristiano,adulto,ha assunto la piena coscienza della sua fede ed è pronto per diventare un vero e proprio soldato di Cristo.
f91cb135-ff5c-4ffc-bd27-f8b2097889c5
La Cresima è uno dei sette sacramenti,essa viena detta anche Confermazione,in quanto il cristiano,adulto,ha assunto la piena coscienza della sua fede ed è pronto per diventare un vero e proprio...
Post
08/10/2011 15:25:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Divina Provvidenza

24 luglio 2011 ore 20:06 segnala
Quando si è in difficoltà e non si sa come uscire fuori da certe situazioni è utile invocare la Divina Provvidenza:Dio infatti è grande e misericordioso e ama tutti i suoi figli nessuno escluso;anzi,forse ama di più quelli che hanno perso la speranza,quelli che hanno perso la dritta via...Quindi cari amici affidiamoci alla Divina Provvidenza e preghiamo tanto Gesù che possa aiutarci nelle nostre decisioni quotidiane e ,soprattutto,quelle fondamentali per la nostra vita.
d90014e3-a17f-4876-99d6-d97ea86e2401
Quando si è in difficoltà e non si sa come uscire fuori da certe situazioni è utile invocare la Divina Provvidenza:Dio infatti è grande e misericordioso e ama tutti i suoi figli nessuno...
Post
24/07/2011 20:06:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Corpus Domini

28 giugno 2011 ore 12:04 segnala
La scorsa domenica si festeggiava la festività del Corpus Domini:ovvero del corpo di Nostro Signore,il quale si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi.Nell'ultima cena si è donato facendo del pane vero corpo e del vino vero sangue versato per tutti noi in remissione dei peccati.Non possiamo fare altro che ringraziare il Signore che si è donato completamente a noi mostrandoci tutto il suo amore misericordioso.

Buona Pasqua a tutti - dal Vangelo secondo Giovanni

24 aprile 2011 ore 16:55 segnala
Il primo giorno della settimana,Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino,quando era ancora buio,e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo,quello che Gesù amava,e disse loro:"Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!".Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro.Correvano insieme tutti e due,ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro.Si chinò,vide i teli posati là,ma non entrò.Giunse intanto anche Simon Pietro,che lo seguiva,ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là,e il sudario-che era stato sul suo capo-non posato là con i teli,ma avvolto in un luogo a parte.Allora entrò anche l'altro discepolo,che era giunto per primo al sepolcro,e vide e credette.Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura,che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Vangelo della domenica delle palme

17 aprile 2011 ore 17:03 segnala
Quando furono vicini a Gerusalemme e giunsero presso Bètfage,verso il monte degli Ulivi,Gesù mandò due discepoli,dicendo loro:"Andate nel villaggio di fronte a voi e subito troverete un'asina,legata,e con essa un puledro.Slegateli e conduceteli da me.E se qualcuno vi dirà qualcosa,rispondete:"Il Signore ne ha bisogno,ma li rimanderà indietro subito".Ora questo avvenne perchè si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta:"Dite alla figlia di Sion:"Ecco a te viene il tuo re,mite,seduto su un'asina e su un puledro,figlio di una bestia da soma"".I discepoli andarono e fecero quello che aveva loro ordinato Gesù:condussero l'asina e il puledro,misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere.La folla,numerosissima,stese i propri mantelli sulla strada,mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla strada.La folla che lo precedeva e che lo seguiva,gridava:"Osanna al figlio di Davide!Benedetto colui che viene nel nome del Signore!Osanna nel più alto dei cieli!".Mentre egli entrava in Gerusalemme,tutta la città fu presa da agitazione e diceva:"Chi è costui?".E la folla rispondeva:"Questi è il profeta Gesù,da Nazaret di Galilea".

Gesù davanti a Pilato

13 aprile 2011 ore 19:30 segnala
Appena si fece giorno,i grandi sacerdoti con gli anziani,gli scribi e tutto il Sinedrio,tennero consiglio e,dopo aver legato Gesù,lo condussero a Pilato e glielo consegnarono.Pilato gli domandò:"Tu sei il re dei Giudei?".Gesù gli rispose:"Tu lo dici".E i grandi sacerdoti gli movevano molte accuse.Allora Pilato l'interrogò di nuovo,dicendo:"Non rispondi nulla?Vedi di quante cose ti accusano!".Ma Gesù non rispose più affatto,di modo che Pilato rimase meravigliato.Or,in ogni festa(di Pasqua),soleva lasciar loro libero un carcerato,chiunque fosse quello per cui domandavano grazia.Or,ce n'era uno,chiamato Barabba,messo in prigione con dei sediziosi,che avevano commesso omicidi durante una rivolta.E la folla,essendo accorsa,incominciò a chiedere quanto era solito concedere ad essi.Allora Pilato rispose loro,dicendo:"Volete che vi metta in libertà il re dei Giudei?".Poichè capiva bene che i grandi sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia.Ma i grandi sacerdoti istigarono la folla(a chiedere)che piuttosto lasciasse loro libero Barabba.E Pilato ,presa di nuovo la parola,domandò ad essi:"Che devo dunque fare di colui che chiamate il re dei Giudei?".Ma quelli ricominciarono a gridare,dicendo:"Crocifiggilo!".E Pilato disse loro:"Ma che cosa ha fatto di male?".Ed essi gridavano ancor più forte:"Crocifiggilo!".Pilato allora volendo dare soddisfazione al popolo,rimise loro in libertà Barabba e consegnò Gesù,dopo averlo fatto flagellare,affinchè fosse crocifisso.

Gesù caccia i profanatori del tempio

11 aprile 2011 ore 17:58 segnala
Giunsero frattanto a Gerusalemme.Ed entrando nel tempio,si mise a cacciare(dal cortile dei Gentili)quelli che vendevano e quelli che compravano,rovesciò i banchi dei cambiamonete,e le sedie dei venditori di colombe,nè permetteva che si attraversasse il tempio portando dei carichi.Ed insegnava,dicendo loro:"Non è forse scritto:La mia casa sarà riguardata come casa di preghiera da tutte le genti?Ma voi ne avete fatta una caverna di briganti!".Or,essendo venuto questo a conoscenza dei grandi sacerdoti e degli scribi,essi cercavano come farlo morire;avevano,infatti,paura di lui,perchè tutta la folla era ammirata dal suo insegnamento.
c752f2f9-63a5-4c20-b16c-29a85c469e4a
Giunsero frattanto a Gerusalemme.Ed entrando nel tempio,si mise a cacciare(dal cortile dei Gentili)quelli che vendevano e quelli che compravano,rovesciò i banchi dei cambiamonete,e le sedie dei...
Post
11/04/2011 17:58:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Necessità della penitenza

09 aprile 2011 ore 15:57 segnala
In quel medesimo tempo si presentarono a lui alcuni per riferirgli quanto era accaduto a certi Galilei,il cui sangue Pilato aveva mescolato coi loro sacrifici.Ed egli rispose loro,dicendo:"Credete voi che questi Galilei siano stati più peccatori di tutti gli altri Galilei,perchè hanno sofferto in quel modo?No,io vi dico,ma se non fate penitenza,voi perirete tutti nello stesso modo.Oppure,credete voi che quelle diciotto persone sulle quali cadde la torre di Siloe e le uccise,fossero più colpevoli di tutti gli altri abitanti di Gerusalemme?No,io vi dico,ma se voi non fate penitenza ,perirete tutti nello stesso modo".

L'ultima cena

08 aprile 2011 ore 15:23 segnala
Il primo giorno degli Azzimi,i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero:"Dove vuoi che ti apparecchiamo per mangiare la Pasqua?".Gesù rispose:"Andate in città,da un tale,e ditegli:il Maestro dice:il tempo mio è vicino;verrò da te a fare la Pasqua coi miei discepoli".Quelli fecero come aveva loro ordinato Gesù,e prepararono la Pasqua.Sicchè,quando fu sera,si mise a tavola insieme coi dodici(discepoli).