GLI ANNI CHE SEGUIRONO (terza puntata)

14 febbraio 2020 ore 21:24 segnala


E, dopo giorni e notti di lenta navigazione, infine giunsero ad approdare alle candide rive della terra di Tir na nOg, già affollate da un gruppo di spiriti degli antichi celti. Il coro delle loro voci era sempre grato a Morgana e dimostrava l'attaccamento che legava gli abitanti di quella sorta di paradiso alla sovrana della magia antica: il corteo fatato si diresse verso le sale marmoree della candida torre dalla cui più alta sala lo sguardo spaziava per le praterie sempre verdi dove il mare d'erba rivaleggiava con i marosi del nord. Dopo aver a lungo discusso con i capi di Tir na nOg, Morgana riferì alla coppia quale regalo fosse stato deciso di inviare a Titania, qualcosa di sufficientemente raro da adeguarsi al suo rango. Le ancelle li condussero per scale calpestate da millenni, scendendo nelle calde, umide profondità del castello e raggiungendo una sala spoglia al centro della quale si apriva un pozzo dai bordi di candida pietra istoriata.
- Eccoci nel luogo più sacro, dove si apre il collegamento con l'eternità e fluisce l'energia che tiene in vita questo paradiso. Qualcuno di voi mortali ne sentì parlare e raccontò della mitica fonte dell'eterna giovinezza, confondendo il nome della nostra terra con la definizione di fonte. In realtà eccola qui, e quel che ti diamo adesso è il fluido della longevità e della giovinezza, che impregna tutta la nostra terra e dona pace alle anime degli antichi guerrieri che qui dimorano. Pensi che sia un dono abbastanza prezioso per la regina Titania?
- La mia meraviglia, - disse il Narratore - al vedere questa fonte è così grande che resto senza parole e sono convinto che Titania sarà più che felice di sapere che avete voluto mandargli una tale preziosità. Mi permetto di accettare di portargliela con tutta la cura che gli è dovuta.
Morgana riempì una ampolla in cristallo circondata di un intricato metallo laminato che l'avrebbe protetta dagli urti, la tappò e sigillò con della ceralacca e la porse al Narratore che la ripose nella tasca interna del mantello. Paulie intanto continuava a girare intorno al pozzo affascinata dalla luminosità che ne risaliva, attirata da qualsiasi cosa fosse acquatica, e certamente pensava se fosse o meno il caso di tuffarvisi; ma seppe contenere la sua emozione e tutti insieme tornarono verso Hy Breasil, pronti a riprendere il viaggio verso la spiaggia dei giganti. Il tempo, a Tir na nOg, era perennemente fermo o quanto meno scorreva a ritmi lentissimi, e avrebbero potuto restare lì per mesi senza che nella Contea qualcuno se ne accorgesse. Le schiere degli eroi si accalcarono sulla riva per lanciare grida di saluto, felici per quella visita che aveva momentaneamente spezzato le loro giornate dedicate a raccontarsi gesta formidabili e miti di epoche dimenticate, e dal balcone del castello di Morgana Paulie e il Narratore risposero con ampi gesti delle braccia.


fine terza puntata
cb30cc9f-13ea-44d8-855a-ae6cf91bb641
« immagine » E, dopo giorni e notti di lenta navigazione, infine giunsero ad approdare alle candide rive della terra di Tir na nOg, già affollate da un gruppo di spiriti degli antichi celti. Il coro delle loro voci era sempre grato a Morgana e dimostrava l'attaccamento che legava gli abitanti di ...
Post
14/02/2020 21:24:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. crenabog 15 febbraio 2020 ore 12:59
    x @LINTERDIT oh grazie teso' della visita e del like. resto perplesso del fatto che in tanti mi avevano scritto chiedendo che continuassi a raccontare queste storie, ci ho rimesso mano, con tre puntate ho visto oltre quattrocento visitatori e se tralasciamo alcuni commenti alla prima, un paio di like alla seconda e il tuo a questa, sembra acclarato che l'abitudine sia quella di passare, leggere e ti saluto e sono - per dirla alla Camilleri. se penso alle vecchie storie che accumulavano decine e decine di commenti dire che sono amareggiato è davvero poco, ma è anche da dire che le ultime puntate risalgono all'incirca al 2013, e sette anni hanno fatto tutti i danni possibili. la dove c'era un folto gruppo di persone di cervello, buoni amici e bravi scrittori, ora troviamo il deserto, tutti i blog scomparsi e fermi all'incirca a quell'epoca, in giro solo depravati e dementi capaci solo di scrivere stronzate senza limiti nelle bacheche e pochi bloggers che ancora scrivono nelle loro pagine, cose valide sicuramente, ma che rarissimamente ricambiano commenti e like. cosa siamo diventati? il Nulla. che peccato. e che spreco, oltre tutto...
  2. LINTERDIT 15 febbraio 2020 ore 19:25
    Mi dispiace forse non riesco a trovare commenti adeguati chiedo scusa ma ti assicuro che ho letto con attenzione magari sarebbe piu piacevole se alternassi nel racconto anche delle immagini questo mi accade spesso in molti blog autorevoli come il tuo sarà la mia intelligenza limitata o la mia scarsa cultura....
  3. crenabog 15 febbraio 2020 ore 21:57
    X @LINTERDIT nel mio commento ti ho ringraziato pubblicamente prendendomela con tutti gli altri che vengono, leggono e non lasciano la minima traccia di sé stessi. Mi dispiace se non hai capito quel che pensavo fosse chiaro. Se non hai tempo e modo di lasciare commenti non c'è nessun problema, fa piacere sapere che sei passata. Oltre quattrocento visite con le ultime storie e se guardo chi ha visitato il blog trovo nick venuti mesi fa. Che fa questa gente, viene in incognito? Cosa sono, un bordello che la gente si vergogna a farsi vedere? Mah.
  4. LINTERDIT 16 febbraio 2020 ore 04:34
    Comunque mi piacerebbe se moon avesse un ruolo importante nelle tue fiabe, ecco una sorta di stregatto.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.