IL RE DEI MOSTRI

29 maggio 2019 ore 13:22 segnala


Ovviamente state tutti aspettando che domani esca GODZILLA 2 IL RE DEI MOSTRI, e vi sarete precipitati a cercare una anticipazione cinematografica. Spiacente di deludervi, ce lo andiamo a godere tutti al cinema o dopo aver issato la bandiera del partito pirata, su qualche piattaforma galleggiante nel mare del web. E con i soldi risparmiati compreremo un barile di rum per l'equipaggio, così non si ammutinano... No, ovviamente il re dei mostri è lui, il perfido abitatore degli angoli bui, il frequentatore delle scatolette di tonno, l'azzannatore dei polpacci addormentati, il districatore delle cuciture dei golfini. L'essere che vaga tra i corridoi, il grigius silente (tanto per sfottere il defunto Albus). Dunque, cosa ci fa ritenere che non sia il lucertolone di centotrenta metri di altezza, il vero re dei mostri, bensì questa amabile pelliccia semovente? Ma è ovvio, ragionateci sopra. Ammirate le sue tondeggianti zampotte, sono appena state nella lettiera dove ha espulso le sue scorie, quindi sta trascinando in giro quattro minuscole bombe biologiche che, una volta saltate sulla coperta in ciniglia del letto vi depositeranno ogni sorta di germe e bacillo probabilmente mortale e quasi sicuramente venefico. Vi ha lasciato in segno di gratitudine qualche graffio sul braccio, dopo la grattatina sotto il mento? Non basterà nè l'acqua ossigenata, nè l'alcool a novanta gradi, forse la cura radicale di Clint Eastwood del mettere polvere da sparo sulla ferita aperta e avvicinare il sigaro toscano acceso vi salverà dal subitaneo incancrenirsi, dell'arto, dal macerare delle carni, da un amputazione repentina che sarebbe andata di moda dopo il primo conflitto mondiale e giù sguardi malinconici e riconoscenti all'eroe da parte di sartine in libera uscita, ma di questi tempi girare con un braccio di legno, l'uncino e possibilmente un pappagallo che canta "Avanti popolo" sulla spalla non sembra essere a-la-page. E le pulci, le pulci dove le mettiamo? Perchè sicuramente, avendo fatto il concorso come guidatore degli autobus metropolitani, le starà trasportando in giro, oh le care pulci, memori della medievale peste nera, sempre pronte ad un remake di quei tempi per loro indubbiamente gloriosi - e non trovando ratti da utilizzare, che si son fatti furbi e si lavano nell'acqua saponata delle cucine dei ristoranti - eccole che ballonzolano in salotto, invisibili sui vestiti scuri, pronte a fare gnam gnam delle vostre rosee appendici. Più mostro di così! Potremmo andare avanti all'infinito, da qualche parte nella biblioteca di Babele ci sarà una enciclopedia dedicata alle mostruose epidemie portate dai gatti, dai tempi dei Faraoni ai giorni nostri. Perciò seguite il consiglio, che in questi giorni vedo ricorrere spesso anche in questi blog, allontanate immediatamente il piccolo assassino e rilassatevi. Ora è tutto a posto. Godetevi il tramonto affacciati alla finestra, sotto un parapetto pulverulento in puro eternit, respirando a pieni polmoni l'aria delle fabbriche cancerogene della vostra città, mentre la vostra soglia di stress - in questi giorni finalmente riconosciuta come malattia anche dagli enti preposti - si alzerà drammaticamente a causa del rumore di fondo della città. Tornate quindi in casa, date retta, sprofondate nella poltrona preferita imbottita di lana tratta da pecore morte lanciando maledizioni che neanche a Salem pronunciarono mai e lasciate che la sfiga che vi hanno tirato fluisca liberamente, rinfrescatevi con un sano e non alcolico bicchiere d'acqua di rubinetto, economico grazie agli sversamenti sotterranei di liquidi radioattivi delle ecomafie, imbottitevi un panino con pregiato maiale nutrito di cadaveri e liquami, panino ovviamente fatto con farina agli ogm che muterà per sempre il corso dei vostri cromosomi della qual cosa la vostra progenie sarà debitrice. Ah giusto, starete vicini al vostro smartphone, al computer, al caricabatterie, al televisore, al forno a micro onde, e alle varie prese di corrente. Vi stuzzica quel sottile solletico che stanno facendo le vostre cellule mentre si moltiplicano all'infinito in una sarabanda tumorale? Ohh, che bella cosa, tutto va bene, abbiamo cacciato il gatto!
7817caef-9f13-48c4-b691-974d86722685
« immagine » Ovviamente state tutti aspettando che domani esca GODZILLA 2 IL RE DEI MOSTRI, e vi sarete precipitati a cercare una anticipazione cinematografica. Spiacente di deludervi, ce lo andiamo a godere tutti al cinema o dopo aver issato la bandiera del partito pirata, su qualche piattaforma...
Post
29/05/2019 13:22:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. ceravamotantoamatti 29 maggio 2019 ore 13:44
    Che coraggio. No, non alludo al fatto che tieni il gatto consapevole di quello che racconti sulle sue zampette post evacuazione ... ma a trattare questo serio argomento solitamente messo volutamente in disparte per parlare d'altro (che ne so ... come accenni ... delle onde elettromagnetiche, del mercurio nelle acque e quant'altro). Forse a te crederanno ... in questo mare di web su cui navighiamo in molti.

    Dunque, come ho detto dalle parti mie ... si chiama "Toxoplasmosi Gondii" il maledetto batterio che si annida nelle feci del gatto. E' talmente micidiale che lui stesso, il gatto, lo sotterra convinto bastasse questo a sopprimerlo. Non è così ... si contagia pure all'uomo (oltre che ai cani e topi di cui ne diventano portatori sani) ... e si annida nel cervelletto ... una volta entrato nell'organismo dell'uomo, donna, bambino o feto (è indifferente). Si sospetta scoppi nella sua forma virulenta dopo 40/50 anni di convivenza stretta ... scatenando ciò che somiglia molto alla demenza senile o all'alzheimer. In taluni casi giovanili (qualora scoppiasse prima) ... si sospetta addirittura la schizofrenia. Beatamente il tuo gatto vive ... come beatamente lascia vivere chi gli sta attorno, per il momento. Tutto ciò per non essere stati accorti al suo mordicchiare, alle sue feci tenute a stretto giro d'igiene ... alla sua presenza, con il pelo, in cucina e altrove (tipo letti e divani).

    Non che per il cane le cose vadano meglio. Come feci anche con qualcun'altra che si è voluta (spero) documentare ... ti lascio un link di un team di ricercatori francesi. Da noi è cosa impossibile a farsi; piuttosto si sovvenzionano studi volti a scoprire se il lombrico ha l'organo riproduttivo sulla faccia o sul suo sedere.
    Il Link che ti suggerisco vedere (tu che dici di leggerti di tutto) è il seguente:
    https://www.salutelab.it/la-saliva-di-cani-e-gatti-puo-essere-pericolosa-per-gli-uomini/

    Grazie che aiuti pure tu a mettere in guardia la gente su come trattare un cane o un gatto nella maniera meno indolore possibile. A me prendevano tutti per malato d'igiene ... nel mentre tentavano di proporre e far passare leggi volte a far accedere gli animali pure negli ospedali, pensa te. Ciao. Ti metto un Like. Te lo sei meritato.
  2. VirPaucisVerbo 29 maggio 2019 ore 13:50
    Se mai il sarcarmo e l'ironia hanno avuto un archetipo, questo post dovrebbe esserlo! Grandissimo!
  3. ceravamotantoamatti 29 maggio 2019 ore 14:00
    errata corrige (scusate): si chiama Toxoplasma Gondii ... (la toxoplasmosi è di gran lunga meno micidiale ... e ce l'hanno i cani).
  4. ceravamotantoamatti 29 maggio 2019 ore 14:12
    Per chi ne vuole approfondire l'argomento ... tagliasse ed incollasse questo link. Grazie:
    https://www.alzheimer-riese.it/contributi-dal-mondo/esperienze-e-opinioni/7084-il-microscopico-toxoplasma-gondii-ha-un-ruolo-nell-alzheimer.html
  5. freepause 29 maggio 2019 ore 14:56
    Mi par di cogliere vaghe allusioni :-)))
  6. ceravamotantoamatti 29 maggio 2019 ore 18:24
    Ammazza che amicizie, qui dentro, che ti sei fatto. Quasi se non parli come vorrebbero gli altri ... ti isolerebbero manco tu avessi le pulci. Hai fatto bene a farti il gatto. Almeno tu puoi consolarti con lui. Che tipi ... ci stanno in giro qui dentro; parli di cose serie è fanno gli gnorri. :) Alla prima occasione che avrai ... salutameli da parte mia. :)
  7. crenabog 29 maggio 2019 ore 18:38
    x @ceravamotantoamatti ah be' sai com'è, quando la gente mi legge di solito è ben difficile che riesca a capire dove voglio arrivare e quindi ognuno ci legge quel che vuole o quel che sente dentro, così finisco per diventare vagamente universale, per dirla in modo cinematografico "un uomo per tutte le stagioni". magari in un altra vita ero un paio di jeans ahah! quindi potrei aver scritto in maniera seriosa, o in maniera scherzosa, o prendendo in giro gli ecologisti, i maniaci dell'igiene, quelli che abboccano ad ogni telegiornale, quelli che l'animale viene sempre e solo al primo posto e via dicendo. come vedi, ho sempre più piani di lettura. e se questi danno qualche risultato, che ne so, una maggiore attenzione alla cura dell'igiene nei confronti dei propri amici bestiole, o una più intelligente osservazione dei mille pericoli che viviamo anche se non abbiamo animali, o magari anche solo una risata strappata al lettore che legge le mie infinite sciocchezze, be' allora mi sono guadagnato la giornata. un cordiale saluto.
  8. crenabog 29 maggio 2019 ore 18:45
    x @VirPaucisVerbo stavolta è venuto fuori di botto, probabilmente la Musa si è girata verso di me, ed ero proprio ispirato, sarei potuto andare avanti a scrivere per ore, ma a volte le suite comiche riescono meglio se non sono troppo lunghe. mi fa piacere se ti sei divertito, i miei post avvelenati a volte divertono a volte fanno pensare, ma siete liberi di spassarvela come preferite. grazie per l'apprezzamento.
  9. ceravamotantoamatti 29 maggio 2019 ore 18:51
    @crenabog ... Sorrido. Ti ho risposta dall'altra parte: Pulcinella ... scherzando ... diceva la verità. :)
  10. crenabog 29 maggio 2019 ore 18:53
    x @freepause nooo, tu che dici?
  11. crenabog 29 maggio 2019 ore 18:58
    x @ceravamotantoamatti appena ho un attimo vengo a leggerti, circa i miei lettori se parli di loro - se parli di chi viene, legge in incognito e non commenta è un altra questione, quelli sono fin troppi - io non mi creo problemi, ognuno legge quel che vuole in quel che scrivo, e mi basta che si divertano, passino qualche minuto tranquilli e soddisfatti e alla fine gli rimane in mente sempre qualcosa, che alla lunga comunque serve.
  12. LINTERDIT 29 maggio 2019 ore 19:29
    io sono il gatto
  13. crenabog 29 maggio 2019 ore 19:31
    x @LINTERDIT quando salti sullo scaffale per fregarti le scatolette di tonno vedi di non far cascare anche tutto quello che c'è se no ti tiro una ciabatta
  14. LINTERDIT 29 maggio 2019 ore 19:33
    ti graffio e ti trasmetto il gonococcoarciboldisdisastratum LOL)
  15. crenabog 29 maggio 2019 ore 19:35
    x @LINTERDIT ma figuriamoci, dopo tutte le epatiti che mi sono preso non toccando animali ma stando a Sant'angelo dei lombardi a tirare fuori i morti dalle macerie, oramai ho degli anticorpi grossi come lottatori di sumo.
  16. LINTERDIT 29 maggio 2019 ore 19:36
    sai l'ultima ..hanno trovato l'eschirechia coli in una tisana di una marca conosciutissima .....
  17. crenabog 29 maggio 2019 ore 19:38
    x @LINTERDIT ecco vedi, speriamo di diventare presto degli zombi così non ci creeremo più problemi di salute alimentare...
  18. ceravamotantoamatti 29 maggio 2019 ore 19:46
    @LINTERDIT ... Io sono la volpe, allora. :)
  19. crenabog 29 maggio 2019 ore 22:43
    X @LINTERDIT vedi di dirmi sotto quale albero del campo dei miracoli hai seppellito il mio borsellino!
  20. LINTERDIT 30 maggio 2019 ore 06:16
    Vieni a prenderlo però il borsellino
  21. Evelin64 30 maggio 2019 ore 20:48
    Fenomenale !! Il mostro, ogni mostro, si ingigantisce in base alla paura che ci fa... quindi anche una pulce puo' avere la tosse e sarà colpa del suo di mostro :-)
  22. crenabog 31 maggio 2019 ore 00:13
    X @Evelin64 basta rider gli in faccia e non sa più cosa fare a meno che non sia Godzilla perché lassù a centotrenta metri di altezza non credo che ci senta e i suoi piedi non hanno orecchie ahahah

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.