LA FAVOLA DI RE FIRANNAN

29 novembre 2010 ore 09:28 segnala

Data di prima pubblicazione in Internet: 11 agosto 2009 :

C'era una volta, molti secoli prima che il villaggio che ben conosciamo venisse non dico costruito ma anche solo pensato, una grande tribù di guerrieri, i Tuatha dè Danann, che regnavano sulla zona più a nord del continente e sulle isole circostanti. Venne il giorno in cui all'orizzonte spuntarono le lunghe navi dei re spagnoli che iniziarono con loro una guerra lunga, devastante e senza quartiere. Persino gli antichi dei abbandonarono i Tuatha dè ed essi furono costretti a ripiegare, con i loro re e le loro corti, decimati, nelle antiche grotte e nei tunnel sotterranei che dalle antiche miniere portavano alle grandi città sotterranee scavate sotto le colline. Così, col passare dei secoli, la stirpe dei Tuatha dè si trasformò, lentamente, dando vita ai mille rivoli degli elfi, dei nani, degli gnomi e dei folletti che ancora abitano nelle città fatate sotto le colline. Uno dei loro re, Firannan, aveva una moglie meravigliosa, gioia per i suoi occhi e per quelli del suo popolo ma il re non era mai soddisfatto e spesso usciva la notte con la sua Orda per rapire le donne degli umani e farne altre sue spose, con grande disappunto della regina. Una notte di plenilunio l'Orda partì per una razzia nella contea di Stafford e tornò con Nenhet, la giovane e bellissima sposa di mastro O' Callahan; il re la fece sistemare nelle sue stanze e lì la lasciò, in attesa che la prigionia la riducesse a una sua accettazione. Nel villaggio la gente di Stafford era inferocita e partirono diverse spedizioni per ritrovarla ma le tracce dell'Orda si erano dissolte alle prime luci dell'alba. Mastro O'Callahan non si diede pace e proseguì nella ricerca fino a rimanere solo; si aggirava nei boschi soffermandosi su ogni minimo particolare che potesse sembrargli diverso dall'ordinario e riconducibile al Popolo Segreto. Al fine, stremato, si stabilì nel vecchio e disabitato mulino dei Finder, che ormai da tempo avevano lasciato la regione. Una notte venne svegliato da strani rumori: pian piano si affacciò alla sala della macina e vide un fenoderee intento a lavorare di buona lena attorno ai meccanismi. Cercando di non spaventarlo ne attirò l'attenzione e gli si rivolse, con calma, chiedendogli cosa stesse facendo. I fenoderee sono dei folletti che vivono nascosti nei mulini e continuano a farli funzionare all'infinito, anche se a loro non importa cosa macinino o se quel che ne viene sia commestibile. Quello non faceva differenza, alto, bruno e peloso, roteava la falce nel frantumare steli di paglia che gettava nella macina e raccoglieva la polvere che ricavava in sacchi che poi accumulava contro un muro del mulino. Il fenoderee gli chiese se fosse lui il padrone del mulino e se fosse soddisfatto del suo lavoro. Mastro O'Callahan subito rispose di sì e lo ringraziò per la premura che aveva avuto nel far andare il mulino in sua assenza. Il fenoderee assunse un aria soddisfatta, poi il mastro gli disse che intendeva portare quei sacchi in omaggio a re Firannan ma aveva dimenticato la strada per la corte fatata. Il fenoderee si dichiarò disposto ad accompagnarlo e il mastro volle premiarlo donandogli il suo panciotto, che il folletto indossò di buon grado, pavoneggiandosi, tutto nudo e irsuto, con quel vestito indosso che gli stava curiosamente piccolo. Presero ognuno un sacco sulle spalle e si incamminarono. Quando furono in vista della collina fatata il folletto si fermò dicendo che lui non poteva andare oltre, essendo stato scacciato dal re anni prima quindi salutò il mastro e tornò al mulino. Il mastro attese il sorgere del sole poi prese dalla sua sacca un piccone e iniziò a battere e a scavare la sommità, urlando a chi c'era dentro che non si sarebbe fermato finchè il sole non fosse entrato dentro e li avesse dissolti tutti, se non gli avessero ridato la moglie. I coboldi corsero urlando dal re ad avvertirlo e quello, fremente di rabbia, dovette acconsentire. Fece liberare Nenhet e la fece uscire da un apertura della collina, magicamente apparsa tra i rovi. Lei uscì schermandosi gli occhi e abbracciò il marito poi corsero lungo il fiume pronti ad attraversarlo se fossero stati inseguiti, certi che i cavalli fatati, i kelpie da guerra dell'Orda, mal sopportavano l'acqua dolce. Giunsero al loro villaggio e qualche tempo dopo partirono per raggiungere la contea di Shannon che era ben nota per non essere mai stata visitata dal Popolo Segreto. Re Firannan rimase a lungo sotto la sua collina a rimurginare sulla differenza tra il desiderio e l'amore, e a quali prove quest'ultimo sapesse condurre...

11834162
Data di prima pubblicazione in Internet: 11 agosto 2009 : C'era una volta, molti secoli prima che il villaggio che ben conosciamo venisse non dico costruito ma anche solo pensato, una grande tribù di guerrieri, i Tuatha dè Danann, che regnavano sulla zona più a nord del continente e sulle isole...
Post
29/11/2010 09:28:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8

Commenti

  1. Antelao 29 novembre 2010 ore 09:59
    ci ho visto la fine degli Aztechi ed alla fine mi sono reso conto che questo re Firannan pare un mix di Gheddafi e Berlusconi....




    UdM

  2. crenabog3 29 novembre 2010 ore 10:12

    ahahahaha, uhSignùr.... che mi tocca sentire! Anatema! guarda che non vi racconto più niente, eh! eheheh...

  3. venuste 29 novembre 2010 ore 16:29

    non ti fermare......racconta racconta..

    c'è chi legge con gli occhi..

    e chi col cuore...

    tu scrivi........e fammi sognare..

    chissa'... se mi rapissero...

    chissa'...... se qualcuno si preoccupasse di me..

    di venirmi a trovare...

    e chissa' se poi.....mi trova... se mi abbraccia e mi dice......

    ho avuto paura di perderti...

    e mi stringe forte fra le sue braccia...

    ................

    tu scrivi Crena.. non fermati mai...

    fammi sognare...

    ed anche se ho 50 anni.......

    adoro le fiabe...

    un cuore bambino.......rimane sempre giovane...

    chi non riesce a sognare...

    non è vivere...

    baci :bacio

  4. cosillo 29 novembre 2010 ore 17:17

    i malvagi dimostrano la loro inconsistenza.

    Comunque non tutti i mali vengono per nuocere, c'è sempre la speranza che costoro vengano a rapire qualche moglie rompipalle, che ne dici?

    Un abbraccio

    Adriano

  5. serenella21 29 novembre 2010 ore 22:58

    bella qsta favola :giullare

    il bene vince sul male

    ma nn è sempre cosi' purtroppo

    un bacione sommo vate :inchino

  6. venuste 30 novembre 2010 ore 09:21

    .......ero vicino al caminetto acceso...

    io e jaja abbiamo gia fatto l'albero di Natale...

    c'è un'atmosfera....... romantica..

    e pensavo a te...

    avrei voluto con me..........illibro con le tue fiabe...

    cosi le leggevo... a jaja......

    mentre stiamo sedute sul divano..

    il plaid sulle gambe... e leggere.......leggere leggere..

    se tu potessi pubblicarlo.......

    tanto abbiamo parlato lo stesso di te...

    e del giumbotto.. di liga.. :-)))

  7. crenabog3 30 novembre 2010 ore 11:35

    x venuste, sarebbe stata una bella cosa farne un libro, sì, ma chi sa, un giorno forse...mah... mi fa piacere che ti piacciano, e sarei contento se ti capitasse qualche piccolo/a a cui raccontarle, quella è la loro funzione. Ma godetevele anche voi. e un buon natale in anticipo!

  8. crenabog3 30 novembre 2010 ore 11:36

    x Cosillo, ovviamente la speranza che la Corte degli Scontenti arrivi, prima o poi, c'è sempre. Il guaio è, quanto dovrei pagarli per convincerli a portarsela viaahahahahahahahah!?!?! Ciao!

  9. crenabog3 30 novembre 2010 ore 11:38

    x serenella21, ma certo, forse anche per questo le ho scritte, giusto per illudersi un pochino, che ne dici? un bacione!

  10. gattogrrr 02 dicembre 2010 ore 16:15
    Non sono tanto presente ultimamente per via dei grossi impegni che ho fuori da questo virtuale,ma quando ci sono non di certo mi dimentico di passare da te Crenaborg
    a quanto vedo sei sempre davvero tanto in gamba a raccontare le tue fiabe complimenti davvero amico
    ti auguro una buona serata ;-)
    GRRR :bye :bye
  11. gattamannara 03 dicembre 2010 ore 14:32
    Desiderio e amore..grande differenza tra le due passioni,  la prima non porta a nulla, anzi è controproducente   fine a se stessa in molti casi, mentre la seconda  racchiude un grande poterein sé, e solo chi l'ha provato e vissuto intensamente ne conosce il grande potere..Una splendida favola ma sempre con  una grande verità come finale…
    Un abbraccio!
    Babs




  12. crenabog3 05 dicembre 2010 ore 01:01

    x gattogrr, amico mio, non c'è problema, gli impegni della vita son la prima cosa poi il web viene da sè, come è naturale. ma mi fa sempre piacere quando passi. un caro saluto.

  13. crenabog3 05 dicembre 2010 ore 01:03

    x gattamannara, grazie della tua disamina sempre attenta e logica, cerco di mettere tutti gli ingredienti nelle mie pagnottelle, e cerco sempre di renderle piacevoli. per fortuna, quasi sempre ci riesco. Meno male! un abbraccione.

  14. lagunablu2010 05 dicembre 2010 ore 16:57
    :rosa :rosa :rosa
  15. lapiubellaromantica 05 dicembre 2010 ore 18:47
     :clap 
  16. crenabog3 06 dicembre 2010 ore 09:40

    x lagunablu2010, ricambio a mazzi, eheheh! buona giornata!

  17. crenabog3 06 dicembre 2010 ore 09:52

    x lapiùbellaromantica, sempre tanto dolce, vivi felice, te lo auguro!

  18. DesertVampire 10 dicembre 2010 ore 19:05

    Cucusettete!!!! eccomi ....... visto sono passata :-))) ora leggo un po di tutto quello che racconti :-)))

    zao zao buon week :pipistrello :hehe

  19. gattogrrr 11 dicembre 2010 ore 01:02
    BUON WEEK AND CRENABORG :babbo
    GRRR :bye :bye
  20. lagunablu2010 12 dicembre 2010 ore 21:00

    Ripasso per un caro saluto..... e un altro applauso!

    :rosa :rosa :rosa

  21. crenabog3 13 dicembre 2010 ore 02:03

    x desert vampire, gattogrrr e lagunablu2010 . benvenuti amici miei, grazie della visita, a presto con una nuova storia!

  22. lagunablu2010 14 dicembre 2010 ore 10:45

    ripasso per un caro saluto...

    e siccome ho un pochino di tempo, ne approfitto per rileggermi alcune delle tue fiabe!

    Buona giornata, un abbraccio! :rosa

  23. crenabog3 15 dicembre 2010 ore 10:10

    x lagunablu2010, bene, fai con comodo, ti lascio le chiavi della taverna, leggi e preparati un tè ma quando esci ricorda di spegnere la luce e il gas, eheheh! un abbraccio.

  24. cioccolatino111 15 dicembre 2010 ore 14:38
    molti, dovrebbero a lungo rimurginare sulla differenza tra il desiderio e l'amore...tra l'amore possessivo e l'Amore altruistico...ma da quando è nato l'uomo...così nn è.
    C'è sempre chi vuole conquistare, superare e sottomettere un suo simile...
    chi, come l'insoddisfatto re Firannan, desidera la roba e la donna d'altri :-)))

    Cmq, sempre piacevolissime le tue favole :ciao
    :-)

  25. dolcecarrie 16 dicembre 2010 ore 19:57
    Molto bella ed anche il finale..bello !

    Buona feste per te e i tuoi cari :bye :-))


    Cate
  26. crenabog3 17 dicembre 2010 ore 04:55

    x cioccolatino111, sono in tanti che dovrebbero imparare a ragionare prima di desiderare ma è nella natura umana e magari anche in quella del Popolo Segreto non farlo, purtroppo! Un caro saluto!

  27. crenabog3 17 dicembre 2010 ore 04:56

    x dolcecarrie, grazie cara, ricambio di cuore per te e tutti i tuoi. Un abbraccio!

  28. gattogrrr 23 dicembre 2010 ore 19:01
    Una slitta sta correndo tra le stelle del firmamento,il babbo scende dal camino e ti lascia un ricordino, guarda bene è speciale i miei Auguri di un Buon Natale!
    GRRR :batanatale


  29. romy72 27 dicembre 2010 ore 11:04

    Era da tempo che non leggevo un tuo racconto, non avendo mai tempo per entrare bello... devo dire, potresti fare lo scrittore... AUGURONIIIIIIIIIIII 

  30. crenabog3 29 dicembre 2010 ore 13:46

    x gattogrrr, ohilà, grazie degli auguri che ricambio sempre con simpatia!

  31. crenabog3 29 dicembre 2010 ore 13:48

    x romy72, ma che piacere ritrovarti nella mia taverna! son contento che ti sia piaciuta, leggi anche le altre quando hai tempo e altre ne arriveranno, un abbraccio!

  32. chanel1965 26 marzo 2011 ore 19:51
    E' un piacere leggerti.
  33. crenabog3 26 marzo 2011 ore 22:42
    grazie chanel, un abbraccio.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.