L'ONDA DEL DESTINO

10 ottobre 2019 ore 12:55 segnala


Siamo portati a pensare alla nostra esistenza governata da un potere che determina il presente e il futuro di ogni individuo.
Il destino ha la sua puntualità, l'onda del destino non arriva quasi mai nel momento
più conveniente, spesso lo si incontra proprio sulla strada presa, ogni uno di noi traccia il proprio destino cercando di raggiungere i propri obbiettivi con l'aiuto dell'istinto.della razionalità e della volontà.A volte durante il percorso incontriamo però un insieme di fatti casuali e senza logica che hanno un tocco di inspiegabilità e magia.
“La vita non è uno spettacolo muto o in bianco e nero,è un arcobaleno inesauribile di colori, un concerto interminabile di rumori,un caos fantasmagorico di voci e di volti, di creature le cui azioni si intrecciano o si sovrappongono per tessere la catena di eventi che determinano il nostro personale destino.
”Tenere le redini del nostro destino è qualcosa che ci permette di essere più padroni e responsabili della nostra vita.

27a43caf-255f-449a-b52f-da4032a72d8d
« immagine » Siamo portati a pensare alla nostra esistenza governata da un potere che determina il presente e il futuro di ogni individuo. Il destino ha la sua puntualità, l'onda del destino non arriva quasi mai nel momento più conveniente, spesso lo si incontra proprio sulla strada presa, ogni u...
Post
10/10/2019 12:55:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. la.tinissimo 10 ottobre 2019 ore 15:05
    Non credo che il destino si lasci influenzare dall'umanità e da tutto quello che incontra..Forse prenderà in considerazione i movimenti di ognuno che ne cerca le vie d'uscita per un destino migliore.
    Se, magari si potesse ritornare da giovanissimi, si ripeterebbero gli errori commessi?
    Lieto di conoscerla, saluti da Siracusa
  2. crenabog 10 ottobre 2019 ore 19:11
    è un discorso condivisibile ed apprezzabile, se però si inserisce il punto di vista religioso allora le cose assumono tutto un altro aspetto, ma anche quello è solo una opzione personale
  3. VirPaucisVerbo 11 ottobre 2019 ore 08:54
    "Faber est suae quisque fortunae": così dicevano a Roma ben più di 2000 anni fa. E da allora ci si chiede se l'uomo sia artefice o succube del destino. Io credo l'una e l'altra cosa. O meglio, non credo nel "Destino" con la "D" maiuscola, ma credo semplicemente che ogni azione ha una causa ed un effetto. E questo effetto può influenzare il nostro cammino, o quello di uno sconosciuto, oppure anche nessuno. Ci resta solo di camminare e cercare in ogni istante di vigilare e agire al meglio che possiamo.
    Grazie. E buona giornata.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.