*** La Fascinazione del Male ***

22 novembre 2021 ore 23:31 segnala



Quanti di voi si sentono attratti da pensieri, situazioni o immagini che vengono da molti considerati sconvenienti, violenti e addirittura malefici?

Su non siate timidi ad ammetterlo e per incoraggiarvi oggi inizio io a raccontarvi cosa vedo quando guardo il mio lato oscuro.

Il lato oscuro e’ quella parte in ombra di noi stessi.
C’e’ chi pensa di non averlo, chi invece lo teme e lo ignora, chi invece lo nutre piu’ del dovuto solo perche’ lo riconoscono come unica ragione di vita.
E poi ci sono quelli che sono consapevoli e lo accettano perche’ sanno che solo cosi’ lo posso gestire.

Io mi identifico in questi ultimi.
Riconosco il Male che alberga nel mio lato oscuro e quando emerge scuote la mia parte razionale e ordinata.
Sono scosse che disorientano e affascinano nello stesso tempo.




Ma che forma ha "il Male".? Come si manifesta?

Non e' semplice dare la giusta spiegazione al concetto del Male senza addentrarci in ragionamenti filosofici che nn voglio fare sia perche' non ne sono in grado sia perche' ho invece voglia di esplorare dentro di me per capire come mai a volte scatta quella "molla" di attrazione per cio' che e' nell'ombra, per cio' che provo nel mio lato oscuro, per cio' che non conosco, per cio' che non si dovrebbe fare.

Certamente il Male ha le sue sfaccettature e diverse manifestazioni. Di sicuro posso affermare che il male in se', scatenato senza motivo e fatto solo per il gusto di farlo, non mi piace perche' ad esempio se vedessi che qualcuno fa male ad un animale o ad una donna indifesa lo picchierei.




Premesso che mi reputo una persona "buona", cosi' almeno mi viene anche detto da persone che mi conoscono,
eppure non nego di essere affascinata dal male e dall'oscurita'.

Lo temo ma nello stesso tempo sono curiosa e credo che sia utile
conoscere l'oscurita' per apprezzare la luce.

Sono sensazioni contrastanti lo ammetto ma e' maledettamente vero che siamo attratti da "cose" sconvenienti perche' avvertiamo il "piacere" e la curiosita' che queste cose ci trasmettono.
E' come guardare un film horror. Abbiamo paura a guardarlo ma ne siamo attratti . Ci piace quella sensazione insolita che ci trasmette adrenalina e terrore.




Sto pensando a cosa c'e' nel mio lato oscuro...
L'attrazione per le sfide e i rischi, gli eccessi, la trasgressione,
la ribellione, i desideri che non diventano realta',
tutto cio' che mi viene vietato,
tutto cio' che vorrei fare senza riuscirci
e tanto altro di cui non ho ancora preso coscienza.

Sto pensando a cosa c'e' nel mio lato illuminato...
tutto cio' che non e il Male
pensare e agire per il bene proprio e altrui, vivere seguendo le regole morali, comportandosi in maniera giusta, buona e calma.




Ma chi decide cosa e'
giusto o sbagliato?
buono o cattivo?
bene o male?
legale o illegale?
permesso o vietato?

In molti direbbero la propria religione, la cultura,
la tradizione, le leggi sulla morale e l'etica.

Io sinceramente non lo so ma penso che la scelta sia personale e soggettiva.
Ho letto poco tempo fa un esempio pratico di definizione Bene/Male pensando ad un Virus .Per un virus e' bene invadere il nostro corpo, vivere e riprodursi e il male lo facciamo noi che creiamo anticorpi per combatterli.
Quindi per la natura e' Bene tutto cio' che mi serve o che mi piace;
e' Male invece tutto cio' che ci minaccia.




Che casino pero', pur sapendo di farmi male,
non posso negare questa dannata attrazione
anche se c'e' scritto" non cliccare qui" ... io clicco
anche se mi dicono di non farlo ...in me cresce la voglia di farlo
e dato che il Bene lo conosco... voglio capire qualcosa in piu del Male che c'e' in me.

Il Bene e' banale e noioso ed essere bravi e' facile per chiunque!

Il Male e' misterioso e sfrontato e riconoscerlo in se stessi e' per pochi!




(se non lo dite in giro vi confesso un segreto: non sono del tutto cattiva...)


616603f8-f925-4c12-be35-4ff004456e68
« immagine » Quanti di voi si sentono attratti da pensieri, situazioni o immagini che vengono da molti considerati sconvenienti, violenti e addirittura malefici? Su non siate timidi ad ammetterlo e per incoraggiarvi oggi inizio io a raccontarvi cosa vedo quando guardo il mio lato oscuro. Il la...
Post
22/11/2021 23:31:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    17

Commenti

  1. Dolcepestyfera 23 novembre 2021 ore 06:05
    Ai posteri l'ardua sentenza io credo che fino alla fine dei nostri giorni terreni come materia palpabile e allora ci ritorneranno in visione tutti i giorni della nostra vita vissuta.Saremmo in grado di dire ma io il male l'ho conosciuto ? l'ho fatto? l'ho pensato???? Chissà che risposta ci daremmo.
  2. klimo609 23 novembre 2021 ore 11:47
    Mi ritrovo nel tuo post, come al solito post eccezionale.
  3. leggendolamano 23 novembre 2021 ore 18:10
    argomento molto interessante da em sfiorato in quesato post
    https://blog.chatta.it/leggendolamano/post/sante-o-ninfomani.aspx.

    Le etichette "Bene" "Male" "buono" cattivo" servrono sono per una macrocatalogazione. Tutto ha un codice identificativo, un titolo, un nome, una qualifica. Gioco forza classificare in macroruoli categorie anche gli aspetti relazionali fra individui. Come esiste il bianco ed il nero, come esiste il dolce ed il salato, come esiste il bene ed il male o il dominante ed il sottomesso. Ovvio che tali catalogazioni rappresentano gli estremi fra i quali esistono tutte le gradazioni ed i contrasti possibili. Mai il male assoluto, mai il bene assoluto (vedi il visconte dimezzato di Calvino), mai il dominio o la sottomissione assoluta, ma la prevalenza ne determina la classificazione convenzionale. Il succo di tutto alla fine è "l'essere", lo si chiami come lo si vuole chiamare. Solo un accenno sulla insostenibile leggerezza dell'essere che apprezzo purche non si trasformi in un "essere" con leggerezza. Si può vivere leggermente nella profondità ma non amo vivere leggermente nella superficialità. L'importante è accettarsi per quello che realmente siamo.
  4. 73Serpico 24 novembre 2021 ore 12:37
    Alla fine il Bere vincerà sempre sul male ;-)
  5. I.lRumoreDellAnima 29 novembre 2021 ore 22:48
    Charles Baudelaire diceva che ogni giorno noi
    subiamo due attrazioni simultanee e opposte: una
    verso il cielo e l'altra verso l'abisso.
    Familiarizzare col proprio lato oscuro è tanto difficile quanto fare autoanalisi in generale.
    Il punto è che non si dovrebbe avere un visione troppo manichea della nostra interiorità. Noi siamo bianco, nero, ma anche grigio. Grigio inteso come sintesi dicotomica in cui noi dovremmo destreggiarci fra ciò che percepiamo come bene e ciò che percepiamo come male.
    Il fascino del male risiede nelle sue infinite declinazioni e nella sua capacità di simulare e dissimulare il bene, senza per questo tradire la sua essenza.
    Io credo che a volte conversare con le nostre tenebre faccia bene.
  6. KaMaSu 02 febbraio 2022 ore 09:56
    Questo post un pò infernale mi fa venire voglia di... proibito, di... "Dannata Tentazione". Bacio
  7. E.Ventuale 20 luglio 2022 ore 11:49
    male e bene, la lotta eterna che si cela dietro il destino di ogni uomo. nessuno ne è indenne, poiché la lotta fa parte di noi, ancorché in molti si ostinino a ritenere che noi siamo fatti per il bene. non conosco la verità e nemmeno la vorrei conoscere poiché, svelata la quale, saremmo senza un fine da raggiungere. e la parola che rappresenta questa lotta è CONTRADDIZIONE, fluido dentro il quale siamo immersi sin dal nostro primo vagito. io, in quanto essere vivente dotato di intelletto, mi sento di oscillare tra bene e male, anche quando non riesco a distinguerne il sapore. e io sono una contraddizione a cui non vorrei mai rinunciare, ostinato nei miei progetti e nella volontà di raggiungerli, che siano buoni o cattivi, che siano tendenti al bianco o al nero.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.