Ecco perchè si dice che le ragazze sono tutte tr**

19 settembre 2007 ore 21:58 segnala
Girovagando nell'oceano di internet, prima, mi è capitata davanti agli occhi una piccola lettera di una ragazza; era rivolta ad un ragazzo e diceva:
"Io ti ho conosciuto un sabato sera, e i tuoi occhi azzurri e limpidi hanno incontrato i miei, mi hai portato in una stanza a parte, ridendo e scherzando, mi hai fatto sedere e poi mi hai baciato, un bacio lungo, lento e dolcissimo. Poi mi hai detto che dovevi andare, io non volevo ma ti ho lasciato. Il giorno dopo mi hai chiamato, dicendo che la sera prima é stato bello, io ero al settimo cielo! Ci siamo rivisti per alcune settimane, ma tu ti facevi sempre desiderare, appena vedevi che io, orgogliosa, non ti chiamavo più per aspettare te, tiravi di nuovo la lenza e io abboccavo! Ho sofferto molto e soffro ancora. Ti ho lasciato perdere, perché ho capito che tipo di persona eri, e se io non ti potevo avere del tutto, era meglio non averti affatto. Ogni volta con una ragazza diversa, non avevi mai legami stabili. Io ti ammiravo per questa tua libertà, ma senza intento di ferire, solo con voglia di divertirti. Per paura di stare male ancora, sono diventata anch'io così, tante storie ma senza buttarci il cuore...".
E' così che si reagisce alle delusioni d'amore, buttandosi così per chiunque vuole un corpo senza testa?
Mi chiedo se quella ragazza si sia mai sentita in colpa...forse credeva di prendersi la sua rivincita ma non capiva che non ne è uscita a testa alta...è solo diventata come non sperava di essere!

Bisogna fidarsi dei ragazzi conosciuti in chatt?

18 settembre 2007 ore 22:37 segnala
Cosa ne pensate? Forse questa è una di quelle domande a cui non so darmi una risposta...Non è per niente facile, anche se generalmente sono molto scettica su questo posto (come qualsiasi chatt!). Non sono una che si fida molto di chi non conosce ma devo ammettere che quando guardo in faccia una persona vado molto a pelle e se penso al passato...il mio intuito generalmente non mente.
Ma si dice che fidarsi è bene, non fidarsi è meglio!
Boh...

Ci sono momenti...

18 settembre 2007 ore 00:14 segnala
Ci sono momenti, nella propria vita, in cui ci si sente soli…è normalissimo!


Chi non si è mai sentito abbandonato da un’amico/a caro/a?
Chi non ha mai subito un torto?
Chi non si è mai chiesto se le proprie azioni sono giuste o sbagliate?
Chi non ha mai fatto soffrire qualcuno nonostante fosse l’unica cosa da fare?
Chi non è mai stato/a mollato/a dal proprio/a ragazzo/a?
Bene, (anzi, non è proprio un bene) è meglio andare avanti perché con tutte queste domande sto iniziando ad ingarbugliarmi nei miei discorsi contorti per finire non so dove…
    Ma mai disperare!
A cosa serve piangersi addosso, isolarsi, prendersela col mondo intero, fare la vittima???
Ve lo dico io: A NIENTE!
Chiunque si stufa a stare vicino ad una persona così. LA VITA CONTINUA. Se in quel periodo è andata male il prossimo andrà meglio. Quando? QUANDO MENO TE L’ASPETTI!  
Quando sembra che tutto ti stia crollando addosso, ti accorgi che è solo una tua impressione…eri tu che non andavi, che non volevi riaccendere il motore e partire a tutto gassssssssssss!
Quindi il mio messaggio è rivolto a tutti coloro che si sentono persi (in questo momento o da tanto):
    GIRATEVI ATTORNO, GUARDATE SOLO IL BELLO CHE CIRCONDA LA VOSTRA VITA (non c’è??? Impossibile, vuol dire che non avete visto bene)…PERCHE’ LA FELICITA’ ESISTE LADDOVE SEMBRA CHE NON CI SIA NIENTE…e se non riuscite proprio a vederne nemmeno un po’…provate a eliminare tutto ciò che avete (non parlo di cose materiali…) e capirete da soli cosa conta di più per voi!

 BUON LAVORO E BUONA FORTUNA!

:angel Vali

Non capisco...

16 settembre 2007 ore 19:51 segnala
Ma cos'ha? sono anche andata a vederlo giocare...sapeva che volevo andare anche io a fare l'aperitivo con tutti quanti...perchè mi ha lasciata a casa??? a volte mio fratello non lo capisco proprio! ho addosso una tristezza...esco lo stesso...ma non so, non ho voglia di andare alla festa di ciserano... :pianto

LE RAGAZZE

15 settembre 2007 ore 12:32 segnala
Ieri ho avuto modo di toccare un argomento, secondo me, molto delicato con l'amico del mio amico: le ragazze sono tutte troie? sarei curiosa di sapere chi come lui generalizza fino a questo punto. Ma credo di aver già la risposta...i ragazzi delusi d'amore.
A lui lo conoscevo già da tempo, ma non ci avevo mai fatto grandi discorsi perchè quando c'era la sua tipa in compagnia non dava confidenza alle altre. Ieri, dopo due anni che erano insieme, lei era da una parte con il suo nuovo ragazzo e lui lì con noi. E si sono lasciati da una settimana! Non vi dico questo per spettegolare, anche perchè non m'interessa e sono affari loro, ma per darvi la prova che lui tendeva a generalizzare perchè in due anni ha conosciuto lei e penso che in tutto quel tempo se ci stava insieme è perchè la credeva Speciale, diversa da molte ragazze spigliatelle. E' stato tradito e perciò il suo concetto di donna è cambiato: per lui ora sono tutte così.
Un giorno si renderà conto che il suo pensiero era condizionato dai fatti accaduti e ricadrà nella tela dell'Amore... :batalove

IL DILEMMA DELL'AMORE...passano tutti di qua!

04 settembre 2007 ore 23:54 segnala
Per "Ladislessiamiportavia": è vero, quando perdi l'amore è come se perdessi una parte di te...ma col tempo, anche se quel sentimento non ci vuole abbandonare dobbiamo lottare. Ed è così che inizia la sfida contro noi stessi ("IO CONTRO IL MIO CUORE CHE NON POSSO CONTROLLARE...NON POSSO COMANDARLO! E LUI CHE MI HA IN MANO"). E' bruttissimo perchè fai di tutto per non sentirti così afflitto (magari all'inizio te ne freghi di farti vedere nello stato pietoso in cui ti ritrovi) ma nonostante cerchi di riempire la tua vita di mille impegni che ti diano anche qualche soddisfazione ti rendi conto che non basta. A questo punto ti chiedi se puoi superarla da sola o se hai bisogno di "sostituirlo" con qualcun'altro. Forse è più facile la seconda...(anzi, è proprio così!) ma non è certo la soluzione al tuo problema. Il primo passo da compiere è innanzitutto CAPIRE SE' STESSI. Si, è facile a dirlo, ma ognuno ha il proprio modo per superare il problema (anzi, il dilemma!). Ognuno capisce cosa vuole vivendo in modo diverso...ma sempre ascoltandosi dentro. Allora arriverà il giorno in cui la tua testolina sceglierà di seguire i consigli dell'angioletto alla propria sinistra o del diavoletto alla propria destra. AUGURI!!!

 

Per “Andre82bg”: è sempre dura accorgersi in tempo di ciò che si sta perdendo…soprattutto quando c’è si mezzo l’amore. Da single eri abituato a pensare solo per te, a divertirti quando uscivi con gli amici, a non sentirti legato e a goderti la bella vita in compagnia. Poi incontri lei che subito ti fa perdere la testa…è perfetta, la ragazza che desideravi da tempo (e che ormai non speravi più di incontrare), lei che ti regalava l’affetto che desideravi quando eri “solo”…l’unica persona con cui vorresti stare. T’innamori.

 

Purtroppo la vita non si ferma lì (avessi avuto una bacchetta magica l’avrei già fatto io!!!), c’è la possibilità che le cose si complichino ma quando vivi la storia, ti sembra talmente irreale che stia succedendo proprio a te che quando svanisce, ti chiedi addirittura come sia potuto accadere tutto questo. Che complicata la vita! …eppure, a volte, sembra tutto così semplice!

Ti poni talmente tante domande a cui nemmeno l’altra persona sarebbe forse riuscita a rispondere che finisci sempre per sbattere la testa negli stessi posti rischiando di non capire quanto siano innumerevoli le cose importanti nella vita. Soltanto quando ti accorgi che la tua vita non si ferma lì, capisci dove ti sei sbagliato.

GLI AMICI (quelli veri) RIMANGONO! L’amore…chi lo sa? (Vorrei tanto scoprirlo per darmi una risposta…), ma quando t’innamori non è facile conciliare tutto e allora non ti devi chiedere se ce la puoi fare o no…ma se hai voglia di ricevere quell’affetto che prima hai tanto desiderato e disperatamente cercato o se è ora di tornare alla vita da “lupo solitario” di una volta.

 

Però hai proprio ragione…forse è questo che rende speciale una donna rispetto “all’amico”:

“UNA DONNA TI SA TOCCARE NEL CUORE DOVE NESSUN AMICO VERO PUO’ ENTRARE…”!!!

IMPOSSIBLE IS NOTHING!

02 settembre 2007 ore 18:20 segnala
BASTA VOLERLO E BASTA CREDERCI.
Ho sempre ammirato i maschi che non si fanno problemi inutili e che vivono alla giornata (ogni attimo che viene colto con semplicità viene vissuto al meglio), ma che non per questo sono superficiali, innanzitutto verso sé stessi. Ieri sera sono andata con i miei amici a ballare in discoteca a Milano e uscendo abbiamo notato un ragazzo seduto da solo sul ciglio della strada che non riusciva a vomitare…mi faceva pena. Mi chiedo come ci si può ridurre in quello stato; io per divertirmi non ho bisogno di star male dopo! Sarà che mi diverto con poco? Quali sono allora i limiti? Mi basta una serata con gli amici per star bene durante e anche dopo. L’ho sempre pensata così ma mi rendo conto che più esperienze accumulo e più sento di poter dire la mia.

Ho capito che l’Amore non è l’unica cosa che può rendere felice una persona. È normale che ognuno di noi lo cerchi in continuazione (sennò che senso avrebbe la propria vita?) ma non è solo di quello che si vive. Forse è anche per questo che i ragazzi sembrano più duri nei sentimenti rispetto alle girls! Per loro il gruppo fa la forza. Sono molti i casi in cui in una compagnia, mista è presente almeno un caso di rivalità fra donne. E’ la natura umana che porta la donna alla competizione con lo stesso sesso. Da un pò di tempo a questa parte però mi sono fatta una sfida contro me stessa: mi sono chiesta se è possibile che una ragazza possa vivere con l’invidiata semplicità e spensieratezza del ragazzo. Secondo me sì, finché si è single perché se vivi un rapporto è impossibile (almeno per me) non pensare anche alla persona che si ha affianco.

Ovviamente con questo discorso non voglio insinuare di voler rimanere single a vita, ma era soltanto un modo per apprezzare le cose che ho e per dire che mi sento di aver vinto quella sfida!


Una domenica da brivido!

26 agosto 2007 ore 21:39 segnala
Siete mai stati a Crespi d'Adda? bene, se volete far spaventare le vostre amiche portatele di notte, quando è tutto buio. Hihihi...che posto inquitetante! soprattutto il cimitero. In vacanza un nostro amico ci aveva raccontato che per arrivarci devi percorrere un lungo viale alberato e più o meno a metà strada trovi l'unico lampione che appena sorpassi si spegne. Di giorno ovviamente è spento ma la sera deve incutere davvero timore! alla fine del viale circondato dalla boscaglia incolta arrivi al portone del cimitero. La prima cosa che noti è la possente tomba dei Crespi che domina il cimitero e poi le tombe. Sono quelle di una volta, nell'erba con fuori solo le croci e la data di nascita e morte. La cosa ancora più strana è che le date risalgono tutte ai primi anni del '900 ed erano di bambini vissuti anche solo un anno. Ad un certo punto il cane (cucciolo) del mio amico fissa per un pò di minuti un punto con uno sguardo molto serio e inizia a ringhiare...secondo noi vedeva gli spiriti!...mah!
Io penso che se ci fossimo andati di sera sarei morta lì insieme a tutti quei poveri bimbi!
Ah! ho tralasciato un particolare: per arrivare al cimitero siamo passati dalla ciminiera e da una vecchissima e grandissima fabbrica con dietro al cancello un grande orologio che scandiva le ore (esattamente come nei film!). Ovviamente ci siamo fatti un giro anche per il paese e abbiamo notato come le case siano tutte molto simili fra loro...c'erano un sacco di villette bifamiliari credo un pò vecchiotte...Beh, devo dire che è stata un'esperienza e che mi sono divertita tantissimo grazie ai miei amici!!!

UN MONDO DI PAZZI!

24 agosto 2007 ore 22:50 segnala
Niente, mio fratello ormai mi sa che non viene più a prendermi stasera...vabè!
Stavo pensando ad una cosa...veramente sconcertante. Ultimamente non si fa che parlare esclusivamente del fatto accaduto a Garlasco...questo giallo m'innervosisce parecchio. Tutti (giornalisti, cugine della povera ragazza, la gente e ora ci si mette anche quel DEFICIENTE di Corona) speculano sulla morte di Chiara. Ma in che mondo siamo finiti??? Vi sembra giusto far soldi sull'assassinio di chi sa chi? Non voglio entrare nel merito ma tutta la storia mi inquieta parecchio...se accendo la tv (e credetemi sono arrivata al punto di guardarla solo a pranzo e cena) mi sconcerto e basta. Sembra quasi che le persone "normali" e con la testa a posto si siano estinte! ...a questo punto volete un consiglio? SPEGNETE LA TV, ACCENDETE LA MENTE!

HO CAPITO UNA COSA…

24 agosto 2007 ore 21:06 segnala

A volte mi capita di pensare a come sia possibile che i sentimenti verso una persona a cui teniamo davvero tanto possano cambiare col tempo…perché proprio quando ti sembra di vivere una favola questa svanisce? Sono giunta alla conclusione che è una conseguenza spesso dovuta alla PAURA del ragazzo. La ragazza non riesce a scappare quando si accorge del forte sentimento che la lega a lui, x il ragazzo invece prevale la paura di soffrire ancora. Sto parlando del classico caso di lui che viene mollato dopo una lunga storia. E’ inevitabile, dopo quella volta dice BASTA…ma il destino lo frega ancora e ci ricasca in pieno. La cosa veramente impossibile da capire per una ragazza a questo punto è come fa a sparire se ci tiene veramente tanto? Quello che scrivo non me lo sogno ma è frutto del confronto fra ragazze serie…come me! ;-) Comunque se in questo mondo di maschi fifoni davvero esiste uno che non scappa per paura di vivere…beh, io non l’ho ancora trovato e quindi non posso saperlo! Non credete?