i conti tornano, prima o poi

14 novembre 2007 ore 22:33 segnala
mar 13.11.07
Credo che sia stata una persona molto saggia , una volta, a dire che
i conti tornano, prima o poi.
Volete sapere una cosa? AVEVA PROPRIO RAGIONE!
Circa sei mesi fa il mio ragazzo mi ha mollata. Credevo fosse una persona d’oro nonostante lo conoscessi da soli 5 mesi e sono ancora convinta che certe cose le senti dentro, senza riuscire a spiegartele. Mi sono detta: “Vale, succede a tutti nella vita”, ma ciò che non mi dava pace non era solo il fatto di non poter stare più con la persona che volevo, era aver ascoltato i motivi di questa sua rottura e di non essere né io la causa, né qualche altra (se è vero…). Arrivo al punto. Sono caduta (come a tutte le persone che si trovano in una situazione simile) e credevo di non potermi più rialzare. Ormai cos’altro poteva succedere di bello? Prima ogni mattina mi svegliavo chiedendomi se un giorno quel bel sogno sarebbe potuto finire e se stava succedendo proprio a me e ad un tratto, track!, questo avviene. Era la fine, per me il limite della felicità era innamorarmi e sapere di aver fatto innamorare la stessa persona, di averla conquistata per quella che sono. Il massimo per me! Vivere la vita come si vuole, perseguire i propri ideali, inseguire il proprio obbiettivo, aiuta tantissimo. Non ci crederete, lo so, sono ancora troppo giovane per dire certe cose…un giorno riceverò un’altra batosta, magari diversa, e cadrò ancora, ma capirò. Capirò cosa vuol dire vivere, costruirsi la propria vita e non distruggerla per un incidente di percorso! Sento di avere grande forza d’animo e non lo dico perché oggi mi sento particolarmente riflessiva e felice, ma perché da quando ho incontrato e perso quella persona che ho citato prima ho scoperto un lato di me che non conoscevo, davvero. Chiamatemi stupida, chiamatemi ingenua o come volete ma vi assicuro che non s’impara solo dalle cose belle, ma è proprio l’esperienza in generale a formare la persona. Chi mi conosce da anni ha visto i miei cambiamenti e sa cosa sto dicendo. Sento di aver fatto grossi passi avanti da quel fatidico giorno in cui sembrava che tutto mi crollasse addosso. Stasera, uscendo con due mie grandi amiche, ho capito un’altra cosa:
Non conta quanto una persona ti ha fatto soffrire (fino ad un certo punto) ma quanto quella persona ti ha dato. Lo so, vi sembrerà assurdo (soprattutto se siete single freschi);
Non conta da quanto tempo conosci una persona per poterla definire Amica, o dal tempo che ci passi assime, ma dalla dimostrazione del suo volerti bene;
Non conta quanto ti senti perso o quanto ti senti solo, perché è proprio quel “sentirsi” che fa la differenza;
Non conta quanti amici hai adesso o quanti ne hai mai avuti, il numero è insignificante, sono le persone vere che contano;
Non conta da quante persone ti senti amato, conta invece da chi ti senti amato (amore genera  amore…no? Quante volte vi siete innamorati di una persona che mai e poi mai avreste pensato?).
Quindi, a questo punto bisogna chiedersi: esiste solo la felicità generata dal “l’amore platonico”? O anche quella che ti fa sentire apprezzato da un’amica che ti chiede di uscire anche solo per andare a vedere un film?; dagli amici che apprezzano la tua compagnia anche se sono già in tanti?; dalle amiche che si fanno vive anche solo per sapere com’è andata oggi e come stai?; dalla mamma che s’interessa di ciò che fai e che ti capisce da un solo sguardo?; dal fratello che ti porta con gli amici perché finalmente ti vede serena?; da chiunque riesce a vedere dentro di te e non si ferma alle banali apparenze? (è molto facile giudicare senza conoscere).
ANCHE QUESTA SI CHIAMA
FELICITA’! …E’ proprio vero.

Bazzina!

8366668
mar 13.11.07 Credo che sia stata una persona molto saggia , una volta, a dire chei conti tornano, prima o poi.Volete sapere una cosa? AVEVA PROPRIO RAGIONE!Circa sei mesi fa il mio ragazzo mi ha mollata. Credevo fosse una persona d’oro nonostante lo conoscessi da soli 5 mesi e...
Post
14/11/2007 22:33:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. Prophilax 14 novembre 2007 ore 22:48
    è più facile imparare dalle esperienze negative che da quelle positive.... :ciao buona serata e complimenti per il blog, scrivi veramente molto bene ;-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.