Chi non vorrebbe vivere per sempre.....?

09 ottobre 2014 ore 15:20 segnala
Chi non vorrebbe vivere per sempre.....? L'aver vissuto una vita lunga, intensa e appagante può portare all'accettazione serena di una fine imminente?
Non farsi neanche una piccola domanda sulla vita e nel senso che noi abbiamo di essa significa solamente non concederci neanche una sola possibilità di comprendere, almeno nelle linee essenziali e marginali il nostro "essere esistiti".
Non può esistere un'unica risposta se non sappiamo e non vogliamo almeno porci la domanda.
Generalmente, questo tipo di domanda, le cosiddette "grandi domande" sull'esistenza vengono sempre fuori in presenza di un dolore, di una malattia, della consapevolezza o della notizia di una morte imminente e quasi mai in presenza di uno stato di serenità, di felicità; anzi, in questi casi, abbiamo quasi orrore al solo poter pensare a quel tipo di domande, come se quelle domande potessero infrangere quell'incantesimo.
Sappiamo che siamo nati e sappiamo che moriremo e che in questo spazio temporale viviamo costruendoci un percorso: per alcuni consapevolmente, per altri no. Quindi la prima cosa da fare è chiedersi: "cosa ho fatto per perseguire i miei obiettivi e cosa ho fatto per concretizzarli?" Già questo tipo di domanda ci porta a compiere dei passi ciclopici verso l'accettazione di una, inevitabile fine. Più abbiamo coscienza del nostro percorso, più ne siamo stati protagonisti, più accettiamo, dignitosamente un termine.
Un altro grande tema da affrontare lungo il nostro percorso è "L'ALTRO" e "L'ALTRO PER NOI". E' ormai consolidata la definizione che siamo "animali sociali", la vita di ognuno di noi non avrebbe scopo senza la presenza degli altri, ed anche se viviamo in un'epoca dove c'è la corsa all'individualismo, al "rimamnere, in pace da soli" e quindi verso una involuzione culturale, il concetto dell'"ALTRO" viene sempre più prepotentemente fuori e spesso profondamente analizzato.
Analizzare, con sernità questi due aspetti della nostra vita: la concretizzazione degli obiettivi della vita e cosa sono stati gli "ALTRI" per noi e noi per gli "ALTRI"; bhè, già questo ci dovrebbe portare ad un'asssuefazione quasi serena della fine biblicamente annunciata e dovrebbe indurci all'accettazione, conseguenziale, di una naturale eutanasia.
Ma che belle parole, vero? Magari fosse così. Non ricordo dove lessi o chi disse che a ciascuno di noi occorrerebbero tre vite: una per sbagliare, una per comprendere gli errori fatti e l'altra per viverla senza errori. Magari.... Quindi, alla fine, tutti i discorsi filosfici del c.... vanno a cadere di fronte a quel grande "mostro" che, spesso, ci salva dai "casini" più impensati: il conte... "istinto di conservazione".
Chiedete ad un vecchio ultracentenario se è pronto e sereno ad accettare la fine dei suoi giorni. Vi risponderà: "Ragazzo mio...."chi non vorrebbe vivere per sempre?"
E a quella risposta mi ricordo le parole di una grande song che, anche dopo anni che l'ascolto, mi fa vibrare i perimetri più remoti della mia povera anima, ora arricchita e ora dilaniata dalle esperienze vissute sulla mia pelle, che hanno caratterizzato la mia stessa vita e...a farmi giungere fin qui.




Non c'è tempo e non c'è posto per nessuno di noi. Cos'è quella cosa che costruisce i nostri sogni, però ci sfugge? Non c'è neanche una possibilità per noi. È già tutto deciso per noi. Questo mondo ha solo un dolce momento, tenuto da parte per noi.
Chi vuole vivere per sempre? Chi osa amare per sempre quando l'amore deve morire?
Ma tocca le mie lacrime con le tue labbra, tocca il mio mondo con la punta delle tue dita e noi potremo avere noi per sempre e potremo amare per sempre. Per sempre...è il nostro oggi!


L'ultima cosa che sento di dover aggiungere è un brevissimo post costruito qualche tempo fa....a proposito della vita, dice questo....




37f35295-2835-485e-9b56-c3a607deb1b1
Chi non vorrebbe vivere per sempre.....? L'aver vissuto una vita lunga, intensa e appagante può portare all'accettazione serena di una fine imminente? Non farsi neanche una piccola domanda sulla vita e nel senso che noi abbiamo di essa significa solamente non concederci neanche una sola...
Post
09/10/2014 15:20:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. 1965.Giuseppe 10 ottobre 2014 ore 07:45
    Posso solo asserire che in questa vita, voglio portare pace e serenità, non vorrei mai offendere nessun fratello/sorella e se posso tendere una mano anche a chi mi ha fatto del male lo farò. La vita è preziosa e non dovremmo sciuparla con inutili litigi.
    Buona giornata amico
  2. Dr.Pentothal 10 ottobre 2014 ore 08:11
    Il tuo commento è...straordinariamente TUTTO. Nessuna parola da parte mia. Aggiungo solamente la mia "preghiera" mattutina che recito ormai da anni: "Rifiuterò il male in ogni sua forma, cercherò di apportare serenità...e se non dovessi riuscirci, perdonami e considera che sono soltanto...un uomo!"
    Ciao piccolo grande uomo.
  3. SuorPinocchia 10 ottobre 2014 ore 23:10
    Io avrei bisogno di un'altra vita... troppi errori in questa...

    a volte far del male agli altri è involontario ma succede..

    non si puo accontentare tutti...

    Vorrei tornare adolescente sapendo che quel periodo è il piu bello della vita e godermelo a pieno senza troppe paure.. senza troppe 'seghe mentali'

    Vorrei non aver creduto ad un'amica che nel tempo si è rivelatauna vipera...

    Vorrei essere stata una mamma migliore...

    Vorrei aver imparato molto prima ad amarmi... a capire che è piu importante l'amore verso me stessa, perchè solo amandomi avrei potuto amare al meglio gli altri.. e liberarmi delle persone sbagliate...

    Vorrei tornare indietro e godermi di piu mia mamma.. che troppo presto se ne è andata.. cosa non darei per poterla abbracciare di nuovo...

    Quando li hai lì i genitori non ti rendi conto che sono l'unico vero amore che ti viene date senza nulla pretendere in cambio se non un sorriso... o un abbraccio...

    Vorrei aver fatto scelte diverse.. che forse avrebbero cambiato l'andamento della mia vita......

    Un bilancio che spesso si fa dopo i 40 anni.. quando forse il cervello ha immagazzinato nozioni... informazioni.. esperienze......

    ma è facile dire avrei voluto.. avrei fatto... ma sicuramente tornando indietro a quel preciso momento con il cervello di quel momento rifaremmo gli stessi errori...

    ed è grazie a quegli errori.. a quelle esperienze che siamo oggi cio che siamo..

    perchè noi siamo oggi il risultato di ieri........

    e li iniziano le promesse del secondo tempo...

    da oggi saro' cosi.. da oggi saro' cosà... come a recuperare errori e occasioni perdute... sapendo che il tempo è inclemente e la fine si avvicina.. che i migliori anni sono passati.. e la vita ci sta scivolando via come sabbia fra le dita......

    tanti rimorsi.. tanto rimpianti...

    ma di una cosa sono sicura.. che qualsiasi scelta è stata fatta nella convinzione che fosse giusta... fatta con amore..

    guard o miei figli e mi dico... forse la mia vita non perfetta ha comunque dato al mondo qualcosa di meraviglioso......

    forser non vorrei vivere per sempre...

    forse vorrei semplicemente poter ricominciare con le esperienze di questa vita.. per non commettere gli stessi errori...

    insomma sto commento è sconclusionato ma l'ho scritto di getto.. ed è quello che penso.....

    :rosa
  4. Dr.Pentothal 10 ottobre 2014 ore 23:39
    La prima cosa che mi salta agli occhi è se sono io, col mio post a commentare il suo commento o è lei a farlo al mio blog. Ahahah. Certo è che per essere ancora qui e scrivere così tanto e di getto, come ha detto, non devo ancora annoiarla con le mie speculazioni a buon mercato. Mi perdoni se le posso apparire scontato o riduttivo ma cerco di uniformarmi all'aspetto folkloristico del meraviglioso luogo che ci ospita, evitando di "tediare" oltre, con l'approfondimento non richiesto di certi concetti. Venendo al "nostro" post credo di potermi arrogare il diritto di rispondere per tutti coloro che sono innamorati della vita e credo lo siamo tutti. Qualunque aspetto abbia una vita, qualunque sia il suo profumo, qualunque i suoi tormenti ed i suoi peccati l'interprete principale, come qualsiasi bravo attore, non può che amarla e venerala, quella vita e solo perchè è...la sua vita. Ed anche fosse l'highlander Mc Cloud giunto alla fine quando ne dovrebbe rimanere soltanto uno, mi gioco la faccia, anche dopo, 700 anni di vita vissuta, lo sentirei gridare: "who wants to live forever"...chi non vorrebbe vivere per sempre. Enchanté...sorella....è un piacere leggerla. Perdoni il mio ritardo ed i miei...peccati.
  5. SuorPinocchia 10 ottobre 2014 ore 23:47
    Certo è che per essere ancora qui e scrivere così tanto e di getto, come ha detto, non devo ancora annoiarla con le mie speculazioni a buon mercato.


    Non mi ha annoiato per niente questo blog...anzi... lo trovo uno fra i piu belli che abbia letto... :rosa

    complimenti
  6. Dr.Pentothal 10 ottobre 2014 ore 23:56
    Il caffè, come daccordo, posso pagarglielo solo per un anno però. Ahahahahah.... È molto gentile...grazie davvero.
  7. SuorPinocchia 10 ottobre 2014 ore 23:59
    ahahahahhaah io segno :-)))
  8. mondograce 31 marzo 2015 ore 17:14
    Sinceramente io non vorrei vivere per sempre e siccome amo la filosofia cito Epicuro " nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma". Siamo nati o ci siamo trasformati in esseri umani e prima eravamo solo altro in altra forma? Moriremo oppure ci trasformeremo di nuovo in quello che eravamo prima di nascere, oppure ancora in qualcos'altro...e stai a vedere che alla fine salta fuori che effettivamente viviamo per sempre in forme diverse, solo che nessuno ce lo è venuto a dire ;)
  9. Dr.Pentothal 31 marzo 2015 ore 23:45
    @mondograce - Indubbiamente hai ragione. Magari è proprio come hai scritto tu. La teoria epicurea se guardata da un punto di vista postmoderno può essere supportata proprio dagli ultimi dibattiti sulla metempsicosi (la trasmigrazione dell'anima dopo la morte). Se siamo propensi ad affermare che l'anima è qualcosa di immortale è quasi normale il suo tragitto per la ricerca di un altro "involucro". Pertanto, sì, mi trovi pienamente d'accordo con te.
    Dici che non ti piacerebbe vivere per sempre ma quanti vecchi di 90, 100, 105 anni ho visto io in punto di morte e, ce ne fosse stato uno che abbia detto: sì, andiamo sono pronto! Invece tutti a recriminare...la mancanza di un altro pochino di tempo. Grazie dei tuoi commenti sono tutti belli e tutti sentiti col cuore e vissuti dall'anima. :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.