Sussurri e grida....

22 ottobre 2014 ore 16:31 segnala
Nella vita, nelle relazioni con gli altri capita, non di rado, che due persone si arrabbiano. E quando due persone si arrabbiano i loro cuori si discostano molto. Si allontanano l'un dall'altro. Per colmare questa distanza creata dalle incomprensioni, e da quel conseguente allontanamento di cuori, è necessario urlare per potersi, di nuovo, comprendere; gridare, sovrastare l'altro con la voce.
Quanto più arrabbiate sono due persone, tanto più forte sentiranno l’esigenza di urlare, gridare, parlare ad alta voce, affinchè possano di nuovo sentirsi; affinchè rientrino di nuovo in sintonia.
Solo una tipologia di persone non dovrebbe mai gridare: gli INNAMORATI!
Gli innamorati non gridano, discorrono serenamente, semplicemente perché i loro cuori sono a portata dei loro stessi respiri, sono, estremamente, molto vicini.
La distanza che separa quei due cuori è molto esigua, quasi insignificante.
A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano, solamente...sussurrano.
E quando l’amore è tanto intenso, forte, tenace, non è necessario neanche sussurrare. Basta solo guardarsi; guardarsi negli occhi e vivere attimi interminabili e impagabili di puro silenzio. Ed in quel silenzio che due anime....si toccano!

(Da un pensiero di Gandhi)




A te che sei l'unica ragione per arrivare fino in fondo...
...quando ti guardo dopo un giorno pieno di parole senza che tu mi dica niente...


78e415ec-8e6d-40a8-a9ad-6ceae0052041
Nella vita, nelle relazioni con gli altri capita, non di rado, che due persone si arrabbiano. E quando due persone si arrabbiano i loro cuori si discostano molto. Si allontanano l'un dall'altro. Per colmare questa distanza creata dalle incomprensioni, e da quel conseguente allontanamento di cuori,...
Post
22/10/2014 16:31:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. bialy 03 febbraio 2016 ore 23:33
    Sussurri e grida...è stato il richiamo di Bergman a portarmi qui e cosa trovo ? Qualcosa su cui ho lavorato molto (come amano dire gli psicologi). E il lavoro si sa, merita la sua retribuzione, giusta o no ma la merita. Ho gridato tanto nella mia vita, soprattutto da innamorata, alternare i sussurri e le grida era il modo più diretto per sentirmi viva, in movimento...era l'amore acerbo, quello che ha bisogno di gelosie, di conferme, di attenzioni continue e quel dolce tormento dell'allontanarsi e riavvicinarsi veniva immortalato da canzoni, tramonti e cieli stellati. Penso si possa vivere l'amore in questo modo per sempre se si vuole, come un fiume che scorre a tratti lieve ed a tratti impetuoso. Oppure si può vagare fino ad arrivare ad un immenso Oceano dove gli argini si dissolvono e ti ritrovi libero di non opporre più nessuna resistenza, libero di accettare l'eternità del cuore, e ami, ami fino a sentire dolore e tutto quell'impeto delle grida si dissolve nel sussurro dolce delle onde...e se ci penso ora che il tempo per me si è fatto adulto, se ci penso sento che ogni giorno c'è un motivo per innamorarmi, piccolo o grande non ha importanza.....(penso di aver divagato...ma la bellezza di nuotare nell'Oceano è anche quella di poterselo permettere ;-) )
  2. Dr.Pentothal 04 febbraio 2016 ore 00:55
    @bialy - Quando si espimono pensieri così potenti sul piano delle relazioni con il tutto ciò che ci circonda non si divaga mai. L'unica divagazione possibile si otterrebbe se io avessi la presunzione di aggiungere qualcosa al tuo commento. Ecco quella sarebbe una divagazione. Come sempre riesci a inchiodarmi al monitor. Io lascio il tuo commento così com'è; sicuramente chi passerà per quest'aiuola ne comprenderà i "fiori" solo dopo aver letto te.
    Grazie...con tutto il mio cuore. :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.