Cora è tornata!

16 luglio 2022 ore 12:07 segnala
Vidi questo film una mattina in cui sarei dovuto entrare a scuola più tardi, per via di qualche prof assente.
Non riuscii a vederlo tutto,ma quel che vidi di quel film mi colpì profondamente.
Tanto che finì nella lista dei film da ritrovare e conservare.
Non lo trovai mai, in TV l'hanno probabilmente riproposto, ma non guardo la televisione da anni.
Su internet invece nessuna traccia.
Il titolo in inglese è To dance with a white dog.
Comodamente disponibile su YouTube, in lingua inglese e con una definizione (mancanza di essa) inaccettabile per i nostri giorni.
Ci sta visto che l'ultima versione fu rilasciata in DVD.
Con la giusta dose di caparbietà sono riuscito a trovare una versione in full hd. Ovviamente in inglese e per quanto male, sottotitolata.
Inutile dire che è stato un pianto praticamente continuo, se possibile questa visione mi ha segnato ancora più della precedente.
La tematica di fondo è una di quelle che ha sempre colpito uno dei miei pochi punti deboli.
A questo ci aggiungiamo i miei fantasmi, la rovina di cui sono unico artefice.
Quella che poteva essere la mia Vita, cacciata...
E ogni giorno, come lui ha fatto dopo 55 anni insieme quando si è svegliato da solo, mi trovo a dire: mi manchi!
Ed è vero, mi manchi tantissimo!
Me ancora luvva te.

Sogno/i

05 luglio 2022 ore 05:04 segnala
ne avevo già fatto uno ieri. Non c'eri tu direttamente , ma c'è stato un breve discorso che ha fatto male.

Questa notte invece: Dovevamo vederci per fare colazione insieme, sapevo che avresti portato un ovetto Kinder (perchè poi?) di quelli piccoli, ovettini minuscoli e ripieni, non quelli con sorpresa.

Io ti aspetto, tu non arrivi, sto per andarmene e finalmente appari, entriamo nel bar, come facevamo sempre ci dividiamo l'ovettino a metà, io mangio il capo e la coda, tu la parte centrale. Parliamo un po' e poi ti chiedo se vogliamo andare a pranzo insieme e dove... infine mi sveglio... Prima del tuo arrivo, tanto atteso, succede ovviamente di tutto, come in ogni mio sogno psichedelico. Gente che va in Norvegia a dormire in un sacco a pelo a -40 gradi per seguire un'esercitazione militare, io che ascolto audiolibri con interferenze e male registrazioni.

Sogni sogni sogni

11 giugno 2022 ore 23:19 segnala
In questo periodo ti sto sognando molto, quasi giornalmente.

Non ho fermato il sogno fatto ieri, ma quello di oggi si:

Eravamo "insieme" e tu ti arrabbiottavi per qualcosa e mi urlavi: meno male che non mi sono fidata di te! E io che provavo a chiederti perchè dicessi così, cosa avevo fatto per sentirmi dire quelle parole, ma tu non me lo dicevi...

Oggi quando ero in cassa dove andavamo sempre a fare la spesa insieme e ho visto due vecchiotti, diremo sulla settantina, marito e moglie, che facevano la spesa e caricavano la spesa insieme e ho pensato che avremmo potuto essere noi in futuro ma non li saremo ed è solo a causa mia e della mia infinita stupidità, s'impaara sempre troppo tardi e mi manchi...

Sogno

06 giugno 2022 ore 12:02 segnala
Il sogno di questa notte è stato particolarmente "favoloso" nel senso da favola, assolutamente irrealistico.

Come sempre eravamo insieme, parlavamo più o meno freddamente della possibilità di un ritorno alle origini, il tuo responso era un no ma non definitivo, ho fatto opera di convincimento ed è arrivato ad essere almeno un si non convinto...
Nel mentre affrontavamo situazioni quotidiane. Alla fine ci troviamo in un lungo corridoio, pieno di gente, alcuni consciuti e altri no... lo percorrevamo e a tutti facevamo delle felicitazioni e loro le facevano a noi perchè si, finalmente eravamo di nuovo insieme.

Il risveglio è stato, spiacevole, ma non così tanto, probabilmente se fosse successo qualche mese fa, mi avrebbe rovinato la giornata più di quanto possa farlo ora.
Si rinforza quindi la consapevolezza che continuerai a manifestarti nei miei sogni, ma forse, solo forse, farà meno male...

Fine tregua

31 maggio 2022 ore 00:20 segnala
30 aprile - 31 maggio

tanto è durata la tregua nei miei sogni.

Oggi a seguito di una telefonata destabilizzante, quando ho chiuso gli occhi, sei tornata nei miei sogni, sapevo che sarebbe successo, era solo una questione di quando.

Del sogno non ricordo molto, come sempre, eravamo insieme, in una situazione di gelo interiore e parlavamo...

I still miss you.

Inferno, paradiso e ritorno

15 maggio 2022 ore 19:36 segnala
In queste due settimane ho conosciuto una persona (no non in questo luogo pieno di fake, account riciclati e con tutti i limiti che possa avere una chat generalista).

Lunghi messaggi sul sito, una comunicazione regolare e fatta di contenuti, una distanza geografica quasi inesistente e una generale visione d'idee.

Dopo 4 giorni di questa comunicazione è iniziata la fase di riveliamoci, andiamo oltre gli avatar.
Passiamo a un mezzo di comunicazione più diretto, le condizioni le decido io, ovviamente.
Vengono accettate.

Il tutto in un calderone di messaggi che spaziava dal kinky alla fisica quantistica.
Non c'è mai stato un momento di esitazione.
Si fanno i progressi del caso.

Ma visto che non abitiamo in pianeti diversi ma in città vicine, perché non ci vediamo?
Quello era inizialmente un pensiero lontano, ma si fra una settimana, magari due, lavoro, trasferte, insomma vita quotidiana che pone degli ostacoli.

Improvvisamente:
Io domenica sera ho un ora di tempo da te, combiniamo? Si combiniamo!

Però solo un ora, di sera, non era come l'avevo immaginato io e nemmeno tu...
E se ci vedessimo sabato pomeriggio?
Affare fatto! 15.21!

Un saluto con abbraccio, stretto e non tanto lungo.
Prima che mi dimentichi: A gift for you *cuoricino nero*
Se non ci vediamo più è un regalo, se ci vediamo ancora consideralo un prestito.
Abbracci, mano nella mano, un bacio, mano, abbracci, abbracci, abbracci.
Il tutto condito di parole e confronti, insomma messaggisticamente e poi telefonicamente, il tempo non era mai abbastanza a voce non cambia molto. Il tutto condito da generalmente accordi totali, tranne su religione, complottismi vari e non ricordo che altro.
Ah e una telefonata di lavoro di 30 minuti che impone il silenzio.
Oltre al bacio proprio mentre si fumava l'unica sigaretta.
Arriva dopo 4 ore il momento dei saluti.
Abbracci, due (o tre) baci labbristici.
Mi viene chiesto: quando ci vediamo?
Io rispondo razionalmente: quando torno su!

Da quel momento la comunicazione torna ad essere virtuale e i baci diventano bacini.
La sera causa stanchezza non ci si sente, strano era un rituale...
I nomignoli assegnati fanno un passo indietro.
Il mio sesto senso inizia a tintinnare, il buon Sherlock diceva: "tre indizi fanno una prova."

Kudos al mio sesto senso!

In tutto questo, nelle ultime due settimane ho giovato di una quiete totale nei miei sogni, che ora, torneranno più violenti che mai.

Sogno

29 aprile 2022 ore 09:04 segnala
Inizialmente stavo dicendo a tua nipote che avere dei poteri significa avere delle responsabilità, che non si usa a sproposito e soprattutto per divertimento, in realtà non volevo lo usasse contro di me, visto che sarebbe stato doloroso.

Nel resto del sogno interagivo stranamente con tua sorella, tu non c'eri mai. Non vivevamo ancora insieme e presto sarei dovuto tornare giù. C'era un sacco di un qualche componente e stavamo decidendo se dividerlo fraternamente (andava amalgamato con acqua).
L'avremmo mischiato e ci saremmo divisi il risultato. Tua sorella dice: ma no tieniti il sacco, noi ne abbiamo altri 2, portalo a casa. Arrivi tu e dici: ho controllato i sacchi, in realtà sono vuoti, quindi non ne abbiamo, allora decidiciamo di fare la mistura.

In un breve momento in cui io e te siamo finalmente soli ti dico:
così non va bene, non stiamo mai insieme o andiamo a vivere insieme oppure ognuno se ne va per la propria strada (c'era anche una terza opzione che non ricordo chiaramente)!

Tu mi guardi con l'espressione triste e non mi rispondi, una fine già scritta.

Vorrei averti accanto quando mi sveglio, poterti abbracciare e invece ogni giorno che passa matura in me la consapevolezza che ho commesso un grave errore al quale non riesco a mettere una pezza, un errore che si pagherà con la vita, nella vita.

Sogno

25 aprile 2022 ore 01:09 segnala
Mi sono svegliato da 20 minuti, ho deciso di scrivere immantinente per fermare quante più informazioni del terribile sogno che ho appena fatto.

Suona il cellulare, vedo il tuo nome, rispondo e mi chiedi se puoi venirmi a trovare a casa. Sono un po' perplesso ma dico di si.
Quando arrivi andiamo in camera da letto, mentre parliamo, mi dici che continui a canticchiare una cosa, anche mentre dormi e l'hai registrata, me la vuoi far sentire.
E' una cosa che riguarda noi, che riguarda me, chiamano anche i tuoi genitori per farla sentire (???).
Un sacco di punti di domanda si disegnano sopra la mia testa, mi dici che nonostante questo non mi stai dicendo che vuoi che torniamo insieme. Mi chiedo perchè mi dici queste cose allora, è solo un'idea buttata li, da considerare, ma senza fretta. Io penso che di fretta ne ho in realtà tantissima e non speravo fosse una cosa possibile, penso sia uno scherzo.
Succedono cose, ci spostiamo in cucina, parliamo, io vivo come sull'orlo del precipizio quei momenti, a metà fra è tutto uno scherzo o è un sogno che si avvera.

Continuiamo a parlare, fra mezze frasi e parole non dette, io non so quanto posso calare la maschera, quanto ti posso dire che sei la cosa più importante per me e che non faccio altro che rimpiangere ogni giorno quello che ti ho fatto, che me ne assumo le responsabilità, che mi manchi tantissimo. Ad un certo punto mi dici tu: si ti sto chiedendo di tornare a stare insieme, però dobbiamo entrambi comportarci in modo diverso.
Io ti rispondo che non mi interessa niente, qualsiasi cosa mi chiederai è legittima e io la farò.
Il sogno si divide in due parti, fra la prima e la seconda prendo come la consapevolezza (non so se mi sono brevemente svegliato) che quello che stavo vivendo era solo frutto del mio cervello e so che finirà, per questo motivo cerco di rimanere in quella illusione il più a lungo possibile, ma consapevole che è soltanto un sogno, che è soltanto ciò che più desidero al mondo, l'unica cosa che desidero realmente e che non si realizzerà mai.

Nel mentre ci abbracciamo, ci baciamo ,ci teniamo per mano, ti voglio stringere forte, ti voglio stritolare tuta, finalmente insieme di nuovo e questa volta per sempre.

Nota a margine

10 aprile 2022 ore 20:29 segnala
Una settimana fa, mentre preparavo spostavo qualcosa sul tavolo è caduto il bicchierino che usavi quando c'era da sciogliere un po' di farina con l'acqua.
Stasera mi è caduto uno dei piatti piani, ormai quanti ne sono sopravvissuti? Forse 3...
Cosa rimarrà alla fine di quello che usavamo insieme se vado avanti così?

E perchè continuo a sognarti, ogni volta che non mi uccido la mente invertendo i cicli notte giorno ti sogno, ti sogno sempre, perchè non riesco a smettere?

sogno

10 aprile 2022 ore 15:21 segnala
è stato breve, almeno la parte che ricordo.
C'era un vassoio contentente del cibo con uno strato di quella plastica trasparente che faceva vedere cosa c'è sotto.
C'erano 3 tipi di dolce pasquale, non ricordo quali.
Allora vengo da te, eravamo a casa insieme e ti dico: ma come mai ci sono ancora tutti i cibi nel vassoio? Tu mi rispondi: nessuno ha voluto assaggiare niente, con fare fintamente intristito. Io ti chiedo: posso prendere qualcosa? E tu: Io ti consiglio (detto in modo CONSIGLIO, ergo DEVI) di provare questi due qui.
E io lo faccio.

Poi mi sveglio.
La seconda pasqua senza di te, almeno mi è servita per capire che si certo la carne è buona tutta, ma personalmente prediligo l'agnello al capretto.