Zi prete

03 dicembre 2009 ore 17:27 segnala
"Vi avanti fijolo che te se smove?
Er diavolo tentatore ce lo s!
'Gni giorno s prove nove".

"Che dichi hai magnato de gola da tu zia?
Nun creanza te assorvo,
pe tre ave Maria"

" Nun peccato si lavannote te tocchi,
ma solo si lo fai de niscosto.
Te assorvo si stasera a li rintocchi,
me preghi rimettenno tutto a posto".

"Si sei puro n'tera poi aspir ar paradiso.
Fra l'angeli der signore te ce vedo,
ali ar collo, beato, tutto 'n soriso.
Pe sicurezza prima de dorm d quarche credo"

Sortito s rientrato pe 'n antra assoluzione.
Nun lo trovo quattro canasce ar tavolino,
la perpetua chiapp'all'aria sotto genocchione.

11287532
"Vi avanti fijolo che te se smove?Er diavolo tentatore ce lo s!'Gni giorno s prove nove"."Che dichi hai magnato de gola da tu zia?Nun creanza te assorvo,pe tre ave Maria"" Nun peccato si lavannote te tocchi,ma solo si lo fai de niscosto.Te assorvo si stasera a li rintocchi,me preghi...
Post
03/12/2009 17:27:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment

Er fojo

03 dicembre 2009 ore 17:25 segnala
Su er fojo de la vita, 
staveno 'nquadrati,
tutti dritti puro 'n salita,
annaveno come sordati.

Tutti assieme virgole e punti,
annaveno lisci lisci,
scavarcanno lacrime e tormenti,
tutti chiusi come gusci.

Su sto fojo ordinato,
bianco, liscio e perfetto,
tutto tale quale come programato.

Solo na virgola un ber momento,
se trov a pens,
"aoh ma si zompo posso f l'accento". 

Er potere de la bolla (giochi di potere)

03 dicembre 2009 ore 17:21 segnala
Er giostraro s'esibiva ner sentisse er creatore,
davanti a mille e mille persone, 
'n soffio calibrato, un p d'amore,
e leggera pia vita na bolla de sapone.

Lei spinta ne la vita dar padrone, 
se gonfia boriosa signora der cielo,
tutti la guardeno je ce vi er magone,
se sente na stella, na sposa cor velo.

Li strilli de li regazzini,
li diti puntati verso l'arto,
se ferma er vento, resto; ricumincia parto.

Li baci der sole me fanno da vestito,
me fanno la pelle darcobaleno,
giro pe laria nun ci mancon freno.

Me arzo, mabbasso, appresso a la corente,
do tira vado, seguo puro er mulinello,
si frena me tuffo a volo discendente,
tutto senza impegno questo er bello.

Nun ponno d fa er compito der momento,
mha messo ar monno chi comanna,
madeguo a le regole der vento,
o de chi soffia e me ce manna.

E stava l, piena daria e de vita,
sempre pi gonfia de se stessa,
certa desse padrona de la partita.

Poi f nattimo, er dito de n monello,
tanto bella e colorata, no schioppo,
e f seconna ar gioco der duello.
11287516
Er giostraro s'esibiva ner sentisse er creatore,davanti a mille e mille persone, 'n soffio calibrato, un p d'amore,e leggera pia vita na bolla de sapone.Lei spinta ne la vita dar padrone, se gonfia boriosa signora der cielo,tutti la guardeno je ce vi er magone,se sente na stella, na...
Post
03/12/2009 17:21:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Chiacchiere de mercato

03 dicembre 2009 ore 17:19 segnala
"Sora Nena ve dico er vero,
lo credeva regazzino da cotta,
sempre appiccicato a core sincero,
invece l'ha scoperto fio de na mignotta".

"E d che j'aveva 'mposto li comannamenti,
nun f questo nun f quello,
e lui zitto piegato a li tormenti,
ubbidiva come n'cane, come 'n monello".

"Ma si voleva n'cane, o un rigazzino,
je conveniva a piallo scojonato,
pupo da pannolino".

"E che pretenneva? A letto giovine e montone;
fora 'n sordatino in riga,
contento e beccaccione?".

"Si ho capito quello che dite,
ma pure lui senza n'arte,
de cazzate je n'ha connite,
pareva n'antro j'ha fatto la parte".

"Poi co quer contorno de famija,
co que la casa in culo ar monno,
senza nissuno che lo consija,
s'arischia de casca ne lo sprofonno.

"E sapete quello che f pi peggio? 
Che noi qu a chiacchier,
e loro l a ride quasi pe sfreggio".

"Er fatto che la vita piena de pene,
loro pare che pe istinto ce lo sanno, 
e in mezzo a tanti cazzi se vonno ancora bene".

Er bacherozzo e er giudizio

03 dicembre 2009 ore 17:15 segnala
Er bacherozzo spigneva sudanno,
zompava li zeppi, li serci, 'n salita,
ce stava male, je ce veniva l'affanno,
pensanno "ma pe no stronzo, ne vale la partita?".

Pe legge de natura era n'atto de dovere,
ma er problema suo era chi guardava.
Scejese chi ce valuta da potere,
e lui se preoccupava de chi lo giudicava.

Cos insisteva guardannose dar monno,
chi me guarda? Che diranno de me?
E de sta merda a forma de tonno?

Poi na pausa de 'n minuto,
all'ombra de na frasca,
l'occhi puntati de 'n bruco panzuto.

Er primo pensiero f "che dir de me?".
Poi subito fece 'n cenno co la capoccia,
com'ha d che c', st sotto esame?
Je f "che c'hai nun te piace sta faccia?".

"Forse per mestiere che faccio?".
Me guardi perche s zozzo de merda?
O perche pensi che s 'n tipaccio?
Perche nun s come te razza ingorda?".

Er bruco stava l e lo fissava,
attaccato a un rametto,
co tutta seta 'ntorno che volava.

Poi parl: " Ma t'azzitti ho da divent farfalla,
sai che cazzo me ne frega a me 
der monno tuo; na merda fatta a palla.".