Er bacherozzo e er giudizio

03 dicembre 2009 ore 17:15 segnala
Er bacherozzo spigneva sudanno,
zompava li zeppi, li serci, 'n salita,
ce stava male, je ce veniva l'affanno,
pensanno "ma pe no stronzo, ne vale la partita?".

Pe legge de natura era n'atto de dovere,
ma er problema suo era chi guardava.
Scejese chi ce valuta da potere,
e lui se preoccupava de chi lo giudicava.

Cos insisteva guardannose dar monno,
chi me guarda? Che diranno de me?
E de sta merda a forma de tonno?

Poi na pausa de 'n minuto,
all'ombra de na frasca,
l'occhi puntati de 'n bruco panzuto.

Er primo pensiero f "che dir de me?".
Poi subito fece 'n cenno co la capoccia,
com'ha d che c', st sotto esame?
Je f "che c'hai nun te piace sta faccia?".

"Forse per mestiere che faccio?".
Me guardi perche s zozzo de merda?
O perche pensi che s 'n tipaccio?
Perche nun s come te razza ingorda?".

Er bruco stava l e lo fissava,
attaccato a un rametto,
co tutta seta 'ntorno che volava.

Poi parl: " Ma t'azzitti ho da divent farfalla,
sai che cazzo me ne frega a me 
der monno tuo; na merda fatta a palla.".
11287504
Er bacherozzo spigneva sudanno,zompava li zeppi, li serci, 'n salita,ce stava male, je ce veniva l'affanno,pensanno "ma pe no stronzo, ne vale la partita?".Pe legge de natura era n'atto de dovere,ma er problema suo era chi guardava.Scejese chi ce valuta da potere,e lui se preoccupava de chi lo...
Post
03/12/2009 17:15:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.