ASSENZIO

19 agosto 2009 ore 20:27 segnala

Con l’assenzio si prepara un liquore leggendario, che ha ispirato tutta una generazione di artisti tra i più rivoluzionari del XIX secolo; celebrato da pittori impressionisti come Degas e Manet e poeti maledetti come Baudelaire che, sotto l’effetto della “fatina verde”, hanno creato le loro opere migliori. L’assenzio, come si usava fare nei caffè parigini, va bevuto seguendo un rito che sa di alchimia: il liquido verde, ad altissima gradazione alcolica, diluito con acqua e zucchero, diventa opalescente, trasformandosi in una pozione magica pronta a sprigionare i suoi benefici effetti, inebriare la mente e rendere più disinvolti e sicuri di sé. I detrattori di questo portentoso elisir lo accusano di far emergere il lato più oscuro e violento delle persone, addossandogli la colpa di alcuni feroci fatti di sangue, avvenuti prevalentemente entro le mura domestiche... ma queste sono solo le farneticanti asserzioni dei soliti perbenisti che vorrebbero fare una crociata contro tutti i vizi di questo mondo. Io lo bevo da anni e non credo a queste leggende... anche se, adesso, osservando le pareti del mio tempio imbrattate di sangue, il coltello che stringo tra le mani e il cadavere  del mio sacrificiosull'altare qualche dubbio mi sta venendo.



11056136
Con l’assenzio si prepara un liquore leggendario, che ha ispirato tutta una generazione di artisti tra i più rivoluzionari del XIX secolo; celebrato da pittori impressionisti come Degas e Manet e poeti maledetti come Baudelaire che, sotto l’effetto della “fatina verde”, hanno creato le loro opere...
Post
19/08/2009 20:27:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.