Ciao Negri.....

25 settembre 2019 ore 18:06 segnala


Ciao Negri.....come va? Qui è L'Europa che vi parla ! Da Bruxelles, avete presente?

Pensate che proprio da qui ancora un secolo e mezzo fa vi si faceva lavorare gratis nelle piantagioni e nelle miniere a casa vostra -l’Africa- per la maggior ricchezza di Re Leopoldo.
Però noi ci si conosceva già da parecchio tempo:
quando tutti insieme -inglesi, olandesi, portoghesi, spagnoli...- abbiamo messo in catene 12 milioni di voi per venderli in America; su quel lucrosissimo commercio triangolare abbiamo costruito la nostra rivoluzione industriale,
quella che voi non avete avuto.
Poi abbiamo preso direttamente le vostre terre, perché abbiamo scoperto che erano piene di roba che ci poteva essere utile.
I francesi hanno iniziato dal nord e gli inglesi da sud:
un po' di stragi ed è diventato tutto roba nostra.
Anche i belgi, come dicevamo, si sono dati da fare:
a un certo punto il loro impero era composto al 98 per cento di terre africane.
Poi si sono mossi i tedeschi, infine gli italiani; insomma dopo un po' non c'era più un fazzoletto di continente che fosse veramente vostro.
A proposito degli italiani, come sempre sono arrivati ultimi, però si sono rifatti con un record: la prima nazione al mondo ad usare gas letali sui civili; a un certo punto i vostri nonni si ritrovavano dentro una nuvola di iprite e morivano a migliaia tra orrendi spasmi.
«Mica vorranno che gli buttiamo giù confetti», ebbe a dire il generale De Bono.
Finito il colonialismo -ormai vi avevamo rubato quasi tutto, dai diamanti alle antiche pergamene amhare- abbiamo continuato a controllare la vostra politica e la vostra economia, riempiendo d'armi i dittatori che ci facevano contratti favorevoli, quindi comprando a niente ciò che ci serviva in Europa, devastando i vostri territori e imponendo le nostre multinazionali per quello che abbiamo deciso dovesse essere il vostro sviluppo. E così per un altro mezzo secolo.
Se poi ad un certo punto un dittatore pensava di fare di testa sua, noi lo cambiavamo con un altro, dopo aver bombardato un po' di città e aver rifornito di cannoni le milizie che ci stavano simpatiche per massacrare quelle che ci stavano antipatiche. Del resto da qualche parte le mitragliatrici e i carri armati che produciamo continuamente li dobbiamo pure piazzare; qui in Europa siamo in “pace” da settant'anni, e mica possiamo rinunciare a un settore così florido.
Negli ultimi trent'anni poi abbiamo creato un modello nuovo che si chiama iper-consumismo e globalizzazione, allora abbiamo scoperto che l'Africa era perfetta per comprarsi tutto ciò che noi non volevamo più, perché noi dovevamo possedere roba nuova e con più funzioni; così, per esempio, abbiamo trasformato il porto di Lomé in un immenso centro di svendita dei nostri vecchi telefonini e delle nostre vecchie TV.
Abbiamo usato i vostri Paesi come discarica dei nostri prodotti elettronici ormai inutilizzabili, quelli che nemmeno voi potevate usare. Pensate che curiosa la vita di un nostro accrocco digitale: inizia grazie al coltan per cui vi ammazzate nelle vostre miniere e finisce bruciando tra gas cancerogeni nelle vostre discariche; in mezzo ci siamo noi che intanto magari lo abbiamo usato per scrivere post come questo.
Insomma, siete nella merda fino al collo e ci state da quattrocento anni, ma a noi di avere avuto un qualche ruolo in questa merda non importa niente, non abbiamo voglia di pensarci e abbiamo altro da fare.
Negli ultimi tempi poi, con questa storia dei televisori, dei computer e delle parabole satellitari, purtroppo siete cascati in un altro equivoco: che qui in Europa si stia meglio.
Come fa a venirvi in mente che vivere in una casa con l'acqua corrente e l'elettricità sia meglio di stare in mezzo al fango e tra quattro pareti di lamiera ondulata?
Che avere un ospedale sia meglio che morire di parto,
o che uscire di casa a prendere un autobus sia meglio che uscire di casa e prendere una mina antiuomo (italiana),
o che mangiare tre volte al giorno sia meglio che morire di dissenteria per malnutrizione.
Così alcuni di voi hanno iniziato a lasciare la baracca e le bombe per attraversare prima il deserto, poi il mare e venire fin qui. A rompere i coglioni.
D'accordo, quelli che lo fanno sono poche decine di migliaia rispetto a oltre un miliardo di voi e gli emigranti sono pochini anche rispetto a noi -che siamo più di mezzo miliardo- ma insomma noi non li vogliamo; perciò abbiamo deciso che devono tornare nel posto da cui vengono, anche se lì c'è la guerra, la fame etc.
Tanto più che quelli che vengono qui mica stanno sempre bene, alcuni hanno pure la scabbia, e a noi non è che ci interessi perché hanno la scabbia, ci interessa che semplicemente non vengano qui. E' chiaro?
E comunque un lavoro in un cantiere di Addis o in una miniera di Mbomou a due dollari al giorno per dieci ore dal lunedì al sabato -a chiamata giornaliera- potreste sempre trovarlo.
Concludendo, con tutta l'empatia, la solidarietà e senza nessun razzismo -ci mancherebbe altro- dovreste gentilmente stare fuori dalle palle e vivere tutta la vita nell'inferno che vi abbiamo creato.
(Alessandro Gilioli - L'Espresso)

Probabilmente qualcuno ricordando certi scempi, stupri, ladrocini, cattiverie perpetrate a danno dei popoli Africani hanno paura prima o poi di dover subire la stessa sorte, per questo li detestano e non li vogliono ma non sanno che non si può fermare il cammino di chi muore di fame e di guerre.

d994b1e2-5ef6-4002-aeed-af60ac231c10
« immagine » Ciao Negri.....come va? Qui è L'Europa che vi parla ! Da Bruxelles, avete presente? Pensate che proprio da qui ancora un secolo e mezzo fa vi si faceva lavorare gratis nelle piantagioni e nelle miniere a casa vostra -l’Africa- per la maggior ricchezza di Re Leopoldo. Però noi ci si ...
Post
25/09/2019 18:06:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. crenabog 25 settembre 2019 ore 19:05
    ahhh alla fine ho notato che non era un tuo scritto ma di un certo Gilioli, e va bene, comunque è un modo di condividere quello che è anche il tuo pensiero, va bene anche così, purtroppo le migrazioni, il razzismo, la situazione politica ed economica africana sono discorsi talmente ampi che ci sarebbe da discuterne per anni e nel frattempo non migliorerebbe nulla, basta vedere - me lo raccontano fratelli che abitano lì - la situazione a Dubai dove c'è gente che gira con auto che costano quanto un grattacielo nostrano e tutti quelli che fanno lavori da schiavi, trattati da schiavi sono - ma che strano caso - gli italiani. sorta di bizzarro contrappasso, evidentemente anche noi abbiamo creduto che a Dubai uscisse l'oro dai rubinetti e che tutti ci si potessero abbeverare. e invece non è così. i morti di fame restano e resteranno morti di fame e i bastardi con i miliardi continueranno ad averne sempre di più. poi, discorsi su rivoluzioni, primavere arabe e via discorrendo li evito, mi si potrebbe troppo facilmente equivocare ed accusare di cose che non sono e che non ritengo giuste a prescindere. grazie comunque Annina per il tuo intervento a gamba tesa in questo argomento, e anche se non era un post uscito dal tuo inchiostro va bene lo stesso. per me almeno. abbracci.
  2. LINTERDIT 25 settembre 2019 ore 20:00
    grande post ...l'ho riletto con piacere ....vorrei aggiungere che nelle mie fantasticherie ,vorrei che gli africani di riprendessero la loro terra , vorrei che rifiutassero gli aiuti umanitari ed iniziassero seriamente a gestire le loro ricchezze ...se c'e' ne sono rimaste !
    e' dispendioso e poco proficuo insegnare ad un popolo ad essere indipendente e per me gli aiuti umanitari servono a ben poco ,forse mi lincerete ,ma il gioco della mano tesa e l'altra che ruba e' ormai evidente .
  3. s.hela 26 settembre 2019 ore 08:01
    Cara Anna, un tema questo che riguarda tutti i popoli. Ma concordo con linterdit el dire che anzichè sfruttarli ancora , dovrebbero usare le risorse per far rinascere la loro bellissima Africa e con essa tutte le Nazioni dove fame ,malattie, povertà oltre l'inverosimile , esiste tutt'ora.
    Gli spostamenti di massa che da parecchi anni continuano , a poco servono se non a creare malcontento soprattutto perchè sappiamo benissimo Tutti ,che ogni MIGRANTE (perdona la maiuscola) paga (e non poco) per arrivare sulle barche ,navi e quant'altro.Per cui una domanda se mi è lecita : dove li prendono i soldi?...
    Se non ricordo male ai tempi dei miei nonni e genitori ,chi attraversava l'oceano lo faceva il più delle volte senza "unalira"...
    Lascio questo punto interrogativo e ti auguro una buona giornata cara Amica.
    Un abbraccio
    Giulia :rosa :bacio
  4. antioco4 27 settembre 2019 ore 00:13
    grazie per i tuoi blog cara Anna e una serena notte ciao
  5. EtruscanLady 28 settembre 2019 ore 18:32
    Crenabog, Linterdit, Shela, antico4,
    Immigrazioni, emigrazioni, mondo in perpetuo movimento, sempre di più. Il pensiero di una donna ignorante come me: Esiste un disegno ben definito ma non dal cielo, il disegno è ben congegnato e portato avanti da coloro, quei pochi che hanno in mano le sorti dell'intera Umanità e che io chiamo la setta dei ricchi e per questo potenti. Noi ed i nostri pensieri, il nostro dire, il nostro fare non contano un emerito cazzo. La nostra intelligenza non basta a che qualcosa cambi. Per la "setta" altro non siamo che miliardi di pecore allo sbando ed è quello che loro vogliono, la nostra auto eliminazione. Siamo in troppi, togliamo loro l'aria ed è per questo che ce la rendono irrespirabile. Beati i puri di cuore che ancora credono alle favole, devono invece sparire sensibilità, aiuti umanitari e convinzioni errate. Fin quando sarà possibile cercheremo di tenere duro con ognun per se e un dio per tutti ma nel caso specifico questo non è il Dio dell'amore.
  6. crenabog 28 settembre 2019 ore 18:54
    Ovviamente mi trovi d'accordo anche se penso che una pressione sui governi, di certi stati africani le cui risorse traboccano ma solo nelle tasche dei loro ricchi che si comprano auto da miliardi mentre il popolo crepa di fame, andrebbero fatte sul serio. Ma questo è solo un appunto nell'insieme del problema... Abbracci

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.