Il Mio Mitsouko

12 marzo 2021 ore 14:36 segnala


ogni giorno che passa è un giorno in meno da vivere e allora perchè pensare alla scadenza del tempo che resta. Proverei tristezza anche solo ad immaginare il quando, nessuno lo sa e nemmeno io. Preferisco quindi tornare ai ricordi piacevoli di un passato felice e spensierato. Stavo infatti pensando al perchè dover rinunciare a qualcosa che possa darmi un poco di gioia se a me fa piacere. E infatti ieri che dovevo recarmi in città in un determinato studio, durante il tragitto ho ricordato che il mio amato profumo Mitsouko l'avevo finito da un po' e ancora non avevo avuto occasione di poterlo ricomprare. E ieri l'ho fatto, dopo essermi recata dove dovevo, ho chiesto al tassista di transitare per Via Grande e di fermarsi davanti ad una profumeria, quella in cui di solito mi servo.
Appena entrata vi erano due commesse ambedue già impegnate con altri clienti, quindi sono uscita fuori aspettando che uno dei due uscisse. All'ingresso la commessa libera è venuta verso di me per sapere in cosa poteva aiutarmi. Ho fatto la mia richiesta e, mentre lei si recava a prendere il profumo richiesto, nonostante la mia mascherina FFP2 ho individuato la fragranza di un altro profumo, qualcosa che mi ha riportato alla mente un altro tempo, un passato ormai remoto. Infatti l'altra commessa che stava servendo l'altro cliente ,un uomo, stava facendogli provare con i tamponcini più di un aroma. Ed è allora che improvvisamente ne ho inalato uno che mi ha riportato al passato. Mi sono chiesta se fosse possibile che dopo tanti anni potessi ricordare la fragranza di un profumo A quanto pare si, inconfondibile e indelebile nella memoria. Così dopo avere acquistato il mio sono tornata al taxi e verso casa. Durante il tragitto ho ripercorso la scia di quel ricordo. Per fortuna questa volta il conducente era abbastanza silenzioso, a volte ci sono i chiacchieroni che mi danno fastidio in quanto mi impediscono di pensare ai fatti miei.

Era il 1978, ospiti di nostri parenti ad Arles nella meravigliosa Camargue, una sera ci portarono ad una cena in piazza dove vi era anche un'orchestra. Mangiavamo mentre l'orchestra suonava ritmi latini, i miei piedi si muovevano da soli ma mio marito preferiva conversare con i parenti e così non resistetti al ritmo di un paso-doble, mi alzai iniziando a fare qualche passo da sola. Tanto non c'è nessuno che mi conosce pensai, chi se ne importa se vengo criticata. Ricordo ancora come ero vestita, un paio di jeans leggeri celesti una camicetta bianca di sangallo legata con un nodo alla vita e un paio di ballerine color argento.
Mentre accennavo alcuni passi si avvicinò un ragazzo con i capelli nerissimi e lunghi raccolti in una coda di cavallo che con un leggero cenno della testa e un sorriso smagliante mi invitò a ballare, guardai mio marito che sorrideva e sembrò mi prendesse in giro mentre sua cugina mi fece no con la testa e mi disse di non farlo in quanto era un nomade. Embè, non capisco che male c'è le risposi in un francese stentato e così finalmente ballai quel paso-doble. Il Ragazzo era bravissimo, io non tanto, ma lui sapeva guidarmi come un maestro.
Mi sembrava di essere in un altro mondo tra la musica, il ballo che ho sempre amato e quel suo profumo non avrei mai voluto che finisse. E fu al termine di quel brano che quel ragazzo invitò l'orchestra a ripeterlo e così continuai a ballare.
Alla fine tornai al nostro tavolo accompagnata in modo galante da lui che ringraziò con un inchino sia me che il resto della compagnia. In seguito venni redarguita dalla cugina di mio marito perchè avevo ballato con uno zingaro. Sarà stato anche uno zingaro ma era gentile ed educato, mentre capii che lei era solo razzista, non solo per quanto accaduto ma nel corso della discussione derivata da quel fatto intuii chiaramente che non amava sia gli zingari che la gente di colore in generale. Quella l'ultima volta che avemmo contatti, mai più chiamata mai più sentita.

57bb5507-9191-4f31-9269-c414069a5ea2
« immagine » ogni giorno che passa è un giorno in meno da vivere e allora perchè pensare alla scadenza del tempo che resta. Proverei tristezza anche solo ad immaginare il quando, nessuno lo sa e nemmeno io. Preferisco quindi tornare ai ricordi piacevoli di un passato felice e spensierato. Stavo i...
Post
12/03/2021 14:36:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8

Commenti

  1. ninfeadelnilo 12 marzo 2021 ore 19:46
    Stupendo racconto di vita vissuta, mi ci sono immersa che mi sembrava di viverlo con te forse perchè anche io non mi sono mai lasciata condizionare ed amo ballare tantissimo.. Hai fatto bene a fermarti in quella profumeria, io non potrei non indossare il mio profumo una coccola che mi completa. Ogni tua parola che condivido come un profumo possa portarci indietro nei ricordi. Ci sono fragranze che la mente non dimentica specialmente se legate a cose piacevoli così come le note di una musica che ci riporta nel passato o i sapori di un cibo che vorresti riassaporare.. Bella la tua libertà di pensiero e di azione, la tua purezza. Mai condizionarsi al pensiero degli altri. Essere se stessi è la cosa più bella della vita, e soprattutto ignorare chi non ci somiglia specialmente se contaminata da pregiudizi e ostilità. Bello! bello! bello! Buona serata cara Lady :rosa :bacio
  2. LYsander48 12 marzo 2021 ore 22:02
    :rosa
  3. EtruscanLady 13 marzo 2021 ore 18:06
    ninfeadelnilo, grazie cara Raffaella. Da quando faccio blog mi sono spesso raccontata in prima persona, vita di tutti i giorni, accadimenti diversi, ricordi di varia natura. Non tutte le persone amano far questo, come parlare di se o del proprio vissuto ed io rispetto logicamente il pensiero altrui. Quello che invece tollero poco sono le frecciatine che spesso mi sono state indirizzate da altri blogger. Questo avveniva spesso alcuni anni fa da personaggi che, almeno in apparenza non sono più presenti in questo sito. Ma alcune frecciatine le leggo tutt'ora. Una volta rispondevo per le rime ora uso indifferenza, non mi vedono nei loro blog ma io leggo ugualmente come del resto loro leggono me. Lo fanno tutti, chi mostrandosi e chi no.
    Ma a parte questo, il blog è mio e lo gestisco scrivendo in modo semplice così come riesco, tutte quelle cose che a me fanno piacere.
    Grazie davvero Raffaella per aver apprezzato questo mio post, ho colto sincerità nelle tue parole e qui non sempre le persone lo sono.
    Ti auguro un felice fine settimana con un forte abbraccio. :rosa :-* :rosa
  4. EtruscanLady 13 marzo 2021 ore 18:33
    Lysander48, Grazie :-))
  5. ninfeadelnilo 14 marzo 2021 ore 16:49
    Il blog è tuo, punto, non ti curar di loro, vola alto. Chi vive nell'ombra è già un'ombra che vive senza luce. Ognuno ha la propria luminosità altri il buio. Non cambiare, tanto qualunque cosa scrivi avranno sempre da sporcare..la cattiveria non ha mai fine. Buona domenica. :kissy
    Raffy :fiore
  6. EtruscanLady 15 marzo 2021 ore 08:24
    ninfeadelnilo, vivo come sempre nella serenità del mio piccolo mondo, non ho pretesa alcuna se non dare spazio ai miei pensieri, siano essi graditi o meno. Possono sempre saltare il mio blog come si fa quando si incontra una pozzanghera.
    Buona settimana cara Raffy :batafiore

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.