Pasyon & Salsa

26 dicembre 2017 ore 06:06 segnala




Si è trovata all'improvviso in Martinica, terra dei fiori, delle noci di cocco e del ritmo.
Scappata dalla sua vita inodore e sterile, con il primo volo disponibile abbracciato con speranza, desiderosa di evadere ai quei fumosi anni '50.
Ha girovagato per ore scoprendo questa piccola isola che possiede molti vantaggi, in particolare quello di sposare l' inconciliabile: lo zucchero e il rum, gli alisei ed i cicloni, i vulcani e le vegetazione paradisiache, le memorie dell’epoca, epoche fastose e il peccato originale della schiavitù... Affascinante, è una delle più belle espressioni della natura.
Margharita bloccata in estasi dentro la Salsa Loca, un locale dove si ballava appunto la salsa, le note la ipnotizzavano, si abbandonava a quella musica donando il suo corpo in movimenti sinuosi e provocanti agli occhi golosi del ballerino che la guardava con insistenza...
"devi fumare?"
chiese quel ragazzo con voce roca dai movimenti secchi e dolci,
"si, una sigaretta ci sta... usciamo"
parlarono per pochi minuti, il tempo di assaporare quel tabacco arrotolato e pressato in una cartina, come ad imitare il suo corpo nel suo attillato vestito bianco, lui le offrì la sua esperienza del ballo per farla esplodere nella sua capacità mal celata, Margharita non sapeva ballare la salsa con passi di scuola, sapeva solo farsi sedurre dalla musica, con stile.
L'appuntamento per la sera stessa, lei, agitata, confusa, aprì l'armadio per decidere il suo abbigliamento, voleva esser all'altezza della situazione, e si sa, anche il vestirsi ha la sua importanza, con meticolosa mania e precisione indossò vari capi, voleva esser seducente ma fiera, il suo letto era sommerso da abitini, gonnelline variopinte e magliette stuzzicanti, decise!
Indossò una gonna rossa lasciando l'ombelico far la sua bella figura, una maglietta dello stesso colore con rose nere sbocciate per l'occasione, scarpe color delle stesse rose posata su tacchi a spillo che slanciavano la sua delicata e sinuosa figura.
Ecco il momento, Margharita, lui Moijto... la musica, con andamento lento... luci soffuse aiutarono il tuffarsi nella danza seguendo l'insegnamento...
1... 2... 3.. step, 5... 6... 7... step...
con questa sequenza passarono i minuti, le sue mani accoglievano quelle di lei coinvolgendo il suo movimento, lei si abbandonò al passo, dondolando il bacino fra le sue mani, la situazione sembrava eccitante, chiuse gli occhi sognante al sentire le sue labbra sul collo.
STOP!
.. la musica si fermò, la sollevò fra le braccia e senza nulla temere la posò sul letto, ora non esisteva altro, solo pelle e desiderio!
Con ritmo muto e senza note seguirono orgasmi di sudore e passione, scivolando uno nell'altro, intrecciando dita e affanni, danza di sensi e sesso!!
Martinica, salsa, fiori, noci di cocco e sesso.... questa è Margharita!!!
Marghareta, già più rilassata si stava preparando per la seconda lezione di salsa, stasera vuole stupire!
Non vuotò l'armadio sul letto, andò a scelta sicura, ecco, quello!
Fece uscire dai sportelli aperti un'abitino bianco, svolazzante come una libellula lo infilò, davanti allo specchio si rigirava, non aveva dubbi... Si questo!
Indossò quei sandali rossi con tacco a spillo, già si vedeva volteggiare fra le sue mani, eccola pronta andiamo!
Salì quella scaletta della Salsa Loca sicura di se stessa, la porta era socchiusa, entrò, Moijto... girato di spalle davanti al grammofono, sceglieva con cura la musica su cui studiare, al rumore della porta che si chiudeva si girò di scatto, la guardò quasi con sfida,
"Marghareta, sei arrivata! 5 minuti di ritardo...!"
le disse picchettando l'indice sul quadrante dell'orologio;
lei rimase indifferente e alzò un po le spalle, posando la borsetta sulla sedia divorandolo di nascosto.
Non le staccava gli occhi da dosso, il suo profumo lo confondeva, sembrava preoccupato, il timore era esser indifferente alla femmina avvolta in quel vestito bianco.
Il ritmo pervase la stanza in un momento, spingendo sulle pareti quasi bianche la sua magia.
Uno di fronte all'altro impegnati al non abbandono, lentamente Moijto le porse i palmi delle mani volte all'alto. lei posò con delicatezza le sue, s'incomincia!
Piedi pari e fermi... 1... 2... 3, step, 5... 6... 7, step, i passi si rincorrevano fra il tatto e i respiri, il silenzio era seducente, non si guardavano negli occhi, bastava sentire i fiati e aliti sul collo, ballavano ora stretti e sensuali, molto pericoloso... attenta Marghareta!
Soppraffatti dalle note e dall'inevitabile desiderio, la musica non serviva più!
Moijto con mani aperte e forti le accarezzo le cosce sotto quell'abitino, trovando quella pelle serica che ben conosceva, la sdraiò sul tavolo nell'angolo, i baci sul collo erano solo un preludio all'oblio, Marghareta sfiorando muscoli tesi gemeva sotto i suoi baci, sperava solo che non smettesse!
In un attimo si trovò fra le sue braccia sollevata come una farfalla, lei si avvinghiò con le gambe ai suoi fianchi... si tuffarono su quel letto.
Gli indumenti presero il volo, contenti di volare... complici, di lasciar liberi quei corpi.
Ora incomincia la vera danza, insieme di tutti i balli e musiche e passi:l'amplesso!
Sublime sensazione, ora riempiti, svuotati, quasi addormentati cercavano il filo del discorso, con mossa felina lei si sdraiò su di lui, non sazia di emozioni, le calde mani di Moijto scorrevano delicatamente sulla schiena di lei, come suonando un pianoforte, liberando note inesistenti fra le sette conosciute, scrivendo una canzone nuova, ora delicate, ora forti, quasi da far male, il tempo non scorreva più, l'abatjour sul pavimento non aveva il coraggio di svegliare tali momenti, si spense.
Ora al buio era tutto facile, quelle dita piene di note sulla schiena, s'impadronirono dei suoi piccoli glutei in una morsa di piacevole dolore, e si ricominciò a suonare!
7d49a864-38cf-4426-9d32-bd023cdfb17d
« immagine » Si è trovata all'improvviso in Martinica, terra dei fiori, delle noci di cocco e del ritmo. Scappata dalla sua vita inodore e sterile, con il primo volo disponibile abbracciato con speranza, desiderosa di evadere ai quei fumosi anni '50. Ha girovagato per ore scoprendo questa picco...
Post
26/12/2017 06:06:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. oDiabolik 26 dicembre 2017 ore 09:30
    :rosa
  2. evasione1955 26 dicembre 2017 ore 09:32
    @oDiabolik ...grazie :)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.