Perchè?

20 settembre 2010 ore 14:44 segnala
Chi mi conosce sa' che in genere faccio poche domande, sa' anche che detesto la parola "perchŔ". Un perchŔ ha l'equivalente significato di chiedersene il motivo, quindi per mia scelta io mi chiedo i motivi di determinati comportamenti. Chiederne il perchŔ fa si che il nostro interlocutore si metta sulla difensiva, la mente immediatamente cerca di formularsi una giustificazione. Di solito, senza che lo si chieda espressamente, basta sentirsi dire: "perchŔ mi tratti cosi'?" ecco che li' il nostro senso di colpa ci fa mettere sulla difensiva e ci fa dare la colpa a tutt'altro purchŔ al vero motivo di un comportamento. Ma se invece chiedessimo: "hai motivo di trattarmi in questo modo? "Allora li' il nostro interlocutore deve si' anche giustificarsi, ma essendo spiazzato dalla domanda vedrai che ne dirÓ il vero motivo!! Con questo vorrei solo dire che molte volte  basterebbe formulare una domanda in modo diverso, per poter ricevere una risposta adeguata ad un tipo di comportamento.
Adesso io chiedo a te: hai motivo per dubitare di me? Hai motivo percui metti in dubbio la mia sinceritÓ? Se la tua risposta sarÓ si', vorrÓ dire che senz'altro il motivo sarÓ valido, perchŔ si tratta di un mio comportamento che ti ha fatto pensare in questo modo.  Ma se la tua risposta sarÓ no, allora chiediti tu il perchŔ, e mettiti anche sulla difensiva, vedrai che il senso di colpa ti peserÓ meno!
Non dubitare di coloro che non ti fanno domande....dubita di chi ti presenta una risposta senza che tu chieda!
11749620
Chi mi conosce sa' che in genere faccio poche domande, sa' anche che detesto la parola "perchŔ". Un perchŔ ha l'equivalente significato di chiedersene il motivo, quindi per mia scelta io mi chiedo i motivi di determinati comportamenti. Chiederne il perchŔ fa si che il nostro interlocutore si metta...
Post
20/09/2010 14:44:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    6

È solo un compleanno....

19 settembre 2010 ore 19:40 segnala
Si', in fin dei conti Ŕ solo un compleanno, un giorno come un altro...solo che tu oggi non c'eri. Il mio primo compleanno senza sentirmi dire "auguri" da te.....
Lo so' che non mi hai dimenticata, son certa che ero nei tuoi pensieri, ma forse questa data odierna ormai non ti dice piu' nulla. Eppure tempo fa mi dicevi che volevi festeggiarmi in quest'occasione, ma io lo sai come sono, non gradisco essere al centro dell'attenzione. Te lo dissi io stessa, Ŕ un giorno come un altro. Solo che questo giorno poi alla fine non Ŕ stato come un altro, perchŔ mi son sentita piu' sola che in altri giorni.
Forse dovrei imparare a non contarci troppo, dovrei imparare a soffocare le delusioni, dovrei essere capace ormai di non porre troppo in alto le aspettative....
E allora sai cosa faccio? Io ti chiedo scusa, ti chiedo scusa per non aver capito neanche questa volta che non devo aspettarmi piu' nulla, in fin dei conti Ŕ solo un compleanno......
11748721
Si', in fin dei conti Ŕ solo un compleanno, un giorno come un altro...solo che tu oggi non c'eri. Il mio primo compleanno senza sentirmi dire "auguri" da te..... Lo so' che non mi hai dimenticata, son certa che ero nei tuoi pensieri, ma forse questa data odierna ormai non ti dice piu' nulla. Eppure...
Post
19/09/2010 19:40:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    12

...sulle ali del pensiero...

19 settembre 2010 ore 15:22 segnala
In questa domenica di settembre appoggio i miei pensieri sulle ali dei ricordi. Torno con la mente a ripercorrere i miei sogni...
Ho sognato di te, ti ho rivisto emozionato ed innamorato, quando per la prima volta mi hai guardata negli occhi.
Hai visto il mio sorriso semplice, e quell'adorazione nel guardarti in viso. Mi sei piaciuto da subito, mi hai conquistata con la tua simpatia. Volevi sembrare audace forse, ma in te ho riconosciuto invece una grande sensibilitÓ. ╚ stato facile accorgermi di te, fra tante persone che dimostravano solo di essere vuote dentro. Tu no, tu nn l'hai mai indossata la maschera che volesse nascondere le tue sensazioni. Sei stato spontaneo da subito, anche tenace nel voler coinvolgermi nella tua vita. Mi hai deliberatamente ammaliata con il tuo modo di fare, sempre presente, sempre attento. Hai saputo donarmi l'immenso, hai saputo regalarmi la vita, quella vita che mi stava scivolando addosso. Tante volte Ŕ stata la tua dolcezza a rendermi piu' sicura, a non farmi sopraffare dallo sconforto. Ti chiedevo delle conferme, e tu sempre pronto li' a darmele. Ci sei sempre stato nel mio cuore credo, ti ho cercato da una vita....
Adesso ti prego, non mi lasciare, non lasciare che la mia vita si sprechi nei sogni, appoggia anche tu i tuoi pensieri sulle ali dei ricordi, vedrai, si incontreranno ancora.......
11748488
In questa domenica di settembre appoggio i miei pensieri sulle ali dei ricordi. Torno con la mente a ripercorrere i miei sogni...Ho sognato di te, ti ho rivisto emozionato ed innamorato, quando per la prima volta mi hai guardata negli occhi. Hai visto il mio sorriso semplice, e quell'adorazione nel...
Post
19/09/2010 15:22:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Ti dono il mio tempo...

15 settembre 2010 ore 14:24 segnala
Vorrei donarti il mio tempo, e come tutti i doni, se ne dovrebbe occultare il valore, ossia non farlo pesare a coloro che lo si dona. Tempo fa una persona a me molto cara mi disse: il tempo non si ruba, lo si dona, lo si merita...
Bene, ti dono il mio tempo in questo modo, scrivendo i miei pensieri per te. Tu non valutare quanto tempo io ci abbia messo, non fermarti a pensare dove io l'abbia trovato, pensa solo che Ŕ un mio dono.
Quando desideriamo donare qualcosa, inizia giÓ da li' la dedizione del nostro tempo, tramutato in pensiero.
Forse nasce da li' l'espressione: basta il pensiero! Ecco, il mio pensiero in questo momento Ŕ tutto per te, perchŔ so' che sei impegnato con il lavoro, so' che se non puoi essere presente, anche tu a modo tuo mi doni il tuo tempo. Mi avrai anche tu nei tuoi pensieri, Ŕ palpabile quella sensazione che si ha alle volte di non essere poi cosi' soli. Secondo me perchŔ il filo comunicativo dei sentimenti nasce si' dal cuore, ma attraversando il pensiero si tramuta presto in tempo donato per coloro che amiamo.
Tu ci sei sempre nei miei pensieri, tu sei sempre presente accanto a me in tanti modi, ma se lo dovessi tramutare in tempo, credo che non ne potrei dare il valore che merita. Grazie allora per tutto il tempo che tu doni a me, a noi, e grazie anche per non fermarti mai a pesarne il valore che puo' avere il tempo meritato per il sentimento che ci lega. Te lo dono il mio tempo, non lo rubo piu'.....
11743591
Vorrei donarti il mio tempo, e come tutti i doni, se ne dovrebbe occultare il valore, ossia non farlo pesare a coloro che lo si dona. Tempo fa una persona a me molto cara mi disse: il tempo non si ruba, lo si dona, lo si merita...Bene, ti dono il mio tempo in questo modo, scrivendo i miei pensieri...
Post
15/09/2010 14:24:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    4

A piedi nudi attraverso l'anima...

14 settembre 2010 ore 14:23 segnala

Camminando a piedi nudi e con gli occhi chiusi nei corridoi della mia anima mi son rivista ancora piena di speranza.
Ho iniziato con passi cauti, per non ferirmi ancora, visto che sono scalza, tastando il terreno che sembrava volesse cedere ad ogni mio passo. Ho percorso solo pochi anfratti che dall'anima portano al cuore, e mi son ritrovata spogliata dalle illusioni. Ho avuto la sensazione che un raggio di sole facesse capolino nel buio del mio tormento.
Decido di seguire quella flebile luce, e ancora a piedi nudi ripercorro la mia anima, con passi piu' certi stavolta, perchŔ il terreno lo avevo giÓ tastato prima. Il raggio di sole illumina quel mio cammino di solitudine, mi fa riconoscere i colori, mi toglie il velo grigio che ho davanti agli occhi e mi induce a correre verso la luce! Eccoti! Sei sempre stato li', non te ne sei mai andato vero? Mi hai dato solo il tempo di non farmi inseguire dall'angoscia. Dovevo attraversarmi anche il cuore, per poterti ancora riconoscere. Ma tu sei sempre stato li', sono stati i grigiori dei miei giorni, di quei giorni tormentati della tua assenza a non farmi piu' vedere chi sei! Adesso ci sei, sei tornato anche tu scalzo ad attraversarmi l'anima! Siamo scalzi per non fare troppo rumore, scalzi perchŔ siamo liberi di poter amare.
Ho bisogno di te, ti prego, tienimi per mano, senza di te la mia strada Ŕ lastricata solo di inutili sogni, senza di te io inciampero' sempre! Aiutami tu a camminare a piedi nudi, aiutami tu a riconoscerti sempre anche nel tormento dell'abbandono.....
11742468
Camminando a piedi nudi e con gli occhi chiusi nei corridoi della mia anima mi son rivista ancora piena di speranza.Ho iniziato con passi cauti, per non ferirmi ancora, visto che sono scalza, tastando il terreno che sembrava volesse cedere ad ogni mio passo. Ho percorso solo pochi anfratti che...
Post
14/09/2010 14:23:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    2

A te....

13 settembre 2010 ore 15:12 segnala
A te mio tormento, ke con la tua presenza riempi i miei vuoti di angoscia. Vorrei ke tu mi lasciassi un attimo respirare, vorrei ke te ne andassi solo per un momento.Lasciami solo il tempo per potermi guardare dentro, lasciami vedere ancora la mia anima senza la tua presenza. Fammi riscoprire le mie sensazioni, fammi rivivere le mie emozioni, dammi modo di poterle apprezzare. Ma tu sei il mio tormento, forse ti ho kiamato io... GiÓ, ti ho cercato nella coscienza credo, ti ho kiamato e sei venuto: E adesso? Cosa vuoi ancora da me? Nn ti ho forse dato giÓ tutto? Ti ho dato la mia serenitÓ, nn ti basta? Mi hai riempito la mente di dubbi, il cuore di illusioni...cos'altro vuoi da me???
Come posso adesso mandarti via?
Va bene, resta qui con me, forse mi puoi aiutare a nn illudermi piu'. Se mi sarai sempre vicino pero' nn riesco a vivere le mie emozioni, le confondo con le illusioni lo sai.  Allora, per tornare in superfice, da quel baratro dove sono scivolata, per il tormento di nn poterti piu' amare come vorrei, dovrei fare una sola cosa: tornare li' da dove son venuta...dal nulla. Vorrei tornarci li' si', ke pace ke c'era, ke tranquillitÓ....nessun tormento ke si occupava di martellarmi la mente e annientare il mio cuore. Si'....devo tornare li'....
11741298
A te mio tormento, ke con la tua presenza riempi i miei vuoti di angoscia. Vorrei ke tu mi lasciassi un attimo respirare, vorrei ke te ne andassi solo per un momento.Lasciami solo il tempo per potermi guardare dentro, lasciami vedere ancora la mia anima senza la tua presenza. Fammi riscoprire le...
Post
13/09/2010 15:12:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    6

la mia ultima spiaggia....

11 settembre 2010 ore 13:46 segnala
Vedo la mia vita come una spiaggia, cammino sulla sabbia e ripercorro a volte le orme lasciate li', accanto ad altre orme. Accanto a me ci sono conchiglie, scheletri di ricordi. Mentre cammino mi accorgo di nn avere ombra, perkŔ il mio cammino lo devo per forza fare  in solitudine, devo potermi anke voltare e guardarmi indietro, e cosi' Ŕ meglio ke io nn abbia ombra, altrimenti riskierei di lasciarmi offuscare da cio' ke vorrei vedere limpidamente! Ripercorro luoghi, persone, pensieri, emozioni.... si accavallano i ricordi e si confondono i volti. Ci sono pensieri ke ho perso per strada, li', su quella spiaggia della mia vita. Li ho persi perkŔ inseguivo un' onda, la guardavo muoversi verso la riva, con cresta spumosa ed orgogliosa. La guardavo affascinata, mi lasciavo anke coinvolgere dal suo movimento. Era un'onda imponente, carica di emozioni, sapeva donarmi l'ebbrezza, mi coinvolgeva ad unirmi a lei, mi rendeva complice anke di infrangerci sugli scogli della coscienza! Poi man mano quell'onda perdeva forza, la cresta schiumosa si Ŕ trasformata in un miscuglio di alghe morte, morte perkŔ nn c'era piu' la passione per farle vivere! Mi rendevo conto ke io pero' continuavo a muovermi nel ritmo di quest'onda, infrangevo ancora gli scogli, ma ero oramai sola. Mi vedevo in balia del mare, quel mare di illusioni ke io pero' confondevo con le emozioni! Mi lasciavo cullare, mi lasciavo trasportare, infrangendomi di tanto in tanto su qualke scoglio, dove restavo ferita a volte, anke profondamente nell'anima. Fino al giorno in cui quell'onda da me amata, desiderata, voluta con tutto il cuore, ha fatto in modo di farmi sfracellare sugli scogli! Ora sono gravemente ferita, perkŔ sfracellarmi sugli scogli per me significa rinunciare a TE! Ecco, io ti lascio andare libera per i tuoi mari, bellissima onda....intanto io torno sulla spiaggia della mia vita, a curarmi le ferite ke da sola mi son procurata. Ma tu ti prego, resta nel mare, torna ad essere orgogliosa della tua forza, passionale nel modo in cui sai accarezzare lo scoglio, vivi onda mia bella, vivi almeno TU!

11739078
Vedo la mia vita come una spiaggia, cammino sulla sabbia e ripercorro a volte le orme lasciate li', accanto ad altre orme. Accanto a me ci sono conchiglie, scheletri di ricordi. Mentre cammino mi accorgo di nn avere ombra, perkŔ il mio cammino lo devo per forza fare  in solitudine, devo...
Post
11/09/2010 13:46:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    7

ottimismo... un parolone!!!

10 settembre 2010 ore 20:51 segnala

A dire il vero nn so' il motivo per cui mi metto a scrivere questo post, forse perkŔ questa parola "ottimismo" mi sa' di costruito. Cosa significa davvero essere ottimisti? Me lo chiedo perkŔ lo sento spesso dire: nn te la prendere dai, cerca di essere ottimista! Ecco, ammettiamo che io voglia essere ottimista, e allora perkŔ se inciampo in un ostacolo invece di rimuoverlo con noncuranza, oppure cercare di girarci attorno, io invece cerco di colpirlo in pieno? Sono ottimista? Spero ke nn mi faccia male? Nn lo so', ma so' per certo ke in genere li becco tutti gli ostacoli ke mi vengono incontro! So' anke ke se l'ostacolo Ŕ in movimento, io ci vado a sbattare contro!
Si vede che sono un'ottimista nata! Ci sbatto il muso perkŔ so' ke nn mi farÓ male!
Eh no, la realtÓ Ŕ diversa! IO NN SONO OTTIMISTA, CREDO DI AVERE LA MENTE PREDISPOSTA A RAZIONALIZZARE CIO' KE MI SUCCEDE!
Nel senso ke ho bisogno di capire le cose, ne ho un bisogno spasmodico!! E molte volte mi capita di pensarci anke troppo, intanto vedo la vita ke mi scivola via, come un abito dismesso. Sono arrivata anke al punto di annientare le mie emozioni, perkŔ c'era un ostacolo ke nn me le faceva vivere, se fossi stata ottimista l'avrei rimosso no? Io invece ci ho convissuto, con un ostacolo in forma di ansia o anke di angoscia. Mah, beati i pessimisti mi vien da dire, almeno loro sono coscienti ke nn ne azzeccano una!!
per concludere, ottimisticamente spero ke questo mio post lo legga ki come me Ŕ alla ricerca di ritrovarsi.... :bye
11738371
A dire il vero nn so' il motivo per cui mi metto a scrivere questo post, forse perkŔ questa parola "ottimismo" mi sa' di costruito. Cosa significa davvero essere ottimisti? Me lo chiedo perkŔ lo sento spesso dire: nn te la prendere dai, cerca di essere ottimista! Ecco, ammettiamo che io voglia...
Post
10/09/2010 20:51:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    6