Quando la sofferenza ci colpisce!

07 febbraio 2014 ore 16:36 segnala


Stamane leggo un appello, un grido di sofferenza da parte di amici. Una di quelle notizie che non vorresti mai leggere come persona e come genitore. Quelle notizie che ti gelano il sangue ma che ti spronano a cercare di ESSERE un piccolo sorriso che possa scaldare chi non ci riesce. Mi viene chiesta una dedica per un ragazzo, per D.F. che è amico del figlio oltre che amico di famiglia. Un incidente, un tragico incidente. Stati d’animo differenti a confronto: il figlio nella fragilità della giovane età, il mio amico nelle lacrime della sua emotività, la moglie e mia amica immedesimata del dolore dei genitori del ragazzo e chiusa in un silenzio da cui trasuda la frustrazione di una mamma.

Le parole non sempre sono sufficienti per esprimere un grande DOLORE ….nel Silenzio volano le nostre preghiere….perché possano alleggerire quel vuoto che l’anima ha lasciato. Per andare in un altra dimensione…. dove non esiste sofferenza ma solo GIOIA, AMORE, LUCE. Se questo pensiero può essere di aiuto …. allora lasciamolo volare …. e posare nel cuore dei suoi cari…. Oggi abbiamo un angelo in più nel cielo! Permettiamoci di percepirlo, di vederne la luce, di sentirne l’abbraccio, di gustarne la melodia. Pensiamo a questa nuova ricchezza che abbiamo per noi, con noi, in noi. Lui adesso è nell’amore mentre noi siamo nella fatica, nel dolore, nel buio. Permettiamo a questa luce di fare chiarezza in chi rimane!

... continua ...

Il guaritore interiore

04 febbraio 2014 ore 19:02 segnala


La mancanza di senso dell’umorismo, l’incapacità di fare autoironia, il prendersi troppo sul serio, manifestano nell’uomo un pericoloso atteggiamento che può nuocere. Credo che un uomo di spirito, che sia religioso o filosofico, non possa fare a meno di osservare con un senso di apertura, di buon umore e con il sorriso, i lati tragicomici, ambigui, contraddittori, del nostro essere sul palcoscenico della vita e averne amabilmente Compassione. Permettersi la risata verso se stessi e le cose del mondo, seppur spesso terribili, è un grande toccasana: la medicina per molti disagi della mente, del corpo e dell’anima. La rigidità, invece, di certe posizioni, palesemente moralistiche, dottrinalmente schematiche, non indulgenti verso la precarietà delle espressioni umane è, di fatto, la via che porta nel vicolo cieco del dogmatismo, del fanatismo: quindi dell’odio, del rifiuto della diversità, dell’intolleranza aggressiva, con le infauste conseguenze che derivano per tutti. (Praj)

Questa frase ha coinvolto diverse persone e penso sia bello e arricchente ripercorrerne i diversi pensieri!

...eccoli...

Oggi è un dono di amore!

01 febbraio 2014 ore 12:19 segnala


Oggi è un dono di amore!

Oggi voglio lasciare a me e chi leggera questa pagina. Oggi sento delicatezza per il dono della vita e in cammino verso il voler essere in consapevolezza. Nonostante i miei spigoli e i miei limiti inizio a vedere in me l’unicità, l’essere miracolo. Non contano gli altri per sentirsi unici o fonte di amore. Gesù dice di amare il prossimo come noi stessi! Ecco la via! Se non amiamo noi stessi, se non partiamo da noi stessi, se non vediamo in noi quell’unicità, se non sappiamo sorriderci davanti allo specchio…. come potremmo essere veicoli di amore verso gli altri?

Siamo anime in cammino. Con-passione. Lo meritiamo!!!

...segue...
2377ea3b-acd8-4fa6-8dfa-4a640fcddf2f
« immagine » Oggi è un dono di amore! Oggi è un dono di amore! Oggi voglio lasciare a me e chi leggera questa pagina. Oggi sento delicatezza per il dono della vita e in cammino verso il voler essere in consapevolezza. Nonostante i miei spigoli e i miei limiti inizio a vedere in me l’unicità, l’es...
Post
01/02/2014 12:19:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Leggerezza e pienezza del sentirsi in un dono!

30 gennaio 2014 ore 14:43 segnala


Oggi è una giornata speciale: leggera e piena allo stesso tempo! In realtà è iniziata appena dopo la mezzanotte quando mi sono messo ad AMMIRARE lo spettacolo che la neve esercita su di me. Vedere cadere dal cielo quei fiocconi leggeri e candidi era come un sentire su di me mille doni che, più che arrivare, uscivano dalla mia interiorità. E pensare che sono così piccolo! A volte è così incredibile… ma bisogna goderne spegenedo, al contempo, la mente che vive di piccole conoscenze e grandi paure. Un sonno “soffice” e “rigenerante” così apparentemente vuoto ma evidentemente ricco! E anche la mattinata è stata dono: alcune cose lette mi hanno aiutato a sorridere con semplicità al dono di sentirmi vivo.
Poi, prima del pasto mi sono concesso una corsa in questo candore. Mezzoretta di una corsa che è stata delicatamente leggera. Che stranezza. Non c’era la solita fatica ma solo una gioia grande. Quanti pensieri belli, quante persone che sentivo con me. Quanta ricchezza! A livelli diversi ma tutti in cammino verso lo scoprirsi unici e miracolo: familiari, amici, persone che conosco in carne ed ossa, persone che conosco solo dalla voce, persone di “penna”…. Nella diversità c’è la crescita! Legami diversi, a livelli diversi, ma tutti … DONO!
Allora volevo condividere questa leggerezza perchè penso sia stata aiutata da tanti di voi: nulla capita per caso!. Alcuni li ho sentiti così vicini…. ecco il perchè di questa leggerezza!
Namastè

Gianni
3c375de8-6bd3-4c44-96cc-da68051ec305
« immagine » Leggerezza e pienezza del sentirsi in un dono! Oggi è una giornata speciale: leggera e piena allo stesso tempo! In realtà è iniziata appena dopo la mezzanotte quando mi sono messo ad http://www.benessereearmonia.it/pensieri/264/ lo spettacolo che la neve esercita su di me. Vedere cade...
Post
30/01/2014 14:43:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Rigenerare il flusso vitale

29 gennaio 2014 ore 17:16 segnala
Rigenerare il flusso vitale

L’universo col suo soffio di vita ci attraversa in una diagonale esistenziale
che si chiama destino, meridiana è l’anima che segna il tempo
affastellato su pagine di cielo. Una lama di luce scintillante nel buio che vortica è l’essere,
quale energia scaturita dal mistero.
Quella scheggia d’infinito ci ha procreati facendoci balzare sul mondo
e mettendoci al centro di un viaggio progettuale
d’amore donato, cosicché anche l’invecchiamento corporale
e i percorsi dolorosi non possono scalfire l’insita
e innata capacità di rigenerare il flusso vitale.
Che ci colma emotivamente e mentalmente
nell'interiorità connettendoci a un viluppo di sentimenti
che ramificano fioriti e spontanei,
diffondendo dentro di noi la capacità di rialzarci,
di farcela ancora, di continuare il cammino tra la folla delle stelle.

di anonimo

il video...

Riflessioni del Guerriero della Luce

24 gennaio 2014 ore 16:43 segnala


Dopo lo scorso post sui guerrieri della luce voglio riportare oggi altre riflessioni per fare in modo che possano darci maggiore chiarezza e maggiori spunti di riflessione. E, per non farci mancare nulla… alla fine troverete anche un video.

Namasté

I difetti e le qualità

Un guerriero della luce conosce i propri difetti. Ma conosce anche le proprie qualità.
Alcuni dei compagni si lamentano continuamente: “gli altri hanno più opportunità di noi”.
Forse hanno ragione; ma un guerriero non si lascia paralizzare da questo e cerca di valorizzare al massimo le proprie virtù.
Sa che il potere della gazzella risiede tutto nell’abilità delle sue gambe. Il potere del gabbiano è la sua precisione nel centrare il pesce. Ha appreso che una tigre non ha paura della iena, perché è consapevole della propria forza.
Un guerriero cerca di scoprire su cosa può contare. Verifica sempre l’equipaggiamento, composto da tre cose: fede, speranza e amore.
Se sono tutte e tre presenti, egli non esita ad andare avanti.

...continua...
7fadccd8-72ed-4f86-aade-4d72f63279ab
« immagine » Riflessioni del Guerriero della Luce Dopo lo scorso post sui guerrieri della luce voglio riportare oggi altre riflessioni per fare in modo che possano darci maggiore chiarezza e maggiori spunti di riflessione. E, per non farci mancare nulla… alla fine troverete anche un video. Namast...
Post
24/01/2014 16:43:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Come fare per lasciare andare le emozioni e le sensazioni ..

22 gennaio 2014 ore 14:34 segnala


Ancora grazie ad una fonte di ispirazione (Giovanna), riporto questa chicca che parla di emozioni e di ricerca del vero Se! Quando si prova ad entrare in profondità con il nostro vero io profondo accadono dei cambiamenti e piano piano riusciamo a percepire leggerezza, chiarore, positività, gioia! Diventa allora un cammino più sereno verso la scoperta più bella e ricca che la vita possa donarci: noi stessi! Quindi... buon cammino nella vostra unicità e bellezza! Prometti a te stesso: lo meriti davvero!

Ecco la chicca!

Come proteggerci con l’aura

21 gennaio 2014 ore 09:31 segnala


Ogni sera, prima di andare a dormire, siediti sul letto e immagina un’aura che circonda il tuo corpo, a circa cinquanta centimetri di distanza, e che ha la stessa forma del tuo corpo, che ti circonda e ti protegge.

Quest’aura diventerà uno scudo. Pratica questa visualizzazione per quattro o cinque minuti poi, mantenendo la sensazione, va a dormire.

Addormentati immaginando quell’aura che, simile a una coperta che ti avvolge, ti protegge e impedisce a qualsiasi tensione di entrare in te dall’esterno; nessun pensiero, nessuna vibrazione può entrare in te dall’esterno…. addormentati, sentendo semplicemente la presenza di quell’aura.

Questo esercizio...
d0712860-a2d4-4542-aac0-4ddae139092a
« immagine » Come proteggerci con l’aura Ogni sera, prima di andare a dormire, siediti sul letto e immagina un’aura che circonda il tuo corpo, a circa cinquanta centimetri di distanza, e che ha la stessa forma del tuo corpo, che ti circonda e ti protegge. Quest’aura diventerà uno scudo. Pratica q...
Post
21/01/2014 09:31:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Guerrieri della luce

18 gennaio 2014 ore 14:37 segnala
Guerrieri della luce

Stamane una cara persona mi esponeva le sue fatiche e la dura realtà lavorativa quando ti senti attaccata dall’invidia e dalla cattiveria gratuita. Le ho risposto di essere un guerriero della luce, visto che mettendo in campo attenzioni riceve attacchi. E alla domanda di cosa fosse un guerriero della luce…. ho pensato di cercare qualcosa e proporlo qui. Ci sono tante frasi prese da Paulo Coelho e un video che sapranno certamente toccarvi il cuore e la consapevolezza della vostra luce. Alimentiamoci ad evolvere spiritualmente! Da Paulo Coelho, maestro di vita e di speranza, ecco la mappa per raggiungere un’isola dove il tesoro è la nostra felicità.

... Brani ...
19278ccc-7f02-4b69-b429-00d7b06f2182
« immagine » Guerrieri della luce Stamane una cara persona mi esponeva le sue fatiche e la dura realtà lavorativa quando ti senti attaccata dall’invidia e dalla cattiveria gratuita. Le ho risposto di essere un guerriero della luce, visto che mettendo in campo attenzioni riceve attacchi. E alla dom...
Post
18/01/2014 14:37:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Namasté

16 gennaio 2014 ore 13:20 segnala
Namasté sigifica letteralmente mi inchino a te, ma implicitamente contiene anche un significato più profondo e spirituale indicando che ci si inchina non solo alla persona fisica che abbiamo davanti, ma anche e soprattutto alle qualità divine che risiedono dentro quella persona così come dentro ognuno di noi.

Spesso il saluto è unito al gesto di unire le mani al petto (Anjali mudra: la radice anj, significa onorare, celebrare, ornare), che può rappresentare il riunirsi dello spirito e della materia, la mano destra la natura divina quella sinistra la natura terrena. Secondo alcuni questa posizione delle palme e delle dita (mudra) agisce già da solo come una semplice asana , bilanciando ed armonizzando le energie, permette un riequilibrio interiore.

Riconoscendo questa unità con l’unione delle mani, salutiamo con il capo chino il divino nella persona che incontriamo. Ecco perché talvolta gli Indiani chiudono gli occhi durante il gesto del Namasté nei confronti di una persona riverita, come per guardarsi dentro. Il gesto è spesso accompagnato da altre frasi come “Om shanti” o “Ram Ram”, ad indicare questo riconoscimento della divinità. Un altro modo è quello di portare le mani giunte al petto per salutare una persona di riguardo, giunte alla fronte, per salutare un maestro , oltre la testa a braccia tese per salutare il Divino.

Quando si comprende questo significato Namasté non è più solo un gesto superficiale o una parola, ma prepara la via per una comunione più profonda con l’altro in un’atmosfera di amore e rispetto.

Allora….NAMASTE’ a tutti voi! Sia per voi, con voi e in voi!
99f17198-b9a9-4b81-821d-6d1ecdbb8efe
« immagine » Namasté sigifica letteralmente mi inchino a te, ma implicitamente contiene anche un significato più profondo e spirituale indicando che ci si inchina non solo alla persona fisica che abbiamo davanti, ma anche e soprattutto alle qualità divine che risiedono dentro quella persona così co...
Post
16/01/2014 13:20:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment