Un blog usa e getta

31 marzo 2011 ore 18:43 segnala



Come ho avuto modo di dire altrove, nel giudizio estetico non vale la democrazia: il popolo ha diritto di dire ciò che è brutto e bello, ma sono in pochi a stabilire nel tempo la verità. L’industria culturale o quella dello svago e del tempo libero, come sarebbe più esatto dire nel nostro caso, segue un principio opposto - è bello ciò che piace alla maggiore quantità possibile di persone -, e dal suo punto di vista fa bene, dato che vive e prospera sui numeri. Il blog, in quanto offerta di spazio ricreativo che vive di pubblicità, potrebbe avere le stesse regole di mercato, ma a mio avviso se ne allontana: a differenza di altri ambiti, l’utente-consumatore non è un soggetto passivo, è lui stesso che determina la qualità del prodotto.
Ora, riferendoci alle innovazioni apportate recentemente al blog di questo sito, qualsiasi novità potrebbe andare bene se si vuole trasformarlo in qualcosa di diverso; ma se si voleva dare più qualità allo spazio inteso come blog in senso tradizionale, il “mi piace”, per esempio ( ma anche qualcuna delle altre innovazioni) avrà un effetto contrario. In ogni caso è stato un errore avergli dato dignità di voto. Difficilmente un blog lungo e complesso e non per questo meno bello sarà beneficiato da quel clic Verosimilmente sarà meno letto degli altri meno lunghi e più brutti e sicuramente non riceverà neanche il "mi piace", che è lo strumento del pigro per commentare un post ( gli altri sono quelli dei saluti e degli emoticons). Poiché il numero dei "mi piace" determina la classifica de "I SUOI POST PIU' BELLI", alla fine avremo invece liste generalizzate dei POST PIU' INSIGNIFICANTI. E siccome, attraverso il link, dei vecchi post saranno questi gli unici ad essere letti di un blog ( chi andrà mai a cercarli gli altri col nuovo sistema?), è fin troppo facile indovinare quale sarà l'andazzo di questo sito. E’ vero che chiunque lo voglia può scrivere o andare a cercarsi il blog più impegnativo, ma sarà sempre più difficile e alla fine ci rinuncerà. E’ più probabile che , dopo essersi guardato attorno, finirà per convincersi di essere una mosca bianca e se ne andrà via.
La classifica, per quanto discutibile, serviva a questo, a dare un’indicazione di massima, era una guida ( non è un discorso personale, non ero neanche fra i primi 100) : usando dei termini poco simpatici, dirò che separava l’elite ( che spesso erano solo i blogger più attivi) dalla massa. E non spaventi troppo la parola “elite” : senza di essa non si va da nessuna parte, e non solo in una democrazia. Con buona pace delle anime semplici.

Il post di cui sopra è l’unificazione di due commenti facenti parte di una discussione che avevo aperto nel FORUM intitolato OFFICINA . Chi vuole, dunque, può leggersi le poche risposte che già ha avuto. Perché ne ho fatto un post? Perché andando a leggere i “I POST PIU’ COMMENTATI” e “ I POST PIU’ VOTATI” di questi ultimi giorni le mie conclusioni trovano pieno riscontro. Con l'aggiunta di una sorpresa per certi versi imbarazzante ma tutto sommato divertente: l'immediato, camaleontico adattamento di certi blogglers "di qualità". "Ma non scherziamo" sembra che dicano, "ora che non c'è più la classifica, quello che conta è entrare in qualsiasi modo in una delle due liste".
A questo punto, quindi, è proprio il caso di riportare le considerazioni che nel suo blog faceva Stefano Epifani, casualmente scoperto un anno fa navigando in rete e che in Italia oggi è riconosciuto come uno specialista in materia.

PRIMA EVIDENZA
Il numero di commenti a un post è inversamente proporzionale alla sua lunghezza
SECONDA EVIDENZA
Il numero di commenti ad un post è inversamente proporzionale alla sua complessità.
RISULTATO per il successo per lanciare discussioni? Post brevi e scemi”.
d95a22d5-4699-49f2-8646-839042d89fa3
« immagine » Come ho avuto modo di dire altrove, nel giudizio estetico non vale la democrazia: il popolo ha diritto di dire ciò che è brutto e bello, ma sono in pochi a stabilire nel tempo la verità. L’industria culturale o quella dello svago e del tempo libero, come sarebbe più esatto dire nel ...
Post
31/03/2011 18:43:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13

Commenti

  1. katya 31 marzo 2011 ore 19:12
    ahahahah...come sempre leggendo i post del tuo blog...sorrido...cogli sempre nel segno......ormai siamo diventati dei pigroni..
    ad essere sincera ..però...a me piaceva la vecchia chatta.it.....più semplice...più coinvolgente....meno "facebookosa"...ed era in quelo la particolarità....nell'essere diversa...unica....buonaserata..
  2. Amelie.Nothomb 31 marzo 2011 ore 20:46
    un'analisi diretta e concisa su quanto sta accadendo su questa piattaforma.
  3. mithril79 31 marzo 2011 ore 21:03
    mah...io finora ho messo post a mio avviso scemi in confronto ad altri che ho letto, e brevi in quanto ho il dono della sintesi. Sarà che scrivo da poco, sarà che non ho ancora capito come funziona il tutto ma di "mi piace" ne ho ben pochi.
  4. Lessien 31 marzo 2011 ore 23:19
    come dire...metto un mi piace ;-) ho gia letto e risposto peraltro...Ciao Lessien
  5. DonnaDiClasse 01 aprile 2011 ore 14:29
    Ecco, avevo scritto già una 50ina di righe di commento , si è aperta una finestra dove mi si dice che si è verificato un errore e la pagina verrà automaticamente ricaricata, si in effetti è stata ricaricata ma ciò che avevo scritto è stato cancellato, ora non ho tempo per iniziare di nuovo il commento quindi ti riscrivo quando ne avrò a sufficienza :-)))
    Intanto ti saluto
  6. nelmionome 01 aprile 2011 ore 15:59
    Ecco! Acci... avevo scritto una pagina di commento e mi sono trovato improvvisamente sloggato con una scritta che diceva "ERRORE"! :-(
    Mi trovo d'accordo con la sintesi finale riassunta in quelle tre righe.
    Aggiungerei che sarei forse più "drastico"; visto che non viene seguito né applicato un criterio di meritocrazia, lascerei una sezione dove vengono indicati TUTTI i blog con relativi autori elencati RIGOROSAMENTE in ordine alfabetico, riportando i soli dati delle visite ricevute.
    Concludo che bisogna tener presente che ci troviamo in un ambiente diciamo "casereccio", dove è lo stesso luogo che esercita una certa influenza sulla "popolarità" di un blog e dove molti blogger (forse affetti da disturbi ossessivo-compulsivi) farebbero di tutto e di più per vincere una "stella di latta". Gli stessi che in altre piattaforme non verrebbero letti da nessuno!
    Mi rendo conto che cambiare la mentalità della Gente è impresa ardua ma certo è che le strade sono limitate e le soluzioni non stanno cmq tra la "vecchia" gestione e la "nuova". Ciascuno si faccia la propria scala di valori e si provi a dare a tutti la possibilità di essere letti.
    Non mi sento sinceramente di dire di più...

    Un caro saluto
    franco
  7. May.BE 01 aprile 2011 ore 16:57
    quello che dici rafforza la mia idea che 'è bene scrivere soprattutto - se non esclusivamente - per sè'. :rosa
  8. Antelao 01 aprile 2011 ore 18:31
    Piu' o meno quello che succede con i libri o con le riviste. I piu' letti e i piu' venduti sono quelli "facili" e "pubblicizzati" non certo i migliori. Ma questo non mi disturba, so che e' cosi'. Quello che mi spaventa e' che potrebbero andarsene alcuni dei blogger seri ed interessanti ma che non fanno "numeri" e questo potrebbe portare ad una reazione a catena che impoverirebbe inevitabilmente il tutto. Mi auguro che non succeda!



    UdM
  9. ClarissaDalloway 02 aprile 2011 ore 12:21
    Io sono relativamente "nuova" di chatta, quindi non conoscevo la vecchia impostazione... in ogni caso questa non mi piace per nulla.
    Sono nuova di chatta ma nn di blog: ne ho uno da sei anni su un'altra piattaforma.
    Credo che come tutte le esperienze della vita, si impara strada facendo a discernere quel che ci interessa da quel che ci annoia: sul mio altro blog ho fatto presto a capire che tutti i commenti con " buongiorno, buonasera, comestai, unbacione, bellissimopost, etc" non mi interessavano, non aggiungevano nulla a quella che è la mia ricerca di vita, che poi è la ragione che mi ha spinto ad aprire un blog: l'arricchimento interiore. Ho sviluppato una tale avversione verso questo tipo di presenza che, ignorandoli, ben presto ho visto più che dimezzare i commenti e le presenze ( son passata da oltre 500 al giorno a meno di 200 in breve tempo per arrivare a stento alle 100 presenze attuali) ma ne ho guadagnato, nel tempo, in qualità, sia di contenuto dei commenti stessi, che di qualità dei rapporti umani che poi son riuscita a costruire con i "superstiti".
    Credo che chatta sia una piattaforma molto giovane, credo che certi errori di base (come prediligere la visibilità, l'anima "commerciale") siano inevitabili poichè è proiettata verso "l'espansione" ma, in questo frangente chi non ama questa impostazione deve sorbirsi quei "mi piace" che sembrano dei voti in pagella.
    Sembrano, appunto. Perchè in effetti è, come dici tu, l'effetto di una pigrizia mentale ( quando non di un "deserto mentale").
  10. cicalasiciliana.SR 02 aprile 2011 ore 15:07
    mi piace il tuo blog, in effetti sei tu interessante
    Verrò a leggerti spesso
    Ciao Rita
  11. DonnaDiClasse 02 aprile 2011 ore 21:42
    Parla più piano e vieni più vicino a me,
    Voglio sentire gli occhi miei dentro di te,
    nessuno sa la verità,
    è un grande amore e mai più grande esisterà ecccc............
    Bellissime parole per accompagnare la musica di sottofondo de "Il Padrino"


    Bene, ora veniamo al post, sperando questa volta di finirlo!

    Hai già affrontato in passato questo argomento e ti rispondo come allora, se tu eri tra i primi 100 io (giustamente), non risultavo nemmeno in classifica, ma la cosa non mi è mai interessata, prima cosa perchè non ho tempo di curare nè il mio blog nè il blog di altre persone. So bene che invece qualcuno teneva molto a questa classifica, alcuni erano in testa meritatamente, altri solo per la corsa alle visite lasciando anche soltanto il buongiorno e chiedendo in maniera spassionata di essere aggiunti ai blog preferiti.
    Adesso c'è questo "mi piace", quindi visita ancora più veloce e, ci scommetteri una mediazione che la maggior parte di chi clicca questa opzione nemmeno legge il post :-))) così come tante volte, visto che io visito pochi blog, quelli che mi interessano di più e, considerando che sono curiosa per natura leggo anche i commenti, mi sono accorta che qualche commento niente aveva a che fare con l'argomento trattato perchè probabilmente erano state lette poche righe o solamente il titolo.

    Prima opzione: se i post sono molto lunghi leggo tutto solo se l'argomento mi interessa altrimenti passo oltre, quindi solo in parte sono d'accordo con te!

    Seconda opzione: quando un post risulta complesso e di difficile interpretazione mi stimola di più perchè c'è la voglia di capire allenando così la mente, logico che non essendo una laureata, spesso mi risulta difficile, ma è proprio lì che voglio dire la mia, forse anche andando fuori tema, ma la cosa non mi spaventa più di tanto!

    CONCLUSIONE:
    La strada per il successo per lanciare discussioni? Post brevi e scemi”.
    E questi li chiami discussioni? Sono solo post brevi e scemi come spesso sono i miei ..........ma chissà perchè io non ho mai ottenuto successo, quindi??????

    Scrivo quello che mi va di scrivere in un determinato momento, quello che sento, forse più che un blog a volte è uno sfogo, un liberarmi di qualcosa che ho bisogno di esternare, scrivo, cancello, riscrivo e così via, è una cosa mia, sono padrona di me stessa e il mio blog è cosa mia, mi fa piacere la visita ed il commento se ci sono, altrimenti pace!
    Certo per chi sa scrivere bene e posta argomenti interessanti capisco che non essere letti o avere pochi commenti non sia piacevole ma evidentemente la maggior parte delle persone non ha voglia di spremersi troppo le meningi e comunque sia impossibile tirar fuori sangue dalle rape!

    Mi sa che sono stata troppo polemica e antipatica come sempre!

    Buona Domenica :-)
  12. illaka 03 aprile 2011 ore 13:39
    sono cosi assolutamente concorde con te fort che proprio non ho altro da aggiungere... verissimo e sacrosanto quello che indichi e senza neanche giri di parole, nella lista dei post piu commentati e letti a volte ce ne sono alcuni che solo a leggerne il titolo si rabbrividisce. e guai poi se osi interloquire in uno di essi cercando di riportare il tema almeno a una meno banale e scontata interpretazione... pazienza, il rislutato è presto detto, smettere di leggere i post piu commentati o meglio... io mi sono segnata i nomi di quei blogger che inseriscono post scontati e tengo la lista proprio qui vicino al pc casomai mi dimenticassi il nick: sono quei blog che evito accuratamente di leggere!!
    Per il resto confermo la difficoltà di inserimento di foto, link e quantoaltro ancora nn ci sono riuscita ma si vede che dopo ventanni di pc sono io che sono scema.
    Bravo... a te ti leggo in ogni modo, ho anche una lista in positivo...
    :many
    Illa
  13. calypte 04 aprile 2011 ore 19:42
    In definitiva: Piu' hai tempo da dedicare al virtuale, piu' visiti i blog(con commenti o non), insomma piu' ci si mette in luce e piu' luce si ha!
    Il rapporto classifica - blog e' sottolineato non dalle parole scritte(senso, aspetti e modo di vedere) ma pittosto dalla frequenza virtuale!
    Insomma piu' ci stai e piu' conti!
    In fondo questo e' quello che vuole la massa!
    Essere al centro dell'attenzione. Avere uno spazio importante. Applausi. Rose.
    E perche' ci vogliamo lamentare?
    A parte qualche eccezione di chi scrive di se' e per se' senza alcuna paura di essere giudicata............i blog siamo noi!

    :staff
  14. forteapache 05 aprile 2011 ore 00:24
    Già, perché ci vogliamo lamentare, se "questo è quello che vuole la massa"? Come se tutto quello che fai nella vita ( tu come tanti) non si traducesse proprio in un tentativo di fuga dalla massa...
  15. ClarissaDalloway 05 aprile 2011 ore 10:05
    Mi sono permessa di citare questo post, ed il tuo blog, in un mio post... spero nn ti dispiaccia :-)
  16. calypte 05 aprile 2011 ore 18:14
    Ok....allora lamentati!
    Io non lo faccio!
    L'unica forma di opposizione e' quella di non alimentare cio' che non mi e' affine!
    Non alimentarla significa che, indipendentemente dalla classifica, io leggo cio' che mi piace e rispondo a cio' che mi stimola!
    Contrasto le divergenze.
    Condivido pienamente quello che si avvicina al mio modo di essere!
    Faccio parte della massa?......ben venga l'unione fa la forza!
    Non ne faccio parte?.........meglio condividersi con personalita' anziche essere tanti che non fanno uno!
    Ma chi se ne frega di cosa sceglie di leggere la gente!
    Ancor di piu' ......di come si sceglie a far evolvere il proprio blog!
    Di piu'........di chi sceglie di avere amici che con parole che non sanno di parole ..........fanno i numeri!
    Di chi scrive con intellgenza e cultura....che per leggere ci vuole di continuo un dizionario!
    Ma chi se ne frega di tutto questo!
    Io ci sono per cio' che voglio!

    :staff..................ometto sempre le etichette...sempre e in ogni caso!
  17. cioccolatino111 20 agosto 2011 ore 17:58
    Mi sono ritrovata per poco tempo nei post (primi 10) più votati e commentati e non ho capito come ci sono entrata perchè a mio parere, i voti dei miei post, al massimo, arrivano fino a 10 :mmm non ricordo...e vengono commentati da chi è veramente interessato (spero) a commentare...cioè pochi !
    "Buttata" fuori la classifica e introdotte le due liste, mica è cambiata la solfa!
    Aspetta...mi sono persa...
    davvero!!!
    Dovrei rileggere il tuo post e votarlo...se mi piace.
    Ecco fatto...pure il comment ci sta.
  18. il.soleamezzanotte 20 gennaio 2012 ore 19:49
    giustissimo...infatti tocca fare zapping...tra i più votati non ci vado...gli ultimi...i preferiti...i più votati...anche perchè un post tristissimo come fai a mettere ti piace? sembra quasi che stai a ride delle disgrazie altrui...insomma cia ragio...come dimo a roma
  19. malenaRM 13 marzo 2012 ore 21:26
    Sono nuova qui e mi hai spiegato molte cose. Ma mi chiedevo...chi se ne importa della classifica?:-)
  20. forteapache 13 marzo 2012 ore 23:09
    Non c'è stata mai una vera e propria classifica, ma prima l'amministrazione provvedeva a dare un elenco dei blog, evidenziando nelle prime posizioni i blog meno indecenti. Non erano criteri perfetti, anzi, ma questo consentiva una scelta qualitativa che adesso deve essere affidata solo al caso. Tutto qua. Ti ringrazio per quel po' di polvere che hai sollevato nel mio archivio.
  21. malenaRM 13 marzo 2012 ore 23:13
    E' polvere che si annusa volentieri. (sniffare mi sembrava eccessivo)
  22. cioccolatino111 16 marzo 2012 ore 18:09
    Via la classifica, adesso ci sta un contatore...e pure i blog più votati e commentati.
    E letti mesi fa alcuni bisticci, penso che non sia cambiato granchè!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.