cargo, la storia

13 agosto 2020 ore 04:15 segnala
cargo, la storia, prima parte
Quando si attivo l'allarme mi trovavo a fare colazione, era quello di prossimità esterno. Attivai i monitor di controllo e il sistema sonoro del computer disse che vi erano tre navi spaziali ammiraglie in avvicinamento a prua, mi attivai subito per capire dove sarebbero passate e che rotta tenere. Mi trovavo su un cargo spaziale e mi dirigevo verso il porto wallaby del pianeta extraterra Helio178, le navi ammiraglie provenivano proprio dal quel pianeta, ma stranamente non rilevavo nessuna nave spaziale, strano perché ogni nave ammiraglia aveva come seguito minimo tre navi spaziali intercettatrici o di scorta.
La mia velocità non era paragonabile alla loro, quindi il nostro incrocio sarebbe stato fra 16/19 ore, i sistemi di rivelazione indicavano che stavano interrogando il computer del cargo, non avevo problemi.
Il mio cargo aveva 12 anni, a parte che era immenso, con 42 stive, forse era rimasto l'unico nella rotta Commercio1287GH56 di quella stazza, io ero a bordo da 5 anni, ero l'unico marinaio pilota/manutentore a bordo, dai 8 marinai specializzati che servivano alle varie operazioni a bordo, nel corso del tempo rimasi solo, perché mi trovavo meglio.
Certo ero solo sempre, negli ultimi 3 anni non che parlai molto sia alle telecomunicazioni via dati-computer, mi limitavo a seguire le rotte giuste e alle consegne sia di carico che di scarico nel modo più rapido e preciso possibile.
Avevo comprato il cargo appena uscito dal corso di pilota e navigante di cargo classe 7A8L90 name JV65.
Poi nel corso di quei 5 anni lo modificai sia nella plancia che nelle varie stanze, i 42 locali di stoccaggio li avevo resi sicuri per merce pericolosa. E presi le commesse nelle rotte più lunghe e non tanto sicure, non per le persone, ma per il tempo sia meteorologico che delle rotte.
Attesi che mi dessero il segnale di fine ispezione, per riprendere il mio lavoro. dopo circa un ora mi arrivò il segnale di fine controllo.
Mentre controllavo le stive, se il carico era a posto, il computer mi informò della chiamata da una nave ammiraglia, risposi con nome compito e destinazione, come da regolamento. Mi risposero con un saluto cordiale, mi dissero che dovevano essere su quella rotta per motivi generici, al che io risposi che non mi interessava il perché, le rotte sono libere, tutte, ma dissi loro che era strano che erano su rotte per navi cargo lente e grandi, ma per me nessun problema.
Avrei voluto chiedere come mai non avessero altre navi scorta, ma mi trattenni, e con i fatti successivi mi resi conto che era meglio che fossi stato diplomatico e senza domande.
Quando incrociai le tre navi ammiraglie, il solito suono di saluto fra di noi, loro erano molto più veloci del mio cargo, quindi dovetti rivedere il video diverse volte per capire che esercito rappresentavano, che io sapevo vi erano tre eserciti tutti in pace. Erano dell'esercito dei pianeti esterni due navi Ammiraglie, la terza Ammiraglia dell'esercito dei pianeti liberi di occidente.
Le loro bandiere erano tutte messe in modo piacevole, senza strani disegni di ostilità fra loro, la cosa non mi diede nessun dubbio, ma poi gli avvenimenti p recitavano. Cosa che io seppi dopo circa 2 mesi dopo. E la mia vita come di tanti altri cambiò, per sempre.
Queste sono le memorie degli uomini che combatterono la battaglia delle merci, eroi che alcuni perirono. Ma anche dalla parte opposta vi erano eroi.
f3c53413-4193-4a39-9f0b-4dbf1cf70a70
cargo, la storia, prima parte Quando si attivo l'allarme mi trovavo a fare colazione, era quello di prossimità esterno. Attivai i monitor di controllo e il sistema sonoro del computer disse che vi erano tre navi spaziali ammiraglie in avvicinamento a prua, mi attivai subito per capire dove...
Post
13/08/2020 04:15:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.