Spesso ci facciamo guidare dall'ansia di ottenere

25 novembre 2020 ore 14:44 segnala
"Dovevo essere una figlia, una moglie, una madre e una lavoratrice perfette e instancabili, tutto doveva funzionare insieme senza intoppi, piuttosto preferivo arrivare la sera col batticuore e mal di testa, ma dovevo dirmi a fine giornata:"Brava, non hai deluso nessuno, nemmeno te stessa! E quindi rinunce su rinunce negando i miei desideri. Poi il mio corpo ha iniziato a darmi dei segnali importanti di disagio. Ho capito che dovevo cambiare rotta, che perfezione e razionalità non vogliono dire felicità." Si può passare l'intera vita a dire:"Devo essere così", a inseguire un modello. E a rimproverarsi:"Sono una sciocca, perché non ci riesco? Perché sbaglio?" Ma è proprio il modello di perfezione che non ci appartiene a creare tutte le lotte interiori e a farci stare male con noi stessi. I più pericolosi sono i percorsi di vita innaturali, gli obblighi presi per non deludere, i gesti che trattieni per paura del giudizio degli altri. Per adeguarci al modo di essere che pensiamo sarà accettato dagli altri, spesso finiamo per valutare come inadeguato ciò che emerge in noi: istinti, emozioni, desideri, parole, gesti...Ci sorvegliamo, ci vergogniamo, ci controlliamo, ci giudichiamo. Ma controllarsi per non sgarrare innesca una guerra interna che può sfociare in attacchi d'ansia e panico o depressione. Se c'è troppa distanza tra quel che ti piace e quel che fai, vuol dire che ciò che fai non è dettato da ciò che ti piace, ma dal tipo di persona che pensi di essere, e non sei. La più grande malattia è proprio imporsi percorsi di vita innaturali. Ma dove c'è troppa forza, si innescherà la resistenza. Più cerco di guidarmi in modo forzato lontano dalla mia strada, più emergeranno disagi e sofferenza che cercano di riportarmi sul mio percorso. Perché l'inconscio cerca sempre la completezza e non tollera che qualche parte di noi vada perduta. "Doveri, doveri, doveri...Poi mi sono chiesta: e io?"
2b0d2888-fb7e-4464-b95b-6e4cae936c6d
"Dovevo essere una figlia, una moglie, una madre e una lavoratrice perfette e instancabili, tutto doveva funzionare insieme senza intoppi, piuttosto preferivo arrivare la sera col batticuore e mal di testa, ma dovevo dirmi a fine giornata:"Brava, non hai deluso nessuno, nemmeno te stessa! E quindi...
Post
25/11/2020 14:44:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. rosarosa65 25 novembre 2020 ore 14:57
    bene sarebbe citare la fonte
  2. Fresca.Rugiada 25 novembre 2020 ore 15:02
    Arriva un momento nella vita in cui capisce tutto questo... diventa tutto talmente chiaro che ti chiedi come tu abbia fatto a non vederlo prima. Ma dopo questo momento niente sarà mai più come prima e allora farai scelte anche dolorose ma necessarie, per te stessa...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.