STORIE DI V........una storia vera.(prima parte).

03 aprile 2010 ore 20:44 segnala






me ne sto cosi', a volte, guardo la gente, osservo le emozioni, i desideri, le paure e le passioni....... poche, tante, visibili o nascoste...... ma quanti di loro, lo sono...? e quanti siamo noi, ancora...? ogni tanto ci riprovano, pure con quelli come me, spinti dalla fame...... ma noi siamo di sapore cattivo, e molto poco nutrienti per la loro, diciamo cosi', razza........ pero' non siamo velenosi..! un vero peccato.... dovremmo trovare il modo per diventarlo, visto che nessun altro sistema ha funzionato....... stiamo perdendo gli amici, giorno per giorno, e siamo sempre più soli.........

come passa il tempo...... guardo questo cielo grigio, e pesante come piombo....... l'aria e' densa, immobile, e sa di vampiro......... in momenti come questi, mi torna alla mente alexsciamano............ proprio cosi' lo chiamava la sua amica del cuore, alla quale, lui aveva dato il nome di curandera...... era una persona speciale, allora, ed era pure molto amico mio....... ma non gli avevo mai parlato dei vampiri..........
mai accennato, all'argomento in questione, perche' non mi avrebbe assolutamente creduto...... non poteva credermi....... tutti hanno visto films sui vampiri ma, purtroppo, nessuno immagina quanto possano essere vicini alla realtà.........
a quel tempo stavo scrivendo un raccontino, sull'argomento.... cosi', tanto per avviare una discussione, con chi ne avesse avuto voglia... sentivo lo strano bisogno, di raccontare, tutto quello che avevo visto........
erano giorni umidi e plumbei, sembrava che, il cielo, volesse schiacciarci tutti....... e l'atmosfera era pregna di odore di vampiro....... il racconto si formava veloce, e senza alcuna fatica............ in una di queste giornate, nelle quali il tempo sembrava girare in tondo, come una falena impazzita, mi trovai davanti la curandera........ alexsciamano e' stato preso.. mi disse.. ho bisogno d'aiuto........ gia', doveva succedere, prima o poi........ le debolezze dello sciamano erano: la troppa fiducia in se' stesso e, quella che noi chiamavamo, teresite.... si, proprio come la criptonite di superman..! la chiamavamo teresite perche', non appena appariva, qualcuno che sembrava bisognoso d'aiuto, lui si prodigava anima e corpo, come madre teresa.... dimentico di se' stesso, e di tutto il resto...... naturalmente non sto dicendo, che non bisogna aiutare nessuno, ma solo, che bisogna farlo con discernimento.... i vampiri sono consumati attori e, con tipi del genere, ci vanno a nozze.......
sembra pura fantasia, ma non lo e' purtroppo: esattamente come nei films hanno fame, cercano nutrimento, e se lo procureranno con qualsiasi mezzo, stratagemma o menzogna. l'unica differenza sta nel fatto che non si nutrono di sangue, ma della nostra energia...... poi, come da copione, una volta che ci avranno spremuti come limoni, ci butteranno via.......... ma non tutti, in verità, si comportano alla stessa maniera, ve ne sono anche di scaltri, e intelligenti, che non ti esauriscono mai del tutto, cosi' possono continuare a nutrirsi di te, senza dover andare continuamente a caccia, come gli altri.......
cacciatori o allevatori, razze diverse, stili diversi, ma per tutti una fame insaziabile..... e noi prede, o vacche da latte, oppure immangiabili, come me, che odorano di pericolo....... comunque tutti loro, senza distinzione, hanno un unico sistema, per poterti divorare: devono catturare la tua attenzione: qualcuno studiera' i tuoi interessi, e si proporra' come compagno di avventure...... altri ti blandiranno con promesse d'amore, e finte affettuosita'..... oppure ci sara' chi ti seguira' dappertutto, come un cane fedele, prodigandosi per assecondare i tuoi desideri....... ma lo scopo e' unico: ottenere la tua attenzione, in esclusiva, se possibile......... e, se non ci riusciranno, ti porteranno al litigio, per costringerti a concentrarti su di loro e, cosi', poterti svuotare ancora più facilmente..........
stavo elencando, alla curandera, le specie che conoscevo....... ah si, dimenticavo..! aggiunsi.. ci sono pure quelli che si fingono disperati, e bisognosi di un aiuto, che solo tu gli puoi dare.......... ecco.. replico' lei.. e' esattamente in questo modo, che e' stato preso.......... mi racconto' che, alexsciamano, si era fatto assorbire da stella, una vampirella piagnucolosa, e non era più il suo grande amico, ma era divenuto uomo da sagre, e da bar, dimentico di tutto......... quando tento di parlargli, mi lancia perle di saggezza.. continuo'.. modi di dire e luoghi comuni, non sembra più lui, assolutamente...! era vero....... i cali d'energia portano a regresso, intellettuale...........
si può dire che abbiamo varie personalita', fra le quali oscilliamo, a seconda del livello della nostra forza vitale ............
infatti.. confermo' lei.. egli stesso mi diceva che, in certi momenti ero una curandera mentre, altre volte, proprio una donnicciola.......
io l'avevo sempre saputo, la curandera era soggetta a forti, quanto inspiegabili, cali d'energia e, quando succedeva, diventava una donnicciola a tutti gli effetti, completamente irriconoscibile.....
lo so che si stenta a crederci, ma le nostre personalita' possono essere varie, e molteplici... e, se abbiamo abbastanza potenza energetica, le possiamo indossare a nostra discrezione, e piacimento....... ma, in caso contrario, saranno loro ad indossare noi che, in tali momenti, avremo solo una vaga sensazione, di cio' che potremmo essere e fare e. proprio per questo, ci sentiremo pervadere da uno strano, quanto inspiegabile, senso di impotenza, che ci rendera' irascibili, demotivati, depressi, e via dicendo.......... in effetti, quando indossiamo una personalita' ad alta energia, ricordiamo perfettamente, quanto possiamo essere meschini, in quelle a bassa ma, quando la situazione e' invertita, siamo preda dello stress del percepire le nostre reali possibilità, ma di non saperle esplicare in nessuna maniera........
mi e' successo tante e tante volte.. ricordavo.. molte a causa dei vampiri, ma altre dovute alla mia superbia, che mi faceva consumare velocissimamente, la vitalita' disponibile, per mantenere delle futili apparenze e, a causa di questo, scivolare in personalita' inferiori come cadessi dalle scale........
assolutamente vero.. replico' lei.. e' la donnicciola che indossa me, e mi condiziona in tutti i miei atti, pure i più semplici, e usuali... quando ci sono dentro, dimentico completamente, cio' che potrei essere, esattamente come e' successo allo sciamano: perduta troppa energia, e' stato indossato dal cantastorie.....

scritto ed inviato da Freya

PREFAZIONE A " STORIE DI V....."

02 aprile 2010 ore 20:59 segnala
La storia che pubblichero' da stasera puo' sembrare la solita favola di vampiri. Credetemi, non e' cosi'! ogni  cosa rispecchia la realta' dei fatti. Ogni personaggio e ogni fatto esistono realmente.

VAMP

20 marzo 2010 ore 16:57 segnala

voi avete mai incontrato un vampiro..?
e' proprio tutto come nei films, ma completamente differente...... non gli interessa, esattamente, il vostro sangue, ma la vostra energia, la vostra vitalita', le vostre speranze........ e, se solo riescono ad avvicinarsi, divorano tutto, e vi lasciano senza il ricordo di un desiderio........ senza la forza di desiderare, di avere un desiderio.........
ma non sono troppo malvagi, come si potrebbe credere, sono solo poveri diavoli, assetati di energia, e di emozioni.... non sanno come produrne, non sanno come trovarne..... allora la rubano.......
e, per riuscirci, ti circuiranno, ti liscieranno, saranno affettuosi...... l'importante e' monopolizzare la tua attenzione, in qualsiasi modo, siano complimenti e coccole, o adulazione..... altrimenti litigio e odio....... e, appena riusciranno a catturare il tuo interesse, ti svuoteranno.............
ce ne sono di scaltri, e intelligenti, che non ti spremono mai completamente, ma ti lasciano sempre un po' di energia, in modo da poter continuare a nutrirsi di te........ altri, invece, ti prosciugano in modo totale, e ti buttano via........
ma nemmeno te ne accorgerai, vedrai la tua forza vitale scemare, di giorno in giorno, e ti dirai.. ho trovato chi mi vuole, chi mi ama e mi apprezza, finalmente...! ti sentirai intorpidito, ma penserai.. un po' d'influenza...... ti accorgerai di essere senza desideri, e avrai una sola spiegazione.. e' perche' sono felice................
sara' proprio in questo modo, che potrai trovarti, all'improvviso, a camminare nel nulla, senza più scopo, ne' speranza...... niente davanti..... niente dietro....... a barcollare in un buio ostile....... a desiderare, con tutto il tuo essere, di poter chiedere aiuto...... ma, se lo farai, la tua espressione disperata, provocherà solo ironia, crudele dileggio, o falsa commiserazione........
e sara' esattamente cosi' che scoprirai l'odio..... ti esplodera' dentro, e dilaghera', andandosi ad insinuare anche nelle più remote pieghe, della tua anima, e del tuo corpo..... fino a che, ogni tua singola cellula ne sara' pregna, e urlera' il suo feroce desiderio di vendetta............ ma, loro, oltremodo divertiti, dalla tua rabbia, e dalla tua impotenza, se ne andranno ridendo, a caccia di qualche altro sprovveduto da svuotare, esattamente come hanno fatto con te.........
allora raccoglierai gli ultimi brandelli di pensieri, schegge di te stesso, e riprenderai il cammino, in assoluta solitudine.... se resto sempre distante dieci passi, se non do' confidenza a nessuno, se mi rendo invisibile..... nessuno potrà più farmi troppo male............ ma tornerai appetibile, e torneranno a cercarti........ e, avrai imparato, che non c'e' modo di combattere i vampiri, li puoi solo affamare.........
sara' proprio come nei films.... diventerai scaltro, feroce.... e senza pietà....... ti divertirai a farli avvicinare, fingendo ingenuità.... e a sparire dalla loro vita, quando gia' pregustavano il nutrimento.......e come nei films ti ritroverai solo, in un mondo di vampiri.... abile, spietato, senza limiti, ma solo........ fino a che..............
no, non lo so fino a quando......... si avvicinano poco, sono di sapore sgradevole, oramai....... ma sto sempre un po' in disparte, e non do' confidenza a nessuno......... mai abbassare la guardia......................


scritto ed inviato da Freya

ANNA

19 marzo 2010 ore 22:04 segnala
ANNA aveva gli occhi grandi e un sorriso radioso, la sua risata faceva tintinnare i vetri....... seguiva le diete, e si regalava collane e vestiti....... assieme a carla, la sua amica......
ANNA aveva un padre... geloso, morboso..... fu il suo primo vampiro... la seguiva, la osservava, la scrutava.... perche' lei era sua, sua esclusiva proprieta'..........
ANNA aveva un amore... ma padre vampiro la portò lontano...... lei si sentiva sola, e sposò il primo uomo che le sorrise....... era un divoratore di speranze e pensieri felici..........
ANNA ebbe così un marito, e dei figli........ loro si nutrivano della sua vitalità....... e si appropriarono della sua vita, delle sue speranze, e di tutti i suoi pensieri...........
ANNA era amica di carla, pure lei con marito vampiro.......... ma non se ne curavano, dedicavano tutto il loro essere alla famiglia, e speravano in un futuro migliore............
ANNA vide morire carla....... completamente esaurita dal marito, ormai alcolizzata, aveva dimenticato di ridere......... aveva dimenticato le sue collane.......... e tutti si dimenticarono, presto, di lei..........
ANNA incontrò, nuovamente, il suo antico amore... era venuto a cercarla, per portarla lontano da quel paese di vampiri......... i figli erano ormai grandi, e il marito sempre più arrogante............
ANNA rifiutò il suo amore....... l'unico vero amore della sua vita...... ormai era un guscio vuoto, che lavorava, puliva la casa, e non riusciva più a trovare nessun altro pensiero.........
ANNA non rideva più....... i suoi occhi grandi sembravano uscire dalle orbita, e il suo collo era più largo del viso........ a volte mi salutava, da lontano........ e, a volte, nemmeno mi vedeva...........
ANNA è morta, in un giorno gelido e umido......... era gonfia come un pallone, e non riusciva a respirare........ e tutti avevano fretta, di liberarsi di quel peso..........
ANNA non c'è più, e gli altri sono tornati alla vita di sempre......... solo il suo antico amore non lo sa, ancora........ guarda verso il paese dei vampiri, e aspetta che lei cambi idea.................


scritto ed inviato da Freya

INCONTRO

18 marzo 2010 ore 20:00 segnala

..guardavo la pioggia scorrere sul vetro... guardavo i ricami strani delle gocce che scendevano......... i miei pensieri cavalcavano quelle gocce......... galoppavano lungo quel vetro, cosi' lucido da sembrare uno specchio......... le gocce rotolavano, lasciando la loro scia....... e i miei pensieri pure...... fino in fondo..... e correvano via con l'acqua............ e se ne andarono tutti...... pensieri, ricordi, parole mai dette, e parole consunte........ l'acqua si portò via tutto...............
e venne il crepuscolo.......... e, quel vetro divenne color dell'oro........... la finestra era uno specchio dorato, percorso da piccole sfavillanti gemme.......... un attimo, e scese la notte.............. e lo specchio fu nero e lucentissimo..................
su quella superficie, da brillante di tenebra, si delineò una figura........... un uomo......... venne avanti, quasi uscendo dal vetro......... io sono un vampiro.. mi disse.. o, almeno, lo ero............. si.. continuò, sorridendo.. però i vampiri non sono come credi, creature notturne, che si nutrono di sangue..... si nutrono della vita degli altri, invece, e forse è pure peggio............ mangiano pensieri ed emozioni... e se sono paure, tristezze e dolori, sono graditissime al loro palato.... ti spingeranno alla disperazione, per procurarsi il dolce..........
non credere sia facile accorgersene, di solito lo vedi quando ormai lo sei diventato pure tu, quando ti hanno completamente asservito, e non sei più in grado di uscirne......... credimi, te ne accorgerà se sarai fortunato, se sarai molto fortunato........ c'è pure chi non se ne renderà mai conto, e trascinerà una vita da schiavo, di uno o più vampiri, per sempre...........
sai come fanno, quando ti sentono appetibile..? ti tessono intorno un bozzolo di affettuosità, attenzioni e premure, ti fanno sentire amato e indispensabile.. la gioia dei loro occhi......... tu, naturalmente, sentirai amore, calore e felicità....... sarai nel paradiso che hai sempre cercato.... e darai tutto te stesso in cambio...... o meglio, lascierai che prendano tutto ciò che desiderano...........
e così passeranno gli anni.......... il bozzolo sarà filtro e guida per i tuoi desideri ed emozioni........... anzi sarà il veicolo di desideri ed emozioni loro, che diverranno tuoi a tutti gli effetti..................
e sarà proprio così che, per realizzare progetti loro, ma che crederai tuoi, darai tutta la tua energia......... e, poiche' non sarà sufficiente, perche' le richieste aumenteranno di giorno in giorno, inizierai a rubarla.............
e' stato, in questo modo, anche per me........ iniziai col nutrirmi, e ricaricarmi, con l'energia prodotta da passioni, e desideri, di amici, amiche, morose e amanti.......... li ascoltavo, e bevevo la loro vita............. ma non bastava.......... i miei padroni pretendevano ogni giorno di più......... allora mi impegnai a provocarle, le emozioni: imparai a creare, bisogni e voglie, in amici e conoscenti.......... mi concedevo un poco, facevo qualche regalo, ma sempre in modo misurato, così che desiderassero sempre di più, che rincorressero continuamente passioni e desideri, in una spirale senza fine...............
in seguito affinai la tecnica, mi perfezionai...... e, col tempo, mi accorsi che, le emozioni negative, producevano energia di sapore diverso, molto più gradita al palato dei miei padroni, e pure al mio............... si, pure al mio, ora....... assomigliavo ogni giorno di più a chi mi comandava, avevo gli stessi pensieri, mi piacevano le stesse cose........ e avevo gli stessi intenti......... però io ero lo schiavo........ vezzeggiato e coccolato perche' molto produttivo, ma solo uno schiavo........ e non sarei stato in grado di capirlo, da solo, anzi se me l'avessero detto, mi sarei pure offeso, per una tale calunnia su chi mi amava tanto............
così continuai....... provocavo litigi e discordie.... causavo problemi e inducevo errori.... mi insinuavo nella vita degli altri per indurre incomprensioni, creare difficoltà, annullare le gioie............
creavo i desideri, ma ne impedivo il raggiungimento........... davo consigli da buon amico, ma distruggevo tutto, anche la speranza.......... mi piaceva il sapore dolciastro della disperazione..............
così, di disperazione, ne facevo produrre in gran copia........... me ne nutrivo, e ne portavo alle mie padrone........ si, nel mio caso erano padrone, femmine, ma ciò cambia di poco, il senso di questa storia.......... sempre di padroni si tratta, e di schiavi che credono di essere amati ed apprezzati...............
le mie signore gradivano molto il sapore della costernazione, e dei dispiaceri altrui........ ma io ero solo il fornitore, e mi avrebbero scaricato allegramente, non appena non fossi stato più all'altezza...........
il mio declino fu molto rapido, infatti......... amici e conoscenti si accorsero che, quando c'ero io, in qualche modo le cose andavano storte... e, risultati a portata di mano, si volatilizzavano......... iniziarono col chiamarmi, bonariamente: mephisto....... poi uccello del malaugurio e jellatore...... alla fine: se lo conosci lo eviti......... e, uno ad uno, mi allontanarono in maniera definitiva..............
e fu esattamente cosi' che persi amici, mezzi amici e appena conoscenti.... li persi tutti, nessuno si voleva più avvicinare a me e, con loro, persi anche le mie fonti di sostentamento.......... già...... e, poiche' non ero più produttivo, le vampire si liberarono di me.......... mi abbandonarono come immondizia, tanto avevano già fatto nuovi, più succulenti schiavi.............
fu allora che mi ritrovai completamente solo, mi guardavo intorno e non capivo........ il mio mondo non c'era più, non c'era più nessuno al quale avrei potuto rivolgermi.......... e non sapevo più cos'ero................
no, non sono più un vampiro...... non voglio, e non potrei più esserlo.... ora sono un'ombra, che viaggia nelle notti di pioggia, sulle superfici a specchio, e spia la vita degli altri............
a chi mi concede il suo tempo, racconto la mia storia e, di questo briciolo d'attenzione io vivo......... intanto passano le notti, e passano i giorni....... poi, chissà.... forse accadrà qualcosa.................


scritto ed inviato da Freya

IL NASTRO 10

17 marzo 2010 ore 20:02 segnala
mi scossi dal torpore e lo rincorsi gridando.. nastro lucente..... nastro lucente......... nastro lucente.......... lo rincorsi attraversando lande ghiacciate e oceani di fuoco....... e paludi di struggimenti senza origine............. lo rincorsi fino alla fine del mondo......... disperatamente........ inutilmente.................


scritto ed inviato da Freya

IL NASTRO 9

17 marzo 2010 ore 20:00 segnala
non sapevo.. non volevo decidere.... tutti i miei pensieri si affollavano, ciascuno indicando una direzione diversa........ guardai, quel serpente di luce, con occhi imbambolati, e muscoli di pietra, per un tempo infinito........
lui aspetto', osservando le mie emozioni....... poi si curvo' un attimo e, spiraleggiando sinuoso, si alzo' nel cielo....... puntando verso l'ignoto..........

scritto ed inviato da Freya

IL NASTRO 8

17 marzo 2010 ore 19:58 segnala
allora, con moto rabbioso usci' turbinando, da quelle emozioni disciolte, e mi deposito' su di una deserta landa........ sentii le lame gelide, della solitudine, trapassare il mio corpo........ non c'era nessun altro, in quel mondo, solamente quel che rimaneva di me, i ricordi che mi straziavano, e lo sfavillante nastro che mi osservava, aspettando una mia decisione.........

scritto ed inviato da Freya

IL NASTRO 7

17 marzo 2010 ore 14:49 segnala
si tuffo' nell'acqua, trascinandomi con se....... e l'acqua lavo' la mia paura, mi sciolse i muscoli, ritornarono i pensieri...... e ricordai di un mare, lontano nel tempo, dove andavo a depositare le mie emozioni....... un nodo mi sali' alla gola, e le lacrime mi annebbiarono la vista.........


scritto ed inviato da Freya

IL NASTRO 6

17 marzo 2010 ore 14:47 segnala

forse per colpa del mio pavido cuore, si arrotolo' su se stesso, come serpe ferita...... mi rovescio' a testa in giù, perche' potessi vedere la radice delle cose..... io vidi il duro suolo, e le rocce appuntite, mi ricordai quanto facevano male, al corpo e all'anima....... e chiusi gli occhi, in preda al terrore........


scritto ed inviato da Freya