Dialogo fra corpi

02 settembre 2014 ore 21:03 segnala
Ho sempre questa straordinaria capacità di fissarmi sulle persone sbagliate. Sbagliate per il luogo, il momento, l'interesse non ricambiato, ma non sbagliate per me. Mi serve a poco l'aspetto fisico, è la forma mentis che mi manda in estasi i sensi più di qualsiasi paio di occhi, di mani, di labbra. Negli occhi devo trovarci le parole, fluide come l'acqua, che devono scorrere fuori dalla bocca come torrenti in piena. Cerco il dialogo, cerco le parole che si incastrano alla perfezione. Cerco la scintilla, lo scatto che si accende tra i neuroni, le sinapsi che si eccitano e mettono in moto gli ormoni; quello che cerco nelle persone, fondamentalmente, è la capacità di stupirmi ogni volta. E' quello che mi spinge ad approfondire la conoscenza, la voglia di dialogare, di parlare senza esaurire mai gli argomenti, che si trascinano uno dietro l'altro a catena, e quando si sta in silenzio è solo perchè si sta pensando alla stessa cosa.
Credo che in fondo con il sesso, per me, funzioni esattamente allo stesso modo. E' tutta una questione mentale, il sesso non è nient'altro che la prosecuzione della conversazione, solo coi corpi. Quando ci si stanca di parlare, si parla coi corpi. Ecco perchè non lo trovo affatto un divertimento. Divertirsi è ridere, il sesso esige una concentrazione mentale non indifferente, è come sforzarsi di tenere alto il livello di una conversazione con un interlocutore che non vogliamo deludere. E io ho sempre la tendenza a sentirmi imbarazzata e fuori posto, quando parlo. La malizia è una caratteristica che non mi è mai appartenuta, io parlo come mangio, sono più concreta della terra. Non so essere smaliziata, provocante, seduttiva, parlo ogni volta come se stessi raccontando una storia, attenta ad essere il più chiara possibile e non fraintendibile. Deformazione professionale, forse, che mi viene dall'abitudine a scrivere fin da bambina. Io non mi nascondo dietro sguardi languidi nè frasi sibilline, io mi apro come un libro e negli occhi mi si legge tutto in trasparenza. Ho un linguaggio del corpo che capirebbe persino un cieco, ho tatuate addosso tutte le mie paure, le mie voglie, i miei desideri. Ecco perchè, quando incontro qualcuno che riesce a tirarmi fuori un poco quella femminilità che tengo ben nascosta dietro occhi grandi e spalancati, i sorrisi maliziosi che mi marciscono in fondo a una bocca troppo trasparente, perdo completamente il lume della ragione.
Forse sono solo nascosta, e cerco qualcuno che mi tiri fuori.

c98b11d1-77ea-42ec-8228-4ddea5fed7bc
Ho sempre questa straordinaria capacità di fissarmi sulle persone sbagliate. Sbagliate per il luogo, il momento, l'interesse non ricambiato, ma non sbagliate per me. Mi serve a poco l'aspetto fisico, è la forma mentis che mi manda in estasi i sensi più di qualsiasi paio di occhi, di mani, di...
Post
02/09/2014 21:03:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. voluttuoso75 28 settembre 2017 ore 15:35
    questione di Feeling

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.