Violenza

23 agosto 2011 ore 12:52 segnala



La faccia tra le mani
i graffi sui seni
niente più lacrime a lavarti la pelle
guardi nel vuoto e immobile trmi

e un gelo ti inchioda
povero fiore reciso e calpestato
sbattuto per terra
abusato ed umigliato

fatichi a respirare
non rirsci più ad alzarti
non sai riaprire gli occhi
e immobile tremi...

è un esplodere di dolore
un oceano di rabbia
un grido di vergogna
un urlo silenzioso, gelido e dolente
che lacera la notte
e cresce lentamente

e niente più parole
e risate con le amiche,
quelle scarpe favolose,
quei brividi d'amore

è tutto andato in pezzi
è tutto calpestato
rimane la paura, l'abuso della carne,
l'angosca che perdura...

bocche deformi,
mani che offendono,
palpano e straziano
risate sguaiate
rantoli di belve assetate di dolore
maledetti demoni,
vigliacchi e senza onore

e immobile tremi...
stai ancora tremando
piccolo fiore sbattuto per terra
senza conforto,
senza più amore.


3402627d-4c1e-42d6-8560-3c4ae796a0b2
« immagine » « immagine » La faccia tra le mani i graffi sui seni niente più lacrime a lavarti la pelle guardi nel vuoto e immobile trmi e un gelo ti inchioda povero fiore reciso e calpestato sbattuto per terra abusato ed umigliato fatichi a respirare non rirsci più ad alzarti non sai riapr...
Post
23/08/2011 12:52:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.