Il Pranzo

20 giugno 2011 ore 10:31 segnala
Ieri a pranzo c'erano solo due ospiti, così, per fare loro compagnia, abbiamo mangiato anche noi sulla terrazza del ristorante, con una splendida vista sulla vallata e sul lago.

Gli ospiti erano una coppia di mezza età, di quelle che vanno con calma, ognuno con la sua vita, i suoi interessi, le sue passioni, che hanno scelto di stare insieme liberamente e vanno senza fretta, mantenendo una certa indipendenza, senza l'urgenza che anno le coppie più giovani di condividere ogni momento della propria giornata.

Conversavano con calma, si scambiavano impressioni, si raccontavano la vita, condividevano le proprie esperienze e le proprie giornate per il piacere del confronto.

Il menù era tipico ma semplice al tempo stesso, ingredienti qualità, come deve essere in un hotel come questo, e una presentazione, molto curata. Gli ospiti sono rimasti soddisfatti, anche se hanno trovato il secondo un po' troppo "nazionale"... be', sono all'inizio, si può sempre correggere il tiro.

Come entrèe, avevamo un tortino di pecorino di fossa, con patè di olive e un pomodorino pachino appassito in forno, poi carbonara di zuccine con guanciale croccante di norcia, risotto mele e aceto balsamico igp e per finire filetto di chianina con crosta di parmigiano reggiano croccante.

Una vera delizia è stata la bavarese alle fragole, guarnita con salsa allo yogurt e fragole fresce.

Il pomeriggio, poi, abbiamo avuto un po' di libertà, anche se, a modo suo, il mio compagno a lavorato, prendendo spunto per i menù, perchè, ogni settimana verranno completamente rinnovati.

Siamo stati ai mercati delle gaite a Bevagna. Le gaite sono i quartieri della cittadina che, per 10 giorni, tornano alla vita medievale. Uno dei camerieri dell'hotel, tirava di scrima (arte marziale medievale che consiste nel combattimento con gli spadoni), poi in ogni quartiere si tornava atutte la attività tipiche del 1200-1300. C'erano liutai, cartari, osti, campanari, fornai... insomma, si poteva osservare ogni mestiere tipico dell'epoca.

In più c'erano le osterie, che servivano piatti tipici delle grandi feste dell'umbria medievale. Devo ammettere che si trattava di una vera delizia, sapori forti e speziati, carni succulente e salse decise.

Questa mattina, poi, mi tengo a distanza dall'hotel, i preparativi sono al massimo, già da ieri si preparava la sala e si cucinava, oggi si terminano le portate del bouffet. Insomma, c'è un'attività frenetica, ed è decisamente meglio che non mi faccia vedere.
35b0876b-3ef7-40ac-90fd-3dbba9f14463
Ieri a pranzo c'erano solo due ospiti, così, per fare loro compagnia, abbiamo mangiato anche noi sulla terrazza del ristorante, con una splendida vista sulla vallata e sul lago. Gli ospiti erano una...
Post
20/06/2011 10:31:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. CaraPoesia 20 giugno 2011 ore 11:04
    buona settimana a te!!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.