La potenza di un abbraccio

10 aprile 2021 ore 16:47 segnala

Due anni fa, grazie a un incontro organizzato da CL ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscere Veronica Centero Burroni.
Prima di quel giorno non sapevo chi fosse e mentre insieme ad altre persone aspettavamo il suo arrivo, iniziai a captare qualche informazione.
Al suo arrivo di lei sapevo soltanto che era una giovane ragazza di 16 anni, con gravi disabilità motorie dalla nascita, costretta da sempre alla sedia a rotelle e scrittrice di romanzi dall'età di sette anni. Ammetto che non sono tantissime informazioni per conoscere una persona, ma abbastanza per incuriosirsi a tal punto da volerla conoscere. Una delle prime cose che disse fu:" "Non posso non sorridere quando penso al senso dell'umorismo di Dio che non mi permette di correre con le mie gambe, ma ha fatto sì che la mia immaginazione fosse senza limiti“. Ha continuato parlando
del suo libro “Il ladro di ombre” che nel 2016 le ha fatto vincere il premio “Elsa Morante Ragazzi”. Pochi giorni dopo l'ho acquistato, l'ho letto tutto in un fiato senza riuscire a distogliere lo sguardo dalle sue parole, parole che si scatenavano nella mia mente come saette durante un temporale.
Riguardo alle sue difficoltà quotidiane, Veronica disse: “Sempre mi ricordano che Dio
non permette che le cose accadano per nulla e che se la sua volontà è quella di avermi su una sedia a rotelle, significa che lui ha un piano ancora più grande per me di quello che ho pensato io per me stessa”.
A causa dei suoi problemi fisici ha dovuto subire molti interventi chirurgici che, seppur la limitano fisicamente, non le hanno impedito di sviluppare quella che lei definisce la sua vocazione: la scrittura.
Ad oggi, ha scritto diversi romanzi, hanno parlato di lei tutti i media italiani e argentini, le grandi agenzie internazionali: Associated Press e France Presse,
finendo sul Washington Post, Times, e altri grandi quotidiani di lingua inglese e lei stessa di questo dice: "Sono riconoscimenti importanti di cui vado fiera,
ma l'esperienza più grande per me, sia dal punto di vista umano che spirituale è stato conoscere Papa Francesco. Durante l'incontro, nel parlare di Papa Francesco le brillavano gli occhi e a tratti si interrompe dalla commozione. La cosa che più inassoluto mi ha colpito è stata vedere che per più di un'ora non ha mai smesso di sorridere. In realtà dentro di me ha provocato un po' di rabbia; rabbia rivolta a me stesso, perché quel giorno, prima del suo arrivo ero arrabbiato per cose di lavoro, motivi a dir poco futili, poi ho visto lei, una ragazzina imprigionata
fisicamente dal suo handicap ma mentalmente libera come il vento che tutto avvolge e nulla trattiene, che rideva sie delle sue gioie che dei suoi dolori e in un solo istante ho capito quanto ero fortunato, ma allo stesso tempo così stupido e cieco da non rendermene conto. Terminato l'incontro, quasi per caso ho avuto l'onore di poterle parlare in privato per 5 minuti, minuti per me molto emozionanti.
Ma l'emozione pià grande è avvenuta poco dopo, prima di uscire mi è venuta incontro dicendomi che le mie parole l'avevano commossa, chiedendomi di potermi abbracciare.
Non sono un tipo dalla lacrima facile, ma la potenza di quella semplicità ne ha fatte uscire più di una dai miei occhi. Nella mia vita ho fatto diversi incontri importanti, ma di tutti questo è stato quello che ricordo con più piacere.
Grazie Veronica, il tuo abbraccio ha migliorato la mia vita!
ddb66cc2-bbdc-4033-9024-5d970c9678e4
« immagine » Due anni fa, grazie a un incontro organizzato da CL ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscere Veronica Centero Burroni. Prima di quel giorno non sapevo chi fosse e mentre insieme ad altre persone aspettavamo il suo arrivo, iniziai a captare qualche informazione. Al suo arrivo d...
Post
10/04/2021 16:47:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. OrmeNelCielo 10 aprile 2021 ore 16:55
    Ci vorrebbero più persone come lei e come te.
    Bel post.
    :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.