l'8 marzo... Giornata internazionale della donna...

08 marzo 2020 ore 10:10 segnala


Da quando ho aperto questo blog a cui ho dedicato la mia poesia, leggo con piacere molte poesie delle mie amiche e non, poesie femminili diverse dalle mie ma così preziose ai miei occhi…
Analizzandole, ho notato una certa differenza tra la scrittura maschile e femminile.

Affermare che la scrittura non segna la differenza sessuale è considerarlo come un semplice oggetto fabbricato.
Dal momento in cui ammetti che attraversa tutto il corpo, sei costretto a riconoscere che fa parte di un'economia trainante, modalità di spesa e godimento completamente diverse...

Voi Donne siete in una particolare vicinanza a tutto ciò che è ordine interno e gesto corporeo, il che non sorprende poiché è in quest'area che siete state relegate (ahimè), per molto tempo, ma che negli ultimi anni è cambiato.
La scrittura e l'abito maschile sono sempre ordinati, riservati, mantenuti dall'effetto di un calcolo.
Tutto accade come se noi uomini avessimo un obiettivo specifico da raggiungere dicendo a noi stessi: "È così che devo disporre delle mie armi, delle mie riserve, della mia amministrazione, del conto e delle risorse che ho".
Noi uomini siamo sempre in una posizione di combattimento o difensivo, in una scena narcisistica, "Mi piaci, mi piaci".

La Donna, nonostante il narcisismo che la psicologia popolare le attribuisce sotto il termine di civetteria, non ha bisogno di un riconoscimento sociale così determinante negli uomini, siete quindi, indifferenti a questo calcolo…

Allo stesso tempo, più vicine all’inconscio, più ansiose, ma anche molto più coraggiose, cercate di divertirvi a scrivere in modo sensuale.

Siete in comunione, come se la scrittura fosse un tutt'uno con il testo.
Aggiungerei che la femminilità produce nei testi, nella poesia, effetti di continuità, molto più grandi degli uomini.

Ciò che mi colpisce quando leggo i testi o le poesie attualmente scritte da Voi Signore, è proprio questo tipo di spiegazione estremamente intensa che "resiste" per molto tempo.
È come se avessi la capacità di rimanere in uno stato di immersione dal quale emergi solo a intervalli molto rari, per riprendere fiato.
Quindi, ovviamente, questo dà al lettore; un testo più lungo che richiede respiro.

Per me, è interamente correlato alla sensibilità femminile che si sperimenta come un dolce sfogo, senza tregua e senza un origine puntuale.

Sulla poesia femminile, dirò che Voi Donne siete capaci quanto e più degli uomini, avete molto talento, se non di più, delicatezza nelle loro parole, più sensibili e avete un maggior potere di immaginazione con una logica diversa.

Con una tenerezza più impegnata, una maggiore comprensione dei problemi umani…

Mi è piaciuto raccogliere le mie impressioni sulla Vostra poesia di cui sapevo poco e che ora apprezzo di più.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate della poesia maschile e, se come me, avete notato questa differenza.

Spero di non aver dimenticato nulla o aggiunto nulla e lascerò a Voi la penna per rispondermi…

Buon 8 Marzo…
23f53066-d407-4dc4-9f5e-43c228f227e8
« immagine » Da quando ho aperto questo blog a cui ho dedicato la mia poesia, leggo con piacere molte poesie delle mie amiche e non, poesie femminili diverse dalle mie ma così preziose ai miei occhi… Analizzandole, ho notato una certa differenza tra la scrittura maschile e femminile. Affermare ...
Post
08/03/2020 10:10:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Sta nevicando solo su Babbo Natale,

23 dicembre 2019 ore 17:05 segnala


Buon Natale a tutti voi, Amici miei…

Serene Festività…

Oggi nevica con grandi fiocchi in Paradiso,
come nevicherà domani notte su Santa Claus,
piange lacrime dorate di gioia,
per le grida e i sorrisi dei bambini.

Regge un pesante cappotto primaverile,
con stelle perlate di un bianco infinito,
ci offre i suoi petali per la vita nel vento,
sbianca i tetti di ardesia grigia della mia città.

Lascia cadere fiori colorati in inverno,
sono il lievito del pane di domani,
attraverso cui, vediamo la luce della luna,
ed il suo sorriso che ci dice: "apri le mani".

Vestito con il suo mantello rosso fragola,
emana profumo dalla sua gerla in legno,
attraversa il camino e non lo vediamo,
ma domani notte, sarà lì, sotto il nostro tetto.

Naviga sulla sua slitta da orizzonti lontani,
mito dei nuovi tempi e dell'Amore,
con la sua barba fiorita, i regali in mano,
possa egli portarci nella gioia di questo giorno.

Subendo il potere del sogno incantato,
la città da cui provengono le meravigliose grida,
canta le lodi di questo prestigiatore,
che illumina questa notte con i suoi svegli passi.

Nevicherà ancora sulle spalle di Babbo Natale,
anche se stanno arrivando giorni più belli,
come su questa immagine e il suo sorriso irreale,
godiamoci questo Natale, con gioia e fiducia nel futuro.

AUGURI!!!
2a884e3b-bdc0-4c47-9cbc-e6633ea63407
« immagine » Buon Natale a tutti voi, Amici miei… Serene Festività… Oggi nevica con grandi fiocchi in Paradiso, come nevicherà domani notte su Santa Claus, piange lacrime dorate di gioia, per le grida e i sorrisi dei bambini. Regge un pesante cappotto primaverile, con stelle perlate di un bia...
Post
23/12/2019 17:05:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Tra due gocce di pioggia…

16 dicembre 2019 ore 09:54 segnala


...c'è questo breve e lungo silenzio…

Il Natale bussa alla porta, già a metà dicembre,
È già troppo tardi?
Il freddo ha spento le ultime rose rosse in giardino,
la notte ha posato la sua mantella nera nella mia stanza,
l'insonnia è immortalata sull'orologio vicino.

Attendo con ansia i miei sogni, avendo la premonizione,
che quelli che mi parlano di te, non vengano,
sto solo aspettando che...

ed io sto ascoltando...
Perché tra due gocce di pioggia…
...tra due gocce di pioggia c'è questo breve e lungo silenzio,
in cui spero di sentire di nuovo i tuoi passi.
Sto ascoltando…
Ma è il mio cuore che sento…
...è solo il mio cuore che batte piano…

L'amore adolescenziale non è forse il più folle dei sogni,
poiché Egli, incide nella carne, e non rinuncerà mai al suo ricordo,
niente di impuro, niente di brutto, si nutre di linfa,
anche se effimero non evapora nell’etere.

Se la sua giovinezza si fosse persa in sguardi imbarazzanti,
ci culla ancora con leggere illusioni,
cosa pensare di Lei, senza chiedersi: perché…
…questo amore è stato costruito con così tante barriere.

Perché! Perché!
Perché così tanti ricordi, così vivi!
Vedo anche sulle labbra ancora scintillanti, l'impronta del suo sorriso.

Perché la sua morbida presa è incisa sulla nostra carne mortale,
volendo rifiorire a tutti i costi l’assenza,
che scuote tutti i nostri ricordi.
Perché…
…e Natale bussa alla porta, è già la metà di dicembre,

è già troppo tardi, per riascoltare i tuoi passi.

f18ea32d-3f4d-48d4-a5a4-c03b8e570f41
« immagine » ...c'è questo breve e lungo silenzio… Il Natale bussa alla porta, già a metà dicembre, È già troppo tardi? Il freddo ha spento le ultime rose rosse in giardino, la notte ha posato la sua mantella nera nella mia stanza, l'insonnia è immortalata sull'orologio vicino. Attendo con ansi...
Post
16/12/2019 09:54:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    11

Un incontro, un bacio...

10 dicembre 2019 ore 09:55 segnala

…e tutto torna come prima...

"Buongiorno, a Te"
"Ciao"
"Sei qui?"
"Sono qui?"
"Come stai, è da tanto tempo?" ...
"Come stai mio caro “Poeta”?"
" sta piovendo"
"Si, piove"
"Andiamo a prendere un caffè"
"Bene, andiamo prendere un caffè"

*****

Guardate come le parole di due anime,
sono tradite dai nostri occhi quando brucia una fiamma,
è incredibile quando realizzo rapidamente la speranza,
e, i nostri cuori si accostano con volontà.

"Dimmi, ti ricordi, domani sarà un anno".
Perché non lasciare i nostri ricordi inquietanti,
per unire lentamente, molto lentamente le nostre labbra,
ed è così che questo bacio sdolcinato nasce.

Bacio sdolcinato sulla lingua, ma piuttosto caldo,
come il caldo scirocco di fine di primavera,
Sì! All'Amore e alla fiamma il suo capriccio.
Sì! quando due cuori si uniscono nella notte! Si.

"Vuoi dire che “la nostra vita non sarà bella”?
Non conosco un incontro più dolce di quello,
che viviamo in questo momento, non è per noi,
l'inizio di bella favola senza un appuntamento?

Così tanti ricordi sorgono nella nostra mente,
che sospira l'ebbrezza dei sensi,
ci farà dire inesprimibili cose,
svegliando la nostra lingua come per incanto.

E sapremo un giorno, quanto questa piccola cosa,
ha cancellato i dolori in questa giornata emozionante,
demistificando l'amara bugia della nevrosi,
che ha spinto il sangue di due cuori troppo esigenti.
b20bd6bd-0048-43eb-bd9d-a3f600693ca4
« immagine » …e tutto torna come prima... "Buongiorno, a Te" "Ciao" "Sei qui?" "Sono qui?" "Come stai, è da tanto tempo?" ... "Come stai mio caro “Poeta”?" " sta piovendo" "Si, piove" "Andiamo a prendere un caffè" "Bene, andiamo prendere un caffè" ***** Guardate come le parole di due anime, ...
Post
10/12/2019 09:55:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Strana relazione, bizzarra...

05 dicembre 2019 ore 16:18 segnala
da un’ammiratrice che non conosco personalmente...
…Scrivimi questa poesia...



Più leggo le tue poesie, più rimango,
stupita, perché di me credo sai tutto,
potresti scrivere anche il momento e l’ora,
dove verrei ad un appuntamento.

Parli al mio cuore nelle tue rime perché venga,
prendi forza o piangi su questa pergamena morbida,
e scrivi sempre come se fossero mie,
in modo che possano commuovermi, sorprendermi.

Spesso volevo inviarti dei rimproveri,
è difficile sentirti senza essere preparata,
ma i miei piccoli “niente”, si fondono a te
la mia gioia è così grande leggendoti da vicino.

Così ho cercato, se c'era un segno,
anche molto piccolo, che vorrei identificare,
finalmente l'ho trovato sull’interlinea,
osservando una metafora più da vicino.

Rileggendola, ho visto un significato insolito,
come se l’avessi inciso sul mio nome,
non preoccuparti per la mia scrittura improvvisata,
perché da quando ti leggo, hai stravolto la mia ragione.

Una delle tue fedeli lettrici...
13626868-1c9f-4b03-9c43-d6e2b4fb7632
da un’ammiratrice che non conosco personalmente... …Scrivimi questa poesia... « immagine » Più leggo le tue poesie, più rimango, stupita, perché di me credo sai tutto, potresti scrivere anche il momento e l’ora, dove verrei ad un appuntamento. Parli al mio cuore nelle tue rime perché...
Post
05/12/2019 16:18:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    11

Pensieroso,

29 novembre 2019 ore 09:34 segnala
affronto l’autunno...



Dimmi, cosa mi porti: “gioia o tristezza,
dolore o felicità, angoscia o tenerezza”.
Tu, autunno che rovini i miei ricordi,
addolcendo il mio passato come un qualsiasi elisir.

Non voglio dimenticare nulla, anche se ho sofferto,
il sole è bello solo se tramonta a mezzanotte,
anche se la vita ha reso triste la mia anima,
se solo l'amore ne motivasse l'esistenza.

Una mente calma e saggia, senza essere introversa,
mi aiuta ad affrontare il prossimo inverno senza rumore,
per essere felici mi basterebbe aspettare,
e vedere il freddo avvicinarsi alle mie ceneri.

Nel silenzio blu degli alberi dormienti,
la penna è diventata la mia migliore amica,
l'incomparabile voce di una rima che canta,
diventa estasi nell'ubriacatura finale.

Il vero ritmo che mi increspa la testa,
sono gli accordi che definiscono gli epiteti,
maltrattano la mia penna tanto quanto i miei neuroni,
evidenziando le mie monotone delusioni.

Stretto dal freddo di questa sera di novembre,
la luna sboccia nelle finestre della mia stanza,
guardo passare, oltre a un gioco di immagini,
sulla sua faccia il cielo veloce e le sue nuvole.

Eppure mi sorride nel freddo fuori,
non sono più solo, l’Amicizia che tesoro!
Nessuno può rattristarmi più,
anche se, questo vento infuria sulle mie rose.

Lascio che il freddo intenso di questo autunno,
entri, come un predone che nulla sorprende,
nel mio piccolo giardino, saccheggiando i suoi tesori,
quattro rose in pigiama color sangue e oro.
29cb67a6-2bb3-41f8-b05b-86bdb4bd2d2e
affronto l’autunno... « immagine » Dimmi, cosa mi porti: “gioia o tristezza, dolore o felicità, angoscia o tenerezza”. Tu, autunno che rovini i miei ricordi, addolcendo il mio passato come un qualsiasi elisir. Non voglio dimenticare nulla, anche se ho sofferto, il sole è bello solo se tramonta...
Post
29/11/2019 09:34:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Potremmo amarci così,

16 novembre 2019 ore 17:45 segnala


quando l'irrazionale invade l'amore...

...e che la penna, renda la rima più dolce.

Tra noi, regna questa folle e grande illusione,
un prato collinare troppo fiorito dalla passione,
un'erba alta che nessuno vuole falciare,
ma che in ogni momento, sotto i nostri ardori, può prendere fuoco.

In liti di sentimenti di rosso fuoco,
e da folli carezze di fiamme blu.
Immagina il nostro amore, poi prendi questo blocco di argilla,
bagnate le mani, lascia che le dita scorrano a proprio agio.

In questa pasta malleabile immagino il tuo illuminato sorriso,
che esprime uno dei tuoi dolci sospiri,
eccoti, in questo doppio riflesso allo specchio.
Poi prendi un l’argilla più scura, più nera.

Enfatizzata nella mia immagine, un rigore anche minuscolo,
qualcosa che non posso esprimere perché troppo intimo,
ma sai, di notte viene molto meglio,
nella scatola segreta dei miei teneri pensieri.

Quando avrai creato le nostre due figure,
una di colore della terra, l'altra color nero,
e, contemplando le due opere, spezzale,
sbriciola le nostre statuette e mescolale.

Argilla e argilla, argilla e argilla,
questo mucchio di terra bicolore, taglialo in due pile.
E poi, delicatamente con le dita lunghe e agili,
modella, rimodella la tua dolce immagine snella.

E poi, il mio più maschile.
Ci sarà in te questo colore più scuro,
quel pezzettino di me che ti farà impazzire per sempre,
e in me questa argilla, ardente d'amore.

Le tue mani saranno nate dalla terra,
con l'immagine dei nostri amori, in una fugace follia.
Come il Creatore, le tue dita fatate nell'eterno infinito,
avranno infuso passione ed eternità nelle nostre due vite.

Ma le nostre figure possono subire i danni del tempo?
Cosa rimarrà di questa miscela colorata di terreno così sorprendente?
Nell'oscurità della nostra stanza, saremo così allungati,
rannicchiati in questa fusione che pazientemente hai modellato.

Eternamente congelate, le nostre anime in quest’unione,
rimarranno transitorie nella stranezza della tua creazione.
Sublime utopia dell'amore di un artista altruista,
che è un clown nei giorni più tristi.

Il nostro ardore sarà messo a tacere su questa terra,
e senza il fuoco che lo anima, finirà in polvere,
con l'humus del tempo diventeremo un terreno incolto,
che si coprirà lentamente con i fiori di primavera.

E così in questo prato collinare dalla nostra passione,
rifletterà ai nostri cuori che si ribelleranno all'unisono.
Lascia che il nostro amore si evolva in natura,
solo Ella, può fare e raccontare bellissime avventure.

I sentimenti più nobili così imbavagliati,
muoiono lentamente di abbracci soffocati,
l'aggiunta dei due esseri così carnali,
non si fa senza un sospetto o qualcosa di spirituale.

Le nostre statuette intrise in questo immortale miscuglio di amore,
anche nella cassa del silenzio, un giorno si disintegrerà.
Questa è la semplice storia di questa strana statuetta…
…una bella statuetta.
150f543e-98d6-4c0a-97b9-36ac5b0dc8ea
« immagine » quando l'irrazionale invade l'amore... ...e che la penna, renda la rima più dolce. Tra noi, regna questa folle e grande illusione, un prato collinare troppo fiorito dalla passione, un'erba alta che nessuno vuole falciare, ma che in ogni momento, sotto i nostri ardori, può prendere ...
Post
16/11/2019 17:45:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Sirena,

08 novembre 2019 ore 10:47 segnala


cosa voleva da me…

Quando il torace si gonfia, appare la sirena,
nelle oscure profondità della sua grande alcova,
le onde dell'oceano così felici,
hanno adornato le loro creste con pizzo viola.

Una canzone meravigliosa galleggiava sulle acque,
il busto simile alle donne della terra,
assaporando il piacere di parlare con gli uccelli,
in una gioia esaltante all'ombra del mistero.

Alghe, anemoni, il vento del mare,
mescolarono i loro fiori di madreperla con la sua pinna,
innaffiando il corallo del mattino,
nel suo letto inondato da tessuto e cristalli.

Le sue braccia stupirono le onde, gesticolando,
l'oceano è questo circo, dove tutti i mali portano ad esso,
impavido, le sue mani addomesticano le onde e il vento.
Voleva ipnotizzarmi questa sirena?

Che cosa voleva?
03a58565-243b-49ae-aa64-45044a6590a1
« immagine » cosa voleva da me… Quando il torace si gonfia, appare la sirena, nelle oscure profondità della sua grande alcova, le onde dell'oceano così felici, hanno adornato le loro creste con pizzo viola. Una canzone meravigliosa galleggiava sulle acque, il busto simile alle donne della terra...
Post
08/11/2019 10:47:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    6

James, e i suoi sogni folli…

16 giugno 2019 ore 19:12 segnala


sono belli come nella realtà...

Da alcuni giorni, la mia mente assonnata vaga,
giaccio nella dolce pace del mio letto,
nella mia testa scorre un’onda di dolce canto,
nata da ricordi sepolti nella mia mente.

Nella sfocatura troppo superficiale di questo mondo,
sono perso su una strada sterminata nel deserto,
ho fatto lunghi sogni strani che si sciolgono,
ogni mattina, nel grande sole dell'oblio.

Ma ovunque, la tua silhouette “Divina” e snella, m’inonda,
il resto diventa una decorazione, una panoplia,
di paesaggi lontani a chilometri di distanza,
tutte belle, effimere in sospensione.

Ma quando fuori, il tuono nel cielo ruggisce,
la tempesta arriva rapidamente con incredibile violenza,
lavando rumorosamente i colori rosso e biondo,
dei campi maturi di grano che brillano.

Anche se rimani in silenzio, mi piace la tua voce,
infinite parole sussurrate che non hai mai detto,
sulla tua bocca un dolce sorriso di mandorla si trasforma,
scavando le tue guance con fossette indefinite.

Sei la mia Regina stasera, per una manciata di secondi,
il tempo di tornare a letto senza un motivo,
poi ti scruto follemente nella rete ondulatoria,
di pensieri e sogni folli da cui sei emersa.

Dopo, vedo solo esseri brutti e sporchi,
che trasformano il mio sogno in tortuosi incubi grigi.
Chi sei? ...Informale eterea bruna o bella visione bionda,
il cui sorriso immortale traspare in versi oggi.

Come dolci lacrime di pappa reale che si sciolgono,
e fluiscono dolcemente anche sulle mie guance,
per me sei un sorriso divino e misterioso una “Mona Lisa”,
ma tu, compari solo, nel mio museo notturno.
859d054d-358b-44ff-8ab2-7f6c598a745b
« immagine » sono belli come nella realtà... Da alcuni giorni, la mia mente assonnata vaga, giaccio nella dolce pace del mio letto, nella mia testa scorre un’onda di dolce canto, nata da ricordi sepolti nella mia mente. Nella sfocatura troppo superficiale di questo mondo, sono perso su una stra...
Post
16/06/2019 19:12:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Un bouquet di violette...

02 marzo 2019 ore 09:48 segnala

...per tutti i miei lettori...

Per Voi, li ho raccolti vicino al fiume,
su un pendio riparato e soleggiato,
appena sbocciati, intrappolati in una vecchia edera,
queste prime violette, con un grande cuore di perline.

Alcune, più fragili, sembrano così pallidi,
come i colori cancellati di un vecchio dipinto,
ma sembrano animati e su ogni petalo,
incorporate, vedo tremanti gocce d'acqua.

Come un pianto caduto dal bel viso,
di un angelo innamorato, sorridente nella notte,
sono quelle che mi piacciono, dalle quali emerge,
una sottile fragranza che, svanisce rapidamente.

Ed ecco perché, stamattina, Vi porto
le violette della nuova stagione,
in modo che questi fiori aiutino ad attraversare la mia porta,
Voi, che avete la poesia come passione.
2bba5fa3-588a-48c4-a8db-d7dd0c839f2c
« immagine » ...per tutti i miei lettori... Per Voi, li ho raccolti vicino al fiume, su un pendio riparato e soleggiato, appena sbocciati, intrappolati in una vecchia edera, queste prime violette, con un grande cuore di perline. Alcune, più fragili, sembrano così pallidi, come i colori cancellat...
Post
02/03/2019 09:48:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    13