IL FARO

27 gennaio 2021 ore 21:24 segnala

L'avevano sempre affascinata i fari, fin da piccola, perche' sembrano sentinelle dell'infinito, e aveva molta affinita' con loro. Quando lo vedeva in lontananza, sugli scogli pensava che fosse una luce amica, per tutti quei pescatori che ritornavano dal mare buio e potevano tirare un sospiro di sollievo, anche in quelle notti tempestose quando il mare manda onde alte e minacciose come se si volessero riprendere il loro pesce, ma i pescatori, poi, bagnati di acqua salata che dava loro un sapore di salmastro alle loro pelli, alle loro bocche...
sistemavano la pesca e se ne andavano all'osteria, ancora aperta, con musica e vino e loro se ne prendevano un bicchiere e mangiavano un piatto caldo che era sempre pronto.
Intanto il faro era li', aspettava, con la sua luce giallastra, frustato da acque agitate...
Un faro e' la salvezza, come una casa, una dimora segreta dove andare a rifugiarsi, magari con una persona speciale dove trascorrere notti magiche, fatte di ricordi lontani, di racconti d'infanzia, di viaggi, di sogni.
Una lunga scala a chiocciola, con stretti gradini, portava su dove c'era una stanza etnica...lampade con perline, tappeti stesi al suolo insieme a calde pellicce delle quali si perdeva la provenienza, un piccolo camino fiammeggiante scaldava quell'ambiente piccolo e affascinante, tutto era circondato da vetri che davano la sensazione di essere tra il mare...e mentre tu salivi, facendo un lieto rumore con i tacchi dei camperos e la tua gonna blu a pallini, ondeggiante...lui ti guardava salire, vedeva le tue gambe e la tua gonnellina svolazzante.
La notte era lunga, ma non poi così tanto, perche' poi spuntava l'alba...si erano raccontati storie lontane, seduti a gambe incrociate come gli indiani, storie senza fine non sempre vissute, ma anche immaginate..il camino schioppettava ardente come le gote di lei, fuori rumoreggiava il mare e intanto si era alzato il vento, che fece tintinnare, come campanellini, gli acchiappasogni fatti di conchiglie e vetri colorati..si affacciarono sul piccolo terrazzino, alle prime luci dell'alba, quando il sole sorge dal mare e il vento spettinava i suoi lunghi capelli portandoli dove voleva.
Era bello vivere al Faro, non ha confort, ma tepore, dolcezza, incanto che rendevano quel luogo speciale e originale, da farti tirare fuori sentimenti assopiti che credevi non potessero tornare piu' e invece eccoli li' insieme ai ricordi.
Non avrebbe piu' abbandonato il Faro, tanto da farne la sua dimora, un luogo affascinante, misterioso, un rifugio per la sua anima.
E lei guardava le onde rompersi come schegge di vetro, stava bene in compagnia dei gabbiani, con le loro strida acute, gli albatri che passavano con grande sbattere di ali. Non le pesava la solitudine, stava bene con quella luce, le piaceva quel profumo di stelle e la notte e quel chiaro di luna, che sembrava un dipinto naif.
In nessun posto, diverso dal faro, aveva vissuto le ore piu' felici ed era il posto che amava di piu'.Amava quelle finestrelle aperte all'orizzonte, le piacevano visite solo a lei gradite che faceva salire su per le chiocciole delle scale, come se salissero verso il Cielo.
JANE
ab5c28b6-cad8-46b7-a20a-4428d7637a0b
« immagine » L'avevano sempre affascinata i fari, fin da piccola, perche' sembrano sentinelle dell'infinito, e aveva molta affinita' con loro. Quando lo vedeva in lontananza, sugli scogli pensava che fosse una luce amica, per tutti quei pescatori che ritornavano dal mare buio e potevano tirare un ...
Post
27/01/2021 21:24:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Commenti

  1. leggendolamano 27 gennaio 2021 ore 21:28
    bello pensare di poter essere il farò di qualcuno
  2. leggendolamano 27 gennaio 2021 ore 21:33
    la cinestesia dell’olfatto è seconda solo al fatto.
    l’odore è identità è vita.la morale del libro è che si muore in assenza di identità o di troppa identità
  3. car.ola 31 gennaio 2021 ore 00:33
    Un Regalo :cuore :rosa
  4. Janellaz 31 gennaio 2021 ore 13:19
    :kissy grazie Carolaa
  5. car.ola 31 gennaio 2021 ore 22:23
    ;-) :rosa :rosa
  6. car.ola 12 febbraio 2021 ore 22:15
  7. Janellaz 12 febbraio 2021 ore 23:52
    grazie Carola
    la liberta' nn ha prezzo,,,serve x volare in alto in altoooo anche solo con la fantasia con i nostri ricordi le nostre canzoni ...come palloncini che volano che scappano dalla mano di un bimbo....come le ali aperte di un'aquila di un falco
    Il segreto della felicità è la libertà, il segreto della libertà è il coraggio. ... baci da Jane
  8. car.ola 13 febbraio 2021 ore 22:18
    :kissy :rosa :rosa :rosa :batacar :cuore contenta che sia di tuo gradimento smak Jane :rosa :batacin
  9. Dolce.esiliO 31 marzo 2021 ore 01:03
    immaginazione straordinaria :caccavallo

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.