Giardino di cemento

01 marzo 2012 ore 20:56 segnala


Non potevo dire di non sapere dov'ero. Ero là con te, in quel fazzoletto verde, dietro solo cemento. Ti amavo, ti amavo così tanto da permetterti di farmi del male, di scavarmi l'anima con angoscia e dolore, come se veramente ci tenessi a te. Bramavo le tue labbra, imploravo il tuo perdono e piangevo all'ombra di quell'albero. Perché mi hai fatto soffrire così tanto? Nella realtà non l'avresti fatto, non ti saresti permesso di farlo. Eppure in quel sogno dannatamente vero, mi hai ferito trafiggendomi così prepotentemente con il tuo rancore che al mio risveglio mi sembrava di sanguinare dal cuore.
6697e3af-f97a-4604-bd07-8e8afaecfc29
« immagine » Non potevo dire di non sapere dov'ero. Ero là con te, in quel fazzoletto verde, dietro solo cemento. Ti amavo, ti amavo così tanto da permetterti di farmi del male, di scavarmi l'anima con angoscia e dolore, come se veramente ci tenessi a te. Bramavo le tue labbra, imploravo il tuo...
Post
01/03/2012 20:56:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. Rasper 01 marzo 2012 ore 21:10
    e, caso strano, dietro tutto questo dolore, si percepisce quanto profondo fosse il desiderio. camminano di pari passo, Amore e Ubbidienza, ma non sempre se ne capiscono i confini.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.